[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Minime. 9



NOTIZIE MINIME DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 9 del 23 febbraio 2007

Notizie minime della nonviolenza in cammino proposte dal Centro di ricerca
per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Sommario di questo numero:
1. Peppe Sini: Due banalita' e una grave questione
2. Hannah Arendt: Il momento
3. Rosa Luxemburg: Nella barbarie
4. Simone Weil: La regola dello specchio
5. Letture. Peter Gomez, Marco Travaglio, E continuavano a chiamarlo
Impunita'
6. Ristampe: Collodi, Opere
7. Riedizioni: Umberto Galimberti, Psichiatria e fenomenologia
8. La "Carta" del Movimento Nonviolento
9. Per saperne di piu'

1. EDITORIALE. PEPPE SINI: DUE BANALITA' E UNA GRAVE QUESTIONE

"Andai dal rabbino per farmi consigliare. Disse: 'E' scritto, meglio essere
stupidi per tutta la vita che malvagi per un'ora soltanto. Tu non sei uno
sciocco. Gli sciocchi sono loro. Poiche' colui che costringe il suo simile a
vergognarsi, perde il Paradiso'"
(Isaac Bashevis Singer, Gimpel l'idiota, Mondadori, Milano 1980, p. 31)

La prima banalita': mi scrivono alcuni giovani stalinisti per rivolgermi
nientepopodimenoche' l'accusa di "aver fatto cadere il governo".
Ohibo', io ho solo votato per la coalizione del cosiddetto centrosinistra
alle elezioni politiche dello scorso aprile (e l'ho votata solo perche' era
il solo modo adeguato e necessitato in quella specifica circostanza per
opporsi all'eversione berlusconiana, e non perche' avessi qualche fiducia o
riponessi qualche speranza nel ceto politico di cui la coalizione del
cosiddetto centrosinistra si componeva e nelle ideologie e prassi ivi
dominanti): nell'impasse attuale governo e maggioranza ci si sono messi da
soli con i loro machiavellismi degli stenterelli che hanno sortito il
bell'effetto di proseguire nel decisivo ambito internazionale la politica
berlusconiana, guerriera e razzista dopo essere stati eletti con i voti di
chi si opponeva all'eversione berlusconiana, alla guerra assassina, al
razzismo infame.
*
La seconda banalita': e adesso? il governo ha sempre la sua maggioranza
parlamentare (risicatissima, certo, al senato); Prodi ha voluto fare lo
sciocco ed irragionevole gesto delle dimissioni (e diciamo sciocco e
irragionevole per mero eufemismo: a nessuno sfugge che col consenso del
premier e dei capibastone della coalizione il Ministro degli Esteri ancora
una volta ha tentato di ricattare tutti i senatori della coalizione e di
imporre erga omnes la guerra, l'imperialismo e il militarismo come fulcro
della politica internazionale del nostro paese, in flagrante violazione
della legalita' costituzionale: il personaggio non e' nuovo a simili gesti,
chi scrive queste righe non dimentica il contributo del governo D'Alema ai
massacri nei Balcani); ebbene, Prodi ottenga il reincarico e torni a
governare, e governi sia cercando di riflettere nella misura del possibile
le ragioni e le richieste di chi ha votato la sua coalizione, sia finalmente
attenendosi rigorosamente al dettato costituzionale che gia' ha
reiteratamente palesemente violato sia quando legifero' la riapertura in
Italia dei campi di concentramento (con la legge Turco-Napolitano varata dal
governo Prodi nove anni fa, su questo specifico punto confermata dalla
successiva - ed ancora piu' infame e razzista - legge Bossi-Fini del governo
Berlusconi che venne dopo), sia quando sei mesi fa ha deliberato la
prosecuzione della partecipazione italiana alla guerra terrorista e
stragista in Afghanistan.
Rispettare la legalita' costituzionale; rispettare la volonta' del popolo
italiano che chiede pace, sicurezza, legalita', solidarieta', difesa dei
diritti umani di tutti gli esseri umani. Non ci sembra chieder troppo.
*
Fin qui le due banalita', la grave questione e' invece la seguente.
Lo stato italiano sta tuttora partecipando alla guerra terrorista e
stragista in Afghanistan (guerra: cioe' persone uccise, tante persone
uccise - e ferite, mutilate, affamate, terrorizzate, umiliate, denegate
nella loro umanita'...); lo stato italiano sta svolgendo una politica
internazionale riarmista, militarista, bellicista e razzista; lo stato
italiano e' complice di governi che attuano politiche terroristiche (il
governo Bush, in primis) ed alimentano il terrorismo e la disperazione nel
mondo.
Qualcuno pensa che sia cosa buona questa politica internazionale?
Qualcuno pensa che fare la guerra sia una buona idea, una cosa giusta?
Qualcuno pensa che il riarmo, il militarismo, il bellicismo e il razzismo
siano una linea politica adeguata alla presente distretta dell'umanita'?
Qualcuno pensa che sia una geniale trovata essere complici di pratiche
terroristiche (le stragi di civili in Afghanistan - in spregio dell'art. 11
della Costituzione -, i rapimenti di persone in Italia da parte della Cia -
in spregio dell'art. 2 della Costituzione -, la condizione fatta ai
migranti - in spregio dell'art. 10 della Costituzione)?
O per dirla in altri termini: la guerra cessa di essere un delitto a seconda
di chi sta al governo? I crimini cessano di essere crimini a seconda di chi
sta al governo?
Cio' che stiamo discutendo e' una politica internazionale criminale. Opporsi
ad essa e' un diritto e un dovere di ogni essere umano.
Le persone che governano l'Italia anche grazie al nostro voto ci ragionino
sopra.
Con la forza della verita'.
La nonviolenza e' la via.
Vi e' una sola umanita'.

