[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Coi piedi per terra. 101



===================
COI PIEDI PER TERRA
===================
Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"
Numero 101 del 28 maggio 2008

In questo numero:
1. Si e' svolta domenica 25 maggio a Viterbo l'iniziativa in difesa di
salute e ambiente
2. Al Consiglio provinciale di Viterbo il 26 maggio 2008 le ragioni
dell'opposizione al devastante mega-aeroporto
3. Sintesi dell'intervento della dottoressa Antonella Litta alla
manifestazione di Tarquinia del 24 maggio 2008
4. Antonella Litta: Una lettera al sindaco di Viterbo del 3 maggio 2008
5. Marcello Cini: La follia nucleare e i soliti noti
6. Indice dei numeri 51-100 di "Coi piedi per terra"
7. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo

1. INIZIATIVE. SI E' SVOLTA DOMENICA 25 MAGGIO A VITERBO L'INIZIATIVA IN
DIFESA DI SALUTE E AMBIENTE
[Riportiamo il seguente comunicato del comitato del 26 maggio 2008 dal
titolo completo "Si e' svolta domenica 25 maggio a Viterbo una passeggiata
nei luoghi che verrebbero devastati dal mega-aeroporto: una grande
partecipazione, una crescente sensibilizzazione. Difendiamo la salute dei
cittadini, i beni ambientali e culturali, l'economia e la legalita', la
democrazia e i diritti di tutti. Contrastiamo e impediamo la speculazione e
la devastazione"]

Per iniziativa del comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo e
s'impegna per la riduzione del trasporto aereo si e' svolta domenica 25
maggio 2008 una passeggiata nei luoghi d'interesse naturalistico e
storico-culturale che l'eventuale realizzazione di un mega-aeroporto
devasterebbe irreversibilmente.
All'iniziativa hanno preso parte oltre cento persone, che con la guida
esperta del professor Paolo Giannini - per unanime consenso uno dei massimi
conoscitori del territorio e delle sue emergenze storiche e culturali -
hanno visitato luoghi di straordinario pregio ambientale e culturale.
La giornata e' iniziata con una visita all'Orto botanico, poi e' proseguita
visitando il Bulicame, le Pozze della Tuscanese, le Sorgenti delle Zitelle e
tutta l'area di enorme importanza sia termale che naturale che storica.
Una performance di Antonello Ricci - uno dei piu' rilevanti intellettuali
viterbesi, da sempre impegnato in difesa della cultura, dell'ambiente, dei
diritti dei cittadini - ha concluso la passeggiata.
La serata e' poi proseguita con cena, musica, convivialita' ed ulteriore
riflessione al centro sociale autogestito "Valle Faul".
*
A tutti i partecipanti alla passeggiata e' stato messo a disposizione
l'opuscolo "Low cost quanto ci costi!" realizzato dal comitato "No Fly" di
Ciampino, e l'opuscolo "Basta con i silenzi e le bugie: diciamo la verita'
sull'aeroporto" realizzato dal comitato di Viterbo.
*
Antonella Litta, portavoce del comitato e principale animatrice
dell'iniziativa, ha sottolineato come grazie all'informazione diffusa dal
comitato sempre piu' viterbesi stanno esprimendo una cosciente opposizione
al nocivo e distruttivo mega-aeroporto che danneggerebbe irreversibilmente
la salute dei cittadini, i beni ambientali e culturali, la citta' di Viterbo
e l'area altolaziale. Occorre invece - ha concluso la dottoressa Litta -
ridurre il trasporto aereo e restituire salute, sicurezza e diritti a tutti
i cittadini, senza realizzare nuovi aeroporti nel Lazio, e cominciando col
ridurre immediatamente e drasticamente l'insostenibile attivita'
aeroportuale di Ciampino.
Vivo apprezzamento per l'iniziativa hanno espresso tutti i partecipanti.

2. INIZIATIVE. AL CONSIGLIO PROVINCIALE DI VITERBO IL 26 MAGGIO 2008 LE
RAGIONI DELL'OPPOSIZIONE AL DEVASTANTE MEGA-AEROPORTO
[Riportiamo il seguente comunicato del comitato del 27 maggio 2008 dal
titolo completo "Al Consiglio provinciale di Viterbo lunedi' 26 maggio 2008
diffusi a tutti i consiglieri gli opuscoli che documentano le forti ragioni
dell'opposizione al devastante mega-aeroporto"]

In occasione della seduta del Consiglio provinciale di Viterbo di lunedi' 26
maggio 2008 una delegazione del comitato che si oppone alla realizzazione di
un devastante mega-aeroporto e s'impegna per la riduzione del trasporto
aereo, delegazione composta dalla dottoressa Antonella Ltta e dal professor
Osvaldo Ercoli, ha incontrato gli amministratori provinciali ed ha messo a
disposizione di consiglieri, assessori, dirigenti e funzionari l'opuscolo
"Low cost quanto ci costi!" realizzato dal comitato "No Fly" di Ciampino, e
l'opuscolo "Basta con i silenzi e le bugie: diciamo la verita'
sull'aeroporto" realizzato dal comitato di Viterbo.
E' evidente come nel viterbese vi sia ormai un crescente sostegno della
popolazione alle forti ragioni dell'opposizione alla nociva e distruttiva
struttura per voli low cost finalizzata al turismo "mordi e fuggi" per Roma,
struttura il cui impatto sulla salute dei viterbesi, come sui beni
ambientali e culturali e sulle autentiche vocazioni produttive dell'Alto
Lazio sarebbe semplicemente catastrofico. Anche settori politici ed
amministrativi che in passato per cieca ignoranza erano stati acquiescenti a
una scelta scellerata stanno ormai maturando un radicale ripensamento, sulla
base delle dimostrate conseguenze disastrose della eventuale realizzazione
del mega-aeroporto.

