[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Minime. 252



NOTIZIE MINIME DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 252 del 24 ottobre 2007

Notizie minime della nonviolenza in cammino proposte dal Centro di ricerca
per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Sommario di questo numero:
1. Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Intervista a Pietro Pinna sulle prime
azioni dirette nonviolente in Italia
2. La "Carta" del Movimento Nonviolento
3. Per saperne di piu'

1. MEMORIA. PASQUALE PUGLIESE E LUCA GIUSTI: INTERVISTA A PIETRO PINNA SULLE
PRIME AZIONI DIRETTE NONVIOLENTE IN ITALIA
[Riproponiamo la seguente intervista a Pietro Pinna a cura di Pasquale
Pugliese e Luca Giusti originariamente apparsa su "Azione nonviolenta", n.
7, luglio 2004 (per contatti: e-mail: azionenonviolenta at sis.it, sito:
www.nonviolenti.org) .
Pietro Pinna, primo obiettore di coscienza al servizio militare nel 1950,
collaboratore di Aldo Capitini e di Danilo Dolci, infaticabile promotore
della nonviolenza, e' una delle figure di riferimento per i movimenti e le
iniziative per la pace. Opere di Pietro Pinna: fondamentale e' La mia
obiezione di coscienza, Edizioni del Movimento Nonviolento; numerosi suoi
contributi sono stati pubblicati in vari volumi.
Pasquale Pugliese, educatore presso i Gruppi educativi territoriali del
Comune di Reggio Emilia, dove risiede, laureato in filosofia con una tesi su
Aldo Capitini, e' impegnato nel Movimento Nonviolento (del cui comitato di
coordinamento fa parte), nella Rete di Lilliput ed in numerose iniziative di
pace; e' stato il principale promotore dell'iniziativa delle "biciclettate
nonviolente".
Luca Giusti fa parte del comitato di coordinamento del Movimento Nonviolento
e della redazione di "Azione nonviolenta"; e' impegnato in molte iniziative
di pace e di solidarieta', per i diritti umani di tutti gli esseri umani]

- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Buongiorno Pietro, ci racconti come
nacque l'idea di costituire un Gruppo di azione diretta nonviolenta (in
sigla: Gan)?
- Pietro Pinna: L'idea, direi l'esigenza del Gruppo di azione diretta
nonviolenta, nacque dall'insoddisfacente attivita' cui il Movimento
nonviolento veniva dedicandosi all'interno della Consulta italiana per la
pace, la federazione delle diverse associazioni pacifiste che Capitini aveva
istituita dopo l'effettuazione della Marcia della pace Perugia-Assisi del
'61 per dare continuita' alla loro occasionale collaborazione in quella
iniziativa.
Per due anni consecutivi noi del Movimento ci eravamo trovati esclusivamente
occupati nel lavoro per la Consulta - di cui Capitini era presidente - a
tutto scapito dello sviluppo del Movimento in se' ancora del tutto in erba,
essendo stato costituito in concomitanza della nascita della Consulta.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Come funzionava la consulta?
- Pietro Pinna: La sua attivita' consisteva nella riproposizione di marce
della pace a dimensione regionale, convegni di studio, produzione di
documenti e di un periodico mensile. Le marce si riducevano a poco piu' che
a semplici occasioni transitorie per i partecipanti di dare voce collettiva
ai loro sentimenti e auspici per la pace; i documenti non concludevano che
nella esortazione ai governanti affinche' vi provvedessero di dovere. Tutta
un'attivita' che finiva per risultare di una irrilevante ed effimera portata
nella sua genericita' pacifista, di nessuna incidenza sul piano politico
istituzionale; e capite, tanto piu' insignificante per noi poiche' avulsa
dalla specifica istanza antimilitarista, di pacifismo assoluto del Movimento
nonviolento, che nel suo statuto diceva essere costituito da pacifisti
integrali che rifiutano in ogni caso la guerra, il terrorismo e la tortura.
La vita della Consulta, d'altro canto, era soggetta al soverchiante
condizionamento ideologico e organizzativo del Comitato Italiano della
Pace - ex Partigiani della Pace di dominanza del Partito Comunista -, a
fronte delle altre ben piu' deboli componenti federate.
Insomma, risulto' alfine indispensabile per il Movimento nonviolento di dare
avvio in proprio ad una sua specifica attivita', se voleva acquisire
un'esperienza ed una forza in grado di sufficientemente pesare nella piu'
incisiva qualificazione delle iniziative della Consulta.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Nacque il Movimento e nacque la rivista
"Azione nonviolenta"...
- Pietro Pinna: Cio' avvenne verso la fine del '63. Al termine di un
seminario di dieci giorni che tenemmo sulle tecniche della nonviolenza,
rimanemmo ancora riuniti alcune ore tra una dozzina di amici per discutere
del possibile avvio di un'attivita' organizzata del Movimento. Due
elementari esigenze ponemmo alla base dell'eventuale programma: il
chiarimento e la diffusione dell'idea nonviolenta - allora misconosciuta per
non dire avversata -, e un corrispondente impegno ad una sua pur minima
esplicazione pratica. Le due cose dovevano procedere congiuntamente: non la
sola teoria, che se non tradotta in atto risulta essere mera astrazione; non
azione soltanto, poiche' se cieca di idee chiare e definite, finisce per
risultare inconcludente.
