[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Coi piedi per terra. 159



===================
COI PIEDI PER TERRA
===================
Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"
Numero 159 del 21 febbraio 2009

In questo numero:
1. Un'iniziativa a Viterbo per difendere l'ambiente e il diritto alla salute
2. Gianni Ghirga, Antonella Litta, Mauro Mocci: Un appello ai medici
dell'Alto Lazio
3. Per contattare il comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo

1. INFORMAZIONE. UN'INIZIATIVA A VITERBO PER DIFENDERE L'AMBIENTE E IL
DIRITTO ALLA SALUTE

Il "Centro di ricerca per la pace" ha realizzato il 20 febbraio 2009 a
Viterbo un'iniziativa di informazione dei cittadini: "Impedire la
realizzazione del mega-aeroporto nocivo e distruttivo, insensato e
fuorilegge. Difendere l'ambiente e il diritto alla salute, salvare il
Bulicame ed i beni del territorio, far valere le leggi e la ragione" e'
stato il motto dell'iniziativa consistita in un'ampia diffusione di
materiale informativo e in un approfondito colloquio con tanti cittadini di
Viterbo e della provincia.
*
E' stato ribadito che la realizzazione del mega-aeroporto a Viterbo
avvelenerebbe la salute di tantissimi cittadini e devasterebbe beni
ambientali, culturali, economici e sociali preziosi ed insostituibili (tra
cui l'area termale del Bulicame che ne verrebbe totalmente scempiata).
E' stato ribadito altresi' che la realizzazione del mega-aeroporto a Viterbo
e' del tutto fuorilegge, che viola le normative italiane ed europee, che e'
in contrasto col piano paesistico regionale, che le procedure decisionali
sin qui seguite sono state smascherate come errate e truffaldine.
E' stato ribadito infine che la realizzazione del mega-aeroporto a Viterbo
costituirebbe uno sperpero enorme di soldi pubblici a tutto danno della
popolazione.
Viterbo ha bisogno di ben altro: ha bisogno di ferrovie efficienti; di
tutela e valorizzazione dei suoi beni ambientali e culturali; di sostegno
alle sue vocazioni produttive di qualita'.
Ed il trasporto aereo va immediatamente e drasticamente ridotto se si vuole
contrastare efficacemente l'effetto serra, la principale catastrofe
ambientale planetaria cui il trasporto aereo contribuisce in ingente misura.
Come sempre, tutti i cittadini raggiunti dall'iniziativa informativa hanno
concordato con l'impegno contro il nocivo e distruttivo mega-aeroporto di
Viterbo e per la riduzione del trasporto aereo, in difesa della salute,
dell'ambiente, della democrazia, dei diritti di tutti.

2. DOCUMENTI. GIANNI GHIRGA, ANTONELLA LITTA, MAURO MOCCI: UN APPELLO AI
MEDICI DELL'ALTO LAZIO
[Dal Coordinamento dell'Alto Lazio dell'Isde - Associazione italiana medici
per l'ambiente (International Society of Doctors for the Environment -
Italia) riceviamo e diffondiamo]

Cari colleghi,
vi scriviamo perche' siamo sempre piu' preoccupati che si possa realizzare a
Viterbo un mega-aeroporto per voli low cost, infatti se questo progetto
dovesse realmente concretizzarsi, ingenti sarebbero i danni ambientali e
sanitari.
Il nostro territorio vive una delicata situazione dal punto di vista
ambientale: la presenza del piu' grande polo energetico d'Europa (le
centrali di Civitavecchia e Montalto di Castro) al quale si andrebbe ad
aggiungere, una volta riconvertita a carbone, anche la centrale di Torre
Valdaliga Nord con le sue nocive emissioni di gas e polveri; la naturale
radioattivita' del sottosuolo dovuta alla presenza del radon; le acque
destinate a consumo umano con elevata presenza di sostanze dannose tra cui
l'arsenico (classificato come cancerogeno di classe 1 dall'Agenzia
Internazionale di Ricerca sul Cancro - Iarc), acque che sono potabili solo
in virtu' di deroghe rinnovate di anno in anno; la presenza di discariche
abusive di rifiuti tossici; la cementificazione di aree sempre piu' vaste,
soprattutto in quei comuni del viterbese piu' prossimi alla capitale.
