[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Telegrammi. 81



TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 81 del 25 gennaio 2010
 
Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail:
nbawac at tin.it
 
Sommario di questo numero:
1. Opporsi al colpo di stato razzista. Con la forza della nonviolenza
2. Raffaello Saffioti: Una lettera aperta ad Andrea Cozzo
3. Maria G. Di Rienzo: Donne vittime di violenza domestica
4. A Soriano nel Cimino il 27 e il 29 gennaio
5. "Azione nonviolenta"
6. Segnalazioni librarie
7. Indice dei numeri 371-401 (ottobre 2002) de "La nonviolenza e' in cammino"
8. La "Carta" del Movimento Nonviolento
9. Per saperne di piu'
 
1. EDITORIALE. OPPORSI AL COLPO DI STATO RAZZISTA. CON LA FORZA DELLA NONVIOLENZA
 
Le misure razziste, schiaviste e squadriste contenute nell'incostituzionale ed antigiuridica legge 94/2009 e nelle altre analoghe disposizioni naziste del governo centrale e delle amministrazioni locali costituiscono un colpo di stato, un colpo di stato che distrugge l'ordinamento giuridico democratico, che annienta la civilta', che viola i fondamentali diritti umani di cui ogni essere umano e' portatore.
Al colpo di stato razzista e' diritto e dovere di ogni persona e di ogni istituzione democratica opporsi.
Occorre una insurrezione nonviolenta in difesa della legalita' costituzionale, della democrazia, della civilta' giuridica, dell'umanita'.
Occorre una insurrezione nonviolenta per l'immediata abolizione di tutte le criminali misure razziste, schiaviste e squadriste.
Occorre una insurrezione nonviolenta contro l'abominevole regime dell'apartheid.
Occorre una insurrezione nonviolenta contro lo scellerato ritorno del nazismo.
Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.
 
2. EDITORIALE. RAFFAELLO SAFFIOTI: UNA LETTERA APERTA AD ANDREA COZZO
[Ringraziamo Raffaello Saffioti (per contatti: rsaffi at libero.it) per averci messo a disposizione questa lettera aperta al comune amico Andrea Cozzo]
 
Carissimo Andrea,
ti ho conosciuto e sono diventato tuo amico grazie al tuo impegno per la nonviolenza. Ora la notizia di quanto e' accaduto a te e a tua moglie nel corso della manifestazione per il centro sociale Laboratorio Zeta di Palermo mi ha profondamente scosso. Dopo la conversazione telefonica con il nostro amico Rocco Altieri ho pensato che non bastasse esprimerti privatamente la doverosa, sentita solidarieta'.
In questo caso non basta esprimere i sentimenti di umana solidarieta' con chi e' vittima della violenza e subisce gravi danni fisici, ma serve riflettere a fondo su quanto sta avvenendo dopo l’entrata in vigore della legge 94 del 2009, cosiddetta “sulla sicurezza”.
Riprendo la notizia. “Dopo Rosarno, lo sgombero del centro sociale Laboratorio Zeta di Palermo si configura come l’ennesimo tentativo di dispersione di migranti sul territorio nazionale. Un tentativo che passa anche attraverso gli arresti ed i ferimenti degli antirazzisti che a Palermo si battono per difendere i diritti fondamentali dei rifugiati, a partire dal diritto all’alloggio. Tra gli altri e' stato colpito duramente con manganellate sul viso ed ha una prognosi di oltre venti giorni per la rottura del naso un professore universitario fondatore di un laboratorio per la nonviolenza. Un cittadino come tanti altri che partecipava al presidio di protesta per lo sgombero della struttura che era intervenuto in difesa della moglie presa a manganellate durante una delle cariche degli agenti di polizia” (Fulvio Vassallo, sul sito: www.terrelibere.it).
La notizia mi e' sembrata incredibile. Come e' stato possibile che proprio “un professore universitario fondatore di un laboratorio per la nonviolenza” venisse colpito gravemente dai manganelli della polizia? Questa e' una domanda che deve impegnare la riflessione delle persone amiche della nonviolenza.
I manganelli della polizia non hanno colpito, tra gli altri, una persona qualsiasi, ma un ricercatore che “da anni tiene corsi di formazione per operatori della Guardia di Finanza, Carabinieri e Vigili Urbani”.
Questo caso mi sembra singolare, proprio perche' la personalita' di Andrea Cozzo si qualifica per la coerenza tra il pensiero e l’azione, tra la teoria e la pratica della nonviolenza.
Questa vicenda dolorosa deve servire per promuovere la conoscenza del pensiero e dell’opera del docente universitario vittima della violenza della polizia.
Caro Andrea, noi crediamo fermamente nella forza della nonviolenza. Quanto ti e' successo deve servire a rafforzare il nostro impegno ed i nostri rapporti. Ti considero  amico e sono orgoglioso di far parte con te della redazione della rivista “Quaderni Satyagraha”. Questa lettera esprime anche i sentimenti ed il pensiero di Rocco Altieri, direttore della rivista.
Non posso qui non ricordare il tuo libro pubblicato da Gandhi Edizioni nel 2007 su Gestione creativa e nonviolenta delle situazioni di tensione, col sottotitolo “Manuale di formazione per le Forze dell’ordine”. E mi fa impressione notare che la prefazione sia di Nicola Zito, questore di Livorno, e la postfazione di Patrizio Lo Prete, assistente capo della Polizia di Stato.
Voglio infine ricordare per i lettori un altro tuo libro, Conflittualita' nonviolenta. Filosofia e pratiche di lotta comunicativa, Milano, Mimesis, 2004.
Sappiamo bene che il cammino della nonviolenza e' lungo e tortuoso. L’impegno per promuovere la cultura della nonviolenza e' molto difficile e proseguendo nel nostro cammino incontreremo ancora la violenza. La tua ricerca ed il tuo magistero si rivelano sempre piu' necessari.
Raffaello Saffioti, Centro Gandhi - Quaderni Satyagraha
Palmi, 24 gennaio 2010
 