Rispetto al primo punto, decidemmo in questo modo. Fino a quella data
l'unico mezzo di collegamento del Movimento era costituito da un
ciclostilato di 4 pagine spedito mensilmente ad un centinaio di supposti
simpatizzanti - il Movimento non disponeva ancora di aderenti iscritti.
Venne deciso di passare da quel ciclostilato ad un giornaletto a stampa;
dopo aver avuto assicurata dagli stessi presenti alla riunione la
disponibilita' finanziaria per l'uscita di almeno tre numeri mensili,
Capitini ed io ci assumemmo l'incarico di curarne la pubblicazione, che
usci' col titolo "Azione nonviolenta".
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Quindi il nome della rivista in qualche
modo deriva dal fatto che avevate deciso di occuparvi prioritariamente
dell'azione...
- Pietro Pinna: Non prioritariamente, ma come ho gia' detto, di pari passo
con l'elaborazione e la diffusione delle idee: "Azione nonviolenta" per il
dibattito delle idee e l'informazione sulle iniziative, ma subito affiancata
dall'azione, dalla loro messa in atto. Una volta Capitini ebbe a scrivere,
in relazione all'apparire in Italia del primo episodio di obiezione di
coscienza politica: "Ci voleva il sorgere del caso concreto di rifiuto per
dare a quell'atto tanta risonanza da far conoscere in Italia meglio di tanti
discorsi e libri che cos'e' l'obiezione di coscienza".
Quanto alla nascita del Gruppo di azione diretta nonviolenta, in quella
medesima riunione non facemmo altro che chiedere di alzare la mano a chi
intendesse partecipare ad un gruppo di azione - senza peraltro saper nulla
ancora di che cosa comportasse quell'idea. Quattro giovani comunque vi
assentirono, io ne assunsi la coordinazione, e all'istante concordammo di
fare una prima riunione alla fine della settimana successiva, dove
battezzammo il gruppo col nome appunto di Gruppo di Azione Diretta
Nonviolenta, da cui la sigla Gan.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: A quale tema pensaste di applicarvi?
- Pietro Pinna: Fu quello dell'obiezione di coscienza. Ci venne in via
naturale di pensarlo, perche' ci apparteneva personalmente. Io ero stato
obiettore, altri nel gruppo si apprestavano a divenirlo. Il punto di forza
della nostra dedizione all'azione, era che non si trattava di un ideale
astratto o di una realta' lontana da noi, ma che riguardava la nostra stessa
vita.
Quel tema ci offriva inoltre la possibilita' di dibattere la questione,
strettamente pertinente all'impegno del Movimento, dell'opposizione alla
preparazione della guerra, la cui minaccia in quegli anni era
particolarmente avvertita dall'intera opinione pubblica sotto l'incubo di un
possibile conflitto atomico.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Quale era il vostro obiettivo immediato?
- Pietro Pinna: Il nostro proposito era quello di sensibilizzare la comune
opinione pubblica al problema appunto dell'obiezione di coscienza, con un
contatto diretto attraverso manifestazioni di piazza. Il dibattito sul tema
si era acceso nell'ambiente politico e intellettuale fin dal sorgere del
primo caso di obiezione politica, nel 1949, ma poi era venuto stagnando.
Singoli parlamentari avevano, si', presentato dei progetti di legge in
proposito, mai pero' discussi in Parlamento. Gli obiettori continuavano
cosi' a venir processati, con condanne al carcere tra l'altro assurdamente
reiterate al medesimo obiettore. Noi intendevamo contribuire ad animare un
movimento di pressione dal basso che inducesse alfine il nostro paese,
perlomeno, al conseguimento democratico del riconoscimento legale
dell'obiezione di coscienza come da tempo vigeva in altri Stati.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Come vi formaste all'azione? Preparaste
il lavoro?
- Pietro Pinna: Noi cinque eravamo all'inizio semplici conoscenti
occasionali. Tenemmo percio' delle riunioni preparatorie per meglio
conoscerci e affiatarci tra noi, per convenire su alcuni basilari principi e
modalita' d'azione della nonviolenza, oltreche' impadronirci al meglio della
storia e delle ragioni dell'obiezione di coscienza. Con l'ausilio di un
amico avvocato esaminammo altresi' le disposizioni di legge che regolavano
le manifestazioni di piazza. Infine, dopo esserci bene accordati sulla
disciplina nonviolenta da tenere al riguardo, elaborammo e predisponemmo con
cura il materiale occorrente.
