[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Coi piedi per terra. 102



===================
COI PIEDI PER TERRA
===================
Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"
Numero 102 del 31 maggio 2008

In questo numero:
1. Alessandro Pizzi: Camminando si apre il cammino
2. Marinella Correggia: Difendere i saperi tradizionali
3. Marinella Correggia: La scelta dell'alimentazione vegetariana
4. Angelo Baracca: Propaganda
5. Vittorio Cogliati Dezza: Ideologia
6. Severino Vardacampi: Due cose ho imparato, anzi tre
7. Giobbe Santabarbara: Come passa il tempo, o dell'eterno ritorno
8. Fosco Funesti: "No al nucleare, civile e militare"
9. Un estratto da "Eolico: paesaggio e ambiente" a cura di Gianni
Silvestrini e Mario Gamberale
10. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo

1. RIFLESSIONE. ALESSANDRO PIZZI: CAMMINANDO SI APRE IL CAMMINO
[Ringraziamo Alessandro Pizzi (per contatti: alexpizzi at virgilio.it) per
questo intervento.
Alessandro Pizzi, gia' apprezzatissimo sindaco di Soriano nel Cimino (Vt),
citta' in cui il suo rigore morale e la sua competenza amministrativa sono
diventati proverbiali, e' fortemente impegnato in campo educativo e nel
volontariato, ha preso parte a molte iniziative di pace, di solidarieta',
ambientaliste, per i diritti umani e la nonviolenza, tra cui l'azione
diretta nonviolenta in Congo con i "Beati i costruttori di pace"; ha
promosso il corso di educazione alla pace presso il liceo scientifico di
Orte (istituto scolastico in cui ha lungamente insegnato); e' uno dei
principali animatori del comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo e
s'impegna per la riduzione del trasporto aereo. Sul tema del trasporto
aereo, del suo impatto sugli ecosistemi locali e sull'ecosistema globale, e
sui modelli di mobilita' in relazione ai modelli di sviluppo e ai diritti
umani, ha tenuto rilevanti relazioni a vari convegni di studio]

Dopo la bella passeggiata del 25 maggio a Viterbo mi viene alla mente il
motto "camminando si apre il cammino": domenica man mano che visitavamo i
luoghi del Bulicame e che ascoltavamo le sapienti descrizioni del professor
Paolo Giannini e l'emozionante lectura Dantis di Antonello Ricci ci
rendevamo conto sempre piu' dell'assurdita' del mega-aeroporto.
Anche lungo il percorso compiuto a partire da luglio scorso, grazie anche
all'apporto di numerosi scienziati, di donne e uomini della cultura e
dell'impegno civile, ci siamo resi conto dell'impatto negativo per la salute
dei cittadini di un aeroporto e abbiamo preso coscienza che il trasporto
aereo e' altamente energivoro ed inquinante, responsabile in buona parte del
surriscaldamento del clima.
Ci siamo resi conto che il modello di mobilita' attuale si inserisce nel
piu' generale modello di economia dominante, non rispettoso delle leggi
della natura e iniquo perche' aumenta in forma esponenziale il divario tra i
ricchi e i poveri, sempre piu' numerosi. Ci siamo resi conto della
necessita' di una economia rispettosa delle leggi della natura e dei diritti
di tutti gli esseri viventi in cui non ci puo' essere posto per l'avidita'
di ristrette minoranze. Abbiamo preso coscienza come sia urgente un modello
di mobilita' che riduca drasticamente il trasporto aereo e il trasporto con
l'automobile a vantaggio del treno a velocita' normale.
Nel nostro cammino abbiamo cosi' scoperto che da piu' parti viene denunciato
l'impatto del traffico aereo sul clima, dall'International Panel on Climate
Change (Ipcc), da europarlamentari, su tutti Giulietto Chiesa e Giovanni
Berlinguer, da associazioni ambientaliste internazionali.
Particolarmente significativo e' l'appello di un rappresentante del popolo
inuit, gli eschimesi, che nel 2006 chiedeva la riduzione del trasporto
aereo: "... per noi l'effetto serra non e' solo un'ipotesi, uno studio
scientifico. E' una realta'. E potrebbe esserlo anche per voi nel giro di
pochi decenni... E' troppo chiedere un po' di moderazione per la salvezza
del mio popolo oggi e del vostro popolo domani? Il mio e' un piccolo popolo,
ma quello che gli sta accadendo riguarda tutti voi. Quando ero giovane, il
ghiaccio si formava a novembre. Ora parecchi mesi dopo. Non so se sia tutta
colpa degli aerei che passano sopra la Groenlandia per raggiungere gli Stati
Uniti. So pero' che e' anche colpa di quegli aerei. Le compagnie a basso
costo hanno appena deciso di triplicare il numero dei voli transoceanici, da
80.000 a 240.000 l'anno. Ma cosi' facendo distruggeranno la nostra e la
vostra terra. Fermateli. Fermatevi".
*
A proposito dell'impatto del traffico aereo voglio riportare alcuni brani di
un articolo pubblicato il 12 maggio scorso nel sito web della rivista "Quale
Energia": "Le emissioni dei trasporti aerei cresceranno piu' del previsto,
lo rivela uno studio divulgato recentemente. Intanto si propone di creare
un'autorita' Onu che imponga l'emission trading al trasporto internazionale.
"Il settore dell'aviazione non sta tagliando le emissioni, anzi, da qui al
2025 la quantita' di CO2 rilasciata dagli aerei potrebbe raddoppiare, con le
connesse conseguenze per il riscaldamnto climatico. A rivelarlo uno studio
internazionale presentato lo scorso anno ad un seminario per addetti ai
lavori, 'Usa/Europe Air Traffic Management Seminar', a Barcellona. Documento
la cui divulgazione era stata negata dagli organizzatori dell'incontro, ma
che e' stato reso pubblico nei giorni scorsi dall'associazione ambientalista
inglese Aviation Environment Federation.
"Nel report - realizzato dal Dipartimento dei trasporti americano,
dall'Agenzia europea per il controllo del traffico aereo (Eurocontrol) e
dalla Manchester Metropolitan University - si legge che dal 2000 al 2025
aumentera' il numero di persone esposte all'inquinamento acustico da aerei e
l'ossido di azoto rilasciato in alta quota triplichera', ma cio' che
impressiona sono soprattutto le stime sulle emissioni di CO2.
"Secondo 'Trends in Global Noise and Emissions From Commercial Aviation for
2000 through 2025' - questo il titolo del documento - l'anidride carbonica
emessa dal trasporto aereo passera' dai 572 milioni di tonnellate annue del
2000 a una cifra tra gli 1,2 e gli 1,4 miliardi di tonnellate nel 2025:
questo significa che si avvereranno o addirittura saranno superate le stime
del 'peggior scenario' previsto dall'International Panel on Climate Change
(Ipcc) riguardo alle emissioni per il settore aereo.
"Per Jeff Gazzard di Aviation Environment Federation, l'organizzazione che
ha portato il report all'attenzione del pubblico, queste cifre dimostrano
che le emissioni del settore aereo rischiano di vanificare tutti gli
obiettivi di riduzione della CO2 di tutti gli altri settori, anche perche' i
gas serra rilasciati ad alta quota hanno un potere climalterante doppio
rispetto a quelli prodotti al livello del mare".
*
Il cammino e' ancora lungo e faticoso, reso piu' difficile da un quadro
politico che pensa alla crescita illimitata in  economia, ma il conforto di
tante donne e tanti uomini di volonta' buona e la denuncia dell'impatto del
trasporto aereo che viene fatta da piu' parti ci fa essere fiduciosi sugli
esiti del nostro impegno per impedire la realizzazione di un devastante
mega-aeroporto a Viterbo e per la riduzione del trasporto aereo, in difesa
della salute, dell'ambiente, della democrazia, dei diritti di tutti.

