[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

La nonviolenza e' in cammino. 1313



LA NONVIOLENZA E' IN CAMMINO

Foglio quotidiano di approfondimento proposto dal Centro di ricerca per la
pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Numero 1313 del primo giugno 2006

Sommario di questo numero:
1. Domani
2. "Il dialogo": In digiuno con le pacifiste americane
3. Michele Di Schiena: Democrazia a rischio
4. Francesco Pardi: Verso il referendum
5. Guglielmo Epifani: Un appello per il referendum
6. Giuliana Sgrena: La testimonianza di Malalai Joya
7. Giulio Vittorangeli: Del fatalismo e del cinismo ancora
8. Letture: Claudio Tugnoli, La magnifica ossessione
9. Riedizioni: Vittorio Alfieri, Opere
10. Riedizioni: Galileo Galilei, Opere
11. Riedizioni: Arthur Koestler, I gladiatori
12. Riedizioni: Italo Pietra, Mattei
13. La "Carta" del Movimento Nonviolento
14. Per saperne di piu'

1. APPELLI. DOMANI
[Riproponiamo ancora - aggiungendo le ulteriori adesioni pervenute -
l'appello per il 2 giugno festa della Costituzione, senza l'abusiva parata
militare, scritto da Enrico Peyretti (per contatti: e.pey at libero.it) e
sottoscritto gia' da numerose persone]

