[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Ilva. Taranto, nasce un comitato di lavoratori per la salute



Email inviata da
comitatocittadinioperaitaranto at gmail.com dal titolo:

SI AI DIRITTI, NO AI RICATTI:
SALUTE, AMBIENTE, REDDITO, OCCUPAZIONE


Il 30 luglio 2012 si è costituito il comitato spontaneo e apartitico “ Cittadini e 
lavoratori liberi e pensanti”. Abbiamo scelto questo nome perché crediamo che, mai come 
ora, sia necessario superare il conflitto ambiente/lavoro, che fino ad oggi ha visto gli 
operai contrapposti ai cittadini.
Il comitato nasce con questi obiettivi: tutela della salute e dell'ambiente, coniugata al 
reddito di cittadinanza e alla piena occupazione. Il comitato riunisce operai Ilva, 
lavoratori, disoccupati, precari, studenti, cittadini che d'ora in poi, per la prima 
volta insieme, pretendono di essere al centro di ogni decisione politica sul futuro della 
città di Taranto.

Siamo uomini e donne stanchi di dover scegliere tra lavoro e salute. Imputiamo all'intera 
classe politica di essere stata complice del disastro ambientale e sociale che da 
cinquant'anni costringe la città di Taranto a dover svendere diritti in cambio del 
salario. Siamo stanchi di essere rappresentati da sindacalisti che invece di difendere i 
diritti dei lavoratori salvaguardano i profitti dell'azienda.
Pretendiamo che chi ha generato questo dramma, lo Stato prima, la famiglia Riva poi, 
paghi per il disastro prodotto. Non vogliamo più pagare con le nostre vite e con i nostri 
corpi le conseguenze di una crisi ambientale, economica e sociale di cui si conoscono i 
colpevoli.

Il 2 agosto saremo in piazza non per contestare la decisione della magistratura, né tanto 
meno per difendere gli interessi della proprietà e le posizioni dei sindacati, ma per 
reclamare il rispetto di diritti fondamentali fino ad oggi calpestati.

Invitiamo tutti coloro che considerano una vergogna il ricatto occupazionale a cui siamo 
stati costretti fino ad oggi e che vogliono immaginare e costruire insieme un'altra idea 
di città, a scendere per strada e a sfilare dietro il nostro striscione: “Sì ai diritti, 
No ai ricatti: Salute, Ambiente, Reddito, Occupazione”.




Per informazioni:
347. 8605836
345. 7161310
www.peacelink.it