2. MAESTRE. HANNAH ARENDT: IL MOMENTO
[Da Hannah Arendt, La menzogna in politica. Riflessioni sui Pentagon Papers,
in Eadem, Politica e menzogna, Sugarco, Milano 1985, p. 90.
Hannah Arendt e' nata ad Hannover da famiglia ebraica nel 1906, fu allieva
di Husserl, Heidegger e Jaspers; l'ascesa del nazismo la costringe
all'esilio, dapprima e' profuga in Francia, poi esule in America; e' tra le
massime pensatrici politiche del Novecento; docente, scrittrice, intervenne
ripetutamente sulle questioni di attualita' da un punto di vista
rigorosamente libertario e in difesa dei diritti umani; mori' a New York nel
1975. Opere di Hannah Arendt: tra i suoi lavori fondamentali (quasi tutti
tradotti in italiano e spesso ristampati, per cui qui di seguito non diamo l
?anno di pubblicazione dell'edizione italiana, ma solo l'anno dell?edizione
originale) ci sono Le origini del totalitarismo (prima edizione 1951),
Comunita', Milano; Vita Activa (1958), Bompiani, Milano; Rahel Varnhagen
(1959), Il Saggiatore, Milano; Tra passato e futuro (1961), Garzanti,
Milano; La banalita' del male. Eichmann a Gerusalemme (1963), Feltrinelli,
Milano; Sulla rivoluzione (1963), Comunita', Milano; postumo e incompiuto e'
apparso La vita della mente (1978), Il Mulino, Bologna. Una raccolta di
brevi saggi di intervento politico e' Politica e menzogna, Sugarco, Milano,
1985. Molto interessanti i carteggi con Karl Jaspers (Carteggio 1926-1969.
Filosofia e politica, Feltrinelli, Milano 1989) e con Mary McCarthy (Tra
amiche. La corrispondenza di Hannah Arendt e Mary McCarthy 1949-1975,
Sellerio, Palermo 1999). Una recente raccolta di scritti vari e' Archivio
Arendt. 1. 1930-1948, Feltrinelli, Milano 2001; Archivio Arendt 2.
1950-1954, Feltrinelli, Milano 2003; cfr. anche la raccolta Responsabilita'
e giudizio, Einaudi, Torino 2004, e la recente Antologia, Feltrinelli,
Milano 2006. Opere su Hannah Arendt: fondamentale e' la biografia di
Elisabeth Young-Bruehl, Hannah Arendt, Bollati Boringhieri, Torino 1994; tra
gli studi critici: Laura Boella, Hannah Arendt, Feltrinelli, Milano 1995;
Roberto Esposito, L'origine della politica: Hannah Arendt o Simone Weil?,
Donzelli, Roma 1996; Paolo Flores d'Arcais, Hannah Arendt, Donzelli, Roma
1995; Simona Forti, Vita della mente e tempo della polis, Franco Angeli,
Milano 1996; Simona Forti (a cura di), Hannah Arendt, Milano 1999; Augusto
Illuminati, Esercizi politici: quattro sguardi su Hannah Arendt,
Manifestolibri, Roma 1994; Friedrich G. Friedmann, Hannah Arendt, Giuntina,
Firenze 2001; Julia Kristeva, Hannah Arendt, Donzelli, Roma 2005. Per chi
legge il tedesco due piacevoli monografie divulgative-introduttive (con
ricco apparato iconografico) sono: Wolfgang Heuer, Hannah Arendt, Rowohlt,
Reinbek bei Hamburg 1987, 1999; Ingeborg Gleichauf, Hannah Arendt, Dtv,
Muenchen 2000]

Arriva sempre il momento in cui la menzogna si rivela controproducente.

