[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

ASF: all'Aquila è emergenza umanitaria. Lettera di alcuni abitanti delle tendopoli (sotto zero!)



L'Abruzzo Social Forum aderisce alla iniziativa promossa dai comitati aquilani e quindi 
organizzerà presidi nei territori abruzzesi( Pescara-Chieti) per ampliare l'informazione 
e svelare cosa stà avvenendo effettivamente a L'Aquila.
Chiediamo a tutti di partecipare e ad indicarci altri luoghi e piazze dove organizzare 
altri presidi.



OTTOBRE 2009: ALL'AQUILA E' EMERGENZA UMANITARIA

Facciamo appello a tutti coloro che in Italia hanno dimostrato sensibilità a quanto qui è 
successo e continua ad accadere.

A chi ha mantenuta alta l'attenzione sul dramma che ha colpito il nostro territorio e 
sulla gestione del post sisma.

Oggi, il 18 di ottobre, all'Aquila fa freddo. Siamo nella fase più drammatica, la notte 
già si sfiorano i -5°C ed andiamo incontro all'inverno, un inverno che sappiamo essere 
spietato.

Le soluzioni abitative, promesse per l'inizio dell'autunno, non ci sono. Circa 6000 
persone sono ancora nelle tende.

Meno di 2000 persone sono finora entrate negli alloggi del piano C.A.S.E o nei M.A.P.

La maggior parte degli aquilani sono sfollati altrove in attesa da mesi di rientrare. 
Ora, con lo smantellamento delle tendopoli altre migliaia di persone sono state 
allontanate dalla città e mandate spesso in posti lontani e difficilmente raggiungibili.

Noi, definiti “irriducibili”, siamo in realtà persone che (come tutti gli altri) lavorano 
in città, i nostri figli frequentano le scuole all'Aquila, molti non sono muniti di un 
mezzo di trasporto, altri possiedono terreni od animali a cui provvedere. Siamo persone 
che qui vogliono restare anche per partecipare alla ricostruzione della nostra città.

Da oltre sei mesi viviamo in tenda, sopportando grandi sacrifici, ma con questo freddo 
rischiamo di non poter più sopravvivere.

Se non accettiamo le destinazioni a cui siamo stati condannati (che sempre più spesso 
sono lontanissime) minacciano di toglierci acqua, luce, servizi.

Oggi, più di ieri, abbiamo bisogno della vostra solidarietà.

Gli enti locali e la Protezione Civile ci hanno abbandonati. Secondo le ultime notizie 
che ci giungono i moduli abitativi removibili che stiamo richiedendo a gran voce da 
maggio, forse (ma forse) arriveranno tra 45 giorni.

Oggi invece abbiamo bisogno di roulotte, camper o container abitabili e stufe per poter 
assicurare una minima sopravvivenza. Visto che le nostre richieste alla Protezione Civile 
e al Comune non sono prese in minima considerazione chiediamo a tutti i cittadini 
italiani un ulteriore sforzo di solidarietà.

E abbiamo anche bisogno di non sentirci soli.

Per questo vi chiediamo di organizzare dei presidi nelle piazze delle città italiane per 
SABATO 24 OTTOBRE portando nel cuore delle vostre città delle tende per esprimere 
concretamente solidarietà a noi 5000 persone che viviamo ancora nelle tende ad oltre sei 
mesi dal sisma.

Un altra emergenza è cominciata oggi. Non dettata da catastrofi naturali ma dalla stessa 
gestione del post sisma, da chi questa gestione l'ha portata avanti sulla testa e sulla 
pelle delle popolazioni colpite.



Alcuni abitanti delle tendopoli sotto zero