Dal punto di vista sanitario registriamo, purtroppo, il triste primato di
essere la provincia con il piu' alto numero di patologie tumorali nella
nostra Regione, e proprio per studiare meglio questo dato preoccupante
abbiamo di recente chiesto l'istituzione di un Registro dei tumori in tutte
le Asl del Lazio (al momento l'unico Registro operativo e' quello della
provincia di Latina).
L'articolo 5 del nostro nuovo codice di deontologia afferma: "I medici
debbono considerare l'ambiente nel quale l'uomo vive e lavora come elemento
determinante e fondamentale per la salute dei cittadini", come medici siamo
dunque investiti di una nuova e maggiore responsabilita' e abbiamo il
diritto-dovere d'intervenire con le nostre conoscenze e competenze
scientifiche per evitare che si realizzano opere, infrastrutture e attivita'
senza che prima sia stato valutato il danno che da queste puo' derivare alla
salute delle persone e all'ambiente.
Non possiamo tollerare che si continui a ripetere l'errore di esporre
singole persone e intere comunita' a rischi per la salute, salvo poi, a
distanza di tempo, e purtroppo solo dopo morti e malati, riconoscere quanto
gia' l'evidenza scientifica aveva indicato e dimostrato.
Ci opponiamo dunque alla realizzazione del mega-aeroporto a Viterbo per
ragioni di civilta' e amore per questa terra, ma prima di tutto per ragioni
di ordine sanitario: innumerevoli studi scientifici affermano e dimostrano
in modo certo che il trasporto aereo e' un rilevante elemento d'inquinamento
ambientale e di danno alla salute. Esso provoca inquinamento atmosferico,
acustico ed elettromagnetico. Queste forme d'inquinamento danneggiano
gravemente e principalmente la salute delle persone che vivono in aree
prossime agli aeroporti, come testimoniato anche da una realta' ben nota:
quella vissuta dagli abitanti di Ciampino, di Marino e del X Municipio di
Roma.
La situazione ambientale e sanitaria che questi cittadini vivono e' talmente
grave che immediatamente e drasticamente andrebbero ridotti i voli civili
sullo scalo di Ciampino.
Permettere che si realizzi un mega-aeroporto a Viterbo, praticamente a
ridosso del suo centro storico, devastando per sempre siti archeologici
rilevanti, l'area termale del Bulicame e l'Orto botanico, in assenza della
valutazione di impatto ambientale (Via) della valutazione ambientale
strategica (Vas) e della valutazione dell'impatto sanitario (Vis), significa
accettare consapevolmente il trasferimento alla citta' di Viterbo, ai suoi
cittadini e a quelli della sua provincia, degli stessi danni e delle stesse
sofferenze per le quali lo scalo di Ciampino deve essere subito chiuso o
almeno ridimensionato.
Non esistono aeroporti ad impatto zero se non nella propaganda
mistificatoria, interessata e senza alcuna base scientifica. Il diritto alla
salute e a vivere in un ambiente sano non deve essere barattato con nulla, e
meno che mai con le false promesse di sviluppo ed occupazione di chi cerca
di ricattare ed ottenere il consenso di tanti giovani, facendo leva sul loro
legittimo diritto al lavoro.
Vogliamo quindi richiamare le ragioni della nostra preoccupazione e del
nostro appello (a conclusione di questa lettera indichiamo altresi' i
riferimenti  bibliografici e sitografici  a sostegno di queste ragioni).