Merita che vi sottolinei un dato, circa queste preliminari riunioni. Ci
ritrovavamo puntualmente, ogni successivo fine settimana, provenendo
ciascuno da diverse citta'. Gia' questo fatto, che comportava sacrificio di
denaro e di tempo sottratti alla vacanza settimanale, veniva a testimoniare
e a corroborare in partenza la serieta' dell'impegno. Sacrificio e costanza,
due elementi essenziali della nonviolenza.
E vorrei anche sollecitarvi qui ad un altro impegno da prendere sul serio.
Capita spesso di constatare come l'amico che pur ci dice del suo entusiasmo
per la lettura di un buon libro di comune conoscenza, lo abbia pero' letto
una volta sola. Ma cosa gli e' rimasto, dello spirito e del contenuto di
quel libro, alla sua prima lettura? E' stato detto che un libro che non si
legge una seconda volta, non valeva la pena di leggerlo la prima volta.
Ricordo che Capitini, al quale veniva rimproverato da taluni suoi lettori di
risultare un po' troppo difficile in certi passaggi dei suoi scritti,
rispose che talora lo faceva di proposito affinche' il lettore si
soffermasse sulla pagina con piu' attenzione e riflessione. E ricordo pure
che noi del Gruppo di azione diretta nonviolenta inserivamo talvolta nei
nostri cartelli e volantini una espressione inusuale e curiosa che veniva ad
attrarre e a concentrare l'occhio del lettore sull'intero testo. Ho detto
tutto cio' affinche' anche voi, avendo per mano i libri sulla nonviolenza,
non vi fermiate a scorrerli una volta sola, ma torniate a rileggerli due,
tre, cinque volte, ogni volta capendo meglio e traendone sempre piu'
ispirazione. Noi del Gruppo di azione diretta nonviolenta, ad esempio,
venivamo alle riunioni preparatorie dopo esserci letto e riletto, per dirne
uno, l'opuscoletto di Capitini Teoria della nonviolenza.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Vedi che un po' lo stiamo gia' facendo,
col libro che abbiamo in mano. E' difficile far passare il messaggio che le
cose vanno preparate con cura.
- Pietro Pinna: Si', per il fatto che in tutti noi c'e' una immediata
tendenza, com'e' nelle cose della natura, ad affrontarle col minimo sforzo.
Siamo in tal modo sguarniti, all'inizio, del di piu' necessario a superarne
le possibili asperita'. Questo di piu' e' la necessaria preparazione, se
vogliamo poi venire adeguatamente a capo delle cose. A fare un buon
soldato - diceva Gandhi nelle sue istruzioni alla preparazione nonviolenta -
occorre un congruo addestramento; cosi' doveva essere per un buon
nonviolento, preparato con cura sul piano dottrinale, psicologico e fisico.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Come avete acquisito le modalita' delle
vostre azioni? Le avete apprese da qualcuno o le avete acquisite col tempo?
- Pietro Pinna: Sono venute da se', spontaneamente e gradualmente. Non
conoscevamo allora nessun testo che istruisse sull'azione diretta. Tuttavia,
pur privi della conoscenza di tecniche specifiche, il nostro stile di
manifestazione venne a maturare direi naturalmente, in concordanza
dell'animo col principio nonviolento che ci ispirava e ci accomunava.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Quindi l'azione nonviolenta non e' solo
un insieme di tecniche ma richiede un legame tra interiorita' ed
esteriorita'...
- Pietro Pinna: E' l'animo, il tuo intimo di persuaso della nonviolenza che
essenzialmente e preliminarmente conta - la persuasione intima della madre
nei suoi rapporti con il figlio, che le detta spontaneamente il
comportamento tecnico adeguato. Le tecniche senza la persuasione intima
risultano di scarso valore, imperfette nell'esecuzione e di effimera portata
nel successivo rapporto complessivo.
Una volta ebbi una fugace occasione di accennarne con Gene Sharp,
considerato il massimo studioso dell'azione diretta. Suppongo che conosciate
la sua prestigiosa opera intitolata Politica dell'azione nonviolenta.
Ebbene, non so se abbiate rilevato che egli vi viene ad intendere per
nonviolenza la semplice aviolenza, ossia l'esclusiva applicazione
pragmatica - non di principio - di tecniche aliene dalla violenza. Al fine
di metterne in luce l'indubbio valore, Sharp non ne considera pero' anche i
limiti, escludendo dal prendere in considerazione l'importanza sia del
principio etico sia del complessivo metodo d'azione della nonviolenza.
Certamente, come egli ci scopre e illustra assai bene, sono avvenute
numerose azioni storiche che hanno raggiunto il loro momentaneo obiettivo
senza un dichiarato impegno alla nonviolenza. Si potrebbe pero' osservare,
all'inverso, che altrettante e piu' azioni semplicemente aviolente sono
degenerate e finite per abortire.