3. EDITORIALE. MARIA G. DI RIENZO: DONNE VITTIME DI VIOLENZA DOMESTICA
[Ringraziamo Maria G. Di Rienzo (per contatti: sheela59 at libero.it) per questo intervento]
 
Cosa offre il territorio italiano alle donne vittime di violenza? Ve lo dico io: una presa per i fondelli.
*
Linee telefoniche. La prima e unica linea telefonica gratuita per le vittime di violenza domestica, “statale”, e' stata istituita alla fine del 2006. Funziona ventiquattr'ore su ventiquattro ed e' multilingue. Non la conosce neppure chi redige gli opuscoli istituzionali (Regioni, Province, ecc.) che elencano le “risorse per le donne sul territorio”. Perche'? Perche' nessuno dei governi succedutisi dalla fine del 2006 all'inizio del 2010 ha ritenuto di doverne finanziare la pubblicizzazione. Dal momento che la politica e' spettacolo, una volta che tu abbia “istituito il servizio” sei a posto: puoi andare a vantartene in televisione o alla conferenza nel collegio elettorale e passi anche come uno “che si interessa dei problemi delle donne”. Naturalmente non ti sfiora l'idea che la violenza, di qualsiasi tipo, e' sempre un problema “a due”: dell'oppressore e dell'oppresso. Cosi' fingere di aver dato un cerotto gratuito a chi sanguina e' piu' che sufficiente. A chi alza le mani o i pugni, a chi punta pistole, a chi strangola, a chi umilia, insulta, violenta non c'e' chi dica qualcosa (se non, sotto sotto, “bravo”).
In Italia sono altresi' disponibili circa cento linee telefoniche regionali. La maggior parte di esse e' gestita dai centri antiviolenza delle donne. Dato che, a parte quella “verde” altoatesina finanziata dalla Provincia, nessuna riceve finanziamenti istituzionali, sono disponibili per una media di otto ore al giorno in momenti diversi.
*
Rifugi per le donne. Il primo rifugio italiano per le donne vittime di violenza domestica fu fondato nel 1989. Da allora ne sono sorti altri 39, per un totale di 270 posti disponibili. Il Parlamento Europeo ha fatto sapere al suo onorevole stato membro, l'Italia, che data l'estensione del fenomeno e la necessita' di proteggere anche i bambini, ne servono un minimo di 5.913.
Mi sembra che questo dato sia sufficiente a dipingere la situazione italiana: i servizi non possono espandersi ne' migliorare senza finanziamenti.
Se c'e' bisogno di un Concordato fra stato e femministe per averli (l'otto per mille) sono disposta a firmare, tanto piu' che nessun rifugio in Italia corrisponde pienamente agli standard europei di “qualita'” per un'efficace azione di contrasto alla violenza (quali: servizio confidenziale disponibile gratuitamente 24 ore su 24; operatrici che abbiano svolto training specifici sul trattamento delle vittime di violenza, ecc.).
Piu' di cento gruppi femministi hanno messo in piedi, sin dagli anni '90, centri antiviolenza, linee telefoniche e rifugi, ed hanno costituito il network “Rete dei centri antiviolenza e delle case delle donne”. Si tratta di vent'anni di lavoro sul campo che troppo spesso le istituzioni non vogliono riconoscere, nonostante la presenza ovunque delle Commissioni Pari Opportunita' (mancano solo nei circoli ricreativi dei dipendenti pubblici, ma se i politici fiutano l'opportunita' per piazzarci l'ennesima ballerina di nightclub li istituiranno a breve). Un altro “perche'”? Non l'ho appena detto?
*
Una Commissione Pari Opportunita', al Parlamento o in Comune, non serve a nulla se le/i suoi componenti sono stati piazzati la' per “meriti” che vanno dal servizietto al capopartito al bisogno di occupare militarmente, e con il manuale Cencelli, qualsiasi spazio istituzionale una volta che si siano vinte le elezioni.
E questo e' il motivo per cui troppe di queste sedicenti Commissioni Pari Opportunita' non fanno lo stramaledetto lavoro che dovrebbero fare, fra cui il combattere attitudini e comportamenti che condonano, tollerano, scusano o ignorano la violenza di genere: ovvero impegnarsi (e sostenere chi si impegna al di fuori delle istituzioni) affinche' l'accettabilita' sociale della violenza maschile sia eliminata.
Se non fosse per le associazioni attive sul territorio una donna nei guai spesso non avrebbe che da rivolgersi al Padreterno. Il quale, mi dicono, ha pero' spesso altro di cui occuparsi. E non e' neppure stato nominato dal capobastone di partito come membro di Commissione P. O.
 