3. MAESTRE. ROSA LUXEMBURG: NELLA BARBARIE
[Da Rosa Luxemburg, La crisi della socialdemocrazia, in Eadem,Scritti
politici, Editori Riuniti, Roma 1967, 1976, p. 447.
Rosa Luxemburg, 1871-1919, e' una delle piu' limpide figure del movimento
dei lavoratori e dell'impegno contro la guerra e contro l'autoritarismo.
Assassinata, il suo cadavere fu gettato in un canale e ripescato solo mesi
dopo; ci sono due epitaffi per lei scritti da Bertolt Brecht, che suonano
cosi': Epitaffio (1919): "Ora e' sparita anche la Rosa rossa, / non si sa
dov'e' sepolta. / Siccome ai poveri ha detto la verita' / i ricchi l'hanno
spedita nell'aldila'"; Epitaffio per Rosa Luxemburg (1948): "Qui giace
sepolta / Rosa Luxemburg / Un'ebrea polacca / Che combatte' in difesa dei
lavoratori tedeschi, / Uccisa / Dagli oppressori tedeschi. Oppressi, /
Seppellite la vostra discordia". Opere di Rosa Luxemburg: segnaliamo almeno
due fondamentali raccolte di scritti in italiano: Scritti scelti, Einaudi,
Torino 1975, 1976; Scritti politici, Editori Riuniti, Roma 1967, 1976 (con
una ampia, fondamentale introduzione di Lelio Basso). Opere su Rosa
Luxemburg: Lelio Basso (a cura di), Per conoscere Rosa Luxemburg, Mondadori,
Milano 1977; Paul Froelich, Rosa Luxemburg, Rizzoli, Milano 1987; P. J.
Nettl, Rosa Luxemburg, Il Saggiatore 1970; Daniel Guerin, Rosa Luxemburg e
la spontaneita' rivoluzionaria, Mursia, Milano 1974; AA. VV., Rosa Luxemburg
e lo sviluppo del pensiero marxista, Mazzotta, Milano 1977]

Questa guerra mondiale - ecco un regresso nella barbarie.

4. MAESTRE. SIMONE WEIL: LA REGOLA DELLO SPECCHIO
[Da Simone Weil, Quaderni III, Adelphi, Milano 1988, p. 370.
Simone Weil, nata a Parigi nel 1909, allieva di Alain, fu professoressa,
militante sindacale e politica della sinistra classista e libertaria,
operaia di fabbrica, miliziana nella guerra di Spagna contro i fascisti,
lavoratrice agricola, poi esule in America, infine a Londra impegnata a
lavorare per la Resistenza. Minata da una vita di generosita', abnegazione,
sofferenze, muore in Inghilterra nel 1943. Una descrizione meramente esterna
come quella che precede non rende pero' conto della vita interiore della
Weil (ed in particolare della svolta, o intensificazione, o meglio ancora:
radicalizzazione ulteriore, seguita alle prime esperienze mistiche del
1938). Ha scritto di lei Susan Sontag: "Nessuno che ami la vita vorrebbe
imitare la sua dedizione al martirio, o se l'augurerebbe per i propri figli
o per qualunque altra persona cara. Tuttavia se amiamo la serieta' come
vita, Simone Weil ci commuove, ci da' nutrimento". Opere di Simone Weil:
tutti i volumi di Simone Weil in realta' consistono di raccolte di scritti
pubblicate postume, in vita Simone Weil aveva pubblicato poco e su periodici
(e sotto pseudonimo nella fase finale della sua permanenza in Francia stanti
le persecuzioni antiebraiche). Tra le raccolte piu' importanti in edizione
italiana segnaliamo: L'ombra e la grazia (Comunita', poi Rusconi), La
condizione operaia (Comunita', poi Mondadori), La prima radice (Comunita',
SE, Leonardo), Attesa di Dio (Rusconi), La Grecia e le intuizioni
precristiane (Rusconi), Riflessioni sulle cause della liberta' e
dell'oppressione sociale (Adelphi), Sulla Germania totalitaria (Adelphi),
Lettera a un religioso (Adelphi); Sulla guerra (Pratiche). Sono fondamentali
i quattro volumi dei Quaderni, nell'edizione Adelphi curata da Giancarlo
Gaeta. Opere su Simone Weil: fondamentale e' la grande biografia di Simone
Petrement, La vita di Simone Weil, Adelphi, Milano 1994. Tra gli studi cfr.
AA. VV., Simone Weil, la passione della verita', Morcelliana, Brescia 1985;
Gabriella Fiori, Simone Weil, Garzanti, Milano 1990; Giancarlo Gaeta, Simone
Weil, Edizioni cultura della pace, S. Domenico di Fiesole 1992; Jean-Marie
Muller, Simone Weil. L'esigenza della nonviolenza, Edizioni Gruppo Abele,
Torino 1994; Angela Putino, Simone Weil e la Passione di Dio, Edb, Bologna
1997; Maurizio Zani, Invito al pensiero di Simone Weil, Mursia, Milano 1994]

La regola dello specchio e' la norma morale per eccellenza. Che tutto cio'
che si fa rifletta il bene.

