[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Il Papa non ricorda il sacrificio di monsignor Romero



A San Salvador il 24 marzo 1980 veniva ucciso monsignor Oscar Romero che, a differenza di 
Bergoglio, denuncio' la repressione militare con queste parole: 

“Vorrei fare un appello in maniera speciale agli uomini dell’esercito, e in concreto alle 
basi della guardia nazionale, della polizia, dei quartieri generali.
Fratelli, voi appartenete come noi al popolo, voi pero’ uccidete i vostri fratelli 
contadini. Di fronte all’ordine di uccidere dato da un uomo, e’ la Legge di Dio che deve 
prevalere, e quella legge dice: TU NON UCCIDERAI. Un soldato non e’ costretto ad obbedire 
ad un ordine che va contro la Legge di Dio. Una legge immorale non deve essere 
rispettata. Ora è tempo che recuperiate la vostra coscienza e che obbediscano alle 
proprie coscienze piuttosto che all’ordine del peccato. La Chiesa che difende i Diritti 
di Dio, della legge di Dio, della dignità umana, della persona, non può starsene in 
silenzio davanti a tanto abominio. Vogliamo che il Governo prenda sul serio che le 
riforme non serviranno a niente se devono essere imbevute di tanto sangue. In nome di 
Dio, in nome del Popolo che soffre, i cui lamenti crescenti salgono al cielo ogni giorno 
più forti, io vi supplico, io vi chiedo, io vi ordino: fermate la repressione!”

Oggi il Papa, durante la Messa delle Palme, non ha ricordato il sacrificio di monsignor 
Romero.


Alessandro Marescotti 



www.peacelink.it