2. RASSEGNA STAMPA. MARINELLA CORREGGIA: DIFENDERE I SAPERI TRADIZIONALI
[Dal quotidiano "Il manifesto" del 24 maggio 2008 col titolo "La Banca
mondiale delle saggezze".
Marinella Correggia e' nata a Rocca d'Arazzo in provincia di Asti;
scrittrice e giornalista free lance particolarmente attenta ai temi
dell'ambiente, della pace, dei diritti umani, della solidarieta', della
nonviolenza; e' stata in Iraq, Afghanistan, Pakistan, Serbia, Bosnia,
Bangladesh, Nepal, India, Vietnam, Sri Lanka e Burundi; si e' occupata di
campagne animaliste e vegetariane, di assistenza a prigionieri politici e
condannati a morte, di commercio equo e di azioni contro la guerra; si e'
dedicata allo studio delle disuguaglianze e del "sottosviluppo"; ha scritto
molto articoli e dossier sui modelli agroalimentari nel mondo e sull'uso
delle risorse; ha fatto parte del comitato progetti di Ctm (Commercio Equo e
Solidale); e' stata il focal point per l'Italia delle rete "Global Unger
Alliance"; collabora con diverse testate tra cui "il manifesto", e' autrice
di numerosi libri, e' attivista della campagna europea contro l'impatto
climatico e ambientale dell'aviazione. Tra le opere di Marinella Correggia:
Ago e scalpello: artigiani e materie del mondo, Ctm, 1997; Altroartigianato
in Centroamerica, Sonda, 1997; Altroartigianato in Asia, Sonda, 1998;
Manuale pratico di ecologia quotidiana, Mondadori, 2000; Addio alle carni,
Lav, 2001; Cucina vegetariana dal Sud del mondo, Sonda, 2002; Si ferma una
bomba in volo? L'utopia pacifista a Baghdad, Terre di mezzo, 2003; Diventare
come balsami. Per ridurre la sofferenza del mondo: azioni etiche ed
ecologiche nella vita quotidiana, Sonda, 2004; Vita sobria. Scritti
tolstoiani e consigli pratici, Qualevita, 2004; Il balcone
dell'indipendenza. Un infinito minimo, Nuovi Equilibri, 2006; (a cura di),
Cambieresti? La sfida di mille famiglie alla societa' dei consumi, Altra
Economia, 2006; Week Ender 2. Alla scoperta dell'Italia in un fine settimana
di turismo responsabile, Terre di Mezzo, 2007. La rivoluzione dei dettagli,
Feltrinelli, Milano 2007]