4. INCONTRI. A SORIANO NEL CIMINO IL 27 E IL 29 GENNAIO
 
Il circolo dei lettori della biblioteca comunale di Soriano nel Cimino in occasione della Giornata della memoria promuove due iniziative.
Mercoledi' 27 gennaio alle ore 17 un incontro sul tema "'E' avvenuto, quindi puo' accadere di nuovo' (Primo Levi) - La Shoah e noi".
Venerdi' 29 gennaio alle ore 17 riflessioni e letture sul tema "Le voci e i volti della Shoah".
Gli incontri si svolgono presso la biblioteca comunale, in via Roma 12, a Soriano nel Cimino (Vt).
Per ulteriori informazioni: www.bibliotecasorianonelcimino.it
 
5. STRUMENTI. "AZIONE NONVIOLENTA"
 
"Azione nonviolenta" e' la rivista del Movimento Nonviolento, fondata da Aldo Capitini nel 1964, mensile di formazione, informazione e dibattito sulle tematiche della nonviolenza in Italia e nel mondo.
Redazione, direzione, amministrazione: via Spagna 8, 37123 Verona, tel. 0458009803 (da lunedi' a venerdi': ore 9-13 e 15-19), fax: 0458009212, e-mail: an at nonviolenti.org, sito: www.nonviolenti.org
Per abbonarsi ad "Azione nonviolenta" inviare 29 euro sul ccp n. 10250363 intestato ad Azione nonviolenta, via Spagna 8, 37123 Verona.
E' possibile chiedere una copia omaggio, inviando una e-mail all'indirizzo an at nonviolenti.org scrivendo nell'oggetto "copia di 'Azione nonviolenta'".
 
6. SEGNALAZIONI LIBRARIE
 
Riletture
- Bertrand Russell, L'autobiografia, Longanesi, Milano 1969, 1971, tre volumi per complessive pp. 1376 (piu' 36 illustrazioni fuori testo).
 