*
Le emissioni dei motori degli aerei
Le emissioni prodotte dai motori degli aerei, alimentati con cherosene (una
miscela composta da diversi tipi di idrocarburi) sono simili per
composizione a quelle generate dalla combustione di  altri carburanti
fossili e contribuiscono fortemente all'effetto serra. Esse generano gas
nocivi: Anidride Carbonica (CO2), Monossido di Carbonio (CO), Ossidi di
Zolfo (SOx), Ossidi di Azoto (NOx) e Idrocarburi (HC) - come il  benzene
noto cancerogeno e polveri (particolato - PM - di diverse dimensioni, anche
dell'ordine dei micron e dei nanometri). Il quantitativo maggiore di
particolato viene prodotto proprio nelle fasi di decollo ed atterraggio e
quindi rilasciato soprattutto nelle aree piu' prossime agli aeroporti. E'
ormai ben documentato che il particolato fine ed ultrafine attraversa i
sistemi di filtraggio, permane lungamente in sospensione nell'atmosfera, e
puo' essere trasportato per decine e centinaia di chilometri.
Queste polveri proprio in virtu' delle loro dimensioni possono penetrare
attraverso tutte le barriere e le membrane del nostro organismo e
direttamente anche nei nervi cranici. Possono superare la barriera
ematocerebrale, la placenta, gli endoteli, le membrane plasmatiche -
raggiungendo i nuclei delle cellule e portandovi il proprio carico di
metalli pesanti ed altri fattori cancerogeni, interferendo cosi' con i
sistemi di riparazione del Dna e con i complessi meccanismi dell'espressione
genica. Esistono evidenze sempre piu' consistenti di come numerosi
inquinanti introdotti nel corpo umano inducano processi infiammatori cronici
che determinano stress cellulare progressivo a carico di tutti gli organi e
i tessuti, aprendo la strada a patologie gravi come arteriosclerosi e
cancro. L'aspetto che allarma sempre di piu' tantissimi colleghi,
epidemiologi e pediatri in tutto il mondo, concerne la possibilita' che il
danno genetico coinvolga le cellule germinali materne o paterne (causando la
possibile trasmissione alle successive generazioni di lesioni e patologie
anche gravi) o direttamente il feto nel momento piu' delicato del suo
sviluppo.
Innumerevoli studi scientifici mostrano l'evidente correlazione tra
l'esposizione alle polveri sottili ed ultrasottili e l'aumento dei ricoveri
ospedalieri, della mortalita', del sistema cardiovascolare, delle malattie
respiratorie, delle malattie cronico-degenerative (Alzheimer, Sclerosi
Laterale Amiotrofica, Sclerosi Multipla), delle malattie endocrine, delle
malattie neoplastiche.
*
L'inquinamento acustico
Le zone prossime ad un aeroporto sono sottoposte anche allí'inquinamento
acustico generato dalle fasi di avvicinamento, atterraggio e decollo degli
aerei, e dal connesso traffico veicolare.
Il rischio di contrarre gravissime patologie cardiovascolari, insonnia e
disturbi delle fasi del sonno, irritabilita', astenia, disturbi del sistema
endocrino, del sistema digestivo e dell'udito e' elevatissimo, come ormai
noto da moltissimo tempo.
Lo studio internazionale Hypertension and Exposure to Noise near Airports:
the Hyena study [Jarup L., 2008] e' stato finanziato dalla Comunita' Europea
per studiare la correlazione tra inquinamento acustico prodotto dal traffico
aereo, da quello automobilistico e lo sviluppo di ipertensione arteriosa.
Questo studio ha selezionato e studiato 6.000 persone (dai 45 ai 70 anni di
eta') che avevano vissuto per almeno 5 anni vicino ad uno dei 6 maggiori
aeroporti europei.
In Italia  sono state selezionate 1.000 persone residenti vicino
all'aeroporto di Milano Malpensa.
