[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Telegrammi. 47



TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 47 del 22 dicembre 2009
 
Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail:
nbawac at tin.it
 
1. Un'insurrezione nonviolenta contro la guerra e contro il razzismo
2. Un'iniziativa a Viterbo contro il mega-aeroporto, per l'ambiente e il diritto alla salute
3. "Azione nonviolenta"
4. La "Carta" del Movimento Nonviolento
5. Per saperne di piu'
 
1. EDITORIALE. UN'INSURREZIONE NONVIOLENTA CONTRO LA GUERRA E CONTRO IL RAZZISMO
 
La guerra continua.
E continua la complicita' di massa con essa.
Continuano a morire gli afgani, ma nessuno qui li vede, se non quei pochi che cercando di scampare alla guerra arrivano fin in Italia, e qui vengono perseguitati dalle anomiche leggi naziste e dalla barbarie che monta.
*
La persecuzione razzista e schiavista dei migranti.
E l'indifferenza di chi non e' vittima della persecuzione. Come e' facile abituarsi al male, accettare il male, cooperare al male, quando le vittime sono altri, non tu.
*
Cosi' il colpo di stato razzista e schiavista e squadrista non trova alcuna adeguata opposizione nel nostro paese.
Cosi' la prosecuzione della guerra razzista e stragista non trova alcuna adeguata opposizione nel nostro paese.
Ed occorrerebbe invece un'insurrezione nonviolenta contro la nazificazione che ci viene imposta.
Occorrerebbe un'insurrezione nonviolenta in difesa della legalita' costituzionale, del diritto internazionale, della democrazia, dei diritti umani di tutti gli esseri umani, della civilta'.
Un'insurrezione nonviolenta delle intelligenze e delle coscienze.
Contro la guerra e contro il razzismo.
Contro tutte le violenze e le menzogne.
Per la dignita' umana propria ed altrui, di te stesso e di tutti.
Per la legalita' che salva le vite, protegge i diritti, riconosce, rispetta, accoglie ed include tutti.
Un'insurrezione nonviolenta: per questo occorre lavorare.
Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.
 
2. INIZIATIVE. UN'INIZIATIVA A VITERBO CONTRO IL MEGA-AEROPORTO, PER L'AMBIENTE E IL DIRITTO ALLA SALUTE
 
In una giornata fredda e piovosa il "Centro di ricerca per la pace" ha realizzato il 21 dicembre 2009 a Viterbo nel quartiere dell'Ellera un'iniziativa di informazione dei cittadini per impedire la realizzazione del mega-aeroporto nocivo e distruttivo, insensato e fuorilegge; per difendere l'ambiente e il diritto alla salute, salvare il Bulicame ed i beni del territorio, far valere le leggi e la ragione.
L'iniziativa e' consistita in una diffusione di materiale informativo e in un approfondito colloquio con i cittadini di Viterbo che negli ultimi anni in numero sempre crescente hanno colto la natura truffaldina, devastatrice, avvelenatrice e criminale dell'ignobile operazione speculativa del mega-aeroporto.
*
Nel corso dell'iniziativa e' stato ancora una volta confermato che la realizzazione del mega-aeroporto a Viterbo avvelenerebbe la salute di tantissimi cittadini e devasterebbe beni ambientali, culturali, economici e sociali preziosi ed insostituibili (in primo luogo l'area termale del Bulicame che ne verrebbe totalmente scempiata).
E' stato ancora una volta argomentato che la realizzazione del mega-aeroporto a Viterbo e' del tutto fuorilegge, che viola le normative italiane ed europee, che e' in contrasto col piano paesistico regionale, che le procedure decisionali sin qui seguite sono state smascherate come errate e truffaldine. E la recente vicenda dell'invio da parte della magistratura penale di avvisi di garanzia a dirigenti ed amministartori del Comune di Viterbo per l'ipotesi di reato di corruzione in relazione alle modifiche al Piano regolatore nelle aree interessate dall'opera aeroportuale conferma una volta di piu' la gravita' della questione.
E' stato ancora una volta denunciato che la realizzazione del mega-aeroporto a Viterbo costituirebbe uno sperpero enorme di soldi pubblici a tutto danno della popolazione.
Ed e' stato ancora una volta evidenziato che Viterbo ha bisogno di ben altro: ha bisogno di ferrovie efficienti; di tutela e valorizzazione dei suoi beni ambientali e culturali; di sostegno alle sue vocazioni produttive di qualita'.
Infine e' stato ancora una volta ricordato, con urgenza ancora maggiore dopo il fallimento del vertice di Copenhagen, che il trasporto aereo va immediatamente e drasticamente ridotto se si vuole contrastare efficacemente l'effetto serra, la principale catastrofe ambientale planetaria cui il trasporto aereo contribuisce in ingente misura.
*
Ancora una volta, tutti i cittadini raggiunti dall'iniziativa hanno concordato con l'impegno contro il nocivo e distruttivo mega-aeroporto di Viterbo e per la riduzione del trasporto aereo, in difesa della salute, dell'ambiente, della democrazia, dei diritti di tutti.
Ancora una volta, in presenza di una corretta informazione ogni persona onesta e ragionevole si oppone al disegno speculativo e criminoso del mega-aeroporto.
Ancora una volta dinanzi alla forza della verita' crolla il muro di squallide mistificazioni e di grossolane menzogne maldestramente eretto dagli imbroglioni speculatori e dai loro compari.
Ed in molti cittadini matura anche, ogni giorno di piu', la persuasione che la lobby speculativa del mega-aeroporto, ed i pubblici amministratori che ne sono stati complici - per insipienza, per irresponsabilita', per corruttela o per pusillanimita' -, non potranno continuare impunemente ad ingannare la popolazione, e che verra' presto l'ora in cui i colpevoli di azioni illecite oltre che immorali dovranno rispondere dei loro misfatti dinanzi alle competenti magistrature.
 
3. STRUMENTI. "AZIONE NONVIOLENTA"
 
"Azione nonviolenta" e' la rivista del Movimento Nonviolento, fondata da Aldo Capitini nel 1964, mensile di formazione, informazione e dibattito sulle tematiche della nonviolenza in Italia e nel mondo.
Redazione, direzione, amministrazione: via Spagna 8, 37123 Verona, tel. 0458009803 (da lunedi' a venerdi': ore 9-13 e 15-19), fax: 0458009212, e-mail: an at nonviolenti.org, sito: www.nonviolenti.org
Per abbonarsi ad "Azione nonviolenta" inviare 29 euro sul ccp n. 10250363 intestato ad Azione nonviolenta, via Spagna 8, 37123 Verona.
E' possibile chiedere una copia omaggio, inviando una e-mail all'indirizzo an at nonviolenti.org scrivendo nell'oggetto "copia di 'Azione nonviolenta'".
 
4. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO
 
Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.
Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:
1. l'opposizione integrale alla guerra;
2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;
3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;
4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.
Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.
Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.
 
5. PER SAPERNE DI PIU'
 
Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it
 
TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 47 del 22 dicembre 2009
 
Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail:
nbawac at tin.it, sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/
 
Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe
 
 
In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).
 
L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html
 
Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/
 
L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la redazione e': nbawac at tin.it