[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Arpa Puglia comunica alla Procura inadempienze dell'Ilva e il potere politico di preoccupa



COMUNICATO

L'assessore all'ambiente della Provincia di Taranto Giampiero Mancarelli ha chiesto al 
ministro Clini di intervenire "con la necessaria tempestività"  sugli enti di controllo 
"con l'obiettivo di non alimentare, seppure indirettamente, confusione nell'opinione 
pubblica  tarantina". La lettera è stata inviata anche alla Regione Puglia.

Questa richiesta di intervento dell'assessore Mancarelli "per coordinare gli organi di 
controllo" (come scrive l'assessore) avviene dopo che l'Arpa Puglia ha constatato la non 
esecuzione di varie prescrizioni dell'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) da parte 
dell'Ilva.

L’Aia, firmata dal ministro dell’Ambiente Corrado Clini il 26 ottobre 2012, non è al 
momento rispettata e questa dichiarazione è contenuta in un documento ufficiale che 
l’Arpa avrebbe inviato come comunicazione di reato (1) alla Procura il mese scorso. Le 
firme sono quelle di Giorgio Assennato, Massimo Blonda e Simona Sasso, rispettivamente 
direttore generale, direttore scientifico e funzionario di Arpa Puglia.

Anche noi - con una scrupolosa verifica delle prescrizioni dell'Aia - siamo giunti alla 
conclusione che l'AIA (benché carente) non sia applicata in parti molto importanti.

Siamo davvero stupiti che l'assessore Mancarelli, anziché essere preoccupato della non 
attuazione dell'AIA, sia preoccupato degli organi di controllo che stanno facendo il loro 
dovere di verifica, e a cui va assicurata una piena autonomia. All'Arpa Puglia spetta uno 
"status" di ente terzo. L'Arpa deve essere indipendente dal potere politico e soprattutto 
dal ministro Clini che, peraltro, ha dichiarato che "al momento non risultano 
inadempienze" da parte dell'Ilva per l'AIA, nonostante l'Arpa Puglia affermi che gli 
impianti continuino ad inquinare, in violazione delle prescrizioni dell'AIA stessa.

Fabio Matacchiera - presidente Fondo Antidiossina Taranto

Fulvia Gravame - responsabile nodo di Taranto PeaceLink  

Alessandro Marescotti - presidente di PeaceLink


(1) Lo ha riferito ad esempio la Gazzetta del Mezzogiorno 
(http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=601595&IDCategoria=1) 

www.peacelink.it