[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Telegrammi. 80



TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 80 del 24 gennaio 2010
 
Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail:
nbawac at tin.it
 
Sommario di questo numero:
1. Primo Levi: Al visitatore
2. Oggi a Viterbo
3. A Soriano nel Cimino il 27 e il 29 gennaio
4. Parroletti e Bartoncini
5. "Azione nonviolenta"
6. Segnalazioni librarie
7. Indice dei numeri 329-370 (gennaio-settembre 2002) de "La nonviolenza e' in cammino"
8. La "Carta" del Movimento Nonviolento
9. Per saperne di piu'
 
1. MAESTRI. PRIMO LEVI: AL VISITATORE
[Da Primo Levi, Opere, Einaudi, Torino 1997, vol. I, pp. 1335-1336, riportiamo ancora una volta il testo pubblicato per l'inaugurazione del Memorial in onore degli italiani caduti nei campi di sterminio nazisti. Fascicolo edito a cura dell'Associazione nazionale ex deportati politici nei campi di sterminio nazisti, aprile 1980]
 
La storia della Deportazione e dei campi di sterminio, la storia di questo luogo, non puo' essere separata dalla storia delle tirannidi fasciste in Europa: dai primi incendi delle Camere del Lavoro nell'Italia del 1921, ai roghi di libri sulle piazze della Germania del 1933, alla fiamma nefanda dei crematori di Birkenau, corre un nesso non interrotto. E' vecchia sapienza, e gia' cosi' aveva ammonito Heine, ebreo e tedesco: chi brucia libri finisce col bruciare uomini, la violenza e' un seme che non si estingue.
E' triste ma doveroso rammentarlo, agli altri ed a noi stessi: il primo esperimento europeo di soffocazione del movimento operaio e di sabotaggio della democrazia e' nato in Italia. E' il fascismo, scatenato dalla crisi del primo dopoguerra, dal mito della "vittoria mutilata", ed alimentato da antiche miserie e colpe; e dal fascismo nasce un delirio che si estendera', il culto dell'uomo provvidenziale, l'entusiasmo organizzato ed imposto, ogni decisione affidata all'arbitrio di un solo.
Ma non tutti gli italiani sono stati fascisti: lo testimoniamo noi, gli italiani che siamo morti qui. Accanto al fascismo, altro filo mai interrotto, e' nato in Italia, prima che altrove, l'antifascismo. Insieme con noi testimoniano tutti coloro che contro il fascismo hanno combattuto e che a causa del fascismo hanno sofferto, i martiri operai di Torino del 1923, i carcerati, i confinati, gli esuli, ed i nostri fratelli di tutte le fedi politiche che sono morti per resistere al fascismo restaurato dall'invasore nazionalsocialista.
E testimoniano insieme a noi altri italiani ancora, quelli che sono caduti su tutti i fronti della II Guerra Mondiale, combattendo malvolentieri e disperatamente contro un nemico che non era il loro nemico, ed accorgendosi troppo tardi dell'inganno. Sono anche loro vittime del fascismo: vittime inconsapevoli.
Noi non siamo stati inconsapevoli. Alcuni fra noi erano partigiani; combattenti politici; sono stati catturati e deportati negli ultimi mesi di guerra, e sono morti qui, mentre il Terzo Reich crollava, straziati dal pensiero della liberazione cosi' vicina.
La maggior parte fra noi erano ebrei: ebrei provenienti da tutte le citta' italiane, ed anche ebrei stranieri, polacchi, ungheresi, jugoslavi, cechi, tedeschi, che nell'Italia fascista, costretta all'antisemitismo dalle leggi di Mussolini, avevano incontrato la benevolenza e la civile ospitalita' del popolo italiano. Erano ricchi e poveri, uomini e donne, sani e malati.
C'erano bambini fra noi, molti, e c'erano vecchi alle soglie della morte, ma tutti siamo stati caricati come merci sui vagoni, e la nostra sorte, la sorte di chi varcava i cancelli di Auschwitz, e' stata la stessa per tutti. Non era mai successo, neppure nei secoli piu' oscuri, che si sterminassero esseri umani a milioni, come insetti dannosi: che si mandassero a morte i bambini e i moribondi. Noi, figli di cristiani ed ebrei (ma non amiamo queste distinzioni) di un paese che e' stato civile, e che civile e' ritornato dopo la notte del fascismo, qui lo testimoniamo.
In questo luogo, dove noi innocenti siamo stati uccisi, si e' toccato il fondo delle barbarie. Visitatore, osserva le vestigia di questo campo e medita: da qualunque paese tu venga, tu non sei un estraneo. Fa che il tuo viaggio non sia stato inutile, che non sia stata inutile la nostra morte. Per te e per i tuoi figli, le ceneri di Auschwitz valgano di ammonimento: fa che il frutto orrendo dell'odio, di cui hai visto qui le tracce, non dia nuovo seme, ne' domani ne' mai.
 
2. INCONTRI. OGGI A VITERBO
 
Oggi, domenica 24 gennaio 2010, con inizio alle ore 15,30, presso il centro sociale autogestito "Valle Faul" a Viterbo, si svolgera' il nono incontro di studio del percorso di formazione/informazione nonviolenta iniziato da alcune settimane.
Nel corso dell'incontro saranno letti e commentati testi di Primo Levi, in preparazione della Giornata della memoria della Shoah.
Partecipa il responsabile del Centro di ricerca per la pace di Viterbo.
Il centro sociale autogestito "Valle Faul" si trova in strada Castel d'Asso snc, a Viterbo.
L'iniziativa e' ovviamente aperta alla partecipazione di tutte le persone interessate.
 
