[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[News] Comunicato Stampa di Antonia Battaglia in risposta a Michele Serra, Repubblica, 12 marzo 2014



Diffondo su richiesta della dott.ssa Antonia Battaglia.


------Messaggio originale------
Da: Antonia Battaglia
A: Alessandro Marescotti
Oggetto: Comunicato Stampa di Antonia Battaglia in risposta a Michele Serra, Repubblica, 
12 marzo 2014
Inviato: 12 mar 2014 10:17










Rispondo a Michele Serra e al suo pensiero su "L'Amaca " di oggi. 

*****************************************************************************
Ecco cio che scrive Michele Serra: 

" La Lista Tsipras pareva una decente idea per chi crede che la sola alternativa 
all’Europa prigioniera della contabilità sia un’Europa sociale e solidale. Non si era 
tenuto conto (almeno qui in Italia) della inesausta litigiosità di quella nebulosa 
pulviscolare di partitini, movimentini, associazioncine, pensatrici e pensatori single 
che compongono la sedicente “area dell’alternativa”. Una signora pugliese (portavoce di 
un imprecisato numero di “associazioni pacifiste”, si spera d’accordo tra loro) si è 
molto adirata per la presenza in lista di altri pugliesi a lei sgraditi, appartenenti a 
Sel. Con tutto il rispetto per la Puglia e per i suoi trulli, la disputa non appare 
esattamente di respiro europeo." 

****************************************************************************
Ecco la mia risposta: 

Caro Michele Serra, quella che lei banalizza come "disputa" é una scelta etica che non 
avrei dovuto compiere io da candidata ma che avrebbe dovuto compiere la Lista Tsipras. 
 
Mi rendo conto che lei non conosce Taranto, da come scrive, da come cataloga la questione 
e da come banalizza. 

La Puglia, la informo, non è solo i trulli e le orecchiette con le cime di rapa ma anche 
una città che, grazie ai colpi di mannaia dati da tutti i partiti nel tempo, sta morendo. 

La nebulosa pulviscolare in cui lei mette associazioni, pensatrici e pensatori é la sola 
arma di resistenza che città distrutte dalla politica- che lei difende-, hanno. 

Noi siamo già in Europa, ci siamo andati da soli auto-organizzandoci tramite le 
associazioni.

Le ricordo che, per andare in Europa, si deve pur passare da Roma perché la Lista parte 
dall'Italia e deve portare in Europa la politica italiana. 


Antonia Battaglia 
12 Marzo 2014 
www.peacelink.it