Signor Presidente della Repubblica,
insieme ai nostri vivi auguri per il Suo alto compito, Le rivolgiamo una
calda richiesta, che viene dal popolo della pace, di festeggiare il prossimo
2 giugno come vera festa della Costituzione, come festa del voto popolare
che ha voluto la Repubblica e eletto la Costituente, e niente affatto come
festa militare.
Ammessa, per amore di dialogo, e non concessa la necessita' dell'esercito -
che noi come tale discutiamo (tra esercito e polizia democratica la
differenza e' essenziale, come tra la violenza e la forza, la forza omicida
e la forza non omicida) - esso non e' assolutamente il simbolo piu' bello e
vero della patria, non e' l'esibizione giusta per il giorno della festa
della Repubblica: nell'ipotesi piu' benevola, e' soltanto una triste
necessita'.
La parata militare e' brutta tristezza e non e' festa. La parata delle armi
non festeggia la vita e le istituzioni civili del popolo, non dimostra
amicizia verso gli altri popoli, non e' saggezza politica. Non e' neppure un
vero rispetto per chi, sotto le armi, ha perso la vita.
Rispettando le diverse opinioni, e' un fatto inoppugnabile che l'esercito
non ha avuto alcuna parte nell'evento storico del 2 giugno 1946, quando
unico protagonista e' stato il popolo sovrano e l'azione democratica
disarmata: il voto.
Nella festa del 2 giugno l'esercito e' fuori luogo, occupa un posto che non
e' suo.
*
Primi firmatari: Enrico Peyretti, Lidia Menapace, Anna Bravo, Giancarla
Codrignani, Angela Dogliotti Marasso, Alberto L'Abate, Marco Revelli, Luigi
Sonnenfeld, Gianguido Crovetti, Michela Vitturi, Patrizia Rossi, Alessandra
Valle, Gennaro Varriale, Clara Reina, Enzo Arighi, Fabio Ragaini, Pasquale
Pugliese, Nella Ginatempo, Stefano Longagnani, Martina Pignatti Morano,
Ilaria Giglioli, Francesca Vidotto, Simone D'Alessandro, Carlo Corbellari,
Franca Maria Bagnoli, Mario Signorelli, Lucia Ceccato, Nandino Capovilla,
Maria G. Di Rienzo, Carlo Minnaja, Melo Franchina, Carmine Miccoli, Doriana
Goracci, Mariagrazia Campari, Stefano Dall'Agata, Enea Sansi, Alfredo Izeta,
Claudia Cernigoi, Michele de Pasquale, Antonio Sorrentino, Aldo e Brunella
Zanchetta, Roberto Fogagnoli, Franco Borghi, Enza Longo, Annalisa Frisina,
Alessandro Cicutto, Marcella Bravetti, Giuliana Beltrame, Giuliano Cora',
Mariangela Casalucci, Mao Valpiana, Margherita Del Bene, Sergio Giorni,
Claudia Marulo, Dario Cangelli, Carlo Ferraris, Danila Baldo, Gino Buratti,
Marco Tarantini, Elisabetta Donini, Francesco Cappello, Donato Zoppo,
Antonella Sapio, Franca Franchini, Franco Franchini, Francesco D'Antonio,
Maurizio Campisi, Letizia Lanza, Adriana Mascoli, Francesco Boriosi,
Agostino Regnicoli, Assunta Signorelli, Maria Edoarda Trillo', Giovanni
Sarubbi, Angela Lostia, Antonia Sani, Lidia Maggi, Renzo Craighero, Antonio
Campo, Franco Bardasi, Giancarlo Nonis, Maria Laura Massai, Piergiorgio
Acquistapace, Maria Teresa Pellegrini Raho, Tiziano Tissino, Antonio
Dargenio, Mirella Sartori, Pierpaolo Loi, Sergio Vergallito, Alessandra De
Michele, Luisa Gissi, Margherita Moles, Bortolo Domenighini, Norma
Bertullacelli, Giuseppe Pavan e Carla Galetto, Giorgio Grimaldi, Giovanni
Santoruvo, Paolo Rosa', Sashinka Gorguinpour, Alidina Marchettini, Luca
Bolognesi, Edoardo Daneo, Patrizia Parodi, Antonio Bianciardi, Francesco
Pavanello, Riccardo Borgioli, Leila d'Angelo, Alberto Procaccini, Giorgio
Gallo, Giuseppina Catalano, Pasquale Iannamorelli, Maria Rosaria Mariniello,
Luigi Pirelli, Osvaldo Ercoli, Rodolfo Carpigo, Pierluigi Ontanetti, Bruno
Fini, Marco A. Lion, Anna Maria Bruzzone, Massimo Dalla Giovanna, Bruno
(Alberto) Simoni, Fabio Corazzina, Sofia Del Curto, Sandra Cangemi, Giuseppe
Reitano, Katia Bouc, Lucilla Mancini, Giuliana Cupi, Tommaso Gamaleri,
Alberta Pongiglione, Alessandro Gamaleri, Daniele Dalmazzo, Daniela
Musumeci, Claudia Berton, Cristiano Rodighiero, Francesca Mele, Massimiliano
Carra, Luciano Ghirardello, Irene Campari, Gianluca Carmosino, Evelina
Savini, Maria Pia Simonetti, Giuliano Falco, Laura Picchi, Andrea Picchi,
Marcella Fasciolo, Carlo Olivieri, Gabriele Aquilina e Elena Dall'Acqua,
Carlo Schenone, Silvano Tartarini, Maria Stella Ruffini, Maurizio Berni,
Agnese Manca, Elisabetta Badessi, Francesco Fiordaliso, Vito Correddu,
Pierangelo Monti, Annamaria Rivera, Antonino Drago, Gianfranco Laccone,
Michele Stragapede, Giacomo Grasso, Floriana Lipparini, Chiara Cavallaro,
Albino Bizzotto, Marcello Storgato, Fabrizio Canaccini, Marta Giraudo,
Flavia Neri, Giusi Lauro, Paola Bientinesi, Andrea Maggi, Marco Giubbani,
Lucia Salemi, Marco Mamone Capria, Alberto Trevisan, Tiziana Bonora, Roberto
Varone, Maria Luisa Paroni, Chiara Pedersoli, Eugenio Lenardon, Paola
Vallatta, Davide Ballardini, Rosa Graziuso, Eleonora Parlanti, Antonio
Ariberti, Simone Mantia, Francesca Vecera, Osvaldo Dino del Savio, Barbara
Todaro, Costanza Vecera, Augusta De Piero, Renato Mirabile, Elena Malan,
Ronal Mirabile, Dina Losi, Michele Gramazio, Franco Verderi, Giuseppe
Gonella, Silvia Trombetta, Luca Giusti, Gigi Perrone, Silvia Vienni, Piero
Coltelli, Margherita Granero, Roberta Ronchi, Ezio Bertaina, Rosaria
Lombardi, Anna Culpo e Andrea Piazza, Andrea Montagner, Roberto Vignoli,
Marneo Serenelli, Giuliano Pontara, Sara Michieletto, Elvio Arancio, Luisa
Mondo, Carla Capella, Daniele Biagiotti, Attilio Aleotti, Gianpaolo
D'Errico, Silva Falaschi, Antonio Versari, Daniele Vasta, Cristina Ferrando,
Daniele Todesco, Renato Solmi, Alfredo Panerai, Giovanni Pellegrini Raho,
Tarcisio Alessandrini, Francesco Lo Cascio, Pio Russo Krauss, Alberto
Marcone, Tommasina Squadrito, Lucia Russo, Tiziano Cardosi, Maria Perino,
Stefano De Guido, Vincenzo Dipierro, Fabiola Campillo, Guy Fontanella,
Teresa Maria Sorrentino, Sante Gorini, Daniela Giammarco, Pina Garau,
Roberta Consilvio, Gaetano Pascoletti, Isabella Sardella Bergamini, Carla
Pellegrini Raho, Anna Maria Livierato, Franco Capelli, Beatrice Dolci,
Giovanni Zardi, Maurizio Peresani, Donatella Cortellini, Mauro Venturini,
Marisa Mantovani, Guido Cristini, Sergio Mandolesi, Cinzia Abramo, Simona
Venturoli, Francesca Ortali, Simona Morello, Silvia Munari, Paolo
Bertagnolli, Carla Guerra e Massimo Zesi, Carmine Ferrara, Maria Amalia
Girardi, Antonio Giuffre', Dario Scarpati, Claudia Tessaro, Illia
Martellini, Roberto Guelpa, Alessandro Pesci, Roberto Saba, Micol Dell'Oro,
Gisella Bordet, Stefano Montani, Maria Pia Cortellessa, Giuliano Spinelli,
Giovanni Mandorino, Antonio Peratoner, Susanna Neuhold, Alfredo Panerai,
Stefano Mazzucco, Alessio Di Florio, Caterina Lusuardi, Graciela De La Vega,
Giacomo Alessandroni, Mauro Migliazzi, Daniela Este, Davide Morano, Luca
Paseri, Roberto Benvenuti, Renato Moschetti, Romano Martinis, Francesco
Aroldi, Daniela Occelli, Modesta Colosso, Elena Cianci, Giorgio Beretta,
Alessandra Principini, Silvia Giamberini, Luca Agnelli e Samuela Bozzoni,
Claudio Dalla Mura, Elio Rindone, Giuliana Bertola Maero, Annamaria Pistoia,
Paolo Brentegani, Manuel Marabese, Norma Bertullacelli, Laura Caradonna,
Giovanni Russotto, Paolo Vitali, Tilde Giorgi, Andrea Maffei, Marino Renda,
Daniele Oian, Pino Ficarelli, Cosimo Magnelli, Antonio Mancini, Fiorella
Rambaudi, Cesira Lupo, Claudia Berlucchi, Fabrizio Bianchi, Lulu' Ortega
Madrigal, Roberto Gallo, Fulvio Cesare Manara, Salvino Franchina, Davide
Scaccianoce, Luca Kocci, Stefano Terzi e Stefania Vergnani, Giandomenico
Potestio; Sara Panzeri, Antonella Litta, Giovanni Fiorentini, Stefano
Barbacetto, Vittorio Di Munzio, Gabriella Grasso, Amedeo Tosi, Dorella
Battistella, Radesca Dominguel, Marco Gorini, Roberta Peyrot, Simone
Puggelli, Salvatore Nasca, Anna Castelnuovo e Elio Pianezzola, Barbara
Tozzi, Rossana Montecchiani, Secondo Ferioli, Anna M. Guantario, Fiamma
Negrini, Donatella Sacco, Igor Lazzarini, Pasquale De Sole, Luciano
Militello, Alberto Giannini, Luca Villa, Giustina Diligenza, Gianfranco
Frascione, Maria Margherita Gaetani di Laurenzana, Claudia Tessaro, Luisa
Morgantini, Edoardo Nucci, Artusa Maria Antonietta, Angela Nucci, Patrizio
E. Tressoldi, Mariella Lecchi, Giacomo Ambrosino, Mario Polizzi, Francesco
Gana, Sergio Dalmasso, Annarita Cardarelli, Marina Martignone, Livio
Miccoli, Paola Cotticelli, Nazzareno Gabrielli, Giuseppe Coscione, Maria
Caterina Cifatte, Danilo Bernardi, Francesco Anselmo, Andrea Baglioni,
Rosanna Burdisso, Fabiana Valpiani, Gianni Brianese, Sergio Parmentola,
Ghirardotti Domenico, Fantino Luciano, Simone Hardt, Alberto Maria Milazzo,
Giorgio Guzzetta e Cinzia Scicchitano, Paola Merlo, Gianni Alioti e Danila
Orlando, Antonella Prota Giurleo, Emiliano Piredda, Mina Ria, Gianmario
Campana e Claudia Aime, Angela Giuffrida, Giancarlo Saccani, Michele Citoni,
Caterina Di Francesco, Silvia Buonamico, Celeste Grossi, Paola Barassi, Juri
Bossuto, Alberto Deambrogio, Sergio Dalmasso, Gian Piero Clement, Matteo
Salvai, Silvia Cazzaniga, Maria Ausilia (Lilli) Marinello, Eliseo Politi,
Elisabetta Oliani, Ettore Miserocchi, Costanza Lerda, Lidia Nembrini,
Emanuele Fantini, Alberto Camata, Silvia Moiraghi, Mauro Castagnaro,
Stefania Dall'Aglio, Cristina Mocciola, Gaetano Bonifacio, Luigi Mazzocchio,
Chiara Casella, Anna Del Piano, Valerio Oddone, Manuela Romano', Raffaella
Grasso Salvadori, Stefano Jalla, Pierluigi Monaco, Teresa Ducci, Serena
Valenti, Mauro Carlo Zanella, Alessandro Romani, Luciano Corradini, Guido
Vaudetto, Graziella Bernabe', Dante Ferrari, Diego Coriasco, Davide
Scaglianti, Rita Marturano, Alessandra Tebaldi e Flavio Pessina, Gian
Francesco Azzali, Angelo Gandolfi, Andrea Cozzo, Natalina Marconato, Angelo
Ballardini, Giuseppe Simoni, Antonella Valer, Adriana Gatti, Lorenza
Erlicher, Alessandro Pistoia, Maria Rosaria Giovannelli, Elsa Bortot,
Marilena Spataro, Guido Pelosi, Giuseppe Vergani, Luciano Rossi, Paolo
Battistutti, Andrea Valdambrini, Agnese Ginocchio, Fulvio Bucci, Emilia
Cavallini, Normanna Albertini. Hanno aderito altresi' riviste e siti,
associazioni e comitati, rappresentanze sindacali ed istituzionali (ma
consistendo questa specifica iniziativa nell'invio di lettere al Presidente
della Repubblica, nel darne notizia abbiamo qui costantemente segnalato le
firme dei concreti esseri umani anziche' le sigle e le testate a nome e per
conto di cui talvolta quelle lettere erano inviate).
*
Per aderire all'iniziativa: scrivere lettere recanti il testo dell'appello
al Presidente della Repubblica (all'indirizzo di posta elettronica:
presidenza.repubblica at quirinale.it, ricordando che si deve firmare con il
proprio nome, cognome e indirizzo completo, altrimenti le lettere non
vengono prese in considerazione), e comunicare a "La nonviolenza e' in
cammino" (e-mail: nbawac at tin.it) di avere scritto al Presidente.