Lo studio ha mostrato una relazione significativa tra l'esposizione,
soprattutto notturna, al rumore prodotto da traffico aereo e il rischio di
sviluppare ipertensione arteriosa e il conseguente aumento di rischio di
infarto del miocardio e ictus. Lo studio infine ha indicato  nella riduzione
dell'impatto acustico da traffico automobilistico e da traffico aereo
notturno una misura necessaria per la prevenzione delle malattie
cardiovascolari.
Ben documentati e ormai noti sono anche i disturbi dell'apprendimento nei
bambini che frequentano scuole ubicate in aree sottoposte ad inquinamento
acustico.
Nello  studio pubblicato sulla prestigiosa rivista "Lancet" Aircraft and
road traffic noise and children's cognition and health: a cross-national
study [Stansfeld S., 2005] sono stati analizzati gli effetti del rumore
prodotto dal traffico automobilistico e dal traffico aereo sullo sviluppo
cognitivo dei bambini. Oltre 2.800 bambini dai 9 ai 10 anni di eta',
frequentanti 89 scuole situate nei pressi di 3 importanti aeroporti europei
(Schiphol in Olanda, Barajas in Spagna e Heathrow in Inghilterra), sono
stati coinvolti nello studio. I ricercatori hanno misurato i livelli di
inquinamento acustico e li hanno rapportati ai risultati di una serie di
test cognitivi sottoposti ai bambini. Analizzando i dati si e' rilevato che
l'esposizione all'inquinamento acustico pregiudica la capacita' di leggere
correttamente. L'esposizione al rumore da traffico automobilistico non
sembra avere un effetto altrettanto significativo sulla capacita' di
leggere, ma e' risultato dannoso nei confronti della memoria. Un'esposizione
a livelli elevati di entrambi i tipi di inquinamento acustico e' associata
ad una peggiore qualita' della vita per i bambini e ad un netto aumento
dello stress. Gli autori dello studio concludono il loro lavoro affermando
che le scuole situate nei pressi di aeroporti non sono ambienti salutari ne'
adatti all'educazione e alla crescita dei bambini.
Lo studio Cristal (dall'acronimo del centro studi che lo ha realizzato:
Centro Regionale Infrastrutture Sistemi Trasporto Aereo del Lazio),
conclusosi recentemente, ha evidenziato che  le persone che vivono nei
comuni di Ciampino, Marino e del X Municipio di Roma sono sottoposte a
livelli d'inquinamento acustico da traffico aereo estremamente preoccupanti
in quanto capaci di danneggiarne la salute. Infatti le linee guida dell'Oms
sul rumore notturno affermano che sopra i 35 decibel iniziano a manifestarsi
effetti biologici che si aggravano tra i 40-55 decibel e diventano molto
pericolosi sopra i 55 decibel; questi limiti sono sempre stati
abbondantemente superati a Ciampino, come risulta dalle rilevazioni dello
studio Cristal.
*
L'inquinamento elettromagnetico
I sistemi radar delle torri di controllo e quelli a bordo degli aerei
insieme alle antenne di radiotrasmissione ed ai sistemi elettromagnetici
utilizzati per i controlli di sicurezza  producono inquinamento
elettromagnetico, e i lavoratori e i residenti in aree prossime agli
aeroporti possono essere esposti ad effetti di sommazione di campi
elettromagnetici provenienti da piu' fonti: antenne di telefonia, cavi
elettrici ad alta tensione, linee elettriche delle ferrovie etc.
*
Cari colleghi,
pensiamo che il nostro territorio non ha alcun bisogno di un mega-aeroporto,
ma prima di tutto di tutela e cura, proprio come i nostri pazienti.
Se solo si investisse una piccola parte dei pubblici investimenti previsti
per il mega-aeroporto per i servizi sociali, per le strutture scolastiche,
per  migliorare l'assistenza sanitaria sul territorio, risistemare il
sistema idrico degli acquedotti e quello di depurazione delle acque, questo
sarebbe gia' un grande e fondamentale sostegno per la tutela dello stato di
salute di tutti i nostri pazienti, come altrettanto necessario per questo
fine sarebbe il definitivo abbandono del dannosissimo progetto di
riconversione a carbone della centrale di Torre Valdaliga Nord a
Civitavecchia.