3. INIZIATIVE. SINTESI DELL'INTERVENTO DELLA DOTTORESSA ANTONELLA LITTA ALLA
MANIFESTAZIONE DI TARQUINIA DEL 24 MAGGIO 2008 CONTRO LA RICONVERSIONE A
CARBONE DELLA CENTRALE ENEL DI TORVALDALIGA NORD A CIVITAVECCHIA
[Riportiamo il seguente comunicato del comitato del 27 maggio 2008.
Antonella Litta e' la portavoce del Comitato che si oppone alla
realizzazione dell'aeroporto a Viterbo; svolge l'attivita' di medico di
medicina generale a Nepi (in provincia di Viterbo). E' specialista in
Reumatologia ed ha condotto una intensa attivita' di ricerca scientifica
presso l'Universita' di Roma "la Sapienza" e contribuito alla realizzazione
di uno tra i primi e piu' importanti studi scientifici italiani
sull'interazione tra campi elettromagnetici e sistemi viventi, pubblicato
sulla prestigiosa rivista "Clinical and Esperimental Rheumatology", n. 11,
pp. 41-47, 1993. E' referente locale dell'Associazione italiana medici per
l'ambiente (International Society of Doctors for the Environment - Italia).
Gia' responsabile dell'associazione Aires-onlus (Associazione internazionale
ricerca e salute) e' stata organizzatrice di numerosi convegni
medico-scientifici. Presta attivita' di medico volontario nei paesi
africani. E' stata consigliera comunale. E' partecipe e sostenitrice di
programmi di solidarieta' nazionale ed internazionale. Presidente del
Comitato "Nepi per la pace", e' impegnata in progetti di educazione alla
pace, alla legalita', alla nonviolenza e al rispetto dell'ambiente]

La dottoressa Antonella Litta, referente per Viterbo e provincia
dell'"Associazione medici per l'ambiente - Isde (International Society of
Doctors for the Environment - Italia)" e portavoce del comitato che si
oppone all'aeroporto di Viterbo e s'impegna per la riduzione del trasporto
aereo, e' intervenuta sabato 24 maggio 2008 a Tarquinia alla manifestazione
contro la riconversione a carbone della centrale di Torvaldaliga Nord a
Civitavecchia.
Nel suo intervento la dottoressa Litta ha espresso solidarieta' ai promotori
e ai partecipanti alla manifestazione.
*
Di seguito riportiamo una sintesi del suo intervento.
"La prosecuzione del progetto che trasformera' l'attuale centrale in una
alimentata dal carbone, rappresenta una fonte di grande preoccupazione sia
dal punto di vista sanitario che ambientale per tutto l'Alto Lazio. Il
diritto alla salute e a vivere in un ambiente sano e' sancito dalla
Costituzione della Repubblica. Questo e' un diritto fondamentale che non
puo' mai essere subordinato a scelte economiche e tecnologiche che, come nel
caso della futura centrale a carbone di Torvaldaliga Nord, ripetono storie
purtroppo gia' viste, come quella della centrale a carbone di Brindisi Sud,
centrale che brucia circa sei milioni di tonnellate di carbone l'anno e
cosi' riversa nell'aria e quindi sui terreni, sulle colture, e negli
organismi degli esseri umani che li' vivono, sostanze tossiche e cancerogene
massacrando e sopprimendo di fatto l'economia agricola del Salento e la
salute delle persone.
"Se la riconversione a carbone della centrale di Torvaldaliga Nord a
Civitavecchia non sara' fermata, Tarquinia e gran parte delle aeree del
viterbese saranno costrette a dire per sempre addio al turismo e
all'agricoltura di qualita', e saranno condannate a continuare a pagare un
prezzo enorme dal punto di vista dell'impatto sanitario sulla popolazione.
"E' necessario fare altre scelte, subito. Il carbone e' un combustibile
fossile inquinante, e rimane tale anche se lo si chiama in maniera
mistificatoria "carbone pulito". Peraltro ugualmente scandalosa e
inammissibile, nociva e pericolosissima, sarebbe la scelta nucleare. E'
necessario invece risparmiare l'energia, e non continuare a sprecarla; e'
necessario scegliere le fonti energetiche rinnovabili: quelle messe a nostra
disposizione gratuitamente da madre natura che proprio perche' tali non
inquinano e non danneggiano ambiente e salute".

4. INIZIATIVE. ANTONELLA LITTA: UNA LETTERA AL SINDACO DI VITERBO DEL 3
MAGGIO 2008
[Riportiamo la seguente lettera di Antonella Litta a varie autorita'
istituzionali del 3 maggio 2008]