2. APPELLI. "IL DIALOGO": IN DIGIUNO CON LE PACIFISTE AMERICANE
[Dalla redazione della bella rivista diretta da Giovanni Sarubbi "Il
dialogo" (per contatti: redazione at ildialogo.org) riceviamo e volentieri
diffondiamo. Giovanni Sarubbi, amico della nonviolenza, promotore del
dialogo interreligioso, giornalista, saggista, editore, dirige l'eccellente
rivista e sito de "Il dialogo" (www.ildialogo.org)]

Care amiche, cari amici,
l'associazione femminista apcifista statunitense Codepink ha annunciato un
digiuno collettivo, per chiedere il ritiro delle truppe Usa e la fine
dell'occupazione in Iraq, che avra' inizio il prossimo 4 luglio (festa
nazionale statunitense). Per leggere il testo dell'appello ed una
riflessione sul perche' aderire si vada alla pagina web:
www.ildialogo.org/noguerra/digiunocontro27052006.htm
Non si tratta semplicemente di rinunciare a qualche giorno di cibo. Si
tratta di organizzare iniziative che riescano a mobilitare l'opinione
pubblica contro la guerra che miete ogni giorno vittime su vittime,
soprattutto fra i civili e soprattutto fra le bambine e i bambini.
L'invito per chi vive fuori dagli Usa - e' scritto nell'appello - e' "a
digiunare il 4 luglio di fronte a un'ambasciata americana o a un consolato.
Mentre i funzionari si godranno i barbecue e i festeggiamenti, noi
desideriamo ricordare loro la continua sofferenza degli iracheni e dei
soldati".
"Il dialogo" aderisce a questa iniziativa. Invitiamo tutti i nostri lettori
ad aderire. Vi chiediamo di mobilitarvi, da qui al 4 luglio, per diffondere
l'iniziativa il piu' possibile.
Vi invitiamo ad utilizzare il testo dell'appello di Codepink come volantino
da distribuire prima e durante l'iniziativa di digiuno.
Vi invitiamo a scegliere nella vostra citta', laddove non ci sia una sede
consolare americana (o anche inglese, vista la compartecipazione alla guerra
della Gran Bretagna), un luogo simbolo dove riunire tutti i digiunatori e le
digiunatrici, in modo da coinvolgere quante piu' persone sia possibile (una
sede istituzionale, una chiesa, una piazza...).
Aderire a questa iniziativa e' anche un modo per chiedere al nuovo governo
italiano il rispetto degli impegni presi in campagna elettorale, con il
ritiro delle truppe italiane dall'Iraq e da tutti i fronti bellici, per
ripristinare la legalita' costituzionale che all'art. 11 prevede il ripudio
della guerra. Il mondo ha bisogno di pace.
Per segnalare le adesioni e le iniziative abbiamo predisposto il seguente
link:
www.ildialogo.org/noguerra/digiunonoguerra29052006.htm
Tutte le adesioni e le iniziative saranno man mano inviate a Codepink.
Invitiamo altri siti, riviste, associazioni, a moltiplicare le iniziative ed
i punti di aggregazione.
Diamo concretamente una mano a quanti negli Usa sono impegnati per la pace.
La pace dipende da cio' che ognuno riuscira' a fare per difenderla e
promuoverla.
Ringraziamo quante e quanti vorranno aderire a questa iniziativa.
La redazione del sito www.ildialogo.org
Monteforte Irpino, 29 maggio 2006
*
Per informazioni e contatti: "Il dialogo", via Nazionale 51, 83024
Monteforte Irpino (Avellino), tel: 3337043384, 3394325220, e-mail:
redazione at ildialogo.org, direttore at ildialogo.org, sito: www.ildialogo.org

3. RIFLESSIONE. MICHELE DI SCHIENA: DEMOCRAZIA A RISCHIO
[Dal quotidiano "Il manifesto" del 23 maggio 2006. Michele Di Schiena,
magistrato, giurista, e' persona impegnata per la legalita' costituzionale,
la democrazia, la pace e i diritti umani]

