[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Abruzzo, associazioni ambientaliste: primo stop per la legge Attila



Legge Piano-Casa: fermato parzialmente il blitz estivo pro-cemento grazie alla vigilanza 
delle associazioni e al dibattito in consiglio regionale.
Stupisce il ruolo giocato da singoli funzionari nel proporre scelte dirompenti senza 
promuovere la partecipazione.
Ora si attende il testo finale per esprimere un parere definitivo perché comunque questa 
è una norma che aumenta il cemento sul territorio.
8 agosto 2009 - Angelo Di Matteo(Presidente Legambiente Abruzzo) e Dante Caserta 
(Consigliere Nazionale WWF)



Fermato pazialmente un disastro urbanistico grazie alla denuncia e alla mobilitazione 
delle associazioni ambientaliste e al ruolo di mediazione svolto dal Consiglio Regionale.

Le associazioni attendono ora il testo definitivo per valutare i singoli aspetti e la 
portata sul territorio delle norme approvate in una corsa contro il tempo che, comunque, 
non ha giovato all'ambiente abruzzese.

Alcune delle norme più contestate, come quella relativa alle strutture turistiche che 
avrebbero potuto chiudere terrazzi, verande e logge, quella che permetteva di allargare 
del 20% non solo le piccole abitazioni ma tutti gli edifici, residenziali e non e per 
qualsiasi cubatura, e quella relativa alle aree e agli edifici da escludere che 
permetteva interventi finanche nei centri storici e sugli edifici vincolati, sembrano 
essere state cassate. Pur nel generale disappunto per una norma che aumenta la quantità 
di cemento sul territorio e per il tentativo di blitz estivo, su questi punti specifici 
le associazioni esprimono soddisfazione ricordando che grazie alla loro mobilitazione 
molti scempi saranno evitati.

Per le associazioni appare evidente che l'obiettivo di ottenere un governo del territorio 
fondato sulla sostenibilità ambientale non può essere colto in questo modo, con tentativi 
di blitz estivi pro-cemento in cui spicca il ruolo giocato da alcuni funzionari nel 
proporre scelte dirompenti senza alcun confronto con la società abruzzese, se non con i 
costruttori.
Su questo aspetto la Giunta deve riflettere, anche in vista del dibattito sulla nuova 
legge urbanistica. Vogliamo ringraziare il presidente della seconda Commissione Ricciuti 
e i singoli consiglieri regionali per il ruolo svolto nel determinare un ripensamento su 
alcune delle norme più contestate.
Note:

http://www.marelibero.net/wp-content/uploads/2009/08/documentoassociazioniaudizionepianocasa_definitivo.doc
http://www.marelibero.net
http://www.wwf.it/abruzzo
http://www.legambienteabruzzo.it