[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Abruzzo Social Forum/WWF Chieti/Comitato Villa Blocc: con la manifestazione del 17 i cittadini si sono ripresi la parola e il loro futuro



Basta rifiuti   
Aria pulita 

I cittadini riprendono la parola 

Nonostante pioggia e freddo a Chieti più  di 500 persone hanno complessivamente aderito 
alla mobilitazione indetta dal comitato cittadino Villablocc, dal WWF Chieti e 
dall'Abruzzo Social Forum: alle 300 che hanno iniziato la sfilata molte altre se ne sono 
aggiunte lungo il percorso del corteo che da Madonna delle Piane ha raggiunto piazzale 
Marconi. 

Ciò dimostra che i temi e le preoccupazioni alla base della mobilitazione ambientalista e 
per la difesa di territorio e della salute sono sentiti e condivisi.  

Rilanciamo con forza le nostre rivendicazioni a chi ci governa e ha il compito 
istituzionale di garantire la nostra salute, i beni comuni aria, terra, acqua, 
l’interesse pubblico e generale.  

Tre incendi nell'ultimo anno hanno interessato Chieti Scalo, avvelenando l'aria e 
destando grandissimo allarme. Questi incendi hanno coinvolto impianti per il trattamento 
di rifiuti (anche speciali) che si trovano a pochissimi metri dal centro abitato, 
dall'università, da uffici e centri commerciali.

Bisogna impedire che vengano concessi ulteriori ampliamenti e/o nuove  autorizzazioni 
allo smaltimento.

Chiediamo certezze per il futuro e un deciso intervento delle Istituzioni per non correre 
quotidianamente il rischio di essere minacciati da nubi tossiche e di vedere i frutti dei 
nostri campi avvelenati. 

Abbiamo notato la presenza di due soli consiglieri comunali e di un unico assessore, 
mentre un altro consigliere, pur non potendo partecipare, ha inviato una mail di 
adesione. Per questo alla fine del corteo si è deciso di chiedere che si tenga un 
Consiglio Comunale straordinario sui temi trattati dalla manifestazione in modo che si 
decida su:

    * la delocalizzazione degli impianti esistenti;
    * la corretta bonifica delle aree e delle industrie dismesse, del suolo e delle falde 
inquinanti;
    * un'indagine epidemiologica per accertare eventuali danni alla salute subiti dalla 
cittadinanza;
    * destinazioni urbane coerenti, ben definite e salubri su tutto il territorio del 
Comune di Chieti.

 

Ringraziamo tutti per la loro partecipazione, in particolare i giovani precari della 
scuola e gli studenti che sono scesi in piazza insieme agli altri comitati della città 
che si impegnano sui temi della difesa del territorio.

È uno sprone ad andare fino in fondo per la costruzione di una ancora più larga 
partecipazione che cambi la situazione di stress ambientale, sanitario e sociale che 
viviamo.

Dobbiamo sottolineare che purtroppo alla manifestazione non era presente alcuna emittente 
televisiva, i cui vertici  evidentemente in questa circostanza non hanno ritenuto 
interessante  informare i cittadini sui temi trattati. Alle emittenti televisive 
chiediamo di  inserire nei loro programmi dibattiti e inchieste su temi così importanti.  

La manifestazione è servita anche a ricordare, attraverso l’esposizione di un fazzoletto 
bianco annodato sulle giacche dei partecipanti, i valori di “Stand Up”, grande 
mobilitazione mondiale contro la povertà e i cambiamenti climatici portata avanti da 
Caritas e WWF. Una affermazione simbolica di grande forza e una assunzione di 
responsabilità comune. Fare Stand Up significa unirsi per far sentire la propria voce.
NON È CHE L’INIZIO, DIAMO UN FUTURO DEGNO ALLA NOSTRA VITA

AI NOSTRI TERRITORI 
 

Info:

WWF Chieti                 320.2788489  chieti at wwf.it

Comitato Villablocc     349.5700787   villablocc at libero.it

Abruzzo Social Forum  338.1195358  www.abruzzosocialforum.org