7. MATERIALI. INDICE DEI NUMERI 371-401 (OTTOBRE 2002) DE "LA NONVIOLENZA E' IN CAMMINO"

* Numero 371 del I ottobre 2002: 1. Una lettera aperta al Presidente della Repubblica; 2. Rete Lilliput: una proposta di Alex Zanotelli; 3. Giobbe Santabarbara: otto cose da fare contro la guerra, che puo' essere impedita; 4. Renato Solmi, la violenza del monopolio televisivo; 5. Giulio Vittorangeli: Palestina, il diritto a vivere; 6. Maria Antonietta Saracino intervista Amelia Boynton Robinson; 7. Riletture: Rosanna Benzi, il mestiere di vivere; 8. Riletture: Laura Boella, Hannah Arendt; 9. Riletture: Adrienne Rich, Esplorando il relitto; 10. Indice dei numeri 353-370 (settembre 2002) de "La nonviolenza e' in cammino"; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
* Numero 372 del 2 ottobre 2002: 1. Una piccola proposta; 2. Giobbe Santabarbara, un errore in cui non perseverare; 3. Enrico Peyretti, la ragione delle ragioni contro la guerra; 4. Vandana Shiva, se invece; 5. Augusto Cavadi, quando le religioni non sono causa di conflitto; 6. Un ponte per...: campagna contro l'embargo e la guerra all'Iraq; 7. Campagna Sbilanciamoci: una finanziaria che colpisce i diritti; 8. Pino Ferraris recensisce "Le ambiguita' degli aiuti umanitari" di Giulio Marcon; 9. Maria Luigia Casieri, un libro dalla parte dei bambini; 10. Riletture: Lidia Menapace, Economia politica della differenza sessuale; 11. Riletture: Elisabeth Young-Bruehl, Hannah Arendt; 12. Riletture: Adriana Zarri, Il figlio perduto; 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.
* Numero 373 del 3 ottobre 2002: 1. La guerra puo' essere impedita; 2. Una lettera a Bush di familiari delle vittime dell'11 settembre; 3. Enrico Peyretti: il pacifismo non basta, occorre la nonviolenza; 4. Giuliana Sgrena, gli alpini nel covo dei taleban; 5. Marinella Correggia, che fine ha fatto Mordechai Vanunu? 6. Pax Christi, seminario sul tema "Difendere lo stato di diritto"; 7. "Azione nonviolenta" di ottobre; 8. Un estratto da "Chiama l'Africa news"; 9. Tommaso Di Francesco, il disarmante dossier di Scott Ritter; 10. Riletture: Britta Benke, Georgia O'Keeffe; 11. Riletture: Renate Siebert, Le donne, la mafia; 12. Riletture: Dorothee Soelle, Fantasia e obbedienza; 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.
* Numero 374 del 4 ottobre 2002: 1. Peppe Sini, perche' non scorra il sangue per le vie di Firenze; 2. Mao Valpiana: Francesco, il lupo di Bagdad e la guerra; 3. Jean Marie Muller, momenti e metodi dell'azione nonviolenta (parte prima); 4. Ordine del giorno del Consiglio Comunale di Fano contro la guerra; 5. Vincenzo Orsomarso: i movimenti, la sinistra e il programma; 6. Simone de Beauvoir, il governo ha risposto; 7. Riletture: Joan Baez, Ballate e folksong; 8. Riletture: Silvia Ballestra, Joyce L.; 9. Riletture: Edgarda Ferri, Il perdono e la memoria; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.
* Numero 375 del 5 ottobre 2002: 1. Clara Levi Coen, nella verita' e nella giustizia; 2. Pax Christi, non una vittoria che divide ma una pace che affratella; 3. Enrico Peyretti, un delitto internazionale; 4. Salvatore Baiocchi: a Firenze prevalga l'unica forza che l'uomo deve coltivare e usare, quella della ragione; 5. Peppe Sini: verantwortung e satyagraha, o della gratitudine; 6. Jean Marie Muller, momenti e metodi dell'azione nonviolenta (parte seconda); 7. A Pinerolo un corso sulla trasformazione nonviolenta dei conflitti; 8. Riletture: Rosalba Cannavo', Pippo Fava. Cronaca di un uomo libero; 9. Riletture: Marianne Mahn-Lot, Bartolomeo de Las Casas e i diritti degli indiani; 10. Riletture: Nadia Neri, Un'estrema compassione; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
* Numero 376 del 6 ottobre 2002: 1. Benito D'Ippolito, agli amici suoi di Bolzano; 2. Enrico Peyretti: la vittoria divide, la pace unisce; 3. Vandana Shiva, le societa' realmente sottosviluppate; 4. Una missione musicale di pace a Baghdad; 5. Un appello del Centro di educazione alla mondialita'; 6. Marco Fazzini intervista Wole Soyinka; 7. Riletture: Eva Cantarella, L'ambiguo malanno; 8. Riletture: Angela Davis, Autobiografia di una rivoluzionaria; 9. Riletture: Itala Vivan, Interpreti rituali; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.
