[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Nonviolenza. Femminile plurale. 34



==============================
NONVIOLENZA. FEMMINILE PLURALE
==============================
Supplemento settimanale del giovedi' de "La nonviolenza e' in cammino"
Numero 34 del 20 ottobre 2005

In questo numero:
1. Dal profondo del cuore
2. Simone Weil: La virtu' piu' essenziale

1. EDITORIALE. DAL PROFONDO DEL CUORE

Che grande tristezza la disattenzione del resto del mondo sulla prova cui la
popolazione brasiliana e' chiamata questa domenica 23 ottobre.
Distratti da tante cose sovente di poco momento, i grandi mass-media, le
grandi organizzazioni e finanche molte personalita' illustri non si sono
accorti che fra tre giorni in Brasile e' in gioco il futuro dell'umanita'
intera.
Perche' se domenica in Brasile vinceranno le nostre sorelle ed i nostri
fratelli, e con lo strumento democratico del voto la maggioranza della gente
di quel grande paese dira' si' al disarmo, si' alla proibizione del
commercio delle armi assassine, si' al diritto di ogni donna e ogni uomo a
vivere, ebbene, questo si' sara' un si' che varra' per l'umanita' intera.
Questo si' aprira' un'epoca nuova. Questo si' porra' all'ordine del giorno
in tutti i paesi del mondo la scelta del disarmo, dimostrando che essa non
solo e' necessaria, ma anche possibile. Questo si' salvera' innumerevoli
vite. Questo si' schiudera' un nuovo corso alla storia.
Se sciaguratamente dovessero vincere i trafficanti d'armi, i boss mafiosi,
gli squadroni della morte, l'industria bellica, i fascisti di tutte le
risme, allora sara' una sconfitta, una disasatrosa sconfitta, per l'umanita'
intera.
*
Tutte e tutti avremmo dovuto in queste settimane correre al soccorso delle
sorelle e dei fratelli brasiliani che con pochi mezzi e coraggio grande
hanno promosso l'informazione e la coscientizzazione affinche' il voto
referendario sia consapevole, giusto, buono. Un voto che salvi le vite,
tutte le vite, anche le nostre e quelle di coloro che verranno.
Chi tra noi legge la stampa brasiliana sa che i mercanti di morte dispongono
la', come qui, di un apparato propagandistico che comprende pressoche' tutti
i piu' grandi mass-media e soprattutto quelli televisivi, la cui capacita'
di ottundimento e manipolazione, la cui capacita' di corruzione e menzogna,
e' enorme; enorme, e difficilmente contrastabile. Eppure le sorelle e i
fratelli si sono gettate e gettati nella lotta, perche' sanno che la loro
vittoria salvera' innumerevoli vite umane, la loro sconfitta provochera'
nuove immani stragi.
Tutte e tutti avremmo dovuto in queste settimane correre al soccorso, dal
mondo intero. Con i nostri mezzi limitati ma cumulabili, e con le nostre
intatte volonta'.
In questo mondo meraviglioso e terribile ai quattro quinti dell'umanita' e'
precluso finanche poter far sentire la propria voce. Ma noi, qui, la
possibilita' di far sentire la nostra voce l'abbiamo. E quindi in questa
circostanza avremmo dovuto essere anche voce dei senza voce, avremmo dovuto
in queste settimane farci sentire anche per quelle e quelli le cui lingue
sono state tagliate, avremmo dovuto farci sentire anche per quelle e quelli
che sono stati uccisi, che ogni giorno vengono uccisi.
Ed ecco siamo a questo giovedi' 20 ottobre, e mancano tre giorni a quel
voto.
E di cosa dobbiamo parlare se non di questo?
*
Chi puo', agisca.
Scrivendo alle persone brasiliane che conosce, pregandole di votare si'
anche per noi, per salvare anche le nostre vite.
Scrivendo a tutte le persone amiche, in Italia e nel mondo, per chiedere
loro di fare altrettanto, perche' dicano si' al disarmo e alla dignita'
umana, al diritto alla vita di ogni umana persona.
Scrivendo ai mass-media distratti, la cui distrazione non e' innocente.
Scrivendo alle rappresentanze istituzionali, perche' l'ipocrisia non e' piu'
l'omaggio  che il vizio rende alla virtu', ma l'ultima forma della
complicita' con la ferocia assassina.
Scrivendo, parlando, pensando. Avendo a cuore l'umanita'.
Scegliendo di essere il cuore pensante di questa nostra immensa baracca.
Scegliendo la parte di Etty Hillesum. La parte di Anne Frank. La parte di
Edith Stein. La parte di Marianella Garcia.
Dal profondo del cuore, si'.