3. INCONTRI. A SORIANO NEL CIMINO IL 27 E IL 29 GENNAIO
 
Il circolo dei lettori della biblioteca comunale di Soriano nel Cimino in occasione della Giornata della memoria promuove due iniziative.
Mercoledi' 27 gennaio alle ore 17 un incontro sul tema "'E' avvenuto, quindi puo' accadere di nuovo' (Primo Levi) - La Shoah e noi".
Venerdi' 29 gennaio alle ore 17 riflessioni e letture sul tema "Le voci e i volti della Shoah".
Gli incontri si svolgono presso la biblioteca comunale, in via Roma 12, a Soriano nel Cimino (Vt).
Per ulteriori informazioni: www.bibliotecasorianonelcimino.it
 
4. RIFLESSIONE. PARROLETTI E BARTONCINI
 
L'assessore regionale del Lazio Parroncini, amabile persona, lo stesso personaggio che tanti anni fa si batteva impavido per far costruire la fabbrica del cancro a Montalto (e che con qualche decennio di ritardo ed una Cernobyl di mezzo ora fa mostra di essersene pentito), oggi s'impanca a paladino, stravolto paladino, del mega-aeroporto a Viterbo, un'opera illegale che devasterebbe irreversibilmente l'area naturalistica, archeologica e termale del Bulicame, massacrerebbe le aziende agricole circostanti, ed avvelenerebbe la popolazione dei quartieri della citta' a ridosso della zona. E' proprio vero che talvolta l'esperienza non insegna niente, e ripetutamente la storia si ripete.
*
L'assessore comunale di Viterbo Bartoletti, persona amabile, del Parroncini ben piu' giovane e quindi per motivi anagrafici non responsabile delle scelleratezze nucleariste d'antan, ma - per non essere da meno - oggi pubblico amministratore nella coalizione berlusconiana il cui governo il nucleare assassino vuole nuovamente imporci, s'erge anch'egli a paladino, allucinato paladino, del mega-aeroporto a Viterbo, e con assai piu' titoli del Parroncini visto che era gia' nel sodalizio della "Mediterranea Skyward Aviation", la societa' che illo tempore il Comune di Viterbo, con delibera di Giunta n. 743 del primo dicembre 2005 avente a oggetto: "Realizzazione degli interventi infrastrutturali per il completamento dell'apertura al traffico civile dell'aeroporto militare di Viterbo - impegno alla subconcessione di aree e manufatti in favore della Mediterranea Skyward Aviation srl", intendeva beneficare; vicenda sulla quale le persone curiose possono andarsi a rileggere un articolo del sottoscritto dal titolo "Una storia semplice" tuttora disponibile nella rete telematica (benedetto internet che tra tante immondizie consente che resti disponibile alla pubblica consultazione anche qualche utile informazione).
*
Pur provenendo l'uno dall'apparato locale del Pci del secolo scorso e l'altro - piu' giovane - dalla locale dirigenza di An (ma oggi entrambi esibiscono la casacca di partiti di nuovo conio, l'ovvio Pd l'uno ed uno psichedelico "Viterbo vola" apparentato al Pdl l'altro), esternano in questi giorni all'unisono.
E naturalmente esternano in pro della realizzazione del mega-aeroporto fuorilegge, occultando cio' che ben sanno, ovvero che quell'opera e' nociva e distruttiva, insensata ed illegale, e quindi mentendo e sapendo di mentire.
E poiche' dinanzi a tali incaponimenti la cosa forse piu' opportuna e' la didattica, ripetiamo il gia' tante volte ripetuto sermoncino nostro (e ci perdoni il colto pubblico che ormai lo sa a memoria), chissa' che non si riesca a farlo comprendere anche al tandem assessorile.
Scilicet che la realizzazione del mega-aeroporto a Viterbo, come e' ormai universalmente noto, avrebbe come immediate conseguenze: a) l'irreversibile scempio della preziosa area naturalistica, archeologica e termale del Bulicame - gia' ricordata da Dante nella Divina Commedia - e dei beni ambientali e culturali che vi si trovano; b) la devastazione dell'agricoltura della zona circostante; c) l'impedimento alla valorizzazione terapeutica e sociale delle risorse termali; d) un pesantissimo inquinamento chimico, acustico ed elettromagnetico di grave nocumento per la salute e la qualita' della vita della popolazione locale (l'area e' peraltro nei pressi di popolosi quartieri della citta'); e) il collasso della rete infrastrutturale dell'Alto Lazio, territorio gia' gravato da pesanti servitu'; f) uno sperpero colossale di soldi pubblici; g) una flagrante violazione di leggi italiane ed europee e dei vincoli di salvaguardia presenti nel territorio.
*
Lungi da me il voler contrastare la corrispondenza d'amorosi sensi tra i due assessori convolanti, ed il congiungersi loro fino a render difficile il distinguerli (da cui il modesto calembour che da' il titolo a queste righe); solo vorrei pregarli di desistere dal voler devastare la nostra terra, distruggere i nostri beni ed avvelenare le nostre vite; di desistere dal voler sperperare i pubblici denari per un'opera nociva e distruttiva; di desistere dal voler violare leggi e vincoli di salvaguardia, i diritti soggettivi ed i legittimi interessi della popolazione di Viterbo; di desistere dal volerci imporre il mega-aeroporto insensato e fuorilegge. Tutto qui, non mi sembra che sia chieder troppo.
 
5. STRUMENTI. "AZIONE NONVIOLENTA"
 
"Azione nonviolenta" e' la rivista del Movimento Nonviolento, fondata da Aldo Capitini nel 1964, mensile di formazione, informazione e dibattito sulle tematiche della nonviolenza in Italia e nel mondo.
Redazione, direzione, amministrazione: via Spagna 8, 37123 Verona, tel. 0458009803 (da lunedi' a venerdi': ore 9-13 e 15-19), fax: 0458009212, e-mail: an at nonviolenti.org, sito: www.nonviolenti.org
Per abbonarsi ad "Azione nonviolenta" inviare 29 euro sul ccp n. 10250363 intestato ad Azione nonviolenta, via Spagna 8, 37123 Verona.
E' possibile chiedere una copia omaggio, inviando una e-mail all'indirizzo an at nonviolenti.org scrivendo nell'oggetto "copia di 'Azione nonviolenta'".
 
