[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[News] Malformazioni congenite a Gela



Nuovo articolo scientifico pubblicato da Epidemiologia & Prevenzione
(rivista dell’Associazione Italiana di Epidemiologia), sulle malformazioni
congenite a Gela.



Un articolo di epidemiologi del CNR di Pisa (Fabrizio Bianchi e Anna
Pierini) e di genetisti dell'Ospedale Garibaldi di Catania (Sebastiano
Bianca e Chiara Barone) riporta in primo piano il tema delle malformazioni
congenite a Gela.

I risultati, riferiti ai nati nel periodo 2003-2008, confermano quelli
riferiti al periodo 1991-2002 precedentemente pubblicati sulla stessa
rivista.

Risultati ancora più recenti sono in corso di elaborazione da parte del
"Registro regionale delle malformazioni congenite", allestito dalla
Regione Sicilia a partire dal 2010.

Nel periodo in esame il numero dei nati con malformazioni dei genitali
esterni maschili (in particolare ipospadie) si è mantenuto su valori più
elevati di quelli osservati a livello europeo e internazionale.

Considerando le molte criticità ambientali documentate nella zona, i
risultati del biomonitoraggio sull'arsenico e le conoscenze sull'eziologia
dell'ipospadia, gli autori ritengono ragionevole ipotizzare la presenza di
una associazione eziologica tra l'inquinamento e le malattie rilevate.

Esse non possono essere correlate a specifici inquinanti, ma piuttosto a
un mix di inquinanti e di esposizioni.

Le conclusioni dello studio sono in sintonia con quanto sostenuto anche
dallo studio SENTIERI, in favore di decisioni di prevenzione primaria in
grado di abbassare i livelli di esposizione agli inquinanti pericolosi.

Si sottolinea quindi la necessità delle bonifiche, uno dei temi che fanno
parte del confronto di questi giorni tra istituzioni locali, regionali e
sindacati da una parte ed ENI dall'altra, sul futuro della raffineria di
Gela. Alla domanda se c'è ancora da studiare, Fabrizio Bianchi (primo
autore) risponde "sicuramente le conoscenze possono essere ancora
migliorate svolgendo studi più specifici, tuttavia ciò che già sappiamo è
sufficiente per asserire che il tema più urgente è quello degli interventi
per produrre un forte risanamento e condizioni sicure di produzione".



Articolo OPEN ACCESS disponibile sul sito www.epiprev.it



http://www.epiprev.it/articolo_scientifico/aggiornamento-della-prevalenza-di-anomalie-congenite-tra-i-nati-residenti-nel-c