[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fwd: [gc] Manuel Zelaya è tornato in Honduras, la dittatura reprime, ore di speranza e paura



Alle 11.40 in diretta a Radio3Mondo, Radio Rai, intervista di Annamaria Giordano a Gennaro Carotenuto sul ritorno di Mel Zelaya in Honduras.

Manuel Zelaya è tornato in Honduras, la dittatura reprime, ore di speranza e paura

A quasi tre mesi dal colpo di stato del 28 giugno, il presidente legittimo dell’Honduras Manuel Zelaya è ritornato a Tegucigalpa e sta incontrando la Resistenza al golpe nell’Ambasciata brasiliana che lo ospita. Il ritorno si configura come una dimostrazione di forza oltre che del movimento democratico honduregno del Brasile e dei governi integrazionisti latinoamericani.

di Gennaro Carotenuto

Migliaia e migliaia di honduregni stanno infatti manifestando l’appoggio a Zelaya, circondando l’Ambasciata e la sede ONU che ha parlato loro al grido di “Patria, restitución (ritorno di Zelaya) o muerte”.

Intanto la dittatura di Roberto Micheletti ripristina per l’ennesima volta il coprifuoco, blocca i cellulari, reprime ed intima (sic) al governo brasiliano di consegnare il presidente.

Leggi tutto in esclusiva su Latinoamerica.

Si chiama Khaled, ma è un bravo ragazzo…

Segreto: gli accordi militari tra Colombia e Stati Uniti non saranno divulgati

L’articolo più razzista dell’anno 2009. Bombe al napalm contro i ’selvaggi’

Sami Mbarka Ben Garci, lasciato morire in carcere come Eluana Englaro

La Jornada, compie 25 anni; fare un quotidiano di sinistra ha ancora un senso

Diritti civili: in Uruguay è legge l’adozione per le coppie omosessuali

L’UNESCO dichiara l’Ecuador libero dall’analfabetismo