Al Sindaco del Comune di Viterbo
e per opportuna conoscenza: al dirigente dell'assessorato all'ambiente del
Comune di Viterbo, al dirigente dell'assessorato ai lavori pubblici del
Comune di Viterbo
e sempre per opportuna conoscenza: al Prefetto di Viterbo, al Direttore
generale della Asl di Viterbo, al Presidente della Provincia di Viterbo,
all'Assessore all'ambiente della Provincia di Viterbo, all'Arpa Lazio -
sezione di Viterbo, ai mezzi d'informazione locali
Oggetto: Preoccupazione dell'Isde per il persistere di rifiuti di
sconosciuta provenienza e composizione lungo la strada provinciale
Tuscanese. Seconda lettera al Comune di Viterbo dopo la prima del 31 marzo
2008 alla quale non abbiamo ricevuto risposta alcuna, e persistendo
l'inaccettabile situazione segnalata
Egregio sindaco,
come gia' segnalato in data 31 marzo 2008 al commissario prefettizio che
allora reggeva pro tempore il Comune di Viterbo (con lettera alla quale fin
qui non e' giunta alcuna risposta) nuovamente le segnalo che nel territorio
del Comune di Viterbo lungo la strada Tuscanese c'e' ormai da mesi un cumulo
di rifiuti di aspetto biancastro e granuloso sottoposto a sequestro da parte
della Polizia Provinciale in data 3 marzo 2008; l'area in questione continua
ad essere delimitata soltanto da un nastro e da alcuni picchetti di
recinzione.
Nella lettera del 31 marzo 2008 esprimevo forte preoccupazione e domandavo
quali misure erano state adottate per mettere in sicurezza l'area sottoposta
a sequestro da parte della Polizia Provinciale ed evitare cosi'
contaminazioni dell'aria e del suolo che si sarebbero potute rivelare fonte
di danno all'ambiente e alla salute, considerata l'ignota composizione del
materiale abbandonato; e sollecitavo la tempestiva adozione di tutti gli
interventi previsti dalla vigente normativa.
Non avendo ricevuto alcuna risposta e dopo aver verificato de visu in data
odierna la persistenza dello stato di abbandono e mancata messa in sicurezza
dell'area interessata, con la presente le chiedo di intervenire per
acquisire l'esito delle analisi a cui sono stati sottoposti i campioni
prelevati e provvedere per quanto di sua competenza affinche' sia disposta
l'immediata rimozione dei rifiuti.
Restando in attesa di un sollecito riscontro, cordiali saluti,
dottoressa Antonella Litta, referente per Viterbo e provincia dell'Isde -
Associazione italiana medici per l'ambiente (International Society of
Doctors for the Environment - Italia)
Viterbo, 3 maggio 2008

5. RIFLESSIONE. MARCELLO CINI: LA FOLLIA NUCLEARE E I SOLITI NOTI
[Dal quotidiano "Il manifesto" del 25 maggio 2008 col titolo "Le varie balle
di Scajola sul nucleare".
Marcello Cini, nato a Firenze nel 1923, e' docente universitario di fisica,
e autorevole studioso di fama internazionale; ha partecipato attivamente
alle discussioni degli ultimi decenni sulla storia della scienza, i temi
epistemologici, la critica della scienza e della sua pretesa neutralita'. E'
stato ordinario di Fisica Teorica, poi di Teorie Quantistiche e oggi e'
Professore Emerito dell'Universita' "La Sapienza" di Roma. Nella sua
attivita' di ricerca si e' occupato di particelle elementari, di fondamenti
di meccanica quantistica, di processi stocastici ma anche di storia della
scienza e di temi epistemologici, temi su cui e' stato un punto di
riferimento del dibattit internazionale. E' stato vicedirettore della
rivista internazionale "Il Nuovo Cimento"; collabora al quotidiano "Il
manifesto". Oltre a testi di fisica per uso universitario e per la scuola
secondaria, ha pubblicato vari altri libri. Riportiamo la motivazione
dell'attibuzione del Premio Nonino 2004 "A un Maestro Italiano del nostro
tempo": "Fisico illustre, intellettuale tra i piu' 'curiosi' nel panorama
culturale italiano del secondo Novecento. Cresciuto nel culto della verita',
ne ha conservato il 'fuoco' sino ad oggi. Nella Sua fine riflessione
epistemologica critica il feticcio della neutralita' della scienza e
sostiene un sapere consapevole e responsabile verso la societa'. Padre
nobile ed appartato dei movimenti ambientalisti e grande difensore della
diversita'. In un lato del suo pensiero sintetizzato nella parola d'ordine
'la vita non si brevetta' si ritrovano legami strettissimi con l'ideale del
'Principio Responsabilita'' teorizzato da Hans Jonas, messaggio che
desideriamo trasmettere con forza alle generazioni future". Opere di
Marcello Cini: (con G. Ciccotti, M. de Maria, G. Jona-Lasinio), L'ape e
líarchitetto. Paradigmi scientifici e materialismo storico, Feltrinelli,
Milano 1976; (con Danielle Mazzonis), Il gioco delle regole. L'evoluzione
delle strutture del sapere scientifico, Feltrinelli, Milano 1981; The
History and Ideology of Dispersion Relations, in: Foundations od Science, I,
1981; Cultural Tradition and Environmental factors in the Development of
Quantum Electrodynamics, in: Foundations od Science, III, 1981; Trentatre'
variazioni su un tema. Soggetti dentro e fuori la scienza, Editori Riuniti,
Roma 1990; (con: J. M. Levy-Leblond, Adam Hilger), Quantum Theory without
Reduction, 1991; Oltre il riduzionismo, 1991; Un paradiso perduto.
Dall'universo delle leggi naturali al mondo dei processi evolutivi,
Feltrinelli, Milano 1994; Caso, necessita', liberta', Cuen, Napoli 1998;
Dialoghi di un cattivo maestro, Bollati Boringhieri, Torino 2001; Il
supermarket di Prometeo. La scienza nell'era dell'economia della conoscenza,
Codice, 2006]