Ma - vedete - decisivamente importante e' considerare non tanto la riuscita
della singola momentanea azione in se', quanto il piu' vasto orizzonte a cui
si tende. Se l'azione che attualmente intraprendo e' intesa non soltanto
alla soluzione del contingente momento conflittuale, ma e' rivolta a
stabilire un piu' elevato livello morale e di giustizia tra le parti in
causa, la semplice aviolenza finisce per mostrare il suo fiato corto al
raggiungimento di questo traguardo. Cio' ad esempio ci viene patentemente
dimostrato dal pur lodevole metodo di azione della democrazia, che aviolenta
all'origine ma non nutrita dalla complessiva nonviolenza, giunge a
ribaltarsi nel suo esatto contrario, con l'uso della violenza fino
all'estremo della guerra. Le disastrose conseguenze qui accennate stanno
sotto gli occhi di tutti.
Insomma - e chiudo il monologo - se sei veramente impegnato alla
nonviolenza, non puoi farne a meno se vuoi farla vivere nel corpo morale del
tuo agire, come nel tuo corpo fisico non puoi fare a meno che agiscano a
dovere cuore e polmoni. E' il sangue giornaliero del tuo essere, un suo
fluire costante, non un frammentario intermittente episodio. Capitini, pur
alieno com'era dal lasciarsi andare ad affermazioni categoriche, venne a
scrivere una volta: "La nonviolenza non e' un flirt, questo dev'essere ben
chiaro".
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: E invece, spesso questo non e' ben
chiaro, nemmeno nei movimenti che si dichiarano per la nonviolenza...
- Pietro Pinna: Sono movimenti che assumono soltanto la prima, seppur
fondamentale, condizione della nonviolenza di principio, cioe' a dire la
sola astensione dalla violenza - quella posizione che abbiamo gia' definito
col termine ad essa piu' propriamente consono di aviolenza. Manca in quei
movimenti l'assunzione delle altre congiunte condizioni che rendono la
nonviolenza veramente e compiutamente efficace. Poiche' la distinzione tra
le due posizioni e' di cruciale importanza, sara' bene richiamare - pur
soltanto limitandoci a nominarle - queste ulteriori condizioni altrettanto
essenziali: il rispetto della verita'; la disponibilita' costante al
compromesso onorevole; la disponibilita' ad assumere un proprio maggior
sacrificio rispetto a quello possibilmente derivante all'anniversario dalla
situazione conflittuale; la gradualita' nell'impiego progressivo dei mezzi
di azione, da quelli piu' blandi legittimi e democratici a quelli piu'
radicali fino alla disobbedienza civile; infine - ma contemporaneo alle
altre condizioni - il programma costruttivo, volto ad avviare da subito i
primi possibili tratti della nuova societa' liberata da instaurare, che
Capitini definiva la realta' dell'unita' amorevole tra tutti.
Quei movimenti dovrebbero finalmente arrivare a capire quanto la loro
semplice aviolenza, applicata ad esempio al rifiuto della guerra, finisca
per approdare - sia pur nobile ed impegnata quant'essa sia - ad una
condizione del tutto sterile, di penosa assoluta scontata inconcludenza.
Arrivare a capire che non questa o quella guerra va avversata, soltanto al
momento ultimo del suo esplodere, ma che e' l'idea della guerra in se' che
va rifiutata, alla sua origine, nella mentalita' e nelle corrispettive
istituzioni che la mantengono in essere quale necessario mezzo estremo della
vita conflittuale politica.
Termino dunque questa mia perorazione dicendo che quei movimenti, se veri
nonviolenti nel loro impegno pacifista, non dovrebbero tornare
tranquillamente ad eclissarsi una volta terminata l'ennesima guerra, per poi
soltanto rimettersi in marcia agli squilli della nuova guerra - come ci e'
stato di vedere e di soffrire nella serie bellica di quest'ultima dozzina
d'anni; ma invece, scontato l'ennesimo scacco della loro vana tardiva
protesta, rimanere in campo e subito, dal giorno dopo, trovarsi impegnati
per l'abolizione qui ed ora della macchina portante della guerra,
l'esercito - al cui mantenimento, ahinoi!, continuano a consentire ed a
collaborare anche i partecipanti di quegli stessi movimenti.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Veniamo a noi. Se tu potessi ricominciare
a fare azioni dirette nonviolente, oggi su quale campo pensi sia prioritario
impegnarsi?
- Pietro Pinna: L'ho appena detto, quello ovvio, che per me e per l'intera
umanita' considero il piu' essenziale e urgente: il campo dell'opposizione
assoluta alla guerra, ossia l'azione per il disarmo unilaterale, integrale e
immediato dell'esercito. Vale a spenderci tutta una vita.
Se poi volete che ne indichi un altro, altrettanto angustiante nella sua
cieca tragicita' quanto una vera guerra, e' quello della strage quotidiana
di vite umane degli incidenti automobilistici. A volte, per la morte casuale
di un nostro concittadino, vediamo montare nel paese un rigurgito di
emotivita' e di compartecipazione. Ma che invece la morte di quelle decine
di persone, puntualmente, ogni giorno, sia considerata senza fiatare un dato
di vita normale e quindi trascurabile, al piu' annotata a fine anno come
mero dato statistico nel registro del dio supremo dello sviluppo - di merci
e non piuttosto di valori umani - non dovrebbe sgomentare e avvilire
chiunque?