Ogni giorno nel nostro operare tutti noi esercitiamo il dovere della tutela
della salute dei nostri pazienti, di coloro che ne hanno bisogno, delle
giovani e future generazioni e della salubrita' dell'ambiente, per questo
ora chiediamo a tutti voi un impegno comune per risparmiare a Viterbo e ai
viterbesi un irreversibile danno sociale, ambientale e sanitario.
Cordialmente,
dottor Gianni Ghirga
dottoressa Antonella Litta
dottor Mauro Mocci
per il coordinamento dell'Alto Lazio dell'Isde - Associazione italiana
medici per l'ambiente (International Society of Doctors for the
Environment - Italia)
Viterbo, 19 febbraio  2009
*
Post scriptum
Sostengono questo appello tantissimi cittadini di Viterbo e dell'Alto Lazio
ed anche scienziati, ambientalisti, parlamentari italiani ed europei,
scrittori, cattedratici universitari, intellettuali, saggisti; tra i tanti
nomi illustri: i professori Angelo Baracca, Virginio Bettini, Luigi
Cancrini, Marcello Cini, Paul Connett, Giorgio Cortellessa, Luca Mercalli,
Giuseppe Nascetti, Giorgio Nebbia, Gianni Tamino, Stefano Montanari, Silvia
Vegetti Finzi; la vicepresidente del Parlamento Europeo Luisa Morgantini; il
magistrato Ferdinando Imposimato. Hanno aderito e sottoscritto il nostro
appello anche numerosissimi operatori sociali, religiosi e laici, persone
impegnate per i diritti umani, personalita' della vita civile e della
riflessione morale, tra cui padre Alex Zanotelli, il cantautore Francesco
Guccini e numerose associazioni e movimenti impegnati in difesa della
biosfera, dei beni comuni, della pace. Numerose sono le interrogazioni
presentate al Parlamento e al Consiglio regionale del Lazio.
*
Una bibliografia e sitografia per approfondire
a) Alcuni articoli e volumi
- Anderson K.,Bows A.,Upham P., Growth scenarios for EU & UK aviation:
contradictions with climate policy. January 2006. At:
http//www.tyndall.ac.uk./publications/working_papers/wp84.pdf
- Aydin Y.,Kaltenbach M., Noise perception, heart rate and blood pressure in
relation to aircraft noise in the vicinity of the Frankfurt airport. Clin
Res Cardiol. 2007 Jun; 96 (6) : 347-58. Epub 2007 Apr 10.
- Apat (Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i servizi tecnici),
Ottomila decessi l'anno in 13 citta' italiane per gli effetti a lungo
termine dell'inquinamento atmosferico da particolato. Comunicato stampa, 15
giugno 2006, Roma.
- Bharathi, Ravid R., Rao K.S., Role of metals in neuronal apoptosis:
challenge associated with neurodegeneration. Curr Alzheimer Res. 2006 Sep;
3(4): 311-26.
- Bioinitiative, A rationale for a biologically-based exposure standard for
electromagnetic radiation. Report. 2007 available at: www.bioinitiative.org
- Brook R.D., Cardiovascolar effects of air pollution. Clin Sci (Lond.) 2008
sep; 115 (6): 175-87.
- Chifflot H., Fautrel B., Sordet C., Chatelus E., Sibilia J., Incidence and
prevalence of systemic sclerosis: a systematic literature review. Semin
Arthritis Rheum. 2008 Feb; 37 (4): 223-35. Epub 2007 Aug 9.
- Cohen B.S., Bronzaft A.L., Heikkinen M., Goodman  J., Nadas A.,
Airport-related air pollution and noise. J Occup Environ Hyg. 2008 Feb; 5
(2): 119-29.
