[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[News] Sgombero mercatino senegalesi, le “ombre” evocate alla stampa rendono ancora più ineludibili gli interrogativi da noi posti



Sgombero mercatino senegalesi, le “ombre” evocate alla stampa rendono ancora più ineludibili gli interrogativi da noi posti



La dinamica dello sgombero del mercatino dei senegalesi a Pescara ha suscitato alcuni interrogativi che abbiamo riportato nel nostro precedente comunicato. Le serali dichiarazioni alla stampa, in cui l’area di risulta è stata paragonata a Scampia, con tanto di “vedette”, e si è esplicitamente fatto riferimento ad “ombre” della camorra, al “principale snodo della contraffazione del Sud Italia” e addirittura di “prostituzione maschile” inquieta. E rende gli interrogativi ancora più ineludibili e pesanti.

-        Davanti alla fine di una “soluzione provvisoria” che la stessa politica cittadina aveva individuato, abbiamo scritto  che “la politica dovrebbe interrogarsi su se stessa e fare una profondissima autocritica, di cui non si vede traccia alcuna in queste ore”. Quanto dichiarato alla stampa porta alla conclusione che non ci troviamo solo di fronte alla fine di una “soluzione provvisoria” che non ha risolto nulla, ma a qualcosa di molto più grave. Fare autocritica, interrogarsi su se stessa e ammettere la reale dimensione di quanto deciso è adesso ancora più indispensabile, necessario, non accantonabile. E tutto questo deve portare a precise assunzioni di responsabilità, con le massime conseguenze possibili. La comunità senegalese sta pagando il prezzo più alto possibile, gli unici finora…

 

-        Abbiamo poi chiesto “Partirà quindi già nelle prossime ore un enorme giro di vite nei confronti delle centrali della contraffazione? Se, come riportato da dichiarazioni ufficiali, merce contraffata c’era da dove proveniva? Chi sono i fornitori?” sottolineando come, almeno dalla notte tra il 5 e il 6 ottobre 1991, la cronaca di questa Regione è stracolma di di mafie e camorre (senza dimenticare che “quella che vien definita la maggiore organizzazione della mafia romana ha origine nella nostra regione, dove continua a mantenere legami ben saldi e ramificati”). Alla luce di quanto dichiarato in serata, delle “ombre della camorra”, ci sono stati arresti? Ci sono organizzazioni criminali smantellate, o in via di smantellamento? Quali provvedimenti sono stati presi, considerando che nel centro di Pescara (stando a quanto dichiarato) ci sarebbe stata una realtà paragonabile a periferie degradate in mano ad organizzazioni criminali (con la “piccola” differenza che non stiamo parlando di una periferia ma del centro della principale città della Regione…)? In questi mesi si sono intervallati assise istituzionali, tavoli, trattative. La comunità senegalese è mai stata informata di queste “ombre”? Si è mai chiesta un’interlocuzione e collaborazione con una comunità che si è affermato ha “senso di responsabilità”? 

 

-        In questi anni abbiamo prodotto almeno 25 tra articoli, dossier e comunicati nei quali evidenziavano la ramificata e massiccia presenza di mafie e camorre nei settori più svariati, dal traffico di rifiuti alla droga, dalla prostituzione alle estorsioni, e silenzi, omertà e connivenze. Tanto altro è stato prodotto da altre organizzazioni, e da giornalisti coraggiosi e validi (uno tra tutti, Angelo Venti, ma potremmo fare anche altri nomi). Ma da larga parte del mondo istituzionale abbiamo continuato a sentir parlare di Abruzzo “regione felice”, di minimizzazione (rimandiamo su tutti ai nostri due comunicati dopo le due visite a L’Aquila e Vasto della presidente della commissione parlamentare antimafia …) e mai una vera totale presa di coscienza e in carico della realtà di questa regione. Oltre a far esultare l’estrema destra (e torniamo, per la terza volta, a chiederlo: questa “soddisfazione e plauso” e la militarizzazione della città non suscitano “nessun turbamento nello schieramento che sostiene l’amministrazione?”), e a mostrare il volto della repressione nei confronti di una comunità che, come ha evidenziato l’estate scorsa la Croce Rossa, “cerca di integrarsi pacificamente”, reparti speciali giunti da fuori, immensi dispiegamenti di uomini e mezzi proseguiranno anche su tutto questo, compresi colletti più o meno bianchi? Sta quindi partendo il più vasto giro di vite, la più massiccia operazione anticrimine della storia d’Abruzzo?  

 

Alessio Di Florio

Associazione Antimafie Rita Atria

PeaceLink Abruzzo

 

http://www.ritaatria.it

http://www.peacelink.it/abruzzo