Non credo che Scajola non sappia che sta raccontando un sacco di balle per
giustificare la "storica" decisione di abbattere il "tabu' del nucleare" nel
nostro paese per portarlo finalmente (!) al livello tecnologico e produttivo
dei paesi piu' avanzati dell'Occidente. Sa benissimo in primo luogo che,
proprio in questi paesi (Stati Uniti ed Europa) di centrali nucleari non se
ne costruiscono piu' dagli anni Settanta (la Finlandia ne ha una in
costruzione che ha gia' sforato il costo previsto del 35%) perche' costano
troppo e dunque sa che non e' vero che l'energia prodotta in questo modo
costa meno di quella proveniente da altre fonti.
In secondo luogo Scajola sa benissimo che gioca sulle parole quando parla,
per tranquillizzare l'opinione pubblica sui problemi della sicurezza e delle
scorie, di centrali "dell'ultima generazione" da iniziare a realizzare entro
cinque anni, facendo surrettiziamente pensare che si trattera' di centrali
all'avanguardia su queste questioni. In realta', si tratta delle centrali
"di terza generazione" disponibili oggi, che non contengono nessun
sostanziale passo avanti in termini di sicurezza e di quantita' e qualita'
di scorie prodotte rispetto a quelle che oggi l'Europa sta gia' in parte
smantellando, mentre quelle "di quarta generazione" che dovrebbero
incorporare importanti innovazioni su queste questioni dovrebbero essere
disponibili soltanto, e forse, fra 25 anni.
Infine Scajola sa benissimo che il contributo dell'energia nucleare alla
riduzione dell'emissione di CO2 in tutto il mondo andra' addirittura
diminuendo nel futuro. E in particolare che quello che potrebbero fornire le
centrali nucleari da realizzare in Italia - dato e non concesso che tutti i
problemi di individuazione dei siti, di realizzazione di misure di sicurezza
e di stoccaggio delle scorie possano essere risolti a colpi di bacchetta
magica - sarebbe assolutamente irrisoria.
Non e' un caso che l'Europa (con l'obiettivo del 20% di solare e di eolico
nel 2020) escluda il nucleare come possibile contributo.
E, proprio su questo tema, Scajola sa benissimo che gli investimenti in
centrali nucleari faranno abortire miseramente ogni speranza di raggiungere
l'obiettivo europeo, ostacolando il decollo dell'industria del nostro paese
nelle tecnologie energetiche dell'avvenire: il solare, l'eolico e
soprattutto il risparmio energetico. Perderemo dunque la speranza non dico
di competere, ma di rincorrere la Germania, che e' all'avanguardia per il
solare (ma non eravamo noi il "paese del sole"?) e la Spagna che e' in testa
alla classifica nello sviluppo dell'eolico. Perderemo soprattutto anche
questa occasione per sostituire il miraggio, peraltro anacronistico, di uno
sviluppo industriale fondato sul modello novecentesco dell'industria pesante
e centralizzata, con uno sviluppo economico centrato sulle tecnologie
"morbide" e sulla soft economy diffusa sul territorio.
Bisogna dunque domandarsi che cosa c'e' dietro questo colossale battage
pubblicitario che improvvisamente esplode, coinvolgendo la politica (con
preoccupanti contributi anche dell'opposizione), il mondo della produzione
con in testa la nuova Confindustria della Marcegaglia, e, naturalmente, il
coro pressoche' unanime dei media.
Non sono un esperto delle multidecennali faccende piu' o meno pulite dei
protagonisti del capitalismo nostrano, che si e' sempre ingrassato mettendo
le mani - per usare uno slogan spudoratamente usato da uno dei maggiori
esperti in materia - nelle tasche dei cittadini, ma non posso non rilevare
collegamenti impressionanti tra questa operazione e alcuni episodi clamorosi
di promesse mancate, di incompetenze clamorose, di colossali appropriazioni
indebite di denaro pubblico.
Il ruolo dell'Impregilo, nello scandalo della "monnezza" in Campania ne e'
un recente esempio paradigmatico, ma i precedenti di imprese del genere sono
numerosi. Non sara' che anche in questo caso tutto si ridurra' a un altro
progetto faraonico (una strana coincidenza con il rilancio del ponte sullo
Stretto di Messina) finalizzato soltanto a far intascare miliardi di euro ai
soliti noti (e ai loro amici)?

