[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Manovra: chi ha visione del futuro e chi no



Dilma Rousseff, la candidata di Lula, avanza verso le elezioni brasiliane

Manovra: chi ha visione del futuro e chi no

afp_14071270_36300 La Germania ha varato una manovra lacrime e sangue per far fronte alla crisi. Saranno 80 miliardi in 4 anni quello che i tedeschi vedranno tagliare soprattutto le spese militari, un duro taglio al welfare e una serie di grandi opere. 

di Gennaro Carotenuto

Se non per le spese militari, nulla di nuovo: penalizzati i dipendenti pubblici, i disoccupati, perfino le madri sole. Ciò che però fa la differenza tra le misure italiane e quelle tedesche è che la Germania non solo non ha tagliato un marco per istruzione e ricerca ma ha anzi destinato a questo comparto dodici miliardi in più.

Angela Merkel (alla guida di una coalizione di centro-destra CDU-CSU, FDP) sa bene che l’innovazione è l’unica speranza per la Germania e per l’Europa: “Questo programma vuole al tempo stesso risanare le finanze pubbliche e preparare la nostra economia al futuro. Ecco perché – ha precisato Merkel – abbiamo deciso di riservare entro il 2013 fino a 12 miliardi di euro in nuovi investimenti nella ricerca, nello sviluppo e nell’istruzione”.

Ovvero, mentre in Italia il Ministro Mariastella Gelmini progetta di accorciare l’anno scolastico per risparmiare e Giulio Tremonti dimezza i fondi per le missioni di ricerca all’estero oltre agli stipendi, la Germania riesce a tagliare oltre 90 miliardi in quattro anni per potersi permettere di aumentare gli investimenti in istruzione e ricerca di altri 12 miliardi di Euro. E’ tutta la differenza tra chi, pur da destra, ha una visione di futuro e chi invece non ha la cultura per governare un grande paese come l’Italia.

“La Germania, quale principale economia d’Europa, ha il dovere di dare il buon esempio” ha concluso il cancelliere. Un buon esempio che in Italia Silvio Berlusconi non seguirà penalizzando università e ricerca più di qualsiasi altro settore e non tagliando di un Euro né l’acquisto di aerei da guerra né la costruzione di opere discusse come il ponte sullo Stretto di Messina.

Manovra: tre milioni (e 60.000) figli di nessuno

Manovra di guerra

Gli storici nordamericani boicottano l’Arizona razzista