[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Conferenza Camera Deputati su Emergenza Ilva, comunicato PeaceLink



Comunicato Stampa

Nella sala stampa della Camera del Deputati si e' svolta alle ore 16 la conferenza stampa 
sul tema "Ilva: emergenza ambientale e occupazionale a Taranto".

Hanno relazionato Alessandro Marescotti (PeaceLink), Biagio De Marzo (Altamarea), Nicola 
Massimo Tarquinio (Cittadinanzattiva e Tribunale dei Diritti del Malato Puglia), 
Francesco Ricciardi (esperto di progetti di riqualificazione e di finanziamenti europei), 
Paola D'Andria (Ail Taranto).

E' stato presentato un progetto di messa in sicurezza di emergenza della falda acquifera 
dell'Ilva di Taranto. Tale provvedimento e' obbligatorio per legge ma dal 2009, 
nonostante i ripetuti solleciti dell'Arpa Puglia, non e' mai stato attivato nonostante 
venisse sollecitato  nel documento del Ministero dell'Ambiente prot.696/TRI/DI 
dell'11/1/2011. 
"Si ribadisce la richiesta all'azienda di adottare, ad horas, i necessari interventi", vi 
si legge. La Conferenza dei servizi aggiungeva: "In mancanza, si richiede al Comune 
l'emanazione di apposita ordinanza di diffida per l'adozione dei citati interventi a 
salvaguardia della salute umana e dell'ambiente".
Cio' nonostante la messa in sicurezza d'emergenza della falda sotto l'Ilva non e' stata 
realizzata.

La conferenza alla Camera ha evidenziato come questa "grande opera" su un'area due volte 
la citta' di Taranto potrebbe rendere protagonisti del disinquinamento gli stessi 
lavoratori Ilva che oggi rischiano la cassa integrazione in caso di sequestro - da parte 
della magistratura - di alcuni impianti dell'area a caldo.

Il progetto presentato prevede la formazione dei lavoratori e il sostegno al reddito con 
il FSE (Fondo Sociale Europeo), ulteriori forme di integrazione del reddito dei 
cassintegrati e l'uso dei fondi europei FESR per la progettazione e i lavori di bonifiche.

A tali fondi derivanti dalla programmazione regionale, potrebbero essere affiancati 
quelli derivanti dalla programmazione nazionale (Pon) e da fondi ex-FAS (sviluppo e 
coesione).

Tali interventi non sono preclusivi dell'applicazione del principio europeo secondo il 
quale "chi inquina paga".

Il documento presentato si puo' scaricare www.peacelink.it

Alla conferenza hanno assistito parlamentari e giornalisti.

Per Peacelink
Alessandro Marescotti
www.peacelink.it
www.peacelink.it