Dalla produzione agricola in ambienti estremi alla protezione dei suoli,
dalla raccolta e conservazione dell'acqua piovana al trattamento naturale
delle malattie, dall'architettura bioclimatica alla gestione dell'energia,
dal riciclaggio delle risorse all'organizzazione sociale: le conoscenze
tradizionali e le loro applicazioni sono un patrimonio di diversita' la cui
tutela e' necessaria, come quella della biodiversita' degli ecosistemi
naturali.
Il problema e' che la tutela e' scarsa, per non dire del recupero. Cosi',
secondo lo studio 2010 and beyond: Rising to the Biodiversity Challenge,
realizzato dal Wwf internazionale e presentato alla conferenza Onu sulla
biodiversita' in corso a Bonn, oltre un quarto delle specie animali sono
scomparse fra il 1970 e il 2005 in seguito all'azione umana: dalla
deforestazione alla pesca industriale, dalla desertificazione ai cambiamenti
climatici, flora e fauna continuano a morire. E se qualche specie sta
recuperando, non ci sono globalmente segni di inversione di tendenza; anzi.
Parallelamente stanno scomparendo sagge tradizioni sviluppate dai diversi
popoli mentre per un beffardo destino quelle cattive mostrano di avere la
pelle dura (le "streghe" continuano a essere bruciate). Eppure a partire dal
Vertice sulla Terra di Rio de Janeiro (1992) le Nazioni Unite hanno
riconosciuto che le tecniche e conoscenze tradizionali sono parte della
soluzione ai problemi ambientali e ai cambiamenti climatici perche' capaci
di interagire con l'ambiente senza minarlo. Occorre un piano di lavoro
organico per recuperarle, repertoriarle, disseminarle anche altrove rispetto
al loro bacino d'origine, farle rivivere e anche riapplicarle adattandole.
Al tempo stesso vanno protette dalla rapacita' di chi potrebbe
appropriarsene applicandovi un bel brevetto.
E qui viene il bello: una banca mondiale che non c'entra con la Banca
mondiale. E' in via di costruzione la Wbtk, ovvero World Bank on Traditional
Knowledge (Banca mondiale dei saperi tradizionali), coordinata
dall'architetto e urbanista Pietro Laureano, consulente dell'Unesco per le
zone aride, la civilta' islamica e gli ecosistemi in pericolo. La Wbtk
(www.tkwb.org) e' stata promossa dalle istituzioni italiane e da
organizzazioni dell'Onu e sara' gestita dal centro di ricerche Ipogea. Un
suo effetto collaterale positivo, spiega Laureano, sara' "evitare la
brevettazione: i diritti di proprieta' intellettuale possono intervenire e
appropriarsi di una conoscenza tradizionale solo quando questa non e'
'notoria'. Il Centro dunque notifichera' all'Ufficio europeo dei brevetti
quanto ha raccolto e inventariato". Riecheggia la cartolina della campagna
"Senza patente", condotta da un gruppo di Ong italiane aderenti al Cocis:
"Saggezze del mondo. Se le conosci non le rubano".
Gli adattamenti a situazioni climatiche difficili sviluppati nei secoli
dalle diverse culture sono sofisticati e poveri al tempo stesso:
dall'idrogenesi (raccolta dell'acqua dall'umidita' notturna) ai muri di
protezione per frutteti e orti, dalle cisterne sui tetti ai vivai portatili,
dalle barriere antivento ai laghetti collinari antierosione,
dall'irrigazione parsimoniosa agli orti pensili, dalla coltivazione nomade
al raffrescamento naturale delle case... "Tecniche tradizionali che possono
essere la base per l'innovazione tecnologica, anche in aree urbane", dice
Laureano.
Certo pero' la saggezza tradizionale puo' poco se non cambiano i grandi
sistemi. Anche la piu' sapiente e centellinante raccolta dell'acqua non puo'
sconfiggere il fatto che l'80% delle risorse idriche e' utilizzato
nell'agricoltura intensiva; e si impone un ritorno a cultivar che non
richiedono irrigazione. E guarda un po': anche la Banca mondiale, la World
Bank, proprio lei, sta sostenendo progetti di recupero e diffusione delle
conoscenze tradizionali. Soprattutto nel campo del recupero delle cure a
base di erbe (anche contro patologie "nuove" come l'Aids), in Africa e Asia.
Economiche ed efficaci... finche' non saranno brevettate.

3. RASSEGNA STAMPA. MARINELLA CORREGGIA: LA SCELTA DELL'ALIMENTAZIONE
VEGETARIANA
[Dal quotidiano "Il manifesto" del 16 maggio 2008, col titolo "Il Veggie
Pride e l'etica del cibo"]

Era il 2001 quando si svolse per la prima volta la "marcia dell'orgoglio
vegetariano" a Parigi. Nel paese d'Oltralpe tuttora chi si nutre senza
prodotti animali non di rado e' preso in giro. In Italia il movimento
vegetariano e vegan - da molto tempo diffusissimo nei paesi anglosassoni, e
da millenni una caratteristica dell'India - e' ormai "sdoganato"; non
succede piu', come nei decenni scorsi, di suscitare ilarita' o condanna.
Rimane pero' una certa incomprensione sulla ragione di fondo della scelta:
il rispetto della vita degli animali. Cosi' molti vegetariani e vegan
preferiscono nascondere la motivazione empatica ed elencare quelle ormai
diventate abbastanza consensuali, almeno in teoria: le emergenze ecologiche,
la fame nel mondo, la salute, o il disgusto personale.
Ma il movimento "veg" vuole sottolineare proprio il diritto-dovere alla
compassione di fronte alle torture quotidiane: "Uccelli infilzati
arrostiscono nelle vetrine, corpi smembrati guarniscono gli scaffali. Sui
ponti delle barche mucchi di pesci muoiono silenziosamente e lentamente di
asfissia. Vitelli, polli, maiali, mucche da latte, galline ovaiole, vivono
in un inferno permanente. Negli allevamenti si consumano povere vite. Si
tagliano al vivo e senza anestesia becchi, denti, testicoli. Ovunque
circolano camion pieni di condannati a morte". Nel 2006, solo in Italia,
sono stati abbattuti piu' di 480 milioni di animali; potendo contare i
pesci - che invece sono calcolati solo a tonnellate, sarebbero molti
miliardi.
Cosi' domani, a Roma per la prima volta come a Parigi da anni, si svolgera'
il Veggie Pride, i cui partecipanti rivendicheranno la fierezza e il piacere
del non mangiar carne, pesce e altri prodotti animali - che sono parte dello
stesso circuito di sfruttamento e morte. "Il vegetarismo mette in
discussione la legittimita' dello sfruttamento degli animali" si legge sul
sito www.veggieprige.org; "rivendichiamo i nostri diritti: diritto allo
stesso spazio che hanno gli onnivori per esprimersi sui mass-media, diritto
a pranzi senza animali nelle mense, diritto di rifiutare ogni partecipazione
allo sfruttamento animale con le nostre tasse. I nostri diritti sono gli
unici che questi animali oggi, indirettamente, posseggano".
I partecipanti alla marcia italiana (partenza dalla metro Colosseo alle 14)
denunceranno il macello globale, guerra intrecciata a tutte le altre guerre
e distruzioni. Che l'inferno animale - in aumento con la progressione nel
consumo di carne a livello planetario - non aiuti gli umani e anzi abbia
gravi responsabilita' nell'affamare i poveri (vista la scarsa resa
energeticoproteica degli allevamenti), a riscaldare il clima (vedi il
rapporto Fao del 2006), a distruggere le foreste e' ormai ufficialmente
riconosciuto (poi non se ne fa quasi nulla). Il Veggie Pride vuole affermare
il suo rifiuto etico anche se la zootecnia non avesse questi giganteschi
effetti collaterali.
Antico, il rifiuto. Plutarco: "Io mi domando con stupore in quale
circostanza e con quale disposizione spirituale l'uomo tocco' per la prima
volta con la bocca il sangue e sfioro' con le labbra la carne di un animale
morto (...) Come mai quella lordura non storno' il senso del gusto che
veniva a contatto con le piaghe di altre creature e che sorbiva gli umori e
i sieri essudati da ferite mortali? (...) Furono sollecitati dalla fame. Ma
se tornassero in vita e riacquistassero la voce, direbbero: beati voi,
quanta ricchezza potete mietere dai campi, quanti prodotti gustosi potete
cogliere dagli alberi".
Rispetto ai tanti cambiamenti negli stili di vita e dunque nei modelli di
produzione che l'emergenza socioecologica planetaria impone, la rivoluzione
alimentare e' la piu' immediata e facilmente realizzabile anche da parte dei
singoli cittadini - basta volere, informarsi, decidere - senza bisogno di
strutture, tecnologie nuove, svolte politiche, incentivi pubblici. Le
proteine etiche sono alla portata di tutti.