6. SEGNALAZIONI LIBRARIE
 
Riletture
- Madame de Lafayette, La princesse de Cleves, Garnier Flammarion, Paris 1966, 1985, pp. 190.
- Madame de Sevigne', Lettres, Garnier Flammarion, Paris 1976, 1993, pp. 448.
 
7. MATERIALI. INDICE DEI NUMERI 329-370 (GENNAIO-SETTEMBRE 2002) DE "LA NONVIOLENZA E' IN CAMMINO"

* Numero 329 del primo gennaio 2002: 1. Giorgio Caproni, giubilo; 2. Lidia Menapace, gestione nonviolenta del conflitto: cultura, forme, istituzioni (parte prima); 3. Brunetto Salvarani, per il dialogo tra le religioni, per la convivialita' delle differenze; 4. Giuseppe Chiaretti, per il dialogo islamo-cristiano; 5. Simone Weil, un moto di carita' pura; 6. Annette Wieviorka, della storia europea; 7. Rosa Luxemburg, sulla pazienza; 8. Anne Frank, aprite gli occhi; 9. Hannah Arendt, il tacco della mia scarpa; 10. Riletture: Franco Restaino, Adriana Cavarero (a cura di), Le filosofie femministe; 11. Riletture: Wanda Tommasi, I filosofi e le donne; 12. Riletture: Chiara Zamboni, La filosofia donna; 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.
* Numero 330 del 2 gennaio 2002: 1. Marguerite Yourcenar, si accorse in seguito; 2. Giulietto Chiesa, la terra trema; 3. Lidia Menapace, gestione nonviolenta del conflitto: cultura, forme, istituzioni (parte seconda); 4. Presentazione della Lega obiettori di coscienza; 5. Riletture: Aldo Capitini, Scritti sulla nonviolenza; 6. Riletture: Johan Galtung, Gandhi oggi; 7. Riletture: Brian Martin, La piramide rovesciata; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.
* Numero 331 del 3 gennaio 2002: 1. Danilo Dolci, se noi vogliamo; 2. Lidia Menapace, gestione nonviolenta del conflitto: cultura, forme, istituzioni (parte terza e conclusiva); 3. Angelo Cavagna, in digiuno contro guerre e spese militari; 4. Valda Busani, i pacifisti di Action for peace incontrano Arafat; 5. Nadia Cervoni, i pacifisti di Action for peace aggrediti dai militari; 6. Indice dei numeri 305-328 (dicembre 2001) de "La nonviolenza e' in cammino"; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.
* Numero 332 del 4 gennaio 2002: 1. David Maria Turoldo, amici; 2. Francesco Comina: tornino i volti, ultimo riparo alla catastrofe; 3. Giuliana Sgrena, la guerra continua; 4. Giulio Vittorangeli, bambini; 5. Stefano Catucci, La costruzione del nemico; 6. Per contattare il Movimento Nonviolento; 7. Riletture: Bruno Bettelheim, Un genitore quasi perfetto; 8. Riletture: Howard Gardner, Formae mentis; 9. Riletture: Marvin Harris, L'evoluzione del pensiero antropologico; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.
* Numero 333 del 5 gennaio 2002: 1. Emmanuel Levinas, la giustizia; 2. Hans Jonas, come agire; 3. Paolo Barnard, cinque domande ai signori della guerra; 4. Alcuni dati sulle violazioni dei diritti umani in Turchia nel 2001; 5. Emilio R. Papa, sul ruolo del pubblico ministero e sui tentativi di asservirlo al potere politico; 6. Tiziana Filippi: un libro su Hannah Arendt, Simone Weil, Edith Stein, Maria Zambrano; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.
* Numero 334 del 6 gennaio 2002: 1. Nanni Salio, L'eredita' di Gandhi; 2. Norberto Bobbio, un'ispirazione comune; 3. Luigi Pintor, meno di nulla; 4. Silvia Macchi, un diario di "Action for peace" (parte prima); 5. "Chiama l'Africa news" del 4 gennaio; 6. Il 12-13 gennaio a Reggio Emilia in cammino sulla strada della nonviolenza; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.
* Numero 335 del 7 gennaio 2002: 1. Seconda assemblea nazionale della Rete di Lilliput il 18-20 gennaio a Marina di Massa; 2. Le occhiatacce di Scontentone; 3. Eduardo Galeano, gli invisibili; 4. Silvia Macchi, un diario di "Action for peace" (parte seconda); 5. Giulio Vittorangeli: la guerra, notte della politica e della democrazia; 6. Guido Calogero, capire gli altri; 7. Riletture: Lisli Basso Carini, Cose mai dette; 8. Riletture: Alfonso Leonetti, Da Andria contadina a Torino operaia; 9. Riletture: Joyce Lussu, Fronti e frontiere; 10. Riletture: Franco Basaglia, Paolo Tranchina (a cura di), Autobiografia di un movimento; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
* Numero 336 dell'8 gennaio 2002: 1. Per l'impegno contro la schiavitu' in Italia; 2. Marina Forti, ricordo di Anil Agarwal; 3. Martin Luther King, quando gli schiavi; 4. Lev Tolstoj, Gengis-Kan col telegrafo; 5. Vinoba, e' possibile; 6. Severino Vardacampi, alcuni dissensi; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.
* Numero 337 del 9 gennaio 2002: 1. Julia Kristeva: si puo' essere? 2. Un documento del 1998 recante una proposta di lotta contro la schiavitu'; 3. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 4. Per saperne di piu'.
* Numero 338 del 10 gennaio 2002: 1. Non uccidere; 2. Marco D'Eramo, l'esempio del Kuwait; 3. Luciano Dottarelli: tra Rousseau e Martin Fierro. Radici profonde del pensiero di Ernesto Che Guevara; 4. Laura Conti, in realta' sappiamo; 5. Rossana Rossanda, gli storici diranno; 6. Vandana Shiva, l'attuale integrazione globale; 7. Riletture: David Cayley, Conversazioni con Ivan Illich; 8. Riletture: Robert Jungk, L'onda pacifista; 9. Riletture: Nuto Revelli, L'ultimo fronte; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.