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Tornando al Gruppo di azione diretta
nonviolenta, come vi muoveste concretamente?
- Pietro Pinna: In quegli anni, la mentalita' ufficiale continuava ad essere
di totale avversione all'obiezione di coscienza. Contro i nostri tentativi
di parlarne in piazza, quella mentalita' trovava un sostegno repressivo nei
regolamenti polizieschi di pubblica sicurezza, "intruglio di fascismo e di
reminiscenze borboniche", come li defini' l'allora vice-primo ministro Nenni
nel nuovo governo di centro-sinistra.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Parliamo dunque del rapporto con le forze
dell'ordine. Erano quelli gli anni di fatti gravi come i morti di Reggio
Emilia...
- Pietro Pinna: Si', infatti. Nel clima d'odio che avvelenava la vita
politica di quegli anni, le manifestazioni di piazza finivano quasi sempre
per degenerare in scontri cruenti con le forze di polizia. Bastava un minimo
incidente, proveniente o dall'animosita' e dalle intemperanze dei
dimostranti o talora dalle stesse forze dell'ordine, perche' la piazza si
trasformasse in un campo di battaglia, con un infuriare di manganellate,
caroselli, lacrimogeni e perfino, come voi accennate, fucilate omicide.
Per noi del Gruppo di azione diretta nonviolenta, ovviamente, non si dette
mai la circostanza di arrivare a quegli estremi selvaggi, dato che - a parte
il freno del nostro atteggiamento nonviolento - in quattro gatti com'eravamo
non facevamo massa da disperdere senza sugo con la violenza. Tuttavia, anche
se non drammatici, i nostri rapporti con la polizia si presentarono fin
dall'inizio di notevole difficolta', sul piano direi mentale e nervoso.
Da inesperti in materia quali eravamo, nel confronto con le questure
zelantemente prone a vietarci meccanicamente le manifestazioni, il nostro
iniziale puntello dirimente su cui poggiare fu il richiamo al rispetto
preminente della Costituzione. Ne portavamo sempre appresso il testo e ne
recitavamo a memoria gli appositi articoli: "Tutti hanno diritto di
manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola e ogni altro mezzo
di diffusione. Per le riunioni in luogo pubblico, le autorita' possono
vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumita'
pubblica". Poca cosa invero, a trattenere le questure dal loro zelo non
propriamente democratico, al servizio piuttosto del potere autoritario che a
quello dei cittadini.
Sta di fatto che sin dalla prima manifestazione - come dicevo - avemmo a
dover confrontarci con i loro puntuali divieti. Non potevamo ovviamente
contentarcene, chiudere li' la partita e restarcene a casa: che Gruppo di
azione diretta nonviolenta altrimenti saremmo mai stati? Cosi', dopo aver
rispettosamente replicato alla questura di non averci messi in grado di
tener debito conto del suo divieto poiche' non adeguatamente motivato,
l'avvisammo al contempo che di conseguenza avremmo effettuata la
manifestazione come precedentemente notificatale. "Effettuazione" per modo
di dire. Infatti, non appena arrivati noi in piazza, non ci eran dati che
pochi minuti di saluto e di dialogo con gli agenti; tradotti in questura e
la' trattenuti per diverse ore, venivamo quindi denunciati per
manifestazione vietata (che non c'era stata!).
La prima volta ci adeguammo di buon volere: c'era il preliminare bisogno di
acquisire un'esatta conoscenza di quel modo illegale di procedere poliziesco
e di fare una debita reciproca conoscenza, intanto saggiando la nostra
tenuta e capacita' di azione.
Ma da quei primi interventi lasciatici tranquillamente reprimere sul
nascere, fu necessario passare ad una qualche resistenza a quel troppo
comodo modo di fare dei tutori dell'ordine.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: La scheda riprodotta in calce a questa
intervista e' la ricostruzione a posteriori di come andarono le cose o la
progressione fu programmata?
- Pietro Pinna: No, la progressione nella maggiore radicalita' della nostra
azione consegui' in via necessaria da come andarono le cose - come voi
dite -, cosi' assurdamente arbitrarie da imporci il dovere di contrastarle
foss'anche soltanto a tutela di un fondamentale diritto democratico, prima
ancora della possibilita' negataci di esprimere liberamente le nostre idee.
Attuammo cosi' un secondo stadio di azione, che venne a consentirci di
rimanere e farci vedere in piazza per un sufficiente lasso di tempo prima
dello scontato intervento della polizia e ne documentasse l'arbitrio sullo
svolgimento della nostra legittima e piu' che tranquilla manifestazione.