* Numero 377 del 7 ottobre 2002: 1. Una lettera di Gino Strada; 2. Enrico Peyretti, Bush e Saddam uniti da Hitler; 3. Elettra Deiana, intervento del 3 ottobre alla Camera dei Deputati; 4. La newsletter del "Centro studi difesa civile"; 5. Jean Marie Muller, momenti e metodi dell'azione nonviolenta (parte terza e conclusiva); 6. Davide Melodia, Resistenza e memoria storica; 7. Breve notizia sull'opera saggistica di George Steiner; 8. Riletture: Laura Conti, Che cos'e' l'ecologia; 9. Riletture: Giuliana Martirani, Facciamo politica; 10. Riletture: Molyda Szymusiak, Il racconto di Peuw bambina cambogiana; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
* Numero 378 dell'8 ottobre 2002: 1. Pierangelo Bertoli, eppure soffia; 2. Un rapporto di Amnesty International sull'uccisione dei bambini nel conflitto israelo-palestinese; 3. Pietro Ingrao, queste guerre; 4. Pax Christi, il terrorismo non si vince con la guerra; 5. Benito D'Ippolito, del nuovo mondo l'imperatore (un falso sonetto); 6. Mozione dei gruppi parlamentari del centrosinistra contro la guerra in Iraq; 7. Un appello urgente contro i mercanti di morte; 8. Aggiornamento del sito nonviolento "COS in rete"; 9. Un incontro con Gerardo in Guatemala in agosto; 10. Benedetta Frare, i produttori del commercio equo in Italia; 11. Joan Robinson, le tigri al volante; 12. Breve notizia biografica su Giuliano Pontara; 13. Riletture: Theodor Ebert, La difesa popolare nonviolenta; 14. Riletture: Lanza del Vasto, Vinoba o il nuovo pellegrinaggio; 15. Riletture: Ida Magli, Teresa di Lisieux; 16. Riletture: Elsa Morante, Il mondo salvato dai ragazzini; 17. Riletture: Claudio Napoleoni, Cercate ancora; 18. Riletture: Marthe Robert, Da Edipo a Mose'; 19. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 20. Per saperne di piu'.
* Numero 379 del 9 ottobre 2002: 1. Alex Zanotelli, noi possiamo la pace; 2. Operazione Colomba, testimonianza da Khan Younis; 3. In linea il nuovo portale del risparmio solidale; 4. Per un 29 novembre di pace e dialogo; 5. Giuliana Sgrena: Kabul, una citta' di sfollati; 6. Giulio Vittorangeli, c'era una volta; 7. Norma Bertullacelli, la nonviolenza esige il massimo di coerenza tra mezzi e fini; 8. Gianni Mina', le guerre nascoste dall'informazione; 9. Maria Teresa Gavazza, memorie con-divise. Dalle storie alla storia; 10. Tiziana Valpiana, una interrogazione al ministro della Difesa; 11. Il premio "Alexander Langer" a Esperanza Martinez; 12. Riletture: Emilio Butturini, La pace giusta; 13. Riletture: Josyane Savigneau, Marguerite Yourcenar; 14. Riletture: Claudio Tugnoli (a cura di), Maestri e scolari di nonviolenza; 15. Riletture: Lori Wallach, Michelle Sforza, WTO; 16. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 17. Per saperne di piu'.
* Numero 380 del 10 ottobre 2002: 1. Enzo Mazzi, Firenze ripudia la guerra; 2. Il 10 ottobre davanti al Senato contro il commercio di armi; 3. Rossana Rossanda, lo stato delle cose; 4. Augusto Cavadi, la teologia di Bernardo Provenzano; 5. Peppe Sini e Tomas Stockmann, sulla sciagurata persistenza di alcuni tratti di pregiudizio antiebraico che purtroppo si presentano anche nella sinistra italiana; 6. Paul Oriol, petizione per la cittadinanza europea di residenza; 7. Una bibliografia delle opere di Giuliano Pontara; 8. Letture: Mohsen Makhmalbaf, In Afghanistan; 9. Riletture: Benedetto Croce, Teoria e storia della storiografia; 10. Riletture: Nadine Gordimer, Vivere nell'interregno; 11. Riletture: Susan Sontag, Contro l'interpretazione; 12. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 13. Per saperne di piu'.