All'indomani del voto con il quale il 23 marzo del 2005 il Senato approvo'
la riforma costituzionale voluta da Berlusconi e da Bossi, il Cavaliere ebbe
a fare la seguente dichiarazione: "Non capisco perche' Prodi si lamenta. Se
fosse sicuro di vincere le elezioni del 2006 dovrebbe rallegrarsi perche'
gli ho preparato un premierato fortissimo. Se se ne lamenta e' segno che e'
sicuro di perdere". Una frase rivelatrice del retropensiero del leader di
Forza Italia per il quale la riforma dello Statuto va valutata col metro del
tornaconto personale in termini di potere. Una sortita che non lascia dubbi
sugli obiettivi che Berlusconi si prefiggeva: la istituzione di una sorta di
monarchia elettiva e la realizzazione - per dirla con Umberto Eco - di un
regime "populista-mediatico" incentrato sulla persona del premier. Ora,
avendo invece il centrosinistra vinto le elezioni politiche dell'aprile
scorso, e' forse scongiurato il pericolo che possa essere portato ad
attuazione siffatto disegno? Non di certo, perche' il Cavaliere, contando
anche sulla ristretta maggioranza di cui l'Unione dispone al Senato, punta
con tutte le sue forze a far cadere quanto prima il governo Prodi e a
riconquistare la maggioranza per tornare a Palazzo Chigi. Un progetto
destabilizzante nel difficile momento che attraversa il Paese, che c'e' da
augurarsi venga bloccato dal senso di responsabilita' e dalla compattezza
della maggioranza.
Ma, quali che siano le chance che Berlusconi ha di tornare subito al
governo, la riforma costituzionale costituisce comunque un pericolo per la
nostra democrazia perche' costruisce un assetto monistico del potere ed
infligge un duro colpo ad un ordinamento costituzionale che assume come
struttura portante della nostra democrazia il principio di uguaglianza e
quello di universalita' e inviolabilita' dei diritti fondamentali. E sul
versante del rapporto con gli altri Stati, non solo ripudia la guerra ma
anche qualsiasi politica di dominio affermando il primato del diritto
internazionale e puntando a fare del nostro Paese una "grande potenza di
pace".
La riforma delle destre simuove invece in una opposta direzione perche'
attribuisce al premier poteri esorbitanti compreso quello di sciogliere a
suo piacimento la Camera, disegna un governo personale del primo ministro
non in linea col moderno costituzionalismo, rimuove la centralita' del
Parlamento rendendo anche farraginosa la produzione legislativa ed
istituendo un Senato slegato da qualsiasi pur tenue rapporto di fiducia col
governo, mortifica il ruolo del Presidente della Repubblica riducendone la
funzione di garanzia, intacca l'autonomia della Corte Costituzionale e del
Consiglio Superiore della Magistratura.
Ma la riforma fa di piu': subordinando nella sostanza la funzione
legislativa del Parlamento ai voleri del premier, incide negativamente sulle
liberta' e sui diritti sanciti dalla prima parte della Costituzione, quella
formalmente non toccata dalla riforma medesima. Ed e' inoltre destinata a
consolidare, centralizzando e personalizzando il potere, la non corretta
interpretazione dell'articolo 11 dello Statuto utilizzata per mascherare con
finalita' umanitarie interventi armati del nostro Paese del tutto estranei
all'ambito strettamente difensivo.
Va allora rilevato con amarezza che la crucialita' per le sorti del Paese
del prossimo referendum costituzionale non e' stata adeguatamente colta dal
centrosinistra durante la recente campagna elettorale e tarda ancora oggi ad
essere appieno percepita.
Certo e' giusto che vi sia la dovuta attenzione alla elezione delle massime
cariche dello Stato ed alla formazione del nuovo governo, ma non dovrebbe
sfuggire che nulla e' piu' importante dell'impegno rivolto a scongiurare un
esito del vicino referendum che possa aprire la strada a pericolose
avventure.
Il "popolo sovrano", fatto in prevalenza di cittadini senza privilegi e di
lavoratori sempre meno tutelati, non ha alcun interesse a stravolgere il
nostro ordinamento ma ha un interesse opposto, quello che la Costituzione
venga finalmente applicata per promuovere uno sviluppo ispirato dalla
giustizia e sorretto dalla solidarieta' ed un progresso che non sia piu'
insidiato dagli squilibri sociali e dai fenomeni degenerativi del recente e
meno recente passato.
Mentre si avvicina il referendum le anestesie indotte dal berlusconismo per
addormentare la reattivita' democratica contro la riforma costituzionale
sono assai pericolose come e' rischioso il prevedibile alternato ricorso
dell'onorevole Berlusconi a manovre destabilizzanti ed a strumentali
aperture. C'e' poi in certi quartieri alti del centrosinistra un torpore che
puo' essere causa di irreparabili danni. E' allora tempo di scuotersi e di
chiamare a raccolta tutte le forze democratiche, comprese quelle che a
destra hanno accettato la devastante riforma "turandosi il naso".

4. RIFLESSIONE. FRANCESCO PARDI: VERSO IL REFERENDUM
[Dal quotidiano "Il manifesto" del 30 maggio 2006. Francesco "Pancho" Pardi,
docente universitario, impegnato nel "Laboratorio per la democrazia" di
Firenze, e' stato tra gli animatori del movimento detto "dei girotondi". Ci
sia concessa minima una glossa: non ci persuade il reiterato proporre da
parte di molti la presenza in televisione come panacea: in quanto tale la
televisione e' nemica della democrazia. E non ci persuade l'appello da parte
di molti ai leader della coalizione di partiti detta dell'Unione: il fatto
che abbiamo necessariamente votato per quella coalizione per sconfiggere il
blocco eversivo berlusconiano alle elezioni non significa che ci si possa
fare illusioni sulle oligarchie che quelle macchine politiche dominano, le
cui malefatte - e le cui complicita' con l'eversione dall'alto di cui
Berlusconi e' punta di lancia - ci sono ahinoi ben note: resta solo, come
sempre, il lavoro politico ed educativo dal basso, di massa, per le strade e
per le case; resta solo, come sempre, la democrazia come massimo possibile
di partecipazione di tutte e tutti alla discussione comune di cio' che tutte
e tutti riguarda, alla deliberazione comune su cio' che tutte e tutti
concerne (p. s.)]