* Numero 339 dell'11 gennaio 2002: 1. Hannah Arendt, dire le cose come sono; 2. Benito D'Ippolito, litania dei morti in preghiera; 3. Giuristi e docenti universitari solidali con i giudici in difesa della legalita'; 4. Antonino Caponnetto ed altri: garantire sicurezza ai magistrati impegnati in inchieste contro il crimine organizzato; 5. Rosario Livatino, il ruolo del giudice nella societa' che cambia; 6. Tre minuti di silenzio per le vittime della guerra in Afghanistan come per le vittime delle stragi dell'11 settembre; 7. Letture: AA. VV., Annuario della pace; 8. Letture: Vasilij Grossman, Il'ja Erenburg (a cura di), Il libro nero; 9. Alcuni riferimenti per contattare Pax Christi; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.
* Numero 340 del 12 gennaio 2002: 1. Ettore Masina, sos per Safiya; 2. Mao Valpiana risponde a Silvio Berlusconi; 3. Walter Binni ricorda Aldo Capitini; 4. "Un uomo, un voto": una proposta di lettera da inviare a governanti e parlamentari; 5. Un ponte per...: il 14 gennaio a Roma; 6. Palermo anno uno: a Roma il 19 gennaio contro il razzismo e il 23 febbraio contro la mafia; 7. Monica Farnetti presenta il nuovo libro di Chiara Zamboni; 8. Barbara Raggi, la shoah attraverso gli occhi delle donne; 9. Alcuni riferimenti per contattare il MIR; 10. Aggiornamento del "C.O.S. in rete"; 11. Letture: AA. VV., Mortedison (tutti assolti); 12. Letture: AA. VV., Sulla inutilita' del cristianesimo (settima settimana alfonsiana); 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.
* Numero 341 del 13 gennaio 2002: 1. Sylvia Plath, la perfezione; 2. Walden Bello, il mondo a senso unico; 3. Convocazione della riunione del comitato di coordinamento del Movimento Nonviolento per il 10 febbraio 2002 (e verbale della riunione del 25 novembre 2001); 4. A Spilamberto per accostarsi alla nonviolenza; 5. A Roma il 16 gennaio presentazione del libro "L'anarchico e l'ebreo. Storia di un incontro"; 6. Riletture. Hannah Arendt, Il pescatore di perle; 7. Riletture. Franco Fortini, Attraverso Pasolini; 8. Riletture. Orlando Franceschelli, Karl Loewith; 9. Riletture. Vladimir Jankelevitch, Henri Bergson; 10. Riletture. Italo Mancini, Bonhoeffer; 11. Riletture. Simonetta Tabboni, Norbert Elias; 12. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 13. Per saperne di piu'.
* Numero 342 del 14 gennaio 2002: 1. Un appello agli enti locali per la pace in Medio Oriente; 2. Proposta di una marcia per la pace da Genova a La Spezia; 3. Giulio Vittorangeli: Palestina, un'altra pagina nera; 4. Christa Wolf, fissare lo sguardo; 5. Francesco Piccioni, un libro su guerra e terrorismo biologico; 6. Fausto Caffarelli, i paradisi fiscali; 7. Alcuni riferimenti per contattare i "social forum" presenti in Italia; 8. A Pesaro un ciclo di incontri per accostarsi alla nonviolenza; 9. Riletture: Bruno Maggioni, Giobbe e Qohelet; 10. Riletture: Giovanni Miegge, Il sermone sul monte; 11. Riletture: Gerhard von Rad, Il sacrificio di Abramo; 12. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 13. Per saperne di piu'.
* Numero 343 del 15 gennaio 2002: 1. Azione nonviolenta a Kisangani in Congo il 3-8 aprile; 2. Un appello per una forza internazionale di protezione in Palestina; 3. Severino Vardacampi, fuggiaschi a Porto Alegre; 4. Letizia Tomassone, nella dimensione della liberta' e della grazia; 5. Jean-Marie Muller, il conflitto; 6. Un seminario sull'azione nonviolenta dal locale al globale; 7. Aggiornamento de "Il paese delle donne"; 8. Il programma per il 2002 di "Missione oggi"; 9. Immagini del sud del mondo a Viterbo; 10. Riletture: Annie Cohen-Solal, Sartre; 11. Riletture: Bernard Crick, George Orwell; 12. Riletture: Barbara Lanati, Vita di Emily Dickinson; 13. Riletture: Hans Jonas, Dalla fede antica all'uomo tecnologico; 14. Riletture: Emmanuel Levinas, Totalita' e infinito; 15. Riletture: Paul Ricoeur, Il conflitto delle interpretazioni; 16. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 17. Per saperne di piu'.
* Numero 344 del 16 gennaio 2002: 1. Domenico Gallo, codice di guerra; 2. Giuliana Sgrena, raid sulle macerie afghane; 3. Pax Christi, solidarieta' ai magistrati; 4. Walter Benjamin, tesi di filosofia della storia; 5. Riletture: Lorenzo Milani, "I care" ancora; 6. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 7. Per saperne di piu'.
* Numero 345 dell'8 febbraio 2002: 1. Il 24 febbraio una giornata di protesta; 2. Un appello promosso da oltre cento docenti universitari fiorentini; 3. Nasce il comitato di parlamentari "La legge e' uguale per tutti"; 4. Un appello di avvocati e giuristi in difesa dell'indipendenza della magistratura; 5. Jeff Halper, come non si e' fatta la pace in Palestina; 6. Stefano Baldini, invasi gli uffici dell'ong Crocevia a Gerusalemme; 7. Il documento finale del secondo Forum sociale mondiale svoltosi a Porto Alegre; 8. Arianna Marullo, un ricordo di Michele Cordaro; 9. Riletture: Jean Baumgarten, Lo yiddish; 10. Riletture: Leo Rosten, The joys of yiddish; 11. Riletture: Isaac B. Singer, Gimpel l'idiota e I due bugiardi; 12. Riletture: Juergen Moltmann, Teologia della speranza; 13. Riletture: Karl Rahner, Corso fondamentale sulla fede; 14. Riletture: Paul Tillich, Lo spirito borghese e il kairos; 15. Riletture: Domenico De Salvia, Paolo Crepet (a cura di), Psichiatria senza manicomio; 16. Riletture: Laura Forti (a cura di), L'altra pazzia; 17. Riletture: Luigi Onnis, Giuditta Lo Russo (a cura di), La ragione degli altri; 18. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 19. Per saperne di piu'.