* Numero 381 dell'11 ottobre 2002: 1. Aldo Capitini, nell'insieme delle cose umane attuali; 2. Giobbe Santabarbara, opporci alla guerra; 3. Vincenzo Orsomarso, globalizzazione e globalizzazione dal basso; 4. Filomena Perna intervista Pietro Pinna; 5. Programma del seminario sulla nonviolenza al Forum sociale europeo di Firenze; 6. Claudia Fanti, resoconto del seminario della Rete di Lilliput sulla nonviolenza; 7. Letture: "Micromega", Non perdiamoci di vista! 8. Riletture: Gerard Houver, Jean e Hildegard Goss. La nonviolenza e' la vita; 9. Riletture: Joan Robinson, Liberta' e necessita'; 10. Riletture: Tzvetan Todorov, Noi e gli altri; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
* Numero 382 del 12 ottobre 2002: 0. Una comunicazione di servizio: aggiornate gli antivirus; 1. Giobbe Santabarbara, sei pensieri piu' uno; 2. Enrico Peyretti, una storia per la pace; 3. Umberto Santino, il girotondo dei mafiosi; 4. Riccardo Orioles, lo sceicco bianco; 5. Elise Freinet, mezzi di superamento; 6. Francesca Mineo intervista Youssou N'Dour; 7. Letture: "I quaderni speciali di Limes", Aspettando Saddam; 8. Riletture: Claudio Napoleoni, Dalla scienza all'utopia; 9. Riletture: Andrej Sinjavskij, Ivan lo Scemo; 10. Riletture: Luciana Stegagno Picchio, La letteratura brasiliana; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
* Numero 383 del 13 ottobre 2002: 0. Una comunicazione di servizio: repetita iuvant; 1. Quel che non basta; 2. Tavola della pace e Rete Lilliput: a Firenze un messaggio di nonviolenza e di giustizia; 3. Coordinamento fiorentino della campagna banche armate: la scelta del dialogo e della nonviolenza; 4. "The Nation", lettera aperta ai membri del Congresso; 5. Renato Solmi, riflessioni di un insegnante; 6. Umberto Santino, mafia e antimafia nell'era Berlusconi; 7. Angela Ales Bello: la chiarificazione della solidarieta'; 8. Riletture: Paola Cavalieri, La questione animale; 9. Riletture: Bernhard Haering, Nuove armi per la pace; 10. Riletture: Agnes Heller, Teoria dei sentimenti; 11. Riletture: Muhammad Yunus, Il banchiere dei poveri; 12. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 13. Per saperne di piu'.
* Numero 384 del 14 ottobre 2002: 1. Contro la guerra e contro la rassegnazione; 2. Elsa Morante, sulla soglia deserta; 3. Il piano di formazione 2002-2003 degli obiettori di coscienza della Caritas di Viterbo; 4. Giulio Einaudi ricorda Ernesto De Martino; 5. Roberta Ascarelli ricorda Zvi Kolitz; 6. Antonio Gnoli recensisce le memorie di Cesare Cases; 7. Corrado Stajano recensisce le memorie di Cesare Cases; 8. Benedetto Vecchi intervista Zygmunt Bauman; 9. Riletture: Federico Caffe', La solitudine del riformista; 10. Riletture: Caterina Fischetti, Innocenza violata; 11. Riletture: Simona Forti, Il totalitarismo; 12. Riletture: Gadi Luzzatto Voghera, L'antisemitismo; 13. Severino Vardacampi, del piacere della lettura; 14. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 15. Per saperne di piu'.
* Numero 385 del 15 ottobre 2002: 1. Aldo Capitini, piu' forti della bomba atomica; 2. Dorothee Soelle, il senso della vita di Marilyn Monroe; 3. Martin Luther King, pellegrinaggio alla nonviolenza; 4. Franco Fortini, marxismo; 5. Peppe Sini, cinque note per Franco Fortini; 6. Riletture: Laura Boella, Cuori pensanti; 7. Riletture: Laura Boella, Le imperdonabili; 8. Riletture: Gustavo Gutierrez, Teologia della liberazione; 9. Riletture:Laurana Lajolo, Gramsci un uomo sconfitto; 10. Riletture: Juergen Moltmann, Teologia della speranza; 11. Riletture: Paul Ricoeur, La critica e la convinzione; 12. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 13. Per saperne di piu'.
* Numero 386 del 16 ottobre 2002: 1. Campagna di obiezione/opzione di coscienza; 2. Riccardo Orioles, ritagli; 3. Antonio Vigilante, forme della violenza e della nonviolenza; 4. Pasquale Pugliese, una riflessione tra lillipuziani; 5. Giulio Vittorangeli, un anniversario; 6. Sofia Vanni Rovighi, andare a vedere; 7. Christa Wolf, e conclude; 8. Primo Levi, la vergogna dei giusti; 9. Aleksandr Solzenicyn, fuori la gente correva; 10. Riletture: Angela Borghesi, La lotta con l'angelo; 11. Riletture: Neera Fallaci, Vita del prete Lorenzo Milani. Dalla parte dell'ultimo; 12. Riletture: Ruth First, Alle radici dell'apartheid; 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.