L'esito del referendum sulla riforma costituzionale e' tutt'altro che
scontato. La vittoria del no e' decisiva per la democrazia, ma quanti sanno
che ci sara' il referendum e in quale data e con quale quesito? Puo'
sorprendere, ma perfino nel popolo delle primarie, tra quelli che fecero la
coda per votare, abbonda l'ignoranza. Se gliene parlate si accendono
d'interesse ma cio' stesso dimostra che ne avevano cognizione imprecisa.
Vogliono leggere qualcosa di chiaro, chiedono spiegazioni, ma intanto non
sapevano, o almeno non abbastanza.
Si puo' affrontare in queste condizioni un referendum cosi' insidioso? Con
procedura incostituzionale (l'articolo 138 usato per cambiare in blocco piu'
di 50 articoli, invece che per fissare circoscritte correzioni a singoli
articoli), il centrodestra ha imposto in Parlamento una deformazione
dell'intera seconda parte della Carta, con evidenti conseguenze anche sui
principi della prima parte. La devoluzione alle Regioni dei poteri su
sanita' e scuola produrra' disuguaglianza tra i cittadini. Il bicameralismo
perfetto sara' sostituito da un tricameralismo incasinato. Il Presidente
della Repubblica privato dei suoi poteri decisivi. Gli stessi poteri
attribuiti al futuro premier, che con lo scioglimento della Camera potra'
ricattare la sua stessa maggioranza e godra' di una potesta' assoluta,
confortato dall'acquiescenza di una Corte costituzionale addomesticata e
limitato solo dall'impossibilita' di sciogliere il Senato. Se passa questa
riforma l'Italia non sara' piu' una repubblica parlamentare e la sua
democrazia sara' incrinata in modo irrimediabile.
Non e' una catastrofe che giunga inaspettata. La prima assemblea pubblica di
allarme per la Costituzione e' stata tenuta a Firenze il primo marzo 2003,
con la presenza del Presidente Scalfaro e dei costituzionalisti Elia,
Pizzorusso, Allegretti e Grassi. E' cominciata li' l'avventura dei
costituzionalisti di strada che hanno aperto la lotta per la difesa della
Carta. Poi e' venuta Liberta' e Giustizia, poi tante esperienze di base,
come la Carovana per la Costituzione, poi tutte le forze si sono unite nel
comitato nazionale presieduto da Scalfaro, sostenuto dall'Arci e dalla
partecipazione di esponenti sindacali. Sono anni ormai che queste forze si
adoperano per parlare ai cittadini, senza tacere neanche i problemi piu'
delicati, come la mancata attuazione delle intenzioni progressive contenute
nella Carta.
Ma il compito e' impari. Con la sua potenza mediatica l'allora maggioranza
ha attribuito al proprio intento demolitore la nobilta' di un disegno
moderno e innovativo, mentre ha identificato come sterili conservatori i
difensori della Costituzione.
E invece di rivendicare la piena attuazione dei suoi principi fondamentali
non pochi esponenti dell'Unione sono stati ansiosi di apparire a loro volta
innovatori e hanno fatto a gara nell'immaginare modifiche costituzionali,
soprattutto in direzione di un rafforzamento dell'esecutivo.
A distanza di un mese scarso dal voto la situazione e' difficile. L'Unione
ha vinto le elezioni, ma la televisione continua a servire il padrone
precedente, che punta apertamente, e con stile sovversivo, a una rivincita
immediata. La Lega portera' al voto tutti i suoi perche' con la devolution
imprime il proprio marchio sulla legislatura. An condivide con Forza Italia
l'opzione per il premierato assoluto come soluzione agli impacci della
democrazia. E dalla nostra parte, invece di contrapporre il piu' deciso dei
no, alcuni sostengono l'approccio leggero, come ha scritto Sartori, di un
"ni" pieno di riserve e di aperture a nuove modifiche da concordare col
centrodestra. Strana logica per affrontare una battaglia decisiva.
Noi costituzionalisti di strada abbiamo fatto e continuiamo a fare assemblee
pubbliche in tutta Italia, dovunque veniamo chiamati dai gruppi della
cittadinanza attiva. Ma almeno nell'ultimo mese e' necessario andare in
televisione tutti i giorni. Noi sapremmo benissimo che cosa dire ma non
abbiamo accesso. Ora c'e' un primo sondaggio sull'affluenza al voto e
contraddice gli ottimisti che pensavano di aver gia' vinto: 27 al si' e solo
29 al no. Si puo' sperare che la paura cacci l'illusione e spinga al massimo
dell'impegno?
L'Unione deve ottenere che la campagna referendaria entri tutte le sere
nelle reti pubbliche e deve mandare a sostenere le ragioni del no solo chi
ne ha la piu' ferma persuasione ed e' intenzionato a battersi nel modo piu'
opportuno per informare e convincere gli incerti. Da parte loro, i
sostenitori del "ni" potrebbero, fino al 25-26 giugno, dare prova della
massima discrezione.

5. DOCUMENTAZIONE. GUGLIELMO EPIFANI: UN APPELLO PER IL REFERENDUM
[Da varie persone amiche riceviamo e volentieri diffondiamo. Guglielmo
Epifani e' segretario generale della Cgil. Ci sia consentita minima una
glossa: Ci sembra ahinoi debole la posizione di molti che pur prendendo
giustamente posizione per il "no" al golpe berlusconiano esitano a chiamare
le cose con il loro nome e tengono aperto piu' che uno spiraglio a modifiche
costituzionali come quelle di cui tanta parte del ceto politico da tempo va
cianciando, e che quantunque meno scellerate di quelle berlusconiane son
nondimeno sciagurate anch'esse. Ma certo quel che conta oggi e' che il "no"
al golpe piduista sia pronunciato, e prevalga (p. s.)]

Il 25 e 26 giugno i cittadini italiani saranno chiamati alle urne per
esprimersi sulla riforma costituzionale, approvata dalla maggioranza di
centrodestra del precedente parlamento.
Il referendum, previsto dalla Costituzione, consegna al popolo sovrano la
possibilita' di confermare o meno la riforma di importanti articoli della
nostra Carta.
Il centrodestra approvo' la  riforma a sola maggioranza. Il referendum
rappresenta  quindi l'occasione per dire un "no" forte e convinto a quella
riforma, a quell'idea di "devolution", a quell'idea di divisione fra poteri
che fuoriesce dai principi fissati dalla Costituzione, frutto della lotta di
Resistenza e segno della riconquistata liberte' dell'Italia.
La Costituzione rappresenta l'identita' collettiva di un popolo e deve
quindi scaturire  da una condivisione ampia. Il centrodestra, invece, ha
scelto di modificare da solo e in profondita' la nostra  Carta,
stravolgendone i principi ispiratori.
I cambiamenti introdotti minacciano l'universalita' di diritti fondamentali
con la devoluzione, accentuano le differenziazioni fra zone ricche e povere
del paese, attaccano la coesione e l'unita' nazionale, riducono le garanzie
costituzionali, incidono  pesantemente sui principi e i valori fondamentali
della Carta, smantellando di fatto i fondamenti della Costituzione
repubblicana.
60 anni fa il paese con l'Assemblea costituente mise il primo mattone della
nostra  Costituzione. A tanti anni di distanza essa e' piu' moderna che mai.
La sua prima parte mantiene inalterato il suo valore, soprattutto in
quell'articolo 1 a noi tanto caro, perche' richiama il contributo
fondamentale che i lavoratori hanno dato alla riconquista della liberta' e
alla liberazione dalla dittatura nazifascista. Alcune altre parti possono
essere riformate e corrette: piu' poteri alle regioni, ma con la
cooperazione, non con la divisione; nuovo impulso al federalismo fiscale,
non dimenticando mai quelle parti del paese che hanno meno reddito. Ritocchi
alle prerogative e ai poteri del Capo del Governo, ma senza ridurre i poteri
di garanzia del Presidente della Repubblica, il ruolo e la  centralita' del
Parlamento. Non colpire l'autonomia, la funzione della Magistratura,  la
liberta' e l'indipendenza dei  magistrati,  perche' l'equilibrio dei poteri
e' la garanzia di ogni democrazia e di ogni liberta'.
C'e' bisogno in questi ambiti di una manutenzione riformatrice, che deve
essere fatta dall'insieme delle forze politiche e sociali, per porre fine ad
una troppo lunga transizione istituzionale.
Dire "no" al referendum rappresenta una scelta di unita', per gli interessi
superiori  del paese, per la tutela dei diritti, per l'estensione delle
tutele, garanzie di uno stato moderno, inclusivo e che fa della coesione
sociale un motore per la crescita e lo sviluppo.
La  Cgil, da sempre, e' impegnata nel sostenere la partecipazione del voto
popolare,  segno di un diritto inalienabile e riconoscimento per le
battaglie che hanno teso alla conquista di questo diritto.
Il referendum, a cui i cittadini, i lavoratori, i pensionati, i giovani, le
donne saranno chiamati il 25 e 26 giugno sulla riforma costituzionale deve
vedere una larghissima partecipazione e un netto risultato, necessari a
cancellare il testo approvato nella passata legislatura.
Per questo la Cgil e' impegnata fortemente, con le proprie strutture e i
propri militanti, ad  un  impegno  straordinario, insieme al Comitato
unitario per la difesa della Costituzione, presieduto dal Presidente
Scalfaro, insieme a Cisl e Uil, perche' possa consolidarsi il cambiamento
che il paese merita.
Il 25 e 25 giugno, votiamo "no" al referendum.
Per un'Italia piu' unita, piu' solidale, piu' coesa e piu' moderna.