4. NUCLEARE. ANGELO BARACCA: PROPAGANDA
[Dal quotidiano "Il manifesto" del 27 maggio 2008 col titolo "Patacche e
'scajolate' sulla politica energetica".
Angelo Baracca, nato a Lugo (Ravenna) il 25 giugno 1939, prestigioso
scienziato, docente di Fisica all'Universita' di Firenze, ha pubblicato
diversi libri e svolto rilevanti ricerche in varie aree della fisica e di
storia e critica della scienza; fa parte del comitato "Scienziate e
scienziati contro la guerra"; da sempre impegnato per la pace e l'ambiente,
partecipa attivamente ai movimenti per la pace, il disarmo, la difesa della
biosfera; collabora a varie riviste. Tra le molte opere di Angelo Baracca
segnaliamo: (con Roberto Livi), Natura e storia. Fisica e sviluppo del
capitalismo nell'Ottocento, D'Anna, Palermo 1976; (con  Arcangelo Rossi),
Scienza e produzione nel '700, Guaraldi, Rimini-Firenze 1977; (con Arcangelo
Rossi), Scienza e industria 1848-1915 : gli sviluppi scientifici connessi
alla seconda rivoluzione industriale; (con Ugo Besson), Introduzione storica
al concetto di energia, Le Monnier, Firenze 1991; (con Mira Fischetti e
Riccardo Rigatti), Fisica e realta', 3 voll., Cappelli, 1999; A volte
ritornano: il nucleare. La proliferazione nucleare ieri, oggi e soprattutto
domani, Jaca Book, Milano 2005]

Potete stare tranquilli: nessuno, nel futuro prossimo, verra' a posare la
prima pietra di un impianto nucleare nel vostro giardino, ne' nel giardino
del vicino. Scajola non sa di che cosa sta parlando, e purtroppo non lo
sanno nemmeno gli altri. Piu' plausibilmente e' tutta propaganda.
Sicuramente raccogliera' il plauso della lobby nucleare, di destra e di
sinistra (e' sicuramente una lobby trasversale, simile a quella dei
professori universitari in Parlamento), ma difficilmente riuscira' a posare
la fatidica "prima pietra" da qualche parte nel patrio suolo. I motivi sono
molti.
In primo luogo, tutta l'industria energetica italiana e' stata zelantemente
privatizzata, e quindi fa quello che crede meglio fare (a torto o a
ragione). Infatti l'Enel acquista centrali nucleari all'estero, in
Slovacchia, Bulgaria, Spagna: perfino quelle di fabbricazione sovietica, che
tutti denunciano come pericolose, e ne progetta perfino l'allungamento della
vita operativa, evidentemente sono pericolose solo quando fa comodo. Non
sembra molto credibile il solerte "Noi siamo pronti" da parte di Enel e Eni,
anche questa e' propaganda, immaginatevi se potevano rispondere "No, non
siamo pronti"!
Vi e' un primo motivo fondamentale per cui le "scajolate" sono campate in
aria: negli ultimi venti anni in Italia sono state zelantemente smantellate
tutte le competenze che avevamo accumulato nel settore nucleare, e ci
vorranno parecchi anni per ricostituirle: sembra difficile gestire un parco
di centrali nucleari senza le competenze necessarie. Forse si punta su
qualche ingegnere nucleare africano... irregolare! Perfino la battagliera
"Le Scienze" rivendica piu' modestamente un rilancio della ricerca nucleare,
per non rimanere tagliati fuori dai progetti internazionali, e supportare
anche le rinascenti ambizioni in campo industriale, come quelle
dell'Ansaldo. Sembra difficile che l'Enel accetti di investire nella
costruzione di centrali nucleari in Italia, anche se lo stato gli fornisse
notevoli agevolazioni. In primo luogo perche' e' ormai chiaro a tutti che in
questo paese le popolazioni locali sono diventate piuttosto suscettibili (et
pour cause), e stanno ormai con le orecchie ritte, pronte a ribellarsi
contro qualsiasi progetto che riguardi il loro territorio: se occorre
l'esercito per imporre una discarica, figuriamoci per realizzare una
centrale nucleare, e forse l'Enel evitera' volentieri di crearsi simili
problemi, se puo' operare in situazioni meno conflittuali. Tanto piu' che il
territorio nazionale, con la notevole densita' degli insediamenti, non si e'
mai prestato molto alla localizzazione di centrali nucleari (senza contare
poi la sismicita').
Ma anche la pacchia dei costi del nucleare, e dei suoi benefici, e' una
favola che racconta la lobby nucleare. Negli Stati Uniti (dove, per la
cronaca, l'industria energetica, privata, da trenta anni non ordina centrali
nucleari) le banche sono disposte a erogare prestiti solo se il governo
federale li garantisce (provate a cercare in internet con un motore di
ricerca guaranteed loans e vedrete la valanga di materiale): ricorda
l'affare della Tav.
I sostenitori del nucleare continuano a decantare il "paradiso nucleare"
della Francia, che ci vende energia a basso costo. Anche McCain si e'
riferito alla Francia per sostenere il suo programma di rilancio massiccio
del nucleare, ma e' stato zittito dal "Financial Post" del 13 maggio, che ha
intitolato invece "Il disastro francese". Il sistema elettrico francese, per
l'80% nucleare, e' tremendamente rigido: i reattori non possono venire
accesi e spenti come un accendino, e per coprire la domanda di punta e'
inevitabile un'eccedenza di produzione di energia, che di notte viene
venduta a prezzi stracciati. La Francia e' anche costretta a chiudere alcune
centrali nei week end, e non di rado deve acquistare energia, a prezzi alti:
questo sistema e' talmente rovinoso dal punto di vista finanziario, che nel
2006 la Francia ha riattivato le sue obsolete centrali termoelettriche.
Senza contare poi che Parigi si e' ben guardata dal privatizzare Edf: il
nucleare civile e' stato gestito dallo stato nel contesto della costruzione
della Force de frappe, e anche questa e' una differenza abissale rispetto
agli Usa.
E' difficile che Scajola possa rovesciare questi dati di fatto. E' molto
piu' probabile che si trattera' di una cortina propagandistica per coprire
ben altro. In queste condizioni, poco importa per l'Italia che i reattori di
quarta generazione non saranno disponibili prima del 2040, mentre quelli
chiamati pomposamente di terza presentano i problemi di costi, ritardi,
scorie, ecc. che Cogliati Dezza richiamava sul "Manifesto" del 23 maggio.

