[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

La guerra mediatica dell'Osservatorio siriano per i diritti dell'Uomo



Anche oggi notizie di morti dalla Siria, prive di verifica e di
verificabilità.

Google News dà come prima notizia sulla Siria questa: "Dieci di civili,
tra cui un adolescente di 14 anni, sono stati uccisi oggi in diverse parti
della Siria dalle forze di sicurezza di Damasco: lo riferiscono gli
attivisti per i diritti umani".
Questo si legge su
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=171309&sez=HOME_NELMONDO

Ma i giornalisti del Messaggero non hanno alcuna possibilità di verificare
la notizia.
Eppure circola.

Fonte della notizia è l’Osservatorio siriano per i diritti dell’Uomo.
Ma quanto sono affidabili simili fonti?

Leggete qui questo articolo di Marinella Correggia:
http://www.peacelink.it/mediawatch/a/35140.html

In agosto questo osservatorio, che ha sede a Londra, ha denunciato al
mondo via Cnn che nella città di Hama diversi neonati erano morti nelle
incubatrici perché “Assad aveva ordinato di togliere la corrente”. La
notizia e la relativa foto si sono poi rivelate una bufala, come diverse
altre.

Si sta ripetendo lo stesso copione della guerra in Libia.

Come potete leggere qui
http://lists.peacelink.it/news/2011/11/msg00042.html
la fonte delle informazioni non verificabili ha una regia: Rami Abdel
Ramane, oppositore di lunga data del regime baathista, conosciutissimo in
Siria, dove sono noti i rapporti stretti che intrattiene con i Fratelli
Musulmani. Lui dirige quell'osservatorio dei diritti umani che ogni giorno
alimenta i media di tutto il mondo.

Ma come mai proprio un esponente di un'organizzazione estremistica come
quella dei Fratelli Musulmani ottiene tanto credito presso i mass media?

Basterebbe un intervento del governo americano per mettere in riga i
giornalisti creduloni.

La spiegazione c'è e la trovate nei rapporti fra CIA e Fratelli Musulmani.
E' paradossale ma si è creata un'alleanza per rovesciare il regime
siriano.

Leggete qui: "Syria has also refused to allow a building of a oil pipeline
from Iraq through Syria to the Mediterreanan and the Muslim Brotherhood
has promised the US government to allow the building of such a pipeline".
Fonte: http://en.wikipedia.org/wiki/CIA_activities_in_Syria

Quindi di fronte al rifiuto del regime siriano di far passare un oleodotto
ecco la soluzione: la si trova nei Fratelli Musulmani che offrono una
"promessa di collaborazione".

Sui Fratelli Musulmani, chiave di volta per capire come mai le bufale
dell'osservatorio siriano diritti umani diventa oro colato nelle redazioni
dei giornali allineati, leggete qui

La lunga marcia verso il potere dei Fratelli Musulmani
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-11-27/lunga-marcia-fratelli-musulmani-190351.shtml?uuid=AafdVBPE

L'alleanza fra CIA e Fratelli Musulmani fa pensare all'alleanza fra CIA e
AlQaida.

Il passato si dimentica in fretta, eppure vale la pena ricordare qualcosa
dei giochi di guerra.

I primi campi di addestramento dei guerriglieri di Bin Laden sono stati
due campi scozzesi, rispettivamente nei pressi di Criffel, nel Dumfries e
nella remota penisola di Applecross nella Scozia occidentale. La fonte di
queste informazioni è "Il Giornale" del 17/9/01 nel quale la
corrispondente Erica Orsini da Londra annota: "Soldati impeccabili, con un
debole per i western di John Wayne. Così erano i mujaheddin, l'"esercito"
segreto di Osama Bin Laden, che fu addestrato ad uccidere nei campi
militari britannici, tra le colline ricoperte d'erica della selvaggia
Scozia". Ken Connor, eroe dei corpi speciali inglesi fu incaricato di
organizzare i vari campi di addestramento, senza il coinvolgimento
dell'esercito nazionale. Ken Connor al Sunday Mail ha dichiarato: "Gran
parte dell'infinita ricchezza dei Bin Laden è stata costituita da
finanziamenti della Cia stanziati per la costituzione di un governo
"amico" afghano che combattesse la guerra per conto degli Stati Uniti". I
guerriglieri di Bin Laden vennero addestrati molto bene. "Alcuni di loro
furono addestrati anche alla guida di elicotteri e all'attacco dei campi
d'aviazione".

Oggi la storia si ripete?



Alessandro


---
Alessandro Marescotti
http://www.peacelink.it
Sostieni la telematica per la pace, versa un contributo sul c.c.p.
13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
(TA)