* Numero 346 del 9 febbraio 2002: 1. Prosegue a Verona il corso di formazione promosso dal Movimento Nonviolento; 2. Ad Amelia un corso di formazione alla nonviolenza; 3. In marzo a Verona un ciclo di incontri promosso da Pax Christi; 4. Mariateresa Fumagalli Beonio Brocchieri: il primo passo da fare; 5. Marco D'Eramo: Pierre Bourdieu, il grimaldello della ragione; 6. Luigi Piccioni: Pierre Bourdieu, un marxiano a Parigi; 7. Pierre Bourdieu: sono qui per dire il nostro sostegno... 8. Letture: Igor Man, L'islam dalla a alla z; 9. Letture: Arundhati Roy, Guerra e' pace; 10. Letture: Michele Sarfatti, Le leggi antiebraiche spiegate agli italiani di oggi; 11. Letture: "MicroMega" 1/2002: Resistere, resistere, resistere!; 12. Letture: "Servitium" 138: Vivere i conflitti; 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.
* Numero 347 del 10 febbraio 2002: 1. Nanni Salio: guerre e terrorismi, le alternative della nonviolenza; 2. Valerio Magnani, una campagna per evitare che venga stravolta la legge 185/90; 3. Pax Christi e Associazione obiettori nonviolenti: un appello ai parlamentari per fermare i mercanti di morte; 4. Amnesty International contro la modifica della legge 185/90; 5. Giobbe Santabarbara, per il disarmo e per la chiarezza; 6. Venticinque anni di attivita' del Centro Impastato; 7. La dichiarazione di obiezione di 53 militari israeliani contro l'occupazione dei territori e la repressione del popolo palestinese; 8. Alessandro Dal Lago: Bourdieu, l'ultimo maestro; 9. Mary Catherine Bateson, come si deve; 10. Lunedi a Verona incontro sulla nonviolenza di Lanza del Vasto; 11. Programma di un corso di educazione alla pace a Gubbio; 12. Aggiornamento del "COS in rete"; 13. "Pacedifesa", newsletter del Centro studi difesa civile; 14. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 15. Per saperne di piu'.
* Numero 348 dell'11 febbraio 2002: 1. La redazione de "Il foglio" di Torino: democrazia in pericolo; 2. Raniero La Valle, i prigionieri; 3. Luisa Morgantini, scrivete ai 190 soldati israeliani obiettori; 4. Rete di Lilliput, dichiarazione finale del secondo incontro nazionale; 5. Francesca Lazzarato ricorda Astrid Lindgren; 6. David Maria Turoldo, oltre la foresta; 7. George Steiner, la salute del linguaggio; 8. Severino Vardacampi, un libro da leggere; 9. Indice dei numeri 329-344 (gennaio 2002) de "La nonviolenza e' in cammino"; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.
* Numero 349 del 12 febbraio 2002: 1. Ettore Masina: salvare dalla lapidazione Abok Alfa Akok; 2. Adesione all'appello per l'iniziativa nonviolenta del 24 febbraio; 3. Daniele Lugli, verso il XX congresso del Movimento Nonviolento; 4. Alberto L'Abate, Enrico Euli, Antonella Sapio: una proposta per la formazione alla nonviolenza dei formatori e degli attivisti dei movimenti sociali; 5. Renate Siebert, le emozioni come risorsa; 6. Lidia Menapace, dipanare matasse; 7. Frei Betto, un forum libero; 8. Eduardo Galeano, trofei; 9. Gianni Mina' intervista Lula da Silva; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.
* Numero 350 del 13 febbraio 2002: 1. Paolo Flores d'Arcais, il 23 febbraio a Milano manifestazione nazionale in difesa della legalita'; 2. Roberto Benigni ed altri, appello per la giornata della legalita'; 3. Teresa Sarti, Emergency aderisce all'iniziativa contro i mercanti di morte; 4. Materiali dell'assemblea nazionale dei Social forum sull'immigrazione svoltasi a Brescia il 9 febbraio; 5. "Chiama l'Africa news" del 10 febbraio; 6. Aggiornamento del sito de "Il paese delle donne"; 7. Aggiornamento del sito di "ZNet.it"; 8. Iaia Vantaggiato, le figlie di Eva; 9. Letture: Luciano Fausti, Intellettuali in dialogo. Antonio Gramsci e Piero Sraffa; 10. Letture: Rosario Giue': La Chiesa italiana nel solco della storia; 11. Letture: Immanuel Kant, Saggio sulle malattie della mente; 12. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 13. Per saperne di piu'.
* Numero 351 del 14 febbraio 2002: 1. "Palermo chiama": appello per l'assemblea nazionale antimafia a Roma il 23 febbraio; 2. Francesco Saverio Borrelli, relazione all'inaugurazione dell'anno giudiziario; 3. Luce Fabbri, l'essenziale; 4. Peppe Sini, Raimondo Pesaresi; 5. Riletture: Rossana Rossanda, Anche per me; 6. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 7. Per saperne di piu'.
* Numero 352 del 15 febbraio 2002: 1. Leah Goldberg, Una notte d'autunno piovosa e un limpido mattino; 2. Simone Weil: la misericordia; 3. Movimento Nonviolento, Movimento Internazionale della Riconciliazione: solidali con i riservisti israeliani obiettori; 4. Giulio Vittorangeli, fermare la guerra; 5. Ali Mumin Ahad, Armando Gnisci: noi somali; 6. Piero Calamandrei, epigrafi per uomini e citta' della Resistenza; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.