* Numero 387 del 17 ottobre 2002: 1. In una riga e mezza. E una glossa e un ottonario; 2. Un'ora di silenzio per la pace; 3. Convenzione permanente di Donne contro le guerre: programma di partecipazione al Forum Sociale Europeo di Firenze; 4. Alberto L'Abate, dalla prassi alla teoria e dalla teoria alla prassi. Esperienze di vita, di ricerca e di formazione alla nonviolenza; 5. Lidia Menapace, una piazza a Bolzano; 6. Lavinia Mazzucchetti: con l'evidenza del vero, del bello e del buono; 7. Burbanzio Mascaroni, Dante e Catullo al centro sociale; 8. Riletture: Enza Biagini, Simone de Beauvoir; 9. Riletture: Alessandra Calzi, L'interculturalita' nella scuola elementare; 10. Riletture: Mariantonietta Di Capita, L'interculturalita' nella scuola materna; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
* Numero 388 del 18 ottobre 2002: 1. Un appello di 494 militari di Israele; 2. Giancarla Codrignani, obiezione di coscienza; 3. Lidia Menapace, sulla pratica della disobbedienza civile; 4. Un nuovo sito per dire no alla guerra; 5. Gerard Lutte: la strada, sfida continua con la morte; 6. Una intervista a Marianella Sclavi sull'arte dell'ascolto; 7. Umberto Santino ricorda Giovanni Orcel; 8. Riletture: L'autobiografia di Mamma Jones; 9. Riletture: Ida Magli, Gesu' di Nazaret; 10. Riletture: Graziella Priulla (a cura di), Mafia e informazione; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.
* Numero 389 del 19 ottobre 2002: 1. Una proposta del Centro di ricerca per la pace di Viterbo: "ogni vittima ha il volto di Abele"; 2. Centotrentuno parlamentari italiani: non voteremo per la guerra; 3. La famigerata "legge Bossi-Fini" finisce dinanzi alla Corte Costituzionale per incostituzionalita'; 4. Un appello per non criminalizzare l'islam indonesiano; 5. Movimento Internazionale della Riconciliazione, circolare agli iscritti dell'ottobre 2002; 6. Alessandro Marescotti, in uscita l'Annuario della pace; 7. Ettore Masina ricorda David Maria Turoldo; 8. Hans Jonas, l'etica della responsabilita'; 9. Tommaso Di Francesco, Neta e Nizar; 10. Marina Forti, i segreti delle centrali nucleari in India; 11. Augusto Cavadi, la scuola di formazione etico-politica dedicata a Giovanni Falcone; 12. Riletture: Laura Conti, Ambiente Terra; 13. Riletture: Meri Franco-Lao, Trovatori dell'America Latina; 14. Riletture: Elena Gianini Belotti, Dalla parte delle bambine; 15. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 16. Per saperne di piu'.
* Numero 390 del 20 ottobre 2002: 1. Benito D'Ippolito, in memoria di Aldo Capitini, nel XXXIV anniversario della scomparsa; 2. Enrico Peyretti: difesa senza guerra. Bibliografia storica delle lotte nonarmate e nonviolente (nuova edizione aggiiornata); 3. Vandana Shiva, per quanto riguarda noi; 4. Riletture: Franco Restaino, Adriana Cavarero, Le filosofie femministe; 5. Riletture: Wanda Tommasi, I filosofi e le donne; 6. Riletture: Chiara Zamboni, La filosofia donna; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.
* Numero 391 del 21 ottobre 2002: 1. Psichiatria democratica e Movimento nonviolento, un incontro a Verona; 2. Aldo Capitini, che cos'e' l'obiezione di coscienza; 3. Edoarda Masi, la burocrazia; 4. Ettore Masina ricorda Ernesto Balducci; 5. Peppe Sini, il colpo di stato e la Resistenza nonviolenta; 6. Pietro Ingrao, l'aggressione all'articolo 11 della Costituzione; 7. Danilo Zolo, il ripudio della guerra sancito dalla Costituzione; 8. Alcuni "cadaveri squisiti"; 9. Maria Grazia Meriggi presenta la rivista "Giano"; 10. Riletture: Archivio Arendt 1. 1930-1948; 11. Riletture: Ingeborg Bachmann, Invocazione all'Orsa Maggiore; 12. Riletture: Ingeborg Bachmann, Poesie; 13. Riletture: Quentin Bell, Virginia Woolf; 14. Riletture: Heinrich Boell, Christa Wolf, Fraternita' difficile; 15. Riletture: Gabriella Fiori, Simone Weil; 16. Toto' Merumeni Mastigofori d'Ajaccio: pacifisti da operetta e da cortile; 17. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 18. Per saperne di piu'.
