[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Referendum Ilva, il giudizio di PeaceLink



Comunicato stampa

Vogliamo sottolineare che 34 mila persone che vanno a votare non sono un flop.

Oltre 30 mila hanno scelto la chiusura degli impianti più inquinanti dell’Ilva, quelli 
dell'area a caldo.
E' la prima consultazione referendaria della storia cittadina.

E' la più grande mobilitazione che ci sia mai stata a Taranto sulla questione. 
Per molto tempo si è disquisito sul numero dei partecipanti ai cortei locali per la 
salute e l'ambiente: 5 mila, 10 mila, 15 mila, 20 mila... Oggi  con certezza ci siamo 
contati e abbiamo superato i trentamila cittadini attivi.

Con questi numeri si può cambiare Taranto. La storia non la fanno gli assenti.
Siamo orgogliosi del risultato ottenuto. Abbiamo visto – con fiera dignità – affluire ai 
seggi a testa alta, persone coscienti di fare qualcosa di importante.
Questi cittadini daranno filo da torcere. 

Ora talloneremo l’azienda sulle inadempienze dell’Autorizzazione Integrata Ambientale 
(AIA). 
Ai parlamentari chiederemo una legge che cancelli le cosiddette norme Salva-Ilva. 
Sulla questione dei piombo nel sangue dei bambini lanceremo una campagna senza 
precedenti. 
Sulle bonifiche non fatte con il criterio di “chi inquina paga”  interesseremo 
direttamente la Commissione Europea. 
Abbiamo tante iniziative e andremo all’attacco. 
Taranto non ritornerà più indietro.

Per Peacelink
Alessandro Marescotti
Fulvia Gravame
www.peacelink.it