5. LETTURE. PETER GOMEZ, MARCO TRAVAGLIO: E CONTINUAVANO A CHIAMARLO
IMPUNITA'
Peter Gomez, Marco Travaglio, E continuavano a chiamarlo Impunita'. La vera
storia delle "toghe sporche" e degli altri processi a Berlusconi & C., Nuova
Iniziativa Editoriale (L'Unita' - Editori Riuniti), Roma 2007, pp. 448, euro
7,50 (in supplemento al quotidiano "L'Unita'"). Un compendio e un
aggiornamento di due precedenti libri degli stessi autori (giornalisti
d'inchiesta autori di vari volumi sul regime della corruzione, del crimine e
dell'eversione). Una documentatissima ricognizione di alcune paradigmatiche
vicende giudiziarie. "Questo libro e' per i cittadini che vogliono conoscere
la vera storia dei casi Sme-Ariosto, Mondadori, Imi-Sir e degli altri
processi a Silvio Berlusconi, Cesare Previti & C. e continuare a vivere in
un paese dove la giustizia sia uguale per tutti. Dopo i cinque anni
dell'Operazione Impunita' Duratura, a base di leggi vergogna e
vergognosissime prescrizioni, facciamo il punto della situazione giudiziaria
del Cavaliere e dei suoi complici. E vediamo come sono finiti i dibattimenti
e le inchieste, ma soprattutto quali reati sono stati accertati" (dalla
quarta di copertina).

6. RISTAMPE. COLLODI: OPERE
Collodi, Opere, Mondadori, Milano 1995, 2006, pp. CXXIV + 1140, euro 12,90
(in supplemento a vari periodici Mondadori). A cura di Daniela Marcheschi
una eccellente edizione di alcune opere di Carlo Lorenzini: non solo le
immortali Avventure di Pinocchio, ma anche Macchiette, Occhi e nasi, Storie
allegre, piu' varie pagine sparse e una commedia in miniatura. Vasto e
cospicuo l'apparato critico.

7. RIEDIZIONI. UMBERTO GALIMBERTI: PSICHIATRIA E FENOMENOLOGIA
Umberto Galimberti, Psichiatria e fenomenologia, Feltrinelli, Milano 1979,
2006, pp. 392, euro 12. In nuova edizione un libro appassionante (anche in
taluni suoi aspetti - pur peculiari della modalita' di riflessione ed
argomentazione galimbertiana - che dal nostro punto di vista troviamo talora
non persuasivi). La parte prima ci sembra la piu' debole e frettolosa, ma la
seconda e' di notevole valore e vigore, e la terza - che riprende e svolge
altre ricerche dell'autore - ci pare apporti sapidi contributi di
riflessione. Meritoriamente la casa editrice Feltrinelli sta riproponendo in
edizione economica tutte le opere di Galimberti.

8. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO
Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale
e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale
e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae
alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo
scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il
libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.
Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:
1. l'opposizione integrale alla guerra;
2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali,
l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di
nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza
geografica, al sesso e alla religione;
3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e
la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e
responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio
comunitario;
4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell?ambiente naturale, che sono
patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e
contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell?uomo.
Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto
dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna,
dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.
Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione,
la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la
noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione
di organi di governo paralleli.

9. PER SAPERNE DI PIU'
* Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per
contatti: azionenonviolenta at sis.it
* Indichiamo il sito del MIR (Movimento Internazionale della
Riconciliazione), l'altra maggior esperienza nonviolenta presente in Italia:
www.peacelink.it/users/mir; per contatti: mir at peacelink.it,
luciano.benini at tin.it, sudest at iol.it, paolocand at libero.it
* Indichiamo inoltre almeno il sito della rete telematica pacifista
Peacelink, un punto di riferimento fondamentale per quanti sono impegnati
per la pace, i diritti umani, la nonviolenza: www.peacelink.it; per
contatti: info at peacelink.it

NOTIZIE MINIME DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 9 del 23 febbraio 2007

Notizie minime della nonviolenza in cammino proposte dal Centro di ricerca
per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

Per non riceverlo piu':
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su
"subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196
("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing
list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica
alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004
possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web:
http://lists.peacelink.it/nonviolenza/maillist.html

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la
redazione e': nbawac at tin.it