- Corporan E., Quick A., De Witt Mj., Characterization of particulate matter
and gaseous emission of a C-130H aircraft. J air Waste Manag Assoc. 2008
Apr; 58 (4): 474-83.
- Marinella Correggia, La rivoluzione dei dettagli, Feltrinelli, Milano
2007.
- Eriksson C., Rosenlund M., Pershagen G., Hilding A., Ostenson C.G., Bluhm
G., Aircraft noise and incidence of hypertension. Epidemiology 2007 Nov;
18(6): 716-21.
- European Civil Aviation Conference. Report on Standard Method of Computing
Noise Contours around Civil Airports. 2nd ed., doc 29. Twenty First Plenary
Session of Ecac, Strasbourg. 1997 [accessed 1 February 2008]. Available:
http://www.ecac-ceac.org/index.php?content=docstype&idtype=38.
- Fang G.C., Wu Y.S., Lee W.J., Chou T.Y., Lin I.C., Study of ambient air
particulates pollutants near Taichung airport sampling site in central
Taiwan. J Hazard Mater 2007 Jun 1; 144 (1-2): 492-8. Epub 2006 Oct 27.
- Franssen E.A., Van Wiechen C.M., Nagelkerke N.J., Lebret E., Aircraft
noise around a large international airport and its impact on general health
and medication use. Occup Environ Med. 2004 May; 61 (5): 405-13.
- Frati L., Caprasecca E., Santoni S., Gaggi C., Guttova A., Gaudino S.,
Pati A., Rosamilia S., Pirintsos S.A., Loppi S., Effects of NO2 and NH3 from
road traffic on epiphytic lichens. Environ Pollut. 2006 Jul; 142 (1): 58-64.
Epub 2005 Nov 28.
- Gatti A., Montanari S., Nanopathology, Pan Stanford, Singapore 2007.
- Hertz-Picciotto I., Park H.Y., Dostal M., Kocan A., Trnovec T., Sram R.,
Prenatal exposures to persistent and non-persistent organic compounds and
effects on immune system development. Basic Clin Pharmacol Toxicol. 2008
Feb; 102 (2): 146-54.
- Iavicoli I., Chiarotti M., Bergamaschi A., Marsili R., Carelli G.,
Determination of airborne polycyclic aromatic hydrocarbons at an airport by
gas chromatography-mass spectrometry and evaluation of occupational
exposure. J. Chromatogr A. 2007 May 25; 1150 (1-2): 226-35. Epub 2006 Aug
30.
- Jaana Kettunen, Timo Lanki, Pekka Tiittamen, Pasi P. Aalt, Tarja
Koskentalo, Markku Kulmala, Veikko Salomaa, Juha Pekkamen, Associations of
fine and ultrafine particulate air pollution with stoke mortality in a area
of low air pollution levels. Stroke 2007; 38; 918-922.
- Jarup L., Dudley M.L., Babisch W., Houthuijs D., Swart W., Pershagen G.,
Bluhm G., Katsouyanni K., Velonakis M., Cadum E., Vigna-Taglianti F., Hyena
Consortium. Hypertension and Exposure to Noise near Airports: study design
and noise exposure assessment. Environ Health Perspect. 2005 Nov; 113 (11):
1473-8.
- Jarup L., Babisch W., Houthuijs D., Pershagen G., Katsouyanni K., Cadum
E., Dudley M.L., Savigny P., Seiffert I., Swart W., Breugelmans O., Bluhm
G., Selander J., Haralabidis A., Dimakopoulou K., Sourtzi P., Velonakis M.,
Vigna-Taglianti F., Hyena study team. Hypertension and Exposure to Noise
near Airports: the Hyena study Environ Health Perspect. 2008 Mar; 116 (3):
329-33.