6. MONDO. GIULIANA SGRENA: LA TESTIMONIANZA DI MALALAI JOYA
[Dal quotidiano "Il manifesto" del 30 maggio 2006. Giuliana Sgrena,
giornalista, intellettuale e militante femminista e pacifista tra le piu'
prestigiose, e' tra le maggiori conoscitrici italiane dei paesi e delle
culture arabe e islamiche; autrice di vari testi di grande importanza, e'
stata inviata del "Manifesto" a Baghdad, sotto le bombe, durante la fase
piu' ferocemente stragista della guerra tuttora in corso. A Baghdad e' stata
rapita il 4 febbraio 2005; e' stata liberata il 4 marzo, sopravvivendo anche
alla sparatoria contro l'auto dei servizi italiana in cui viaggiava ormai
liberata, sparatoria in cui e' stato ucciso il suo liberatore Nicola
Calipari. Opere di Giuliana Sgrena: (a cura di), La schiavitu' del velo,
Manifestolibri, Roma 1995, 1999; Kahina contro i califfi, Datanews, Roma
1997; Alla scuola dei taleban, Manifestolibri, Roma 2002; Il fronte Iraq,
Manifestolibri, Roma 2004; Fuoco amico, Feltrinelli, Milano 2005]

Gli occhi neri sperduti, a volte assenti, la dura esperienza ha espropriato
Malalai Joya, deputata afghana, della sua gioventu', ma questo non le
impedisce di accennare un sorriso. Forse a Roma, dove e' di passaggio, nella
quiete della Casa internazionale, insieme alle Donne in nero e accolta in
parlamento da alcuni deputati, puo' abbassare per un momento la guardia.
Figlia di un aspirante medico costretto a interrompere gli studi per
diventare un mujaheddin, combattente contro l'Armata rossa che aveva
occupato l'Afghanistan, Malalai e' cresciuta in campi profughi, prima in
Iran e poi in Pakistan. Finche' il padre, nel 1998, non decise di tornare
nel suo paese, a Herat. E con i taleban la vita non e' stata meno umiliante.
Anzi.
Dopo la caduta del regime fondamentalista e' tornata nella sua citta' di
Farah convinta a lavorare con le donne per permettere loro di riscattarsi da
un passato di totale repressione. Come direttrice dell'Organizzazione per la
promozione della capacita' delle donne afghane (Opawc) si e' impegnata nel
campo dell'istruzione, della sanita' e del lavoro per le donne. Un impegno
riconosciuto dalla sua gente che l'ha eletta deputata alla Loya jirga (il
parlamento afghano) con il voto del settembre scorso. A 28 anni, sposata con
uno studente di agronomia, e' diventata la peggiore nemica dei signori della
guerra che siedono nella Loya jirga. E per questo e' stata minacciata piu'
volte di morte ed e' gia' sfuggita a quattro tentativi di assassinarla. Ora
gira con la scorta e cambia ogni notte il letto dove dormire.
L'ultimo attacco l'ha subito in parlamento il 7 maggio quando stava facendo
una distinzione tra i mujaheddin che hanno combattuto per la democrazia e
coloro che hanno commesso solo crimini e hanno distrutto Kabul. E' stata
insultata ("prostituta"), aggredita e picchiata cosi' come i deputati che la
proteggevano e un giornalista. Qualche parlamentare ha anche urlato di
violentarla. Perche' non ha peli sulla lingua: "In Afghanistan ci troviamo
in mezzo a due fuochi, da una parte i criminali fondamentalisti
dell'Alleanza del Nord pagati e protetti dagli Stati Uniti e dall'altra i
taleban e al Qaeda, terroristi-fondamentalisti appoggiati da diversi regimi,
anch'essi fondamentalisti. Il parlamento e' dominato dai narcotrafficanti.
Nelle tasche dei signori della guerra sono finiti anche i 12 miliardi di
dollari ricevuti per la ricostruzione del paese e i 10 miliardi di dollari
stanziati dalla recente conferenza dei paesi donatori di Londra. Intanto il
paese e' come se fosse stato sconvolto dallo tsunami: ogni giorno muoiono
700 bambini sotto i cinque anni e 60-70 donne di parto, per mancanza di
cibo, servizi e freddo. In Badakhshan (regione del nord del paese, ndr) c'e'
la piu' alta mortalita' infantile e di donne del mondo. La disoccupazione
raggiunge il 40 per cento. Per non parlare di giustizia: una ragazza di 14
anni e' stata lapidata perche' accusata di adulterio. La Corte suprema e'
nelle mani di uomini medioevali, appartenenti ai gruppi piu' fondamentalisti
di Gulbuddin Hekmatyar e Abdul Rasul Sayyaf. E personale delle Ong e
dell'Onu e' stato rapito sotto gli occhi dei 6.000 soldati dell'Isaf".
Malalai Joya e' arrivata in Italia proveniente dalla Spagna dove ha
partecipato a un seminario sulla presenza delle truppe in Afghanistan, e'
riuscita ad avere un invito nonostante la delegazione del governo afghano si
opponesse alla sua partecipazione. Per sostenere che cosa? "Il popolo
afghano ha bisogno di quella sicurezza che non potra' avere finche' al
potere ci saranno i signori della guerra. In Afghanistan non c'e' legge.
L'Isaf potrebbe avere un ruolo positivo se fosse indipendente dagli Usa e
dalla politica americana, ma finora non lo e' stata. E gli Stati Uniti hanno
sempre appoggiato i fondamentalisti: prima i taleban e poi l'Alleanza del
nord. Il nostro problema e' simile a quello dell'Iraq ma quando si parla di
Afghanistan si vuol far credere che la' c'e' la democrazia".