2. MAESTRE. SIMONE WEIL: LA VIRTU' PIU' ESSENZIALE
[Da Simone Weil, Quaderni. Volume IV, Adelphi, Milano 1993, pp. 315-316.
Simone Weil, nata a Parigi nel 1909, allieva di Alain, fu professoressa,
militante sindacale e politica della sinistra classista e libertaria,
operaia di fabbrica, miliziana nella guerra di Spagna contro i fascisti,
lavoratrice agricola, poi esule in America, infine a Londra impegnata a
lavorare per la Resistenza. Minata da una vita di generosita', abnegazione,
sofferenze, muore in Inghilterra nel 1943. Una descrizione meramente esterna
come quella che precede non rende pero' conto della vita interiore della
Weil (ed in particolare della svolta, o intensificazione, o meglio ancora:
radicalizzazione ulteriore, seguita alle prime esperienze mistiche del
1938). Ha scritto di lei Susan Sontag: "Nessuno che ami la vita vorrebbe
imitare la sua dedizione al martirio, o se l'augurerebbe per i propri figli
o per qualunque altra persona cara. Tuttavia se amiamo la serieta' come
vita, Simone Weil ci commuove, ci da' nutrimento". Opere di Simone Weil:
tutti i volumi di Simone Weil in realta' consistono di raccolte di scritti
pubblicate postume, in vita Simone Weil aveva pubblicato poco e su periodici
(e sotto pseudonimo nella fase finale della sua permanenza in Francia stanti
le persecuzioni antiebraiche). Tra le raccolte piu' importanti in edizione
italiana segnaliamo: L'ombra e la grazia (Comunita', poi Rusconi), La
condizione operaia (Comunita', poi Mondadori), La prima radice (Comunita',
SE, Leonardo), Attesa di Dio (Rusconi), La Grecia e le intuizioni
precristiane (Rusconi), Riflessioni sulle cause della liberta' e
dell'oppressione sociale (Adelphi), Sulla Germania totalitaria (Adelphi),
Lettera a un religioso (Adelphi); Sulla guerra (Pratiche). Sono fondamentali
i quattro volumi dei Quaderni, nell'edizione Adelphi curata da Giancarlo
Gaeta. Opere su Simone Weil: fondamentale e' la grande biografia di Simone
Petrement, La vita di Simone Weil, Adelphi, Milano 1994. Tra gli studi cfr.
AA. VV., Simone Weil, la passione della verita', Morcelliana, Brescia 1985;
Gabriella Fiori, Simone Weil, Garzanti, Milano 1990; Giancarlo Gaeta, Simone
Weil, Edizioni cultura della pace, S. Domenico di Fiesole 1992; Jean-Marie
Muller, Simone Weil. L'esigenza della nonviolenza, Edizioni Gruppo Abele,
Torino 1994; Angela Putino, Simone Weil e la Passione di Dio, Edb, Bologna
1997; Maurizio Zani, Invito al pensiero di Simone Weil, Mursia, Milano 1994]

Quando una contraddizione e' un vicolo cieco che e' assolutamente
impossibile aggirare, se non con una menzogna, allora sappiamo che in
realta' e' una porta. Bisogna fermarsi e bussare, bussare, bussare,
instancabilmente, in uno spirito di attesa insistente e umile. L'umilta' e'
la virtu' piu' essenziale nella ricerca della verita'.

==============================
NONVIOLENZA. FEMMINILE PLURALE
==============================
Supplemento settimanale del giovedi' de "La nonviolenza e' in cammino"
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it
Numero 34 del 20 ottobre 2005

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

Per non riceverlo piu':
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su
"subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196
("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing
list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica
alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004
possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web:
http://lists.peacelink.it/nonviolenza/maillist.html

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la
redazione e': nbawac at tin.it