5. NUCLEARE. VITTORIO COGLIATI DEZZA: IDEOLOGIA
[Dal quotidiano "Il manifesto" del 23 maggio 2008 col titolo "Nucleare. Le
pericolose promesse".
Vittorio Cogliati Dezza, professore di storia e filosofia, e' presidente di
Legambiente. Opere di Vittorio Cogliati Dezza: (a cura di), Un mondo tutto
attaccato. Guida all'educazione ambientale, Franco Angeli, Milano 1998]

Il ministro Scajola ieri, all'assemblea di Confindustria, si e' impegnato
senza ambiguita': "entro questa legislatura porremo la prima pietra per la
costruzione di centrali nucleari di nuova generazione". Ma il ministro
Scajola fa una banale errore lessicale. Le centrali "di nuova generazione"
non ci sono e se ci saranno sara' dopo il 2025. Forse intendeva le centrali
attuali, che dovrebbero cominciare ad andare in dismissione nei prossimi
anni?
Il ministro Scajola fa anche un altro errore quando sostiene che le centrali
nucleari sono "sicure e competitive".
Sicure? Nessuno dei problemi che spinsero gli italiani a bocciare il
nucleare 20 anni fa e' stato risolto: non il rischio d'incidenti, non lo
smaltimento in sicurezza delle scorie, non lo smantellamento degli impianti
in disuso, ne' la loro protezione da eventuali attacchi terroristici. La
storia del nucleare e' costellata da una lunga lista di gravi incidenti, da
quello di Three Mile Island nel 1979 negli Usa a quello di Mihama nel 2004
in Giappone. In Europa, dopo la catastrofe di Cernobyl, a Temelin nella
Repubblica Ceca negli scorsi anni si e' verificata una serie di incidenti
che hanno messo in allarme la vicina Austria. Per non parlare delle scorie.
Si calcola che 250.000 tonnellate di rifiuti radioattivi nel mondo siano in
attesa di stoccaggio. Esistono circa 80 depositi "provvisori" nel mondo, ma
non ancora un sito di stoccaggio definitivo. C'e' poi lo smantellamento
delle centrali una volta spente, processo delicato e oneroso, che comporta
rischi altissimi per la sicurezza.
Competitive? Sarebbe corretto considerare nel costo tutto il ciclo, dalla
progettazione allo smaltimento delle scorie e delle centrali. Negli Usa,
dove i produttori sono tutti privati, non si mette in cantiere un impianto
dalla fine degli anni '70 e oggi, nel mondo, solo la Finlandia sta
costruendo un nuovo reattore, che ha gia' visto decollare i costi del 35%.
Inoltre, la Energy Information Administration degli Stati Uniti afferma che
l'elettricita' proveniente da una nuova centrale nucleare e' piu' costosa
del 15% rispetto a quella prodotta con il gas naturale e nel computo
economico non sono considerati ne' i costi di smaltimento delle scorie ne'
lo smantellamento dell'impianto alla fine del ciclo di vita. Non e' un caso
che l'Aiea calcola che il contributo dell'atomo al fabbisogno mondiale di
energia scendera' dal 15% al 13% entro il 2030.
C'e' molta ideologia dietro l'impegno del ministro. Dobbiamo interpretare
tutto cio' come il nuovo articolo 18 del Berlusconi 4? Noi ci opporremo. A
cominciare dal 7 giugno, giorno in cui una vasta alleanza di associazioni e
sindacati ha indetto una manifestazione nazionale a Milano e insieme ci
metteremo "in marcia per il clima", contro il nucleare, per alternative
migliori.