7. RIFLESSIONE. GIULIO VITTORANGELI: DEL FATALISMO E DEL CINISMO ANCORA
[Ringraziamo Giulio Vittorangeli (per contatti: g.vittorangeli at wooow.it) per
questo intervento. Giulio Vittorangeli e' uno dei fondamentali collaboratori
di questo notiziario; nato a Tuscania (Vt) il 18 dicembre 1953, impegnato da
sempre nei movimenti della sinistra di base e alternativa, ecopacifisti e di
solidarieta' internazionale, con una lucidita' di pensiero e un rigore di
condotta impareggiabili; e' il responsabile dell'Associazione
Italia-Nicaragua di Viterbo, ha promosso numerosi convegni ed occasioni di
studio e confronto, ed e' impegnato in rilevanti progetti di solidarieta'
concreta; ha costantemente svolto anche un'alacre attivita' di costruzione
di occasioni di incontro, coordinamento, riflessione e lavoro comune tra
soggetti diversi impegnati per la pace, la solidarieta', i diritti umani. Ha
svolto altresi' un'intensa attivita' pubblicistica di documentazione e
riflessione, dispersa in riviste ed atti di convegni; suoi rilevanti
interventi sono negli atti di diversi convegni; tra i convegni da lui
promossi ed introdotti di cui sono stati pubblicati gli atti segnaliamo, tra
altri di non minor rilevanza: Silvia, Gabriella e le altre, Viterbo, ottobre
1995; Innamorati della liberta', liberi di innamorarsi. Ernesto Che Guevara,
la storia e la memoria, Viterbo, gennaio 1996; Oscar Romero e il suo popolo,
Viterbo, marzo 1996; Il Centroamerica desaparecido, Celleno, luglio 1996;
Primo Levi, testimone della dignita' umana, Bolsena, maggio 1998; La
solidarieta' nell'era della globalizzazione, Celleno, luglio 1998; I
movimenti ecopacifisti e della solidarieta' da soggetto culturale a soggetto
politico, Viterbo, ottobre 1998; Rosa Luxemburg, una donna straordinaria,
una grande personalita' politica, Viterbo, maggio 1999; Nicaragua: tra
neoliberismo e catastrofi naturali, Celleno, luglio 1999; La sfida della
solidarieta' internazionale nell'epoca della globalizzazione, Celleno,
luglio 2000; Ripensiamo la solidarieta' internazionale, Celleno, luglio
2001; America Latina: il continente insubordinato, Viterbo, marzo 2003. Per
anni ha curato una rubrica di politica internazionale e sui temi della
solidarieta' sul settimanale viterbese "Sotto Voce" (periodico che ha
cessato le pubblicazioni nel 1997). Cura il notiziario "Quelli che
solidarieta'"]

Sono pochissimi quelli che affermano apertamente che la guerra e' una buona
cosa. La maggioranza delle persone deplora questo strumento. Tuttavia, in
nome del realismo, si ritiene che "in certe circostanze...", "a certe
condizioni...", "entro certi limiti...", "esercitando una certa
responsabilita'...", sia inevitabile.
E' stato cosi' dopo l'11 settembre 2001. E' stato cosi' precedentemente, nel
1999, nella ex-Jugoslavia. Prima ancora nel 1991, al tempo della prima
guerra del Golfo contro l'Iraq.
Alla base c'e' la convinzione radicata che se la guerra e' "misurata e
controllata" puo' essere "funzionale" o "accettabile"; che la violenza, che
ne consegue, sia controllabile o quanto meno indirizzabile.
Quindi si fa la guerra perche' si ha la speranza di poter gestire e dominare
la violenza che ne consegue. Prevale la convinzione che la guerra possa
rimanere mezzo, strumento, ovvero che non prenda il sopravvento e che non si
ritorca contro se stessi. Fondamentalmente alla base c'e' l'illusione della
capacita' di controllo della violenza. Si crede, o si finge di credere, che
si esercitera' soltanto la violenza "necessaria", la violenza "legittima",
ovvero la violenza razionale, proporzionata al fine.
Naturalmente non e' cosi'. Nella guerra la violenza segue dei meccanismi
propri che tendono all'assuefazione, all'escalation, allo scatenamento
ulteriore.
Ogni guerra dimostra che la violenza, una volta scatenata, non e' affatto
controllabile.
Invece si vuole far credere che nel riconoscimento e nell'accettazione della
guerra vi sia un elemento di realismo, di pragmatismo politico.
*
Quanto al realismo, tutti i giorni, ovunque, ascoltiamo l'elogio
dell'opportunismo e l'identificazione del realismo con il cinismo; il
realismo che obbliga a sgomitare e proibisce l'abbraccio, il realismo del
tutto fa brodo e del si salvi chi puo', e se non puoi crepa.
Riprendendo le parole di Eduardo Galeano, il realismo anche del fatalismo:
"Il piu' fottuto dei molti fantasmi che, oggigiorno, minacciano i nuovi
governi progressisti dell'America Latina. Il fatalismo, perversa eredita'
coloniale, che ci obbliga a credere che la realta' puo' essere ripetuta ma
non puo' essere cambiata; che quel che e' stato e' e sara', che domani e'
solo un altro nome di oggi".
*
Esiste anche un realismo tutto italiano, bipartisan, che tende a fare della
nostra "Italietta" un paese dove la politica e' esclusivo appannaggio (come
ai bei tempi) degli addetti ai lavori. Addetti ai lavori, che per realismo,
lasciano che le nostre carceri possano esplodere da un momento all'altro.
"Le cause del sovraffollamento, che ha toccato ormai le 62.000 presenze,
hanno in gran parte origine da due leggi criminogene, quella sulle droghe e
quella sull'immigrazione. I dati del 2005 sono eloquenti: 89.887 ingressi
negli istituti penitenziari; 26.061 per violazione della legge sugli
stupefacenti; 13.654 per violazione della legge sull'immigrazione (l'84% e'
relativo alla violazione delle norme sull'espulsione e addirittura 9.619
casi riguardano persone senza altri reati). Di fronte a questi numeri
davvero sconvolgenti c'e' una sola cosa da fare, oggi, non domani: abrogare
la legge proibizionista Fini-Giovanardi sulle droghe, la legge razzista
Bossi-Fini, la legge Cirielli sulla recidiva" (da "Fuoriluogo", anno VIII,
n. 5, maggio 2006).
Quel realismo di cui e' vittima il nostro centrosinistra, incapace di fare i
conti fino in fondo con il berlusconismo. Sorta di anomalia aberrante di
un'Italia dove, in vastissimi strati di popolazione, non e' mai maturata una
decente coscienza democratica e una minima etica civile, sostituiti dal
servilismo, dall'indegnita', dall'ignoranza piu' abietta, dall'assuefazione
al peggio, dall'attitudine passiva a considerare normale cio' che e'
aberrante.
Per questo Berlusconi oggi minaccia di "scatenare la piazza", forte del
consenso di milioni di teledipendenti che lo hanno votato nel 1994, nel 2001
e nel 2006. Guai a sottovalutarlo.
Nel film "Il caimano", Mister B-Moretti si allontana in auto dopo aver detto
al popolo che qualunque tipo di reazione alla sua condanna sarebbe stata
lecita (e dunque incitando alla rivolta o addirittura alla rivoluzione, ma
forse sarebbe meglio dire: alla guerra civile), e dal lunotto posteriore
della macchina vediamo alzarsi le fiamme delle molotov lanciate contro i
giudici: una visione infernale.
Per tutto questo, quell'inquadratura finale e' l'immagine che forse meglio
sintetizza i nostri anni.