* Numero 353 del 13 settembre 2002: 1. La nonviolenza e' una scelta; 2. Benito D'Ippolito, tre litanie a R. 3. Il 14 settembre a Roma; 4. Letture: Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Marco Travaglio, Mani Pulite. La vera storia; 5. Letture: Bruna Bocchini Camaiani, Ernesto Balducci. La Chiesa e la modernita'; 6. Letture: Mario Comoglio, Miguel Angel Cardoso, Insegnare e apprendere in gruppo. Il Cooperative Learning; 7. Letture: Gaetano Farinelli, Attraversare il deserto; 8. Riletture: Ernesto De Martino, La fine del mondo; 9. Riletture: Erasmo da Rotterdam, Colloquia; 10. Riletture: Umberto Galimberti, Psiche e techne; 11. Da tradurre: Cultura escrita y educacion. Conversaciones con Emilia Ferreiro; 12. Elena Kutorgene, gli occhi di tutti; 13. Vandana Shiva, la resistenza alla biopirateria; 14. Simone Weil, l'argomento della spada; 15. Indice dei numeri 345-352 (febbraio 2002) de "La nonviolenza e' in cammino"; 16. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 17. Per saperne di piu'.
* Numero 354 del 14 settembre 2002: 1. Giobbe Santabarbara, necessita' della nonviolenza; 2. Ida Dominijanni intervista Rosi Braidotti: Dopo le torri, il corpo che resta; 3. Alcune riviste; 4. Letture: Associazione Pace e dintorni, Violenza, zero in condotta; 5. Letture: Giulietto Chiesa, La guerra infinita; 6. Letture: Dennis Dalton, Gandhi, il Mahatma. Il potere della nonviolenza; 7. Letture: Heinrich Boell Foundation, The Jo'burg-Memo; 8. Letture: Enzo Mazzi, Ernesto Balducci e il dissenso creativo; 9. Letture: Edoardo Martinelli, Pedagogia dell'aderenza; 10. Letture: Edward W. Said, Fine del processo di pace; 11. Letture: Frediano Sessi, Non dimenticare l'Olocausto; 12. Letture: Tiziano Terzani, Lettere contro la guerra; 13. Tzvetan Todorov, esseri umani e programmi politici; 14. Frances Amelia Yates, un'esperienza; 15. Un appello "Fuori la guerra dalla storia, fuori l'Europa dalla guerra"; 16. Il "C.O.S. in rete" di settembre; 17. Un corso di educazione alla pace tenutosi a Gubbio; 18. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 19. Per saperne di piu'.
* Numero 355 del 15 settembre 2002: 1. Un appello di Emergency: fuori l'Italia dalla guerra; 2. Agnes Heller, una professione di fede; 3. Ernesto Balducci, una professione di fede; 4. Letture: Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, Codice etico per una polizia democratica; 5. Letture: Ernesto De Martino, Panorami e spedizioni; 6. Letture: Carmine Di Sante, Lo straniero nella bibbia. Saggio sull'ospitalita'; 7. Letture: Irene Ghizzoni (a cura di), Manuale del risparmiatore etico e solidale; 8. Letture: Gianfranco Mascia, Vademecum della bugia da Stalin a Berlusconi; 9. Letture: Marco Moraccini (a cura di), Scritti su Lorenzo Milani. Una antologia critica; 10. Letture: Alex Zanotelli, R...esistenza e dialogo; 11. Letture: Mauro Zonta, La filosofia ebraica medievale. Storia e testi; 12. Un corso di educazione alla pace tenutosi a Orte; 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.
* Numero 356 del 16 settembre 2002: 1. Simone Weil, legate; 2. L'agenda "Giorni nonviolenti" 2003; 3. Amnesty International, Usa-Iraq: non nel nome dei diritti umani; 4. Alcune riviste; 5. La resistibile ascesa: un abbozzo di bibliografia essenziale; 6. Leggere il Corano; 7. Letture: Norberto Bobbio, Trent'anni di storia della cultura a Torino (1920-1950); 8. Letture: Maurizio Ferraris, L'ermeneutica; 9. Letture: Giuseppe Stoppiglia, Diario di un viandante; 10. Letture: Bruna Zani, Patrizia Selleri, Dolores David, La comunicazione; 11. Riletture: Leon E. Halkin, Erasmo; 12. Riletture: Giuliana Morandini, ... E allora mi hanno rinchiusa; 13. Riletture: Mi chiamo Rigoberta Menchu'; 14. Riletture: Jean-Marie Straub, Daniele Huillet, Testi cinematografici; 15. Estratto dal programma del corso di educazione alla pace presso il liceo scientifico di Orte per l'anno scolastico 2002-2003; 16. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 17. Per saperne di piu'.
* Numero 357 del 17 settembre 2002: 1. Peppe Sini, col cuore tra i denti; 2. Sosteniamo "Qualevita"; 3. Un libriccino di Danilo Dolci; 4. Alcune riviste e newsletter diffuse per e-mail; 5. Agnes Heller, Otto massime morali; 6. Ernesto Balducci, Introduzione a "La pace. Realismo di un'utopia"; 7. Luigi Ferrajoli, democrazia privata; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.