6. MATERIALI. INDICE DEI NUMERI 51-100 DI "COI PIEDI PER TERRA"

* "Coi piedi per terra", numero 51 del 17 novembre 2007: 1. L'idea; 2. Peppe
Sini: Un messaggio di saluto al congresso regionale di Legambiente del
Lazio; 3. Indice dei numeri 1-50 di "Coi piedi per terra"; 4. Per contattare
il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 52 del 19 novembre 2007: 1. Al congresso
regionale di Legambiente a Roma "Ridurre drasticamente il trasporto aereo
per difendere la salute e l'ambiente"; 2. Per il potenziamento del trasporto
ferroviario a vantaggio di tutti. Contro il devastante mega-aeroporto degli
speculatori e degli inquinatori; 3. Una lettera aperta al rettore
dell'Universita' degli studi della Tuscia; 4. Una lettera aperta
all'assessore all'ambiente della Provincia di Viterbo; 5. Una lettera aperta
all'assessore alla cultura del Comune di Viterbo; 6. Verso il convegno del 4
dicembre a Viterbo; 7. Per contattare il comitato che si oppone
all'aeroporto di Viterbo.
* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 140 del 22 novembre 2007: 1.
Marinella Correggia: Inquinamento aereo, il parlamento europeo inizia a
mettere dei limiti; 2. Marinella Correggia: Contro l'espansione
aeroportuale; 3. Marinella Correggia: Piu' aeroporti, piu' effetto serra; 4.
Marinella Correggia: Come la Banca Europea per gli Investimenti finanzia il
caos climatico; 5. Marinella Correggia: Quei lunghi viaggi che solcano il
clima; 6. Marinella Correggia: Politici in volo; 7. Marinella Correggia:
Contro i "voli stupidi"; 8. Marinella Correggia: La guerra al clima dei voli
low cost; 9. Marinella Correggia: Favorire il non volo.
* "Coi piedi per terra", numero 53 del 23 novembre 2007: 1. Il 23 novembre a
Roma; 2. Peppe Sini: Un messaggio di saluto al convegno degli amministratori
locali che si tiene a Roma il 23 novembre 2007; 3. Dalle parole del
segretario generale dell'Onu un ulteriore sostegno alla lotta per la
riduzione del trasporto aereo; 4. Peppe Sini: Una lettera aperta al
Presidente della Camera di Commercio di Viterbo; 5. Per contattare il
comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 54 del 24 novembre 2007: 1. Un comunicato
del Ministero dei trasporti; 2. Peppe Sini: A una vecchia conoscenza; 3.
Monica Lanfranco: Il cielo non e' un'autostrada; 4. I viterbesi onesti e
informati ringraziano il professor Mercalli; 5. Marinella Correggia: Chi
troppo vola... (2004); 6. Marinella Correggia: Innovazione frugale (2006);
7. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 55 del 26 novembre 2007: 1. Al convegno
degli amministratori locali svoltosi a Roma una incisiva relazione del
professor Alessandro Pizzi; 2. Il comitato che si oppone al mega-aeroporto
ha incontrato il direttore generale della Asl di Viterbo; 3. Antonella
Litta: Intervento al congresso regionale di Legambiente; 4. Salviamo il
Bulicame dai nuovi attila; 5. Per contattare il comitato che si oppone
all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 56 del 28 novembre 2007: 1. Per il bene
comune; 2. Il 4 dicembre a Viterbo un convegno sulle emergenze ambientali e
sanitarie nell'Alto Lazio; 3. Alessandro Pizzi: Relazione all'assemblea
nazionale degli enti locali svoltasi a Roma il 23 novembre 2007; 4. Una
decisione ministeriale profondamente errata; 5. Peppe Sini: Non passeranno.
Impediremo questa scellerata devastazione; 6. Per contattare il comitato che
si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 57 del 30 novembre 2007: 1. Peppe Sini: Con
la forza della legalita'; 2. Giulietto Chiesa: Aeroporto di Viterbo,
ennesima decisione errata del centrosinistra; 3. La dottoressa Antonella
Litta partecipa al convegno nazionale di Arezzo dei "Medici per l'ambiente";
4. Marinella Correggia: La fungazione degli aeroporti non conosce soste; 5.
L'Onu chiede di ridurre dell'80% le emissioni inquinanti che provocano il
surriscaldamento del clima. Occorre quindi drasticamente ridurre anche il
trasporto aereo; 6. Peppe Sini: Alcune semplici domande al Ministro dei
Trasporti il 28 novembre a Viterbo; 7. Il volo e lo schianto; 8. Il 4
dicembre un convegno a Viterbo; 9. Per contattare il comitato che si oppone
all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 58 del primo dicembre 2007: 1. Alcune
fondamentali ragioni per cui il mega-aeroporto a Viterbo non puo' e non deve
essere realizzato; 2. Assemblea permanente "No fly" di Ciampino: Diminuire i
voli a Ciampino senza costruire nuovi scali; 3. Il 4 dicembre a Viterbo; 4.
Elena Liotta: Il lato oscuro della crescita; 5. Per contattare il comitato
che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 59 del 3 dicembre 2007: 1. Domani a Viterbo;
2. Dal convegno nazionale dell'Associazione dei Medici per l'Ambiente un
forte sostegno all'impegno per la riduzione del trasporto aereo; 3. Roberto
Barcaroli: Intervento al congresso regionale di Legambiente svoltosi a Roma
il 17-18 novembre; 4. Paolo Baroni: L'Italia degli aeroporti inutili; 5. Per
contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 60 del 5 dicembre 2007: 1. Si e' svolto a
Viterbo il 4 dicembre 2007 il convegno su "Le emergenze ambientali e
sanitarie nell'Alto Lazio"; 2. Antonella Litta: Introduzione al convegno del
4 dicembre 2007; 3. Pierluigi Sullo: Cieli bianchi; 4. Per contattare il
comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 61 del 7 dicembre 2007: 1. Peppe Sini.
L'imbarazzo di Marrazzo, da Robin Hood ad Attila; 2. Gennaro Francione:
Natur e Kultur nell'Alto Lazio per la difesa costituzionale del territorio.
Relazione al convegno di Viterbo del 4 dicembre 2007; 3. Umberto Cinalli:
Una pietra tombale; 4. Circolo Prc di Viterbo: Un'opera devastante; 5. Verdi
di Ciampino: Un girone infernale di traffico e inquinamento; 6. Per
contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 62 del 21 dicembre 2007: 1. Da Bali un
messaggio anche a Viterbo; 2. Svoltasi a Roma una conferenza per la
riduzione del trasporto aereo; 3. Rilevante intervento della dottoressa