8. LETTURE. CLAUDIO TUGNOLI: LA MAGNIFICA OSSESSIONE
Claudio Tugnoli, La magnifica ossessione. Il mito della vittima tra
letteratura e vangeli, Bruno Mondadori, Milano 2005, pp. 230, euro 23. Forse
il titolo e' un po' sbarazzino, invece il libro e' impegnato, acuto, degno
di una lettura attenta e di una discussione concentrata. L'autore, come e'
noto, e' uno studioso di notevole valore, persuaso un amico della
nonviolenza, pensatore originale, mai banale interprete della proposta
teoretica, esegetica, morale e antropologica svolta da Rene' Girard di
rilettura del messaggio cristiano come rottura del paradigma vittimario e
ripudio della logica sacrificale, come scelta e disvelamento della parola
nonviolenta di Dio. Tugnoli svolge un'ampia ricognizione e verifica tra
molte tradizioni culturali; come e' proprio di simili lavori alcune scelte
ed alcune interpretazioni possono essere discusse, ma forse proprio questo
e' il merito maggiore di opere siffatte: di convocare a un piu' severo
esercizio della virtu' dell'attenzione in un colloquio corale che non si
acconci all'ovvio e all'alienato, ma voglia vedere con piu' chiarezza,
discutere con piu' amore alla verita'.

9. RIEDIZIONI. VITTORIO ALFIERI: OPERE
Vittorio Alfieri, Opere, Biblioteca Treccani - Il Sole 24 ore, Milano 2006,
pp. CXVIII + 566, euro 12,90 (in suppl. a "Il sole 24 ore"). Dalla classica
Letteratura Italiana Ricciardi una selezione delle opere alfieriane
introdotta e scelta da Mario Fubini, curata e commentata da Arnaldo Di
Benedetto. La Vita, alcune minuzie, l'Ottavia  e la Congiura de' Pazzi. Che
dirne ancora? Colascionate di un ostinato versificatore, deflagrazioni di un
molto imbarazzante narcisista, incessanti esercitazioni di grafomania del
peggiore dei migliori del secolo peggiore della migliore letteratura
italiana (e che Walter Binni mi perdoni). Eppure. Eppure ancora ci parla
Vittorio Alfieri. Fatta la tara delle goffaggini, della nevrosi, delle
fanfaronate, delle cialtronerie, dei tentativi candidi di risarcirsi delle
ferite piu' profonde, e della famelica Wille che a morsi lo sbrana,
m'inganno o avverto - quasi soffocata da tanta retorica maldigerita e da una
fin penosa mancanza d'orecchio musicale - una voce di liberta', una voce di
verita', una voce indignata che chiama alla lotta contro ogni oppressione?
Son io che vi proietto quest'esortazione libertaria autentica e non solo
esibita o essa vibra davvero costi'? Davvero essa vibra in questi faticosi
versi, davvero essa parla in questa prosa meccanica e rugginosa, davvero
anche questo insopportabile Vittorio Alfieri - quando smette di
alfiereggiare, quando il gigione che rimbalza e tambureggia e
l'aristocratico che incede rimbombando per un attimo si smarriscono, e in
pena e sudore, fatica e rabbia, vien fuori il piu' profondo suo ecce homo -,
allora si', anche questo Vittorio Alfieri e' uno dei nostri, compagni.

10. RIEDIZIONI. GALILEO GALILEI: OPERE
Galileo Galilei, Opere, Biblioteca Treccani - Il Sole 24 ore, Milano 2006,
pp. XLII + 678, euro 12,90. Dalla classica Letteratura Italiana Ricciardi
una scelta degli scritti galileiani a cura di Ferdinando Flora, con il
Sidereus nuncius, Il Saggiatore, le Giornate prima e quarta del Dialogo dei
massimi sistemi, e una selezione dell'epistolario. Non solo un grande
scienziato, ma anche un grande scrittore, e uno scrittore civile - assai
pochi in verita' in Italia ce ne sono stati tra Dante, Leopardi e Gramsci -.
E a chi intendesse oprare un primo accostamento consiglieremmo anche quella
ben contesta antologia scolastica curata da Sofia Vanni Rovighi per La
scuola, la Vita scritta da Antonio Banfi, e naturalmente (ma da leggere cum
grano salis) quell'indimenticabile piece brechtiana (che insieme alle Mani
sporche di Sartre e I fisici di Duerrenmatt costituisce un ottimo esempio di
teatro didattico e dialettico, tale che durante le rappresentazioni, come
disse una volta - se la memoria non ci inganna - Raniero Panzieri a
proposito de L'opera da tre soldi, ti vien voglia di alzarti in piedi e
chiedere che la recita si fermi per poter cominciare tutti - spettatori,
attori e maestranze - a discutere, appassionatamente discutere dei nostri
comuni problemi e compiti).

11. RIEDIZIONI. ARTHUR KOESTLER: I GLADIATORI
Arthur Koestler, I gladiatori, Il saggiatore, Milano 2002, Editoriale Diario
2006, pp. 318, euro 7. Il romanzo in cui Koestler - l'autore, come e' noto,
di Buio a mezzogiorno - racconta (ricostruisce, immagina, interpreta) la
prima grande rivolta contro la schiavitu'.

12. RIEDIZIONI. ITALO PIETRA: MATTEI
Italo Pietra, Mattei. La pecora nera, Sugarco, Milano 1987, Gruppo
editoriale L'Espresso, Roma 2006, pp. 300, euro 9,90 (in suppl. al
quotidiano "La Repubblica). La biografia di Enrico Mattei scritta da un
grande giornalista (che fu comandante partigiano). Con prefazione di Mario
Pirani.

13. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO
Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale
e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale
e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae
alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo
scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il
libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.
Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:
1. l'opposizione integrale alla guerra;
2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali,
l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di
nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza
geografica, al sesso e alla religione;
3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e
la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e
responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio
comunitario;
4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono
patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e
contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.
Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto
dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna,
dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.
Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione,
la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la
noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione
di organi di governo paralleli.

14. PER SAPERNE DI PIU'
* Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per
contatti: azionenonviolenta at sis.it
* Indichiamo il sito del MIR (Movimento Internazionale della
Riconciliazione), l'altra maggior esperienza nonviolenta presente in Italia:
www.peacelink.it/users/mir; per contatti: mir at peacelink.it,
luciano.benini at tin.it, sudest at iol.it, paolocand at libero.it
* Indichiamo inoltre almeno il sito della rete telematica pacifista
Peacelink, un punto di riferimento fondamentale per quanti sono impegnati
per la pace, i diritti umani, la nonviolenza: www.peacelink.it; per
contatti: info at peacelink.it

LA NONVIOLENZA E' IN CAMMINO

Foglio quotidiano di approfondimento proposto dal Centro di ricerca per la
pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Numero 1313 del primo giugno 2006

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

Per non riceverlo piu':
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su
"subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196
("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing
list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica
alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004
possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web:
http://lists.peacelink.it/nonviolenza/maillist.html

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la
redazione e': nbawac at tin.it