- Krewski D., Glickman B.W., Habash R.W., Habbick B., Lotz W.G., Mandeville
R., Prato F.S., Salem T., Weaver D.F., Recent advances in research on
radiofrequency fields and health. Toxicol Environ Health B Crit Rev. 2007
Jun-Jul; 10(4): 287-318. 2001-2003.
- Kugele K.A., F. Jelinek, R. Gaffal, Aircraft Particulate Matter Emission
Estimation through all Phases of Flight. Eurocontrol Experimental Centre,
2005.
- Legambiente Piemonte, rapporto "Aeroporto di Malpensa e vivibilita'",
Torino, 24 febbraio 2003.
- Legambiente Lazio e Comitato aeroporto Ciampino, "Smog dai cieli:
rilevazione livello polveri sottili", Roma, luglio 2006.
- Levis A.G., Associazione Apple (Associazione Per la Prevenzione e la Lotta
all'Elettrosmog), Campi elettromagnetici e principio di precauzione.  2006.
Available at www.applelettrosmog.it
- Lewtas J., Air pollution combustion emissions: characterization of
causative agents and mechanisms associated with cancer, reproductive, and
cardiovascular effects. Mutat Res. 2007 Nov-Dec; 636 (1-3): 95-133. Epub
2007 Aug 17.
- Luna T.D., French J., Mitcha J.L., A study of Usaf air traffic controller
shiftwork: sleep, fatigue, activity, and mood analyses. Aviat Space Environ
Med.1997 Jan; 68(1): 18-23.
- McKay J.C., Prato F.S., Thomas A.W., A literature review: the effects of
magnetic field exposure on blood flow and blood vessels in the
microvasculature. Bioelectromagnetics. 2007 Feb; 28 (2): 81-98.
- Nemmar A., Hoylaerts M.F., Nemery B., Effects of particulate air pollution
on hemostasis. Clin Occup Environ Med. 2006; 5 (4): 865-81.
- Oberdorster G., Oberdorster E., Oberdorster J., Nanotoxicology: an
emerging discipline evolving from studies of ultrafine particles. Environ
Health Perspect. 2005 Jul; 113 (7): 823-39.
- Pal'tsev IuP., Rubtsova N.B., Pokhodzei L.V., Tikhonova G.I., Hygienic
regulation of electromagnetic fields for the preservation of workers'
health. Med Tr Prom Ekol. 2003; (5): 13-7.
- Passchier W., Knottnerus A., Albering H., Walda I., Public health impact
of large airports. Rev Environ Health. 2000 Jan-Jun; 15 (1-2): 83-96.
- Pisani S., Bonarrigo D., Gambino M., Macchi L., Banfi F., Verri A.M.,
Degli Stefani C., Cislaghi C., Bossi A., Cortinovis I., Epidemiologic study
Salus domestica: evaluation of health damage in a sample of women living
near the Malpensa 2000 airport. Epidemiol Prev. 2003 Jul-Aug; 27 (4):
234-41.
- Pokhodzei L.V., Kur'erov N.N., Rubtsova N.B., Pal'tsev IuP., Lazarenko
N.V., Samusenko T.G., Subbotin V.V., Hygienic evaluation of electromagnetic
situation and vibroacoustic factors at workplaces for radio-technological
staff of civil airports. Med Tr Prom Ekol. 2004; (1): 31-5.
- Royal Commission on Environmental Pollution, The Environmental Effects of
Civil Aircraft in Flight. Report (www.rcep.org.uk), 22 March, 2007.
- Schulz H., Harder V., Ibald-Mulli A., Khandoga A., Koenig W., Krombach F.,
Radykewicz R., Stampfl A., Thorand B., Peters A., Cardiovascular effects of
fine and ultrafine particles. J Aerosol Med. 2005 Spring;18 (1): 1-22.
- Sharon Ruth Skolnick, Exposing Airports' Poison Circles. Earth Island
Journal Winter 2000-2001. Vol. 15, No. 4.