La cosa si svolgeva cosi'. Alcuni di noi, sparsi qui e la' nella piazza,
cominciavano a distribuire volantini, altri ad assestare in giro dei
cartelli. Questo ci dava modo di iniziare ad attrarre l'attenzione di un
discreto numero di passanti e trattenerli a scambiare qualche battuta. La
polizia altresi' si trovava costretta ad indugiare nel suo intervento,
dovendo prima riprendersi dal nostro inaspettato dispiegamento, e poi al
momento dell'intimazione del fermo trovarsi alquanto imbarazzata con attorno
una schiera di cittadini, fatti attoniti e riluttanti da quel suo procedere
contro pacifici e rispettosi dimostranti quali noi eravamo. Poi comunque
consentivamo a lasciarci andare ancora una volta alla trafila del fermo che
vi ho descritto per le prime manifestazioni, soddisfatti stavolta di avervi
potuto dare un minimo inizio.
Ma c'era bisogno per noi di non stare piu' a quel gioco, cosi' tanto
scorretto. Troppo comodo e facile era per la polizia di stroncare la
manifestazione sul nascere, e per noi poco utile sprecar energie, oltre che
tempo e denari, a quel ridotto livello. Decidemmo pertanto di passare ad un
terzo stadio di azione, che comportava la renitenza a sottostare
volontariamente al fermo ingiustificato - tanto piu' che nel frattempo
eravamo stati assolti nel primo dei processi intentatici dalla polizia.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Cosa dunque faceste? Che cosa vi accadde?
- Pietro Pinna: Organizzammo per una stessa giornata, e nel medesimo posto,
due manifestazioni separate tra loro di alcune ore. All'inizio del mattino,
ancora deserto di passanti, quattro dimostranti solitari si presentarono in
piazza senza esporre alcun cartello, subito abbordati da alcuni funzionari
della questura da noi preavvertita. All'accenno dei dimostranti ad iniziare
la manifestazione, ecco scattare l'immancabile denuncia. La cosa venne a
risultare d'una arbitrarieta' talmente plateale che - per dirla in breve -
quella questura ebbe a ricordarsene. Infatti nel conseguente processo, che
fu ovviamente di assoluzione, il giudice non si limito' a smentirne
l'operato, ponendone altresi' in evidenza il ridicolo.
Poche ore dopo, preavvisata la questura che saremmo comunque tornati senza
tregua a manifestare nella stessa piazza di prima, un altro gruppo di
dimostranti entro' in azione, nell'ora di punta del mezzogiorno,
disponendosi tranquillamente a sedere sul piedistallo del monumento al
centro della piazza, ed esibendo alcuni cartelli che riproducevano gli
articoli della Costituzione sulla liberta' di manifestazione. Furono subito
attorniati da un drappello di agenti in divisa, a loro volta attorniati da
un nugolo di curiosi. Gli agenti, dopo vani tentativi di farli allontanare,
vi desistettero: la situazione era talmente tranquilla ed attraente, che la
folla non se ne dava per inteso. Addirittura una ragazza venne a sedersi
accanto ai dimostranti, e contro le intimazioni degli agenti a scostarsi da
li', vi persistette dicendo che non ne vedeva il motivo da pacifica
cittadina qual era e che quei dimostranti le erano simpatici. Cosi' il tempo
passava, col comandante delle forze dell'ordine che non sapeva che fare, di
fronte all'inatteso rifiuto dei dimostranti al suo ordine di sgombero, a cui
essi rispondevano che vi avrebbero senz'altro aderito, non appena fossero
stati loro precisati i comprovati motivi richiesti dalla Costituzione.
Ricordo ancora l'episodio di una persona che si trovava in prima fila nella
folla accalcata intorno, e che all'indirizzo del dimostrante che si era
cosi' espresso grido' "bravo!", e sporgendo il figlioletto che reggeva sulle
spalle al di sopra di quelle degli agenti lo incito' dicendo: "Stringi la
mano al signore", tra uno sgorgare di applausi.
Venne infine l'ordine superiore del questore di procedere al fermo con lo
sgombero forzato. I dimostranti vi si erano ben preparati, sul piano fisico
ed anche giuridico: abbandonarsi passivamente all'azione di sgombero non
comporta per legge il reato di resistenza a pubblico ufficiale. L'inusitata
operazione per i poliziotti viene a farsi alquanto complicata e
psicologicamente intrigante. Ad uno ad uno i dimostranti, lasciatisi andar
sdraiati inerti a terra, vengono strascinati per decine di metri al furgone
di polizia ai lati della piazza, essi tranquilli e gli agenti sbuffanti, ai
quali l'atteggiamento pacifico dei dimostranti e il clima altrettanto
disteso e interessato che - come fosse uno spettacolo teatrale - s'era
instaurato tra le centinaia di cittadini tutt'intorno, non dava appiglio
alla loro piu' familiare e sbrigativa pratica di sgombero a base di
manganellate.
Da quella dimostrazione che inaugurava il terzo grado di azione con la
resistenza passiva al fermo, non avemmo poi piu' nessun impedimento a
manifestare liberamente, perlomeno da parte della questura di Milano dove
essa avvenne.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: A un certo punto il Gruppo di azione
diretta nonviolenta si scioglie... perche'?