6. NUCLEARE. SEVERINO VARDACAMPI: DUE COSE HO IMPARATO, ANZI TRE

Due cose ho imparato: mai sottovalutare la stupidita' umana, e mai
sottovalutare l'umana mascalzonaggine. Per questo credo che vada preso sul
serio il pericolo di una ripresa del nucleare in Italia nonostante la sua
assoluta insensataggine, la sua palese criminosita'.
E una terza cosa ho imparato, e anch'essa non ho piu' dimenticato: che al
male resistere occorre.

7. NUCLEARE. GIOBBE SANTABARBARA: COME PASSA IL TEMPO, O DELL'ETERNO RITORNO

Mi pare ieri che eravamo davanti ai cancelli della centrale di Montalto. E
invece e' domani.

8. NUCLEARE. FOSCO FUNESTI: "NO AL NUCLEARE, CIVILE E MILITARE"

"No al nucleare, civile e militare" fa parte della colonna sonora degli anni
'70 e '80 e della gioventu' mia e di quanti come me passarono una decina
d'anni davanti ai cancelli della costruenda centrale nucleare di Montalto di
Castro.
Imparammo un sacco di cose, di cui la piu' importante e' questa: che se si
lotta si puo' vincere. Che se si ha ragione si puo' convincere. Che la
nonviolenza e' piu' forte.

9. LIBRI. UN ESTRATTO DA "EOLICO: PAESAGGIO E AMBIENTE" A CURA DI GIANNI
SILVESTRINI E MAIO GAMBERALE
[Dal sito www.tecalibri.it riprendiamo il seguente estratto dal libro di
Gianni Silvestrini e Mario Gamberale (a cura di), Eolico: paesaggio e
ambiente. Sfide e opportunita' del vento in Italia, Muzzio, Roma 2004.
Gianni Silvestrini, ingegnere, docente universitario, ricercatore del Cnr
nel campo delle fonti rinnovabili e delle politiche energetiche; ha svolto
un'attivita' istituzionale dal 2000 al 2002 come direttore generale presso
il Ministero dell'Ambiente; dal 2003 e' direttore scientifico del Kyoto Club
e dirige la rivista "QualEnergia"; e' autore di piu' di cento pubblicazioni
scientifiche.
Mario Gamberale e' ingegnere, docente universitario, ricercatore nel campo
dei sistemi energetici e in particolare dell'integrazione degli impianti
fotovoltaici connessi in rete in edilizia; come consulente del Ministero
dell'Ambiente ha coordinato dal punto di vista tecnico le attivita' del
gruppo di lavoro sulle energie rinnovabili e il risparmio energetico; e'
responsabile dell'attuazione di diversi programmi di promozione e
incentivazione come il programma tetti fotovoltaici, il programma nazionale
solare termico, il programma di sostenibilita' ambientale nelle isole minori
che nel 2002 vince il premio speciale nella Campagna di take Off delle fonti
rinnovabili della Comunita' Europea; dal maggio 2005 e' direttore di
AzzeroCO2, societa' costituita da Legambiente e dal Kyoto Club che promuove
la promozione di interventi diretti e indiretti di riduzione delle emissioni
di gas ad effetto serra; nel Kyoto Club e' coordinatore tecnico e
responsabile del settore fonti rinnovabili]

