[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

WWF: Chi vuole dividere la cittadinanza con strepiti e notizie tendenziose cerca obiettivi egoistici e danneggia il territorio



      Grandissima partecipazione in queste settimane sta avendo la mobilitazione contro 
il progetto di cave sottomarine localizzate di fronte alla Riserva di Punta Aderci e alla 
Riserva di Acquabella ad Ortona. Una mobilitazione, testimoniata anche dalle migliaia di 
firme alla petizione, la cui raccolta sta proseguendo in questi giorni, che ha unito 
associazioni, moltissimi cittadini e partiti politici di ogni schieramento, sia di destra 
che di sinistra. Il presidio in piazza Diomede del 24 gennaio è stata l'occasione per far 
ritrovare ed incontrare innumerevoli persone, dalle idee e pensieri spesso divergenti ma 
accomunate dall'amore per il proprio territorio e dall'impegno a difenderlo.  
      Le voci, su alcuni fogli locali, di chi grida agli pseudo-ambientalisti e punta a 
dividere questa importantissima realtà, sono di persone rinchiuse nella loro torre 
d'avorio, che hanno perso ogni contatto con la cittadinanza e il territorio, non 
interessati minimamente a tutelarlo e difenderlo. La loro storia insegna. 
      Per quanto riguarda la nostra associazione, il WWF è da sempre in prima fila nella 
tutela della Riserva di Punta Aderci, per la cui nascita si è strenuamente impegnato e 
battuto, e in generale per l'implementazione del Sistema di aree protette della Costa 
Teatina, che comprende le nuove Riserve di Acquabella e Ripari di Giobbe ad Ortona, 
entrambe interessate da una delle due cave previste dal progetto. Noi pensiamo che 
l'estrazione di sabbia per ripascimento da cave cosi prossime ad aree protette possa 
compromettere in modo irreversibile i delicati equilibri di questi ecosistemi, andando a 
causare un danno non solo ambientale ma anche turistico ed economico alle zone 
interessate. 

      La raccolta di firme proseguirà, nonostante le confuse ed imprecise notizie diffuse 
oggi, e terminerà solo al definitivo abbandono della Regione Abruzzo del progetto di 
ripascimento. 
       
      Ines Palena 
      Presidente WWF Zona Frentana e Costa Teatina