Litta all'incontro dei medici di medicina generale della Asl di Viterbo del
17 dicembre 2007; 4. Un appello agli studenti dell'Universita' della Tuscia;
5. Una lettera al Ministro dei Trasporti dell'8 settembre 2007; 6. Una
lettera al Ministro dell'Ambiente del 22 settembre 2007; 7. Per contattare
il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 63 del 29 dicembre 2007: 1. Antonella Litta,
Peppe Sini: Una lettera all'Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale
del Lazio; 2. Il congresso nazionale del Movimento Nonviolento per la
riduzione del trasporto aereo; 3. Per contattare il comitato che si oppone
all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 64 del 2 gennaio 2008: 1. L'ora della
ragione e della solidarieta'; 2. Fabrizio Cardoni: Contro l'aeroporto; 3.
Bruno Dei: L'aeroporto portera' solo inquinamento; 4. Alberto Cappelli: A
Viterbo un parco termale al posto dell'aeroporto; 5. Fiora Luzzatto: No
all'aeroporto a Cantalupo; 6. "Herald Tribune": Gli abitanti insorgono
contro la proposta di espansione dell'aeroporto di Siena; 7. Giovanni Paci:
Aeroporti d'Italia. Quelle piste di troppo; 8. Peppe Sini: L'allarme del
Prefetto di Viterbo, "L'aeroporto rischia di portare la mafia"; 9. Per
contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 65 del 4 gennaio 2008: 1. Una lettera
all'Assessore alla Cultura della Regione Lazio; 2. Eleonora Bellini: False
ricchezze e degrado ambientale ed umano; 3. Fiamma Negrini: Che la vostra
voce venga ascoltata; 4. Anna Saleppichi: In difesa del Bullicame; 5. Adele
De Gaetani: Un aeroporto nella campagna di Siena?; 6. Per contattare il
comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 66 del 7 gennaio 2008: 1. Entrando nel
concreto, le fortissime ragioni dell'opposizione al disastroso
mega-aeroporto a Viterbo; 2. Marinella Correggia: L'anidride spicca il volo
(2004); 3. Giuseppe Tacconi: Una ferma opposizione all'aeroporto di Viterbo;
4. Peppe Sini: Sistema di potere andreottiano e penetrazione dei poteri
criminali a Viterbo (1995); 5. Per contattare il comitato che si oppone
all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 67 del 9 gennaio 2008: 1. Antonella Litta:
Invito alla riunione del comitato del 21 gennaio 2008; 2. Barry Commoner: La
lezione; 3. Un intervento della dottoressa Antonella Litta il 20 dicembre a
Capranica. Difendere la salute e difendere l'ambiente, uno stesso impegno;
4. Un intervento della dottoressa Antonella Litta il 4 gennaio a Veiano.
Difendere ambiente, salute, qualita' della vita nell'Alto Lazio; 5. Sergio
Dalmasso: Un disastro ecologico, sanitario ed economico per il viterbese; 6.
Lettera dal sud sulla sobrieta'; 7. Roberto Saviano: Imprese, politici e
camorra. Ecco i colpevoli della peste; 8. Riletture: Guido Viale, Un mondo
usa e getta; 9. Riletture: Guido Viale, Tutti in taxi; 10. Riletture: Guido
Viale, Governare i rifiuti; 11. Riletture: Guido Viale, Vita e morte
dell'automobile; 12. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto
di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 68 del 21 gennaio 2008: 1. Antonella Litta:
Invito alla riunione del comitato che si tiene oggi; 2. Per contattare il
comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 69 del 25 gennaio 2008: 1. Si e' svolta a
Viterbo il 21 gennaio 2008 una partecipata assemblea del comitato che si
oppone all'aeroporto; 2. La solidarieta' dell'illustre scienziato americano
Paul Connett con la lotta del comitato che si oppone al devastante
mega-aeroporto a Viterbo; 3. L'appello del comitato; 4. Un appello in difesa
del Bulicame; 5. Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e
Odontoiatri e Isde-Italia: Tutela del diritto individuale e collettivo alla
salute e ad un ambiente salubre; 6. Per contattare il comitato che si oppone
all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 70 del primo febbraio 2008: 1. Difendere
anche l'Orto botanico di Viterbo dall'assalto dei nuovi attila; 2. Quei
temerari sulle macchine volanti e quei politicanti ignoranti e senza
scrupoli; 3. Ad Orte scalo contro l'aeroporto; 4. Anche a Tuscania
un'iniziativa di informazione sulle nocive e distruttive conseguenze del
mega-aeroporto; 5. L'apprezzamento e il sostegno del professor Gianni
Tamino; 6. L'autorevole opinione del professor Federico Valerio; 7. Per
contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 71 del 2 febbraio 2008: 1. Peppe Sini:
Errare e' umano, ma perseverare e' diabolico; 2. Invalidare uno sciagurato
atto dalle conseguenze nefande; 3. Antonella Litta: Relazione al convegno di
Capranica del primo febbraio 2008; 4. Un'iniziativa di informazione dei
pendolari viterbesi; 5. Per contattare il comitato che si oppone
all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 72 del 6 febbraio 2008: 1. Il 14 febbraio a
Viterbo; 2. Entrando nel concreto, le fortissime ragioni dell'opposizione al
disastroso mega-aeroporto a Viterbo; 3. Per contattare il comitato che si
oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 73 del 9 febbraio 2008: 1. Il 14 febbraio a
Viterbo; 2. Il congresso nazionale del Movimento Nonviolento per la
riduzione del trasporto aereo; 3. Per la salute dei cittadini e l'ambiente
dell'Alto Lazio; 4. "Associazione medici per l'ambiente (Isde-Italia)" di
Viterbo: No agli inceneritori; 5. "Centro di ricerca per la pace" di
Viterbo: Hanno ragione i "Medici per l'ambiente"; 6. Associazione medici per
l'ambiente: Sullo smaltimento dei rifiuti; 7. Michele Boato, Maria G. Di
Rienzo, Mao Valpiana: Crisi politica. Cosa possiamo fare come donne e uomini
ecologisti e amici della nonviolenza? Discutiamone il 2 marzo a Bologna; 8.
Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 74 dell'11 febbraio 2008: 1. San Valentino a
Viterbo; 2. Vandana Shiva: Principi costitutivi di una democrazia della
comunita' terrena; 3. Guenther Anders: Tesi sull'eta' atomica; 4. Un
convegno a Barbarano Romano il 10 febbraio in difesa di ambiente e salute;
5. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 75 del 13 febbraio 2008: 1. Domani a
Viterbo; 2. Giulio A. Maccacaro: Medicina Democratica, movimento di lotta
per la salute (1976); 3. Per contattare il comitato che si oppone
all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 76 del 16 febbraio 2008: 1. Si e' svolto il
14 febbraio a Viterbo il concerto a sostegno del movimento che si oppone al
devastante mega-aeroporto; 2. Alexander Langer: Quando l'economia uccide...
bisogna cambiare; 3. Alexander Langer: Contro la guerra cambia la vita; 4.
Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 77 del 18 febbraio 2008: 1. Virginio
Bettini: A Venezia dal 21 al 23 febbraio; 2. Una breve premessa ai testi
seguenti; 3. Luciano Bonfrate: Dieci parole da Assisi a Gubbio; 4. Osvaldo
Caffianchi: Ancora sulle dieci parole della nonviolenza in cammino da Assisi
a Gubbio; 5. Benito D'Ippolito: Dieci parole della nonviolenza in dieci
profili di costruttrici di pace; 6. Crispino Scotolatori: Ancora dieci
parole sul sentiero da Assisi a Gubbio; 7. Nello Scardani: Ancora dieci
parole della nonviolenza riflesse in dieci volti di donne; 8. Ricciardo
Aloisi: Ancora dieci parole sul sentiero da Assisi a Gubbio; 9. Omero Caiami
Persichi: Dieci quartine tra Assisi e Gubbio; 10. Giobatta Corinzi: Ancora
dieci parole riflesse in dieci volti sul sentiero da Assisi a Gubbio; 11.
Geremia Cattristi: Dieci parole e dieci volti da Assisi a Gubbio; 12. Per
contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 78 dell'8 marzo 2008: 1. Queste elementari e
decisive verita'; 2. Dal punto di vista dell'umanita' intera; 3. Paolo
Rumiz: Scelte quotidiane; 4. Marinella Correggia: Ecotasse; 5. Marinella
Correggia: Foreste; 6. Il congresso nazionale del Movimento Nonviolento per
la riduzione del trasporto aereo; 7. Dall'assemblea di Bologna del 2 marzo
2008 nasce una rete di donne e uomini per l'ecologia, il femminismo e la
nonviolenza; 8. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di
Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 79 del 17 marzo 2008: 1. Peppe Sini: Quer
pasticciaccio brutto der Ministro de' Trasporti; 2. Centro studi "Demetra":
Uno studio sulla relazione del Ministero dei Trasporti del novembre 2007
avente ad oggetto "Ampliamento del sistema aeroportuale laziale" (parte
prima); 3. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di
Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 80 del 19 marzo 2008: 1. Ne' a Viterbo ne'
altrove; 2. Giovanna Rossiello: No all'aeroporto di Viterbo; 3. Centro studi
"Demetra": Uno studio sulla relazione del Ministero dei Trasporti del
novembre 2007 avente ad oggetto "Ampliamento del sistema aeroportuale
laziale" (parte seconda e conclusiva); 4. Umberto Cinalli: Una realta'
deplorevole; 5. Il 9 marzo a Bracciano diffuso un documento per la riduzione
del trasporto aereo; 6. Si e' svolta il 15 marzo a Viterbo una iniziativa di
informazione dei cittadini; 7. Luca Galassi: Heathrow; 8. Marinella
Correggia: Quei fine settimana insostenibili; 9. Per contattare il comitato
che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 81 del 21 marzo 2008: 1. Dall'universita'
contro l'aeroporto; 2. Una lettera aperta di tre medici della prestigiosa
Isde; 3. Gianni Ghirga, Antonella Litta, Mauro Mocci: Una lettera aperta ai
colleghi medici dell'Alto Lazio; 4. Il 18 marzo a Viterbo si e' svolta una
iniziativa di informazione dei cittadini; 5. Michele Boato: Presentazione di
"Gaia - ecologia, nonviolenza, tecnologie appropriate"; 6. Per contattare il
comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 82 del 22 marzo 2008: 1. Le ragioni della
nostra lotta; 2. Peppe Sini: Una storia semplice; 3. Peppe Sini: Quer
pasticciaccio brutto der Ministro de' Trasporti; 4. Peppe Sini: Sistema di
potere andreottiano e penetrazione dei poteri criminali a Viterbo (1995); 5.
Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 83 del 24 marzo 2008: 1. Il segreto di
Pulcinella. A Viterbo; 2. Una intervista ad Antonella Litta; 3. Una lettera
aperta ai candidati a sindaco del Comune di Viterbo; 4. Per contattare il
comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 84 del 26 marzo 2008: 1. Ampliato ed
arricchito il sito www.coipiediperterra.org; 2. Per una minima cronistoria
documentaria del comitato; 3. Alcune rilevanti personalita' che hanno
espresso solidarieta' al comitato; 4. Per contattare il comitato che si
oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 85 del 31 marzo 2008: 1. Una sezione in
inglese nel sito www.coipiediperterra.org; 2. Alcuni estratti da "Un altro
mondo e' possibile se..." di Susan George; 3. Per contattare il comitato che
si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 86 del 7 aprile 2008: 1. La salute,
l'ambiente, la democrazia; 2. Michele Boato: Abbassiamo le ali, prego; 3.
Franco Borghi: Con tutto il cuore; 4. La solidarieta' di Luigi Cancrini; 5.
Il sostegno di Luciano Capitini; 6. La solidarieta' di Fulvio Grimaldi; 7. A
Viterbo il 29 marzo; 8. Antonella Litta: Una lettera al commissario
prefettizio del Comune di Viterbo; 9. Per contattare il comitato che si
oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 87 del 9 aprile 2008: 1. Il diritto contro
l'abuso; 2. Una delegazione dell'Isde dell'Alto Lazio ha incontrato il
professor Cancrini; 3. Stefano Milani: La carica dei 101; 4. Una rete di
donne e uomini per l'ecologia, il femminismo e la nonviolenza; 5. Per
contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 88 del 16 aprile 2008: 1. Franco Nobile:
L'aeroporto fa male alla salute; 2. Antonella Litta: Viterbo e' minacciata;
3. Alcune pubblicazioni scientifiche di Antonella Litta; 4. Associazione
Italia-Cuba di Manziana: Solidali; 5. Cittadini per la salvaguardia del
territorio della Tuscia; 6. Enrico Mezzetti: A un bivio tra due modelli di
sviluppo; 7. Marinella Correggia: Offsetting, ideologia e realta'; 8. Per
contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 89 del 19 aprile 2008: 1. Si e' svolto Il 18
aprile a Ciampino un convegno sulla nocivita' del trasporto aereo; 2.
Antonella Litta: Relazione al convegno di Ciampino del 18 aprile 2008; 3.
Una intervista a Franco Nobile; 4. Marinella Correggia: Fiori volanti,
economia violenta; 5. Marinella Correggia: Una mistificazione; 6. La quarta
di copertina del libriccino "Low cost quanto ci costi!" sull'impatto
dell'aeroporto di Ciampino sulla salute e la qualita' della vita della
popolazione; 7. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di
Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 90 del 21 aprile 2008: 1. Il 24 aprile a
Viterbo; 2. Eduardo Galeano: I diritti della natura; 3. Alcuni  estratti da
"Un mondo usa e getta" di Guido Viale (parte prima); 4. Per contattare il
comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 91 del 23 aprile 2008: 1. Il 24 aprile a
Viterbo; 2. Il 27 aprile "Report" sugli aeroporti; 3. A Ladispoli dal 3
maggio al 5 luglio; 4. Alcuni  estratti da "Un mondo usa e getta" di Guido
Viale (parte seconda e conclusiva); 5. Per contattare il comitato che si
oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 92 del 30 aprile 2008: 1. Viterbo incontra
Ciampino sabato 3 maggio 2008; 2. Per contattare il comitato che si oppone
all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 93 del 2 maggio 2008: 1. Sabato 3 maggio
Viterbo incontra Ciampino; 2. Il sostegno dello scienziato Stefano Montanari
al comitato che si oppone al devastante mega-aeroporto a Viterbo; 3. Un
mega-aeroporto e' nocivo per la salute e devasta l'ambiente; 4. Giovanna
Boursier: Chi non vola e' perduto (parte prima); 5. Per contattare il
comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 94 del 3 maggio 2008: 1. Oggi a Viterbo
conferenza contro i nocivi e devastanti mega-aeroporti e per la riduzione
del trasporto aereo; 2. Questa sera dopo la conferenza cena vegetariana al
centro sociale autogestito "Valle Faul"; 3. Giovanna Boursier: Chi non vola
e' perduto (parte seconda); 4. Si e' svolto il 24 aprile a Viterbo un
seminario con il professor Montanari su "Nanoparticelle, ambiente e salute";
5. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 95 del 5 maggio 2008: 1. Si e' svolta il 3
maggio 2008 la conferenza "Viterbo incontra Ciampino"; 2. Giovanna Boursier:
Chi non vola e' perduto (parte terza e conclusiva); 3. Per contattare il
comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 96 del 7 maggio 2008: 1. Antonella Litta:
Introduzione alla conferenza "Viterbo incontra Ciampino" del 3 maggio 2008;
2. Alessandro Pizzi: Relazione alla conferenza "Viterbo incontra Ciampino"
del 3 maggio 2008; 3. Daniela Artibani: Intervento alla conferenza "Viterbo
incontra Ciampino" del 3 maggio 2008; 4. Viviana Bertoia: Intervento alla
conferenza "Viterbo incontra Ciampino" del 3 maggio 2008; 5. Arricchito il
sito del comitato che si oppone al devastante mega-aeroporto di Viterbo; 6.
Alcuni siti utili per la documentazione; 7. Per contattare il comitato che
si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 97 del 12 maggio 2008: 1. Si e' svolto a
Ladispoli sabato 10 maggio un incontro per la riduzione del trasporto aereo;
2. Una lettera al Ministro dei Trasporti dell'8 settembre 2007; 3. Una
lettera al Ministro dell'Ambiente del 22 settembre 2007; 4. Una lettera alla
Ministra della Sanita' del 24 settembre 2007; 5. Una lettera al Ministro
della Solidarieta' sociale del 25 settembre 2007; 6. Una lettera al Ministro
dei Beni culturali del 26 settembre 2007; 7. Alcuni siti utili per la
documentazione; 8. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di
Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 98 del 21 maggio 2008: 1. A Tarquinia il 24
maggio; 2. Il 25 maggio a Viterbo; 3. Antonella Litta: Relazione
all'incontro di Ladispoli del 10 maggio 2008; 4. Alessandra Marozza: Il 10
maggio, giornata mondiale del commercio equo, un incontro a Ladispoli; 5. Al
Consiglio comunale di Viterbo il disastro ambientale e sanitario
dell'aeroporto di Ciampino; 6. A Firenze dal 23 al 25 maggio; 7. Ancora
ampliato il sito del comitato che si oppone al devastante mega-aeroporto di
Viterbo; 8. Alcuni siti utili per la documentazione; 9. Per contattare il
comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 99 del 24 maggio 2008: 1. Il 25 maggio a
Viterbo; 2. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di
Viterbo.
* "Coi piedi per terra", numero 100 del 26 maggio 2008: 1. Un
ringraziamento; 2. Guido Viale: Rifiuti; 3. Luciano Gallino: Cosi'
l'Occidente produce la fame nel mondo; 4. Gianni Mattioli e Massimo Scalia:
La favola atomica; 5. Franca Ongaro Basaglia: Il sale della terra; 6.
Vandana Shiva: Economie di vita; 7. Per contattare il comitato che si oppone
all'aeroporto di Viterbo.

7. RIFERIMENTI. PER CONTATTARE IL COMITATO CHE SI OPPONE ALL'AEROPORTO DI
VITERBO

Per informazioni e contatti: Comitato contro l'aeroporto di Viterbo e per la
riduzione del trasporto aereo: e-mail: info at coipiediperterra.org , sito:
www.coipiediperterra.org
Per contattare direttamente la portavoce del comitato, la dottoressa
Antonella Litta: tel. 3383810091, e-mail: antonella.litta at libero.it
Per ricevere questo notiziario: nbawac at tin.it

===================
COI PIEDI PER TERRA
===================
Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it
Numero 101 del 28 maggio 2008

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

Per non riceverlo piu':
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su
"subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196
("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing
list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica
alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004
possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web:
http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la
redazione e': nbawac at tin.it