Indice del volume: Premessa di Domitilla Senni, Roberto Della Seta, Fulco
Pratesi; 1. Non c'e' futuro energetico senza le fonti rinnovabili: il
contributo dell'eolico, di Gianni Silvestrini; 2. Una tecnologia in
evoluzione, di Luca Benedetti, Mario Gamberale; 3. L'eolico in Italia e nel
mondo, di Rodolfo Pasinetti; 4. La valutazione dell'impatto ambientale degli
impianti eolici, di Maria Rosa Vittadini; 5. Gli impatti degli impianti
eolici sulla componente biotica e le misure di mitigazione, di Tommaso La
Mantia, Giuseppe Barbera, Rocco Lo Duca, Bruno Massa, Salvatore Pasta; 6. Il
paesaggio e l'intervento umano: una lunga storia di possibile convivenza, di
Vittorio Amadio; 7. Impianti eolici e paesaggio: la qualita' come chiave per
il consenso locale, di Edoardo Zanchini; 8. Le argomentazioni contro, di
Luca Benedetti, Mario Gamberale.
*
Da pagina 17
"Non c'e' futuro energetico senza le fonti rinnovabili: il contributo
dell'eolico" di Gianni Silvestrini, Politecnico di Milano, Kyoto Club
La temperatura media del pianeta nel 2003 e' stata la piu' elevata negli
ultimi 120 anni dopo quella del 1998 quando, in presenza di un forte
fenomeno del Nino che aveva scaldato le acque dell'Oceano Pacifico, si erano
registrati 14,7 gradi centigradi. Del resto, basta analizzare alcuni dati
per avere conferma dell'anomalia in atto: i 10 anni piu' caldi da quando si
misurano i dati di temperatura su scala mondiale (fine del XIX secolo) si
sono concentrati tutti dopo il 1989. Non solo il trend e' evidente ma c'e'
la possibilita' che, trattandosi di fenomeni non lineari, l'alterazione del
clima possa subire in questo secolo un'improvvisa accelerazione.
Un recente rapporto dell'Accademia nazionale delle scienze degli Usa dal
significativo titolo "Abrupt climate change: inevitable surprises" mette
sull'avviso. Dalla storia del clima emerge infatti un andamento con nette
discontinuita', come e' avvenuto 11.500 anni fa con un innalzamento di 8
gradi nel giro di un solo decennio. L'analisi del paleoclima insegna che
quando il sistema-terra e' stressato, bastano variazioni minime di alcuni
parametri per determinare drammatici salti. Considerando che l'uomo ha
"forzato" gli equilibri portando le concentrazioni dell'anidride carbonica
sui livelli piu' alti degli ultimi 400.000 anni, non sono escluse improvvise
accelerazioni dei cambiamenti climatici in questo secolo.
Ma i danni sono gia' rilevanti oggi. Il costo dei disastri naturali nel 2002
e' stato di 55 miliardi di euro (18,5 miliardi di euro a causa delle
peggiori alluvioni degli ultimi 650 anni nell'Europa centrale). Secondo il
presidente della Reinsurance Association of America "e' chiaro che il
riscaldamento del pianeta potrebbe essere in grado di far fallire le
compagnie di assicurazione". E i segnali preoccupanti si susseguono. Le
ondate di calore del 2003 hanno provocato 1.500 morti in India e 20.000 in
Europa (con temperature medie estive di 4-5 gradi superiori ai valori degli
ultimi secoli).
Mentre si attende l'entrata in vigore del Protocollo di Kyoto con la
ratifica da parte della Russia, attesa entro il 2005, gia' si stanno
discutendo i passaggi successivi alla scadenza del 2010. L'Unione europea,
da sempre punto di riferimento mondiale nelle strategie di risposta
all'emergenza climatica, sta valutando per il 2020 tagli delle emissioni del
20-40%. Il governo inglese si e' spinto a ipotizzare riduzioni dei gas
climalteranti del 60% al 2050 e quello tedesco ha indicato un taglio
dell'80% alla stessa data.
Sul fronte specifico delle fonti rinnovabili, all'inizio del 2001 l'European
Renewable Energy Council (che raggruppa le principali associazioni di
imprese del settore) ha presentato un documento in cui viene proposto un
obiettivo del 20% dell'energia primaria da soddisfare con energia verde al
2020, triplicando cosi' la percentuale rispetto ai valori del 2000.
A fronte di obiettivi di riduzione cosi' drastici, occorre rivedere in
maniera profonda le modalita' di consumo e produzione dell'energia. La
tendenza naturale delle dinamiche energetiche porterebbe infatti a un
aumento del 50% dei consumi mondiali entro il 2030. Per invertire questo
trend occorre la convergenza di politiche innovative e coraggiose in campo
energetico su scala locale, nazionale e sovranazionale.
Ma la situazione e' gia' adesso in cambiamento. Osservando alcune dinamiche
in atto, come il boom delle fonti rinnovabili, si delinea con sempre maggior
chiarezza l'avvio di una rivoluzione energetica di dimensioni mai viste
nella storia dell'umanita' per l'ampiezza dei mutamenti tecnologici e delle
risorse economiche coinvolte. Alla base di questo processo c'e' la
necessita' di rispondere all'emergenza climatica, una sfida che al contrario
delle altre problematiche ecologiche e' destinata col tempo ad amplificarsi
(perlomeno in questo secolo).
Ma torniamo agli obiettivi di riduzione delle emissioni e alla rivoluzione
in cui siamo entrati.
La priorita' nella rivisitazione delle scelte energetiche dovra' riguardare
l'efficienza degli usi finali, considerando che le possibilita' di ridurre i
consumi a parita' di servizi erogati e' molto maggiore di quanto normalmente
si pensi. I risultati di una politica costante nel tempo possono infatti
essere molto ampi. La California, ad esempio, negli ultimi 30 anni e'
riuscita a stabilizzare i consumi elettrici pro capite, a fronte di un
incremento del 50% nel complesso degli Usa.
L'Italia viene considerata molto efficiente dal punto di vista energetico.
In realta' disaggregando il dato dell'intensita' energetica si scoprono
comparti efficienti e altri scadenti. La situazione del settore civile, in
particolare, e' molto arretrata. L'efficienza media dei frigoriferi italiani
e' del 7% inferiore rispetto alla media europea. Lo stesso discorso vale per
altri elettrodomestici, per i sistemi di illuminazione, ma soprattutto per
gli edifici caratterizzati da dispersioni termiche decisamente superiori
rispetto a quelle degli altri paesi.
L'aumento dell'efficienza con cui si utilizza l'energia non e' pero'
sufficiente a raggiungere gli obiettivi di riduzione nei prossimi decenni.
Bisogna infatti intervenire anche sul lato della produzione energetica.
Esaurito il potenziale derivante da un ammodernamento del parco elettrico,
con un innalzamento nei rendimenti delle centrali e con un'espansione della
cogenerazione di elettricita' e calore, ci sono solo tre strade per ridurre
drasticamente le emissioni: un ritorno al nucleare, il sequestro
dell'anidride carbonica sottratta nei processi di conversione energetica e
la diffusione su larga scala delle fonti rinnovabili.
Il nucleare non sembra avere grandi prospettive per motivazioni economiche
oltre che per la mancata soluzione di aspetti centrali come lo smaltimento
delle scorie. Oggi, la potenza nucleare installata e' di 350 GW, con una
produzione pari al 3% dell'elettricita' generata nel mondo. Per ridurre del
50% le emissioni di anidride carbonica, sarebbe necessario costruire
