[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[News] Ilva, ecco perche' ci opponiamo al nuovo Decreto del governo



Comunicato

Fondo Antidiossina e PeaceLink commentano la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DL 
136 ''Disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali e a 
favorire lo sviluppo delle aree interessate''.

Rendono noto inoltre che il 18 dicembre si svolgera' a Roma al Ministero dell'Ambiente la 
Conferenza dei Servizi per la messa in sicurezza della falda nell'area sotto il parco 
monerali dell'Ilva.

---

Con questo comunicato stampa, PeaceLink e Fondo Antidiossina intendono lanciare un grido 
di allarme riguardo la preoccupante situazione sanitaria, amministrativa ed ambientale di 
Taranto, conseguentemente  ai gravi e ripetuti incidenti di slopping, di emissioni 
pericolose verificatesi in questi giorni in modo particolarmente intenso.

Ieri il nuovo decreto legge sull'Ilva e' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale; e' il 
Decreto decreto legge 136 riguardante "Disposizioni urgenti dirette a fronteggiare 
emergenze ambientali e industriali e a favorire lo sviluppo delle aree interessate".

La gravità della situazione va di pari passo con le azioni inutili del governo, che con 
questa decisione politica di fatto estende i poteri del Commissario e della sua struttura 
prorogando i termini di attuazione di eventuali messe a norma e di azioni di bonifica ed 
annullando l'Autorizzazione Integrata Ambientale. 

Il testo del decreto é ritenuto dalle due associazioni inaccettabile e impossibile da 
giustificare dinanzi al protrarsi di una situazione di assoluta emergenza. 

Tale decreto, finalizzato esclusivamente a garantire la produzione dell'ILVA, annulla 
l'ordinanza del GIP Patrizia Todisco che il 5 novembre 2013 ha ribadito come, 
nell'interesse pubblico, i fondi posti sotto sequestro dovessero garantire il principio 
di precauzione e non andare a confluire nelle casse dell'attuale gestione commissariale 
il cui solo scopo è assicurare la continuità produttiva in grave ed evidente violazione 
delle decisioni della magistratura e delle leggi europee. 

I vari profili di inadempimento messi in luce dal GIP, l'inesistenza di un piano 
industriale corroborati dal nuovo decreto vanno nel senso totalmente opposto 
all'attuazione di una politica che voglia risolvere la questione Taranto.

Non risulta inoltre chiaramente definito il regime autorizzativo in cui opera lo 
stabilimento ILVA di Taranto, per quanto attiene all'AIA e alle autorizzazioni che al 
momento sembrano mancare. Il Commissario, supportato dal Governo, non ritiene cogenti le 
norme previste dall'AIA e continua ad operare in flagrante violazione del diritto in 
materia.

La pratica di rimuovere e garantire la normativa vigente é una pratica 
anti-costituzionale. La giurisprudenza europea in materia di ambiente e di diritti umani 
prevede delle norme ineludibili come ad esempio l'articolo 2 della Convenzione dei 
Diritti Umani ( di cui la Repubblica Italiana é firmataria) che prevede la difesa del 
diritto primario alla vita, come la direttiva europea IPPC. 

Il principio del "chi inquina paga" viene posto, anch'esso, in grave pericolo visto che 
il Commissariamento attuale dell'ILVA insieme al Governo svuotano le casse ILVA 
annullando in sequestri, al solo fine di garantire la produzione in totale violazione di 
numerose norme. Una nuova comunicazione alle istituzioni europee, in merito al nuovo 
decreto, é stata effettuata stamane. 

La situazione di Taranto é arrivata ad un punto di non ritorno, il grido di allarme che 
questo comunicato ed i video allegati intendono lanciare, costituisce un'accusa precisa a 
tutti i governanti.

Per quanto riguarda 
la conferenza dei servizi indetta dal Ministero dell'Ambiente, la cosa che preoccupa le 
associazioni e' l'intento del governo che non mira a bonificare il sottosuolo.
Se venisse cementificata la vasta area sotto il parco minerali, senza bonificare il 
terreno inquinato, verrebbero tombati e non rimossi gli inquinanti che hanno impregnato 
il sottosuolo. 

Una pratica del genere condannerebbe l'area ad uno stato di compromissione perenne del 
sottosuolo, mentre nel frattempo rimane irrisolta la questione della raccolta e del 
trattamento delle acque meteoriche che finiscono nella falda dopo aver dilavato i terreni 
inquinati dell'Ilva. 


Per PeaceLink e Fondo Antidiossina Taranto

Antonia Battaglia
Alessandro Marescotti
Fabio Matacchiera



www.peacelink.it