[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Peppe Sini: "Cessi la partecipazione italiana alle guerre"



LA DOPPIA, LA STESSA STRAGE. E LA RESPONSABILITA' NOSTRA


La strage delle vittime delle guerre, delle guerre sempre terroriste e
sempre assassine, delle guerre cui anche l'Italia illegalmente partecipa:
in Afghanistan, in Libia.
E la strage dei migranti che muoiono annegati nel Mediterraneo, i migranti
in fuga dalle guerre, dalle dittature, dai colpi di stato, dai luoghi in
cui l'ordine mondiale dei vampiri che rapina interi continenti le
popolazioni rapinate condanna alla miseria, alla fame, alla morte. I
migranti uccisi dalle politiche razziste che arrivano a negare il loro
diritto alla fuga per salvarsi la vita, che negano loro il diritto
d'asilo, che negano loro quell'accoglienza e assistenza che ad ogni essere
umano e' dovuta. La strage dei migranti di cui e' corresponsabile anche
l'Italia e l'Unione Europea, le cui brutali politiche razziste fanno
ancora piu' vittime della stessa furia assassina dei raptus massacratori
di singoli folli criminali neonazisti - ed e' evidente la continuita' tra
i due fenomeni, e come il razzismo patologico dei singoli terroristi sia
anche uno dei frutti avvelenati del razzismo istituzionale di tanti stati
e governi del mondo -.
*
Cessi la partecipazione italiana alle guerre: torni l'Italia al rispetto
della legalita' costituzionale, della civilta' giuridica, della coscienza
umana.
Cessi la persecuzione razzista dei migranti da parte dell'Italia: torni
l'Italia al rispetto della legalita' costituzionale, della civilta'
giuridica, della coscienza umana.
*
E' dovere di noi cittadini italiani ottenere che il nostro paese, il
nostro stato, cessi di uccidere con le guerre e il razzismo; e' dovere di
noi cittadini italiani ottenere che il nostro paese, il nostro stato,
torni ad essere un paese civile, uno stato di diritto, un luogo di esseri
umani consapevoli che vi e' una sola umanita' di cui tutti gli esseri
umani fanno parte.

Peppe Sini
responsabile del "Centro di ricerca per la pace" di Viterbo

Altre info su
http://www.peacelink.it/liste/index.php?id=16
http://lists.nonviolenti.org/pipermail/nonviolenti/2011-August/date.html#291