parecchie migliaia di nuovi reattori. Questi esaurirebbero le riserve
mondiali di uranio in meno di cinque anni e produrrebbero centinaia di
migliaia di tonnellate di rifiuti radioattivi che non si saprebbe come
smaltire.
La separazione del carbonio dai combustibili fossili prima o dopo la
combustione e l'iniezione di anidride carbonica in giacimenti sotterranei e'
un'altra delle soluzioni che si stanno esplorando. Oltre a valutazioni
economiche (si stima che il costo dell'elettricita' raddoppierebbe) ci sono
problemi ambientali legati allo stoccaggio della CO2 che vanno esplorati con
attenzione prima di applicare su larga scala questa soluzione. Una
fuoriuscita di questo gas, che essendo piu' pesante dell'aria si accumula
sul suolo, potrebbe avere conseguenze letali. Ci vorranno diversi anni per
capire se si tratta di una soluzione praticabile o se si rischia solo, anche
in questo caso, di scaricare problemi sulle generazioni future.
L'utilizzo delle fonti rinnovabili sembra dunque destinato a svolgere un
ruolo centrale nella strategia di difesa degli equilibri climatici,
proseguendo nei prossimi decenni il processo di decarbonizzazione (riduzione
della quantita' di carbonio nelle molecole degli idrocarburi utilizzati) che
si e' avviato passando progressivamente dal carbone al petrolio e quindi al
metano.
Le energie "alternative" si sono riaffacciate sulla scena energetica moderna
ai tempi della prima crisi petrolifera, 30 anni fa, suscitando grandi
speranze pero' naufragate con il drastico ridimensionamento dei
finanziamenti conseguenti al crollo del prezzo del petrolio nel 1985.
All'inizio degli anni Novanta e' stato l'esplodere dell'emergenza climatica
a imporre la necessita' di ridurre la dipendenza dai combustibili fossili
responsabili della produzione di anidride carbonica, principale gas serra.
Nello scorso decennio si e' quindi assistito a un forte rilancio per alcune
di queste tecnologie con un tasso di crescita medio annuo della potenza
installata che ha raggiunto il 35% per l'eolico e il 39% per il solare
fotovoltaico. Negli ultimi cinque anni la nuova potenza eolica ha superato
quella nucleare.
La situazione attuale delle fonti pulite puo' essere descritta come quella
di flottiglie di piccole barche che si ingrossano rapidamente affiancando le
gigantesche armate energetiche delle fonti fossili e del nucleare, i cui
ammiragli guardano i nuovi venuti passando dal distacco di un tempo a una
malcelata ostilita' e, in alcuni casi, a un crescente interesse.
Grandi compagnie energetiche come la Bp e la Shell, ad esempio, sono
attivamente impegnate in questo settore.
L'eolico in particolare sta registrando un vera boom in Europa con 28,5 GW
in funzione alla fine del 2003, pari a tre quarti del totale mondiale, e con
la previsione di averne 70-80 GW entro il 2010. Per comprendere meglio la
portata di questi numeri, va osservato che la potenza eolica installata nel
periodo 1995-2000 e' stata pari al 24% della potenza delle nuove centrali
elettriche costruite in Europa e che la percentuale eolica e' destinata a
salire al 45% nel periodo 2001-2005. In termini di elettricita', ogni 5 kWh
che verranno prodotti dalle centrali entrate in servizio nell'Unione europea
in questo quinquennio, 1 kWh sara' generato dal vento.
Ma i risultati sono visibili gia' ora. In alcune regioni tedesche e spagnole
la produzione eolica riesce a coprire quote ragguardevoli (dal 20 al 40%)
della domanda elettrica.
La diffusione degli aerogeneratori si e' avuta anche grazie a significativi
miglioramenti della tecnologia che hanno consentito un dimezzamento dei
costi nel corso degli anni Novanta. Negli ultimi 15 anni la produzione per
turbina e' aumentata di 100 volte, mentre negli ultimi 5 anni il peso per kW
installato e il rumore si sono dimezzati. Questa evoluzione ha consentito un
calo del costo del kWh eolico, passato dai 38 centesimi di euro di 20 anni
fa agli attuali 5 centesimi, e ci si aspetta un ulteriore dimezzamento entro
il 2020.
In termini di investimenti ormai si e' raggiunta una massa critica
significativa con 7 miliardi di euro/a. L'aver puntato su queste tecnologie
innovative sta pagando in termini di posizionamento industriale. In
Germania, grazie ai 14,6 GW eolici installati, si e' creata in pochi anni
una forte industria, con un giro di affari pari a 3 miliardi di euro/a e
45.000 occupati.
Lo stesso discorso si puo' fare per la Danimarca, le cui industria eolica
garantisce la seconda fonte di entrate valutarie e l'occupazione di 21.000
addetti, il triplo del totale degli occupati dalle imprese elettriche del
paese, o per la Spagna, spalla a spalla con gli Usa come potenza eolica
installata, che si appresta ad avere un ruolo di punta nel campo della
produzione di aerogeneratori.
Il comparto eolico, grazie all'enorme potenziale in grado di rimpiazzare le
riserve di greggio del Mare del Nord in via di esaurimento e di sostituire
parte delle centrali nucleari tedesche e inglesi, si appresta a coprire nei
prossimi 3-4 decenni il ruolo che all'inizio dello scorso secolo e' stato
svolto dal settore idroelettrico.
Su scala mondiale si prevedono nel 2020, secondo il World Energy Council,
potenze installate dell'ordine di 180-470 GW e ci sono anche scenari spinti
come quello proposto dall'Ewea (European Wind Energy Association) e da
Greenpeace che indicano la possibilita' di coprire nel 2020 il 12% della
domanda elettrica mondiale con una potenza eolica installata di 1.200 GW e
1,8 milioni di occupati nel settore per raggiungere poi nel 2040 il 22%
della domanda totale.
Dunque i paesaggi del nostro futuro energetico torneranno a essere
contrassegnati da mulini a vento, recuperando una tecnologia che nei secoli
scorsi aveva segnato la presenza umana in molte aree geografiche, come ci
ricordano il romanzo di Cervantes o i dipinti fiamminghi.

10. RIFERIMENTI. PER CONTATTARE IL COMITATO CHE SI OPPONE ALL'AEROPORTO DI
VITERBO

Per informazioni e contatti: Comitato contro l'aeroporto di Viterbo e per la
riduzione del trasporto aereo: e-mail: info at coipiediperterra.org , sito:
www.coipiediperterra.org
Per contattare direttamente la portavoce del comitato, la dottoressa
Antonella Litta: tel. 3383810091, e-mail: antonella.litta at libero.it
Per ricevere questo notiziario: nbawac at tin.it

===================
COI PIEDI PER TERRA
===================
Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it
Numero 102 del 31 maggio 2008

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

Per non riceverlo piu':
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su
"subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196
("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing
list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica
alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004
possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web:
http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la
redazione e': nbawac at tin.it