- Silman A.J., Howard Y., Hicklin A.J., Black C., Geographical clustering of
scleroderma in south and west London. Br J Rheumatol. 1990 Apr; 29 (2):
93-6.
- Stansfeld S.A., Berglund B., Clark C., Lopez-Barrio I., Fischer P.,
Ohrstrom E., Haines M.M., Head J., Hygge S., Van Kamp I., Berry B.F.,
Aircraft and road traffic noise and children's cognition and health: a
cross-national study. Lancet. 2005 Jun 4-10; 365 (9475): 1942-9.
- Stenzel Jennifer and Jonathan Trutt, Flying Off Course: Environmental
Impacts of America's Airports. New York,Natural Resources Defense Council,
October 1996 (www.nrdc.org).
- Stuber N., Forster P., Radel G., Shine K., The importance of the diurnal
and annual cycle of air traffic for contrail radiative forcing. Nature. 2006
Jun 15; 441 (7095): 864-7.
- Tesseraux I., Mach B., Koss G., Aviation fuels and aircraft emissions. A
risk characterization for airport neighbors using Hamburg Airport as an
example. Zentralbl Hyg Umweltmed.1998 Jun; 201 (2): 135-51.
- The Royal Society and The Royal Academy of engineer, UK (2004).
Nanoscience and nanotechnologies. Recommendation 10 p. 95. Available at
www.royalsoc.ac.uk
- Tikhonova G.I., Epidemiological risk assessment of pathology development
in occupational exposure to radiofrequency electromagnetic fields. Radiats
Biol Radioecol. 2003 Sep-Oct; 43 (5): 559-64.
- Touitou Y., Evaluation of the effects of electric and magnetic fields in
humans. Ann Pharm Fr. 2004 Jul; 62 (4): 219-32.
- Valesini G., Litta A., Bonavita M.S., Luan F.L., Purpura M,, Mariani M.,
Balsano F., Geographical clustering of scleroderma in a rural area in the
province of Rome. Clin Exp Rheumatol. 1993 Jan-Feb; 11 (1): 41-7.
*
b) Alcuni siti
- www.airportwatch.org.uk
- www.applelettrosmog.it
- www.bioinitiative.org
- www.caap.org/Airport_Noise_Pollution_Research.html
- www.chooseclimate.org
- www.coipiediperterra.org
- www.comitatoaeroportociampino.it
- www.epicentro.iss.it/temi/ambiente/rumoreNotturno.asp
- www.euro.who.int/Noise
- www.eurocontrol.int
- www.ewg.org/reports/generations
- www.icao.int
- www.isde.it
- www.ipcc.ch
- www.comitatoampugnano.it/index02.html
- www.nanodiagnostics.it
- www.noaereibz.it
- www.no-fly.info
- www.planestupid.com
- www.royalsoc.ac.uk
- www.tyndall.ac.uk
- www.transportenvironment.org/Pages/aviation/
- www.tyndall.ac.uk/publications/working_papers/wp84.pdf
*
Per ulteriori informazioni e contatti: isde.viterbo at libero.it

3. RIFERIMENTI. PER CONTATTARE IL COMITATO CHE SI OPPONE ALL'AEROPORTO DI
VITERBO

Per informazioni e contatti: Comitato contro l'aeroporto di Viterbo e per la
riduzione del trasporto aereo: e-mail: info at coipiediperterra.org , sito:
www.coipiediperterra.org
Per contattare direttamente la portavoce del comitato, la dottoressa
Antonella Litta: tel. 3383810091, e-mail: antonella.litta at libero.it
Per ricevere questo notiziario: nbawac at tin.it

===================
COI PIEDI PER TERRA
===================
Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it
Numero 159 del 21 febbraio 2009

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

Per non riceverlo piu':
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su
"subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196
("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing
list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica
alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004
possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web:
http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la
redazione e': nbawac at tin.it