- Pietro Pinna: Soltanto nominalmente, non nella sostanza. Gia' durante il
periodo delle sue azioni di piazza, il Gruppo di azione diretta nonviolenta
aveva esteso la propria attivita' ad altri tipi e settori di iniziativa, che
non comportavano le troppo usuali complicazioni poliziesche. In tal modo si
dava agio ad una piu' ampia partecipazione ad esse di persone e associazioni
simpatizzanti, allargando cosi' l'interesse al lavoro piu' generale del
Movimento nonviolento, nel cui nome quelle iniziative venivano indette:
campi di lavoro-studio-addestramento alla nonviolenza, convegni, seminari
sulla nonviolenza, marce, eccetera.
Inframmezzate a queste, il Gruppo di azione diretta nonviolenta proseguiva
peraltro nelle sue specifiche manifestazioni di piazza, che per la loro
originalita' e il positivo costrutto andavano suscitando un vivo interesse
in diversi movimenti della contestazione. E al termine della serie di azioni
dirette di cui abbiamo prima parlato, il Gruppo di azione diretta
nonviolenta dismise definitivamente il suo nome ma ne mantenne lo spirito e
il metodo, trasferendoli poco dopo ad un'altra modalita' di azione diretta,
quella delle marce antimilitariste, che suscitarono la partecipazione di
centinaia di persone e di gruppi i piu' diversi, sospinti dall'entusiasmo di
portarsi ora a piu' confacenti azioni dirette sullo stile di quelle del
Gruppo di azione diretta nonviolenta, allontanandosi cosi' dal disastroso
tipo di manifestazione tendenzialmente turbolenta e rissosa corrente in
quegli anni.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Gia', le marce antimilitariste...
un'altra stagione straordinaria... puoi farcene almeno un cenno?
- Pietro Pinna: Poiche' in questa chiacchierata vi interessa eminentemente
parlare dell'azione diretta, non staro' a dilungarmi sui tanti altri aspetti
di quelle marce, di grande valore educativo: sia nei riguardi delle migliaia
di cittadini che le marce (ciascuna della durata dai 10 ai 15 giorni) nei
loro vari momenti della giornata ti davano la possibilita' di avvicinare,
cittadini tra i piu' diversi che, attratti da quell'originale tipo di
manifestazione pacifica e dialogante, vi trovavano ogni agevolezza, anche se
dissenzienti dalle idee dei marciatori, di colloquiare con loro in modo
semplice e franco, contenti di vedersi inseriti in quell'ambiente civile e
democratico in cui poter esprimere come mai pubblicamente le proprie idee,
fuori dalle lambiccate astruserie dei loro vertici politici e confessionali;
educative le marce per le stesse forze dell'ordine, che dalla disciplina
nonviolenta dei marciatori e dal grande interesse e simpatia della
popolazione che li attorniava, erano condotte a rimanere sul piano per esse
piu' dignitoso di effettive garanti dell'ordine pubblico democratico che non
su quello piu' abitualmente repressivo; ed educative pur anche le marce per
gli stessi accaniti oppositori di destra, ripiegati a riflettere sullo
smacco di inerzia e di silenzio cui veniva ad approdare il loro programmato
intento di far naufragare le marce attraverso l'arma consueta della
vociferante provocazione e dello scontro violento.
*
- Pasquale Pugliese e Luca Giusti: Vuoi dirci qualcosa di piu' proprio a
quest'ultimo riguardo?
- Pietro Pinna: Ma si', per finire, vi cito uno soltanto tra i moltissimi
episodi, avvenuto durante una marcia in quel Friuli-Venezia Giulia dove da
tempo si distinguevano gruppi di giovani della destra fascista notoriamente
dediti alla provocazione ed alla aggressione nei confronti degli avversari
di sinistra.
Al termine della camminata giornaliera di una ventina di chilometri i
marciatori si erano seduti compostamente in terra al centro della piazza
principale di Codroipo, in attesa di iniziare il loro consueto
comizio-dibattito con la popolazione. A un lato della piazza, affollata di
paesani, vi era gia' ad accoglierli un folto manipolo di baldi fascisti, e
ingenti forze dell'ordine attruppate al lato diametralmente opposto. In
questo spazio della piazza cosi' sgombro, i fascisti ebbero campo e agio di
esibirsi a lungo contro i marciatori con urla, insulti, minacce, lancio di
uova e ortaggi.
Insulti e minacce venivano tranquillamente ricambiati dai marciatori con
ampi sorrisi, e i pomodori accolti e perfino sollecitati con applausi, cosi'
ristoratori com'erano della sete patita nella lunga camminata della
giornata. Di piu', i marciatori invitavano civilmente i fascisti
schiamazzanti a prendere la parola all'altoparlante della marcia, dove
potevano piu' distintamente esprimere al meglio e quanto volevano le ragioni
del loro dissenso. Ma, poverelli, educati com'erano a poco piu' che alla
gazzarra e alla rissa, non seppero fare null'altro che continuare a prodursi
in quella loro penosa esibizione, sempre speranzosi di farne sprigionare in
qualche marciatore anche soltanto un guizzo esasperato che accennasse ad un
gesto di sfida, con finalmente l'atteso pretesto di scatenarsi al loro
beneamato scontro violento.
