[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Voci e volti della nonviolenza. 62



==============================
VOCI E VOLTI DELLA NONVIOLENZA
==============================
Supplemento settimanale del martedi' de "La nonviolenza e' in cammino"
Numero 62 del 22 maggio 2007

In questo numero:
1. Maria G. Di Rienzo: Difendiamo chi difende i diritti umani delle donne in
Iran
2. Et coetera

1. MARIA G. DI RIENZO: DIFENDIAMO CHI DIFENDE I DIRITTI UMANI DELLE DONNE IN
IRAN
[Ringraziamo Maria G. Di Rienzo (per contatti: sheela59 at libero.it) per
questo intervento]

Le attiviste per i diritti umani delle donne stanno facendo esperienza di
una nuova fase di oppressione governativa, che va dagli interrogatori da
parte di agenti del controspionaggio alla galera. Tutte vengono accusate di
azioni contrarie alla "sicurezza nazionale" per le loro attivita',
completamente legali, che promuovono i diritti umani delle donne e obiettano
alla loro discriminazione.
Zeinab Peyghambarzadeh, studentessa di sociologia e membro
dell'organizzazione degli studenti universitari "Daftar Tahkim Vahdat" e'
l'ultima vittima in ordine di tempo. E' stata portata alla prigione di Evin
il 7 maggio scorso, perche' la sua famiglia non e' in grado di pagare la
pesante cauzione richiesta per lasciarla in liberta'. Durante le ultime
settimane dozzine di attiviste per i diritti umani sono comparse nei
tribunali o portate in uffici del controspionaggio o della polizia per gli
interrogatori.
Gli arresti sono cominciati l'anno scorso, il 12 giugno, durante una
manifestazione pacifica che protestava contro le leggi che discriminano le
donne in Iran. Piu' di settanta donne vennero arrestate. Durante una seduta
della corte che ne giudicava tre, il 4 marzo 2007, numerose sostenitrici
delle accusate hanno manifestato davanti al tribunale. Il raduno,
assolutamente pacifico, e' stato disperso con estrema violenza, e 33 altre
donne sono state arrestate. A tutte queste donne viene contestato di
minacciare la "sicurezza nazionale", e tutte verranno processate. Fra esse
ci sono due intellettuali femministe, Noushin Ahmadi Khorasani e Parvin
Ardalan, ovvero le principali ispiratrici della campagna "Un milione di
firme", che invoca uguaglianza di genere e mutamento delle leggi
discriminatorie. In prigione con la sentenza definitiva ci sono gia' le
organizzatrici della campagna Fariba Davoudi Mohajer, Sousan Tahmasbi e
Shahla Entesari. Nel frattempo, gli uffici di tre ong legate all'iniziativa
sono stati perquisiti e poi chiusi dalle forze dell'ordine. I loro conti
bancari sono stati congelati e le loro attivita' si sono praticamente
chiuse.
Per la campagna "Fermiamo per sempre le lapidazioni", Shadi Sadr, Asien
Amini e Mahboubeh Abbasgholizadeh, gia' fra le arrestate del 4 marzo, hanno
avuto i loro uffici chiusi dalle autorita' e presto saranno processate.
Una petizione internazionale che chiede la cessazione della persecuzioni
contro le attiviste iraniane, indirizzata al presidente Mahmoud Ahmadinejad,
e' visibile al sito www.meydaan.org/English/petition.aspx?cid=52&pid=12
Per sapere di piu' sulla campagna "Un milione di firme" potete andare al
sito http://we-change.org/english
e per quella riguardante le lapidazioni: www.stopstoning.org
E' anche possibile contattare direttamente Shadi Sadr (shadisadr at gmail.com)
o  Soheila Vahdati (soheilavahdati at gmail.com).

2. ET COETERA

Maria G. Di Rienzo e' una delle principali collaboratrici di questo foglio;
prestigiosa intellettuale femminista, saggista, giornalista, narratrice,
regista teatrale e commediografa, formatrice, ha svolto rilevanti ricerche
storiche sulle donne italiane per conto del Dipartimento di Storia Economica
dell'Universita' di Sydney (Australia); e' impegnata nel movimento delle
donne, nella Rete di Lilliput, in esperienze di solidarieta' e in difesa dei
diritti umani, per la pace e la nonviolenza. Tra le opere di Maria G. Di
Rienzo: con Monica Lanfranco (a cura di), Donne disarmanti, Edizioni Intra
Moenia, Napoli 2003; con Monica Lanfranco (a cura di), Senza velo. Donne
nell'islam contro l'integralismo, Edizioni Intra Moenia, Napoli 2005. Un
piu' ampio profilo di Maria G. Di Rienzo in forma di intervista e' in
"Notizie minime della nonviolenza" n. 81.

==============================
VOCI E VOLTI DELLA NONVIOLENZA
==============================
Supplemento settimanale del martedi' de "La nonviolenza e' in cammino"
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it
Numero 62 del 22 maggio 2007

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

Per non riceverlo piu':
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su
"subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196
("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing
list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica
alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004
possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web:
http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la
redazione e': nbawac at tin.it