[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Afghanistan. Al Presidente della Repubblica: "Non un giorno di piu'"



www.peacelink.it

From: "nbawac at tin.it" <nbawac at tin.it>
Sender: nonviolenza-request at peacelink.it
Date: Sun, 2 Sep 2012 16:19:17 +0200 (CEST)
To: <nonviolenza at peacelink.it>
ReplyTo: nonviolenza at peacelink.it
Subject: Al Presidente della Repubblica: "Non un giorno di piu'"

 

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

"NON UN GIORNO DI PIU'"

 

APPELLO PER LA CESSAZIONE IMMEDIATA DELLA PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA GUERRA AFGANA

 

Signor Presidente della Repubblica,

 

si sara' sicuramente interrogato anche lei sul tragico protrarsi della guerra afgana e sulle innumerevoli sue vittime.

E si sara' sentito anche lei turbato per la flagrante contraddizione tra la partecipazione italiana a quella guerra, a quelle stragi, e il dettato dell'articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana, che inequivocabilmente vieta all'Italia di partecipare a quel crimine.

Perche' ha abdicato al suo dovere di difendere la vigenza della Costituzione della Repubblica Italiana che ripudia la guerra?

Perche' non ha negato il suo consenso alla partecipazione italiana a quella guerra, a quei massacri?

Faccia ora quello che avrebbe dovuto fare fin dal suo insediamento alla Presidenza della Repubblica: denunci l'illegalita' di quella guerra e chiami Governo e Parlamento a deliberare l'immediata cessazione della partecipazione italiana ad essa.

Troppi esseri umani sono gia' stati uccisi.

Non attenda un giorno di piu' per decidersi ad agire nell'ambito dei suoi poteri e dei suoi doveri per ripristinare il rispetto della Costituzione, ovvero per salvare le vite umane che giorno dopo giorno la guerra sbrana.

Cessando di partecipare alla guerra l'Italia puo' cominciare ad impegnarsi per la pace che salva le vite.

*

Questo chiediamo: cessazione immediata della partecipazione italiana alla guerra afgana; pace, disarmo e smilitarizzazione; rispetto della vita, della dignita' e dei diritti umani di tutti gli esseri umani.

Ascolti la nostra voce.

Ascolti la voce della sua stessa coscienza.

Ascolti la lettera e lo spirito della Costituzione della Repubblica Italiana.

Solo la pace salva le vite.

 

Distinti saluti,

 

Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

 

Viterbo, 2 settembre 2012

 

Mittente: "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, e-mail: nbawac at tin.it e centropacevt at gmail.com , web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/