La gazzarra fascista incalzava da oltre mezz'ora, con le forze dell'ordine
sempre immobili all'estremita' della piazza - i loro comandanti occupati a
scambiare gioviali battute con gli stessi fascisti tra i quali si erano
amichevolmente ritrovati fin dall'inizio. Ma all'opposto di quanto sperato,
l'intera indecorosa provocazione venne alfine a miseramente sgonfiarsi. In
un momento di particolare tensione, il coordinatore della marcia riusci' a
farsi sentire in tutta la piazza parlando scanditamente dal proprio
altoparlante. Disse prima di voler tralasciare il fatto delle forze
dell'ordine la' immobili a non bloccare com'era loro dovere la chiassata
fascista, che comunque per quanto fastidiosa poco caleva alla tenuta
pacifica dei marciatori; poi - rivolto particolarmente alla folla di
cittadini che attentamente continuavano a sostare agli angoli della piazza -
li invito' a ben osservare peraltro come l'assurda disposizione dei
poliziotti schierati alle spalle dei marciatori lasciava completamente
libero il campo ai fascisti di far precipitare la situazione da un momento
all'altro verso un possibile tafferuglio da cui anche un parapiglia
generale. Talmente plateale venne a risultare la tolleranza e quasi la
compiacenza poliziesca alla provocazione in corso, che il comandante degli
agenti dovette alfine risolversi a farli schierare di fronte al gruppo dei
fascisti - che si trovarono ridotti a zittirsi e a rodersi in un ghetto di
sovrana inettitudine. Prese quindi avvio senza piu' alcun disturbo il
comizio-dibattito, con un concorso eccezionale di pubblico.
E' tempo veramente di concludere, non vi pare? A voi di aggiungere un
qualche altro possibile capitolo all'esperienza del Gruppo di azione diretta
nonviolenta, che, persuasi come siete della sua attuale validita', vi
interessa riproporla anche alla approfondita considerazione dei presenti
movimenti della contestazione globale, impegnati nella possibile attuazione
di una societa' un po' piu' umana e civile, piu' di pace, di nonviolenza.
*
Scheda: La progressione nella radicalita' delle azioni del Gruppo di azione
diretta nonviolenta
Prima fase: Fase di approccio iniziale con la polizia
Di fronte al divieto di svolgere la manifestazione di cui si e' data
notifica, si opta per una forma minima di intervento, basata sostanzialmente
sulla diffusione di volantini.
Milano, 4 novembre '63: manifestazione vietata, poi immediatamente repressa.
Seconda fase: Estensione dell'azione con l'aggiunta dell'installazione di
cartelli
Di fronte al divieto si avvia comunque la manifestazione nel luogo e nelle
modalita' notificati, con l'intenzione di effettuarla in pieno,
acconsentendo comunque a seguire volontariamente i poliziotti in questura al
momento del fermo.
Milano, 26 gennaio '64: manifestazione vietata, poi repressa all'esibizione
dei cartelli.
Terza fase: Resistenza ai divieti polizieschi
Il Gruppo di azione diretta nonviolenta non si sarebbe piu' assoggettato a
seguire volontariamente gli agenti al momento del fermo, attuando invece una
resistenza passiva sedendosi compostamente a terra e lasciandosi trasportare
a corpo morto.
Milano, 6 dicembre '64, Roma, gennaio '65

2. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO
Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale
e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale
e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae
alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo
scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il
libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.
Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:
1. l'opposizione integrale alla guerra;
2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali,
l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di
nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza
geografica, al sesso e alla religione;
3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e
la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e
responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio
comunitario;
4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono
patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e
contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.
Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto
dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna,
dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.
Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione,
la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la
noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione
di organi di governo paralleli.

3. PER SAPERNE DI PIU'
* Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per
contatti: azionenonviolenta at sis.it
* Indichiamo il sito del MIR (Movimento Internazionale della
Riconciliazione), l'altra maggior esperienza nonviolenta presente in Italia:
www.peacelink.it/users/mir; per contatti: mir at peacelink.it,
luciano.benini at tin.it, sudest at iol.it, paolocand at libero.it
* Indichiamo inoltre almeno il sito della rete telematica pacifista
Peacelink, un punto di riferimento fondamentale per quanti sono impegnati
per la pace, i diritti umani, la nonviolenza: www.peacelink.it; per
contatti: info at peacelink.it

NOTIZIE MINIME DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 252 del 24 ottobre 2007

Notizie minime della nonviolenza in cammino proposte dal Centro di ricerca
per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

Per non riceverlo piu':
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su
"subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196
("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing
list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica
alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004
possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web:
http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la
redazione e': nbawac at tin.it