* Numero 358 del 18 settembre 2002: 1. Abdessalam Najjar, una lettera al "Corriere della sera"; 2. Mao Valpiana, Daniele Lugli: le dieci parole della nonviolenza, in cammino verso il lupo di Gubbio; 3. Peppe Sini, di cosa parliamo quando parliamo di azione diretta nonviolenta contro la guerra; 4. Giovanni Mandorino, "Quaderni Satyagraha"; 5. Davide Melodia, un saggio su cristianesimo e pace; 6. Enrico Euli, se io fossi... Lilliput; 7. Hannah Arendt, l'idea di umanita'; 8. Joseph Ki-Zerbo, appunti sulla storia dell'Africa e dell'umanita'; 9. Vauro Senesi, un castoro per le strade di Kabul; 10. Vito La Fata, un incontro a Palermo; 11. Cinque assiomi della pragmatica della comunicazione umana; 12. Letture: Luigi Di Lembo, Guerra di classe e lotta umana; 13. Letture: Liceo scientifico "Fermi" di Sulmona, Il sentiero della liberta'; 14. Riletture: Carmela Baffioni, Storia della filosofia islamica; 15. Riletture: Jan Kott, Shakespeare nostro contemporaneo; 16. Da tradurre: Emilia Ferreiro, Pasado y presente de los verbos leer y escribir; 17. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 18. Per saperne di piu'.
* Numero 359 del 19 settembre 2002: 1. Farid Adly, obiezione di coscienza contro le impronte digitali; 2. Comboniani: la pace e' nelle nostre mani. Noi proponiamo; 3. Una intervista a Francuccio Gesualdi; 4. "Femmis", fermiamo le pietre dell'ipocrisia; 5. Seminario della Rete Lilliput sulla nonviolenza il 27-29 settembre; 6. Associazioni pacifiste israeliane e palestinesi; 7. Marina Forti, le parole di Johannesburg; 8. Franca Ongaro Basaglia, la presunzione e l'imprevedibile; 9. Elias Canetti, un attimo; 10. Letture: AA. VV., Lexicon. Dizionario dei teologi; 11. Letture: Angela Ales Bello, Edith Stein; 12. Letture: Catherine Clement, Gandhi. "Grande anima" della liberta'; 13. Letture: Michael Hardt, Antonio Negri, Impero; 14. Riletture: Bernard Crick, George Orwell; 15. Riletture: Edoarda Masi, cento trame di capolavori della letteratura cinese; 16. Riletture: Simone Petrement, La vita di Simone Weil; 17. Riletture: Robert Scholes, Robert Kellogg, La natura della narrativa; 18. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 19. Per saperne di piu'.
* Numero 360 del 20 settembre 2002: 1. Yukari Saito, Signor Presidente io obietto; 2. Benito D'Ippolito, strambotto dei cannibali; 3. Un ponte per..., ai membri delle commissioni parlamentari Esteri e Difesa; 4. Enrico Peyretti, la guerra estremo sopruso; 5. Pax Christi, fermare la macchina della guerra; 6. Franco Fortini, lontano lontano... 7. Rosa Luxemburg, come il coniglio sotto un cespuglio; 8. Claudio Tugnoli, una bibliografia di e su Rene' Girard; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.
* Numero 361 del 21 settembre 2002: 1. Lorenzo Milani, in lingua italiana; 2. Appello degli intellettuali nordamericani contro la guerra: "Non nel nostro nome"; 3. Luigi Pintor, la dottrina globale; 4. Giobbe Santabarbara, ancora un piccolo discorso sull'uccidere; 5. La presenza nonviolenta dell'Operazione Colomba in Palestina; 6. Estratto da un progetto per un corso di formazione alla nonviolenza per operatori di Polizia Municipale; 7. Germaine Greer, la domanda; 8. Paul Tillich, finitudine; 9. Ida Dominijanni intervista Etienne Balibar; 10. Arianna Marullo, Aby Warburg raccontato da Ernst H. Gombrich; 11. Alcuni siti amici della nonviolenza; 12. "Azione nonviolenta" di settembre; 13. "Keshet. Vita e cultura ebraica"; 14. Fondazione Roberto Franceschi, pubblicazioni sui diritti; 15. Editori: L'Harmattan Italia; 16. Letture: Andrea Kettenmann, Frida Kahlo; 17. Letture: Marina Paladini Musitelli, Introduzione a Gramsci; 18. Riletture: "Re/search", J. G. Ballard; 19. Riletture: Charles C. Walker, Manuale per l'azione diretta nonviolenta; 20. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 21. Per saperne di piu'.
* Numero 362 del 22 settembre 2002: 1. Giobbe Santabarbara, dal punto di vista dell'umanita'; 2. Charles C. Walker, manuale per l'azione diretta nonviolenta (parte prima); 3. Mary Wollstonecraft, la prospettiva; 4. Congresso del Movimento Nonviolento: "La nonviolenza e' il varco attuale della storia"; 5. Su "Nigrizia" di settembre un dossier sulla nonviolenza; 6. Il secondo volume dei "Quaderni Satyagraha"; 7. Svoltosi il convegno nazionale del Cem; 8. Riletture: AA. VV., L'altro sguardo; 9. Riletture: Krzysztof Kieslowski, Krzysztof Piesiewicz, Decalogo; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.
* Numero 363 del 23 settembre 2002: 1. Maria Luigia Casieri, gatti e topi; 2. Charles C. Walker, manuale per l'azione diretta nonviolenta (parte seconda); 3. Circolare del Movimento Internazionale della Riconciliazione (MIR) n. 2/2002; 4. Margarete Buber Neumann, la vera dimensione di un pericolo; 5. Maria Zambrano, della verita' e della vita; 6. Riletture: Bianca Guidetti Serra, Compagne; 7. Riletture: Marthe Robert, L'antico e il nuovo; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento 9. Per saperne di piu'.
* Numero 364 del 24 settembre 2002: 1. Giobbe Santabarbara: scafisti, ministri; 2. Il 30 settembre per Mordechai Vanunu; 3. Giancarlo Zizola, crocifissi pubblici? 4. Marinella Correggia: Amma e Appa, i doni della terra; 5. Amelia Alberti, oil (petrolio); 6. Severino Vardacampi: impegno per la pace, scelta nonviolenta; 7. Charles C. Walker, manuale per l'azione diretta nonviolenta (parte terza); 8. L'incontro del coordinamento del Movimento Nonviolento del 30 giugno a Verona; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.
