[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Su Ilva grave attacco di Nichi Vendola agli ambientalisti di Taranto



La storia di Taranto è cambiata per sempre. Nulla sarà come prima.
Dopo anni di omissioni, incuria, negligenza e connivenza sono arrivati al pettine tutti i 
nodi irrisolti dell'Ilva.
La malapolitica a Taranto non ha protetto il suo territorio e la salute della 
collettività.
Per anni una lobby di potere ha messo il silenziatore alla sofferenza.
Tale atteggiamento negligente è stato controproducente e non è servito a proteggere i 
posti di lavoro. E' stato catastrofico.
Taranto Respira esprime solidarietà ai lavoratori danneggiati dall'incuria ambientale 
dell'azienda. Abbiamo avanzato da tempo concrete proposte di bonifica che consentirebbero 
di reimpiegare gli operai. Le uniche proposte in campo sono state le nostre.
Per questo troviamo grave l'attacco di Nichi Vendola che ha dichiarato: “Noi ci siamo 
sempre opposti ad un ambientalismo fondamentalistaed isterico di chi pensa che tra i beni 
da tutelare non ci debba essere il bene lavoro”.
L'ambientalismo a Taranto invece fin dal primo momento è stato propositivo e responsabile.
La verità sul tappeto è un'altra: la magistratura è intervenuta perché la politica ha 
fallito.
In questo momento deve prevalere il senso di responsabilità per dare un futuro a tutti i 
lavoratori e per costruire assieme un'alternativa di sviluppo ecosostenibile.


Luigi Boccuni
Paola Casieri
Saverio De Florio
Alessandro Marescotti
Annamaria Moschetti
Rino Raffone
Massimiliano Saracino

www.tarantorespira.it

www.peacelink.it