[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Si incontrano Santos e Chávez. L’America latina più forte di chi vuole la guerra



Sul sito: Prof. Marcello dell’Utri, dall’Ucciardone alla cattedra nell’Università di e-campus

Si incontrano Santos e Chávez. L’America latina più forte di chi vuole la guerra

chavez_santos_3 Il segretario generale di UNASUR, Nestor Kirchner ha riunito i cancellieri (ministri degli esteri, nella tradizione diplomatica latinoamericana) di Bogotà e Caracas, María Ángela Holguín e Nicolás Maduro, e ha concordato un vertice tra il neo-presidente colombiano Juan Manuel Santos e Hugo Chávez. Si terrà già domani a Santa Marta in Colombia.

di Gennaro Carotenuto

Se la crisi che ha portato alla rottura di relazioni di meno di un mese fa era stata originata dall’intenzione di Álvaro Uribe di condizionare le relazioni gran-colombiane del suo successore, tale progetto sembrerebbe sulla via del fallimento. Le ennesime parole chiare di Hugo Chávez sulla necessità che le FARC depongano le armi e la apparentemente buona disposizione di Juan Manuel Santos (che peraltro ha condiviso tutte le responsabilità di Uribe come suo ministro della difesa) al dialogo, sembrano preludere ad una ricomposizione risultata impossibile con Álvaro Uribe.

Più di ciò però quello che salta all’occhio è il nuovo trionfo del concerto latinoamericano nella risoluzione dei conflitti. Prima Lula, delimitando il campo e sottolineando chiaramente la pretestuosità delle accuse di Uribe al presidente venezuelano Hugo Chávez, quindi l’opera diplomatica di Nestor Kirchner (attuale segretario generale di UNASUR) hanno potuto iniziare a svelare e sconfiggere il disegno uribista contro il Venezuela integrazionista.

Proprio l’ex-presidente argentino Nestor Kirchner (quasi sempre con l’appoggio di Lula) emerge come il fine tessitore di accordi apparentemente impossibili. Fu lui nel 2005 a iniziare a risolvere la crisi boliviana e sbloccare il cammino che portò a elezioni. Fu anche lui il grande mediatore quando con la nazionalizzazione del petrolio boliviano si ebbero frizioni tra Evo Morales e Lula stesso e poi continuò a tessere la tela dell’unità e della risoluzione dei conflitti, spesso confrontandosi proprio contro Álvaro Uribe come quando quest’ultimo riuscì ad impedire che fosse il concerto latinoamericano a liberare (come era a quel punto ovvio) Ingrid Betancourt.

L’UNASUR, a meno di trappole dell’ultima ora, dunque funziona ancora una volta. Faranno come sempre finta di nulla i disinformatori di professione ma l’UNASUR (Unione delle Nazioni Sudamericane) costituita come tale appena due anni fa è oramai l’istanza diplomatica che ha sostituito l’OSA (Organizzazione degli Stati Americani, OEA in spagnolo) per la risoluzione delle questioni regionali, ottiene un nuovo successo. Si dimostra così che quanto disegnato soprattutto da Nestor Kirchner, Lula da Silva e Hugo Chávez a partire dal 2004, ovvero un organismo diplomatico dove i latinoamericani potessero discutere senza l’ingerenza degli Stati Uniti, si rivela lo strumento diplomatico giusto per risolvere conflitti speso di natura esogena.

------------------------------------------
Gennaro Carotenuto per Giornalismo partecipativo
------------------------------------------