* Numero 365 del 25 settembre 2002: 1. Un esposto per far cessare le stragi di immigrati; 2. Ada Gobetti, amicizia; 3. Enrico Peyretti, scrivere; 4. Antonello Ricci ricorda Vittorio Emanuele Giuntella; 5. Carlo Schenone, a cosa serve il Forum Sociale Europeo? 6. Giulio Vittorangeli, si puo' essere felici? 7. Giampaolo Calchi Novati, diplomazia di vetro; 8. Charles C. Walker, manuale per l'azione diretta nonviolenta (parte quarta e conclusiva); 9. Riletture: Eleonora Missana, L'etica nel pensiero contemporaneo; 10. Riletture: Françoise Sironi, Persecutori e vittime; 11. Riletture: Elena Soetje, La responsabilita' della vita. Introduzione alla bioetica; 12. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 13. Per saperne di piu'.
* Numero 366 del 26 settembre 2002: 1. Un errore di prospettiva; 2. Solidarieta' con i richiedenti asilo; 3. Campagna di obiezione di coscienza del/la cittadino/a per il disarmo economico e militare; 4. Rete Lilliput: mai piu' eserciti e guerre, costruiamo la pace; 5. Secondo salone dell'editoria di pace a Venezia; 6. Pietro Ingrao, potere assoluto; 7. Claudio Tugnoli, il significato dell'opera di Rene' Girard; 8. Violeta Parra, come sorridono i presidenti; 9. Adrienne Rich, finche'; 10. Riletture: Enrique Dussel, L'occultamento dell'"altro"; 11. Riletture: Internazionale situazionista 1958-1969; 12. Riletture: Virginia Vacca (a cura di), Vite e detti di santi musulmani; 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.
* Numero 367 del 27 settembre 2002: 1. Un appello di docenti israeliani; 2. Aldo Capitini, principi dell'addestramento alla nonviolenza; 3. Tavola della pace, appello contro la guerra; 4. Ida Dominijanni intervista Danilo Zolo; 5. Simone Weil, amore e giustizia; 6. Otello Barbacane, quelli che; 7. "Il dono delle lingue" a Napoli; 8. Riletture: Aung San Suu Kyi, Libera dalla paura; 9. Riletture: Giancarla Codrignani, Ecuba e le altre; 10. Riletture: Franco Gesualdi, Economia. Conoscere per scegliere; 11. Riletture: Giovanni Salio, Le guerre del Golfo e le ragioni della nonviolenza; 12. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 13. Per saperne di piu'.
* Numero 368 del 28 settembre 2002: 1. La risposta di Hillel; 2. Emmaus, contro la guerra; 3. Silvia Vegetti Finzi, il luogo dell'utopia; 4. Per la regolarizzazione di tutti i sans-papiers in Europa; 5. Chaiwath Satha-Anand, una conferenza a Torino su islam e nonviolenza; 6. Giobbe Santabarbara, dello scrivere chiaro; 7. Le canzonacce da osteria di Numidio Picciafoco: voglio farmi la tivvu'; 8. Iaia Vantaggiato recensisce "Il Vincere" di Ettore Masina; 9. Riletture: Lia Levi, Che cos'e' l'antisemitismo? Per favore rispondete; 10. Riletture: Biancamaria Scarcia Amoretti, Tolleranza e guerra santa nell'Islam; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
* Numero 369 del 29 settembre 2002: 1. Presentato un esposto sulle dichiarazioni del presidente del consiglio in parlamento sulla guerra; 2. Un'intervista a Gino Strada; 3. Irene Khan, al Consiglio di Sicurezza dell'Onu; 4. Jean Marie Muller, significato della nonviolenza (parte prima); 5. Enrico Peyretti, un film su tanti undici settembre; 6. Brunetto Salvarani, per il dialogo cristianoislamico; 7. Luce Irigaray, la rivoluzione copernicana; 8. Julia Kristeva, lo straniero; 9. Riletture: AA. VV., Etiche della mondialita'; 10. Riletture: Jacqueline Russ, L'etica contemporanea; 11 La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
* Numero 370 del 30 settembre 2002: 1. Nei territori occupati; 2. Un esposto contro la guerra e la violazione della Costituzione; 3. Diana Dimonte: una mozione in parlamento per il commercio equo e solidale; 4. Jean Marie Muller, significato della nonviolenza (parte seconda e conclusiva); 5. Augusto Cavadi, Magdalene; 6. Giobbe Santabarbara, ancora un catastrofico errore del movimento per la pace; 7. Riletture: Hannah Arendt, Mary McCarthy, Tra amiche; 8. Riletture: Judith M. Brown, Gandhi; 9. Riletture: Adriana Cavarero, Nonostante Platone; 10. Riletture: Rossana Rossanda, Anche per me; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
 
8.DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO
 
Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.
Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:
1. l'opposizione integrale alla guerra;
2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;
3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;
4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.
Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.
Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.
 
9. PER SAPERNE DI PIU'
 
Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it
 
TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 80 del 24 gennaio 2010
 
Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail:
nbawac at tin.it, sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/
 
Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe
 
 
In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).
 
L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html
 
Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/
 
L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la redazione e': nbawac at tin.it