* Numero 392 del 22 ottobre 2002: 1. Enrico Peyretti, una lettera al Presidente della Repubblica; 2. Lidia Menapace, chiamare il 113; 3. Giulio Vittorangeli, Savoia; 4. Una esperienza di addestramento alla nonviolenza ad Amelia; 5. Augusto Cavadi, il genitore con l'ascia in pugno; 6. Isidoro Mortellaro, chi sta modificando l'articolo 11 della Costituzione? 7. Un incontro a Lugano per ricordare Aldo Capitini; 8. Il 23 novembre giornata nazionale della finanza etica; 9. Un libro di Anna Belpiede sulla mediazione culturale; 10. Riletture: AA. VV., La rete di Lilliput; 11. Riletture: Comunita' papa Giovanni XXIII, Operazione Colomba. Abitare il conflitto; 12. Riletture: Juliet Mitchell, La condizione della donna; 13. Riletture: Gitta Sereny, Bambini invisibili; 14. Riletture: Susan Sontag, Stili di volonta' radicale; 15. Riletture: Francesco Tullio (a cura di), Una forza nonarmata dell'Onu: utopia o necessita'; 16. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 17. Per saperne di piu'.
* Numero 393 del 23 ottobre 2002: 1. Il 4 novembre in piazza per la pace; 2. Alcuni siti di strutture israeliane impegnate contro l'occupazione dei territori palestinesi; 3. Sean Penn, un padre di famiglia americano contro la guerra; 4. Daniela Binello, l'ombra del burqua; 5. Tommaso Di Francesco, un incontro di poesia in ricordo di Izet Sarajlic; 6. Augusto Cavadi, una domenica con Alex Zanotelli; 7. Verbale dell'incontro del Comitato di coordinamento del Movimento Nonviolento del 14-15 settembre; 8. Il secondo salone dell'editoria per la pace a Venezia; 9. Cristina Papa, aggiornamento del sito de "Il paese delle donne"; 10. Riletture: Luisella Battaglia, Etica e diritti degli animali; 11. Riletture: Ursula K. Le Guin, I reietti dell'altro pianeta; 12. Riletture: Alfredo Carlo Moro, Erode fra noi; 13. Riletture: Sylvia Plath, Lady Lazarus e altre poesie; 14. Riletture: Gianni Rodari, Grammatica della fantasia; 15. Riletture: Simonetta Tabboni, Norbert Elias; 16. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 17. Per saperne di piu'.
* Numero 394 del 24 ottobre 2002: 1. Un appello contro gli assassinii di ragazze e ragazzi di strada in Guatemala; 2. L'attrito del generale; 3. Guido Viale, l'auto che tramonta; 4. Mao Valpiana, una provocazione e un paradosso; 5. Peppe Sini, chiamare golpe un golpe; 6. Giuliana Sgrena: Uruzgan, una strage americana; 7. Settima assemblea nazionale degli Enti locali e delle Regioni per la pace; 8. Un seminario contro la tortura; 9. Resoconto dell'incontro di educazione alla pace svoltosi aTuscania; 10. Riletture: Robert Jungk, Gli apprendisti stregoni; 11. Riletture: Elena Lamberti, Marshall McLuhan; 12. Riletture: Raniero La Valle, Linda Bimbi, Marianella e i suoi fratelli; 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.
* Numero 395 del 25 ottobre 2002: 1. La magistratura viterbese rimette la legge Bossi-Fini alla Corte Costituzionale per incostituzionalita'; 2. Rossana Rossanda, la guerra che ritorna; 3. Peppe Sini, tre glosse a questo articolo di Rossana Rossanda; 4. Clotilde Pontecorvo, la memoria dopo Auschwitz; 5. Mirella Karpati, una pagina a lungo ignorata; 6. Cristina Papa, donne dai luoghi di conflitto si raccontano; 7. Riunone del comitato di coordinamento del Movimento Nonviolento il 17 novembre a Verona; 8. Un seminario sulla gestione nonviolenta dei conflitti; 9. E' uscito il numero di ottobre di "Bilanci di giustizia"; 10. Letture: Davide Melodia, Introduzione al cristianesimo pacifista; 11. Letture: Gianlorenzo Pacini, Fedor M. Dostoevskij; 12. Riletture: Giulio Busi, La Qabbalah; 13. Riletture: Sandro Calvani, Poverta' e malsviluppo globale; 14. Riletture: Maria Rosa Cutrufelli, L'invenzione della donna; 15. Riletture: Lanza del Vasto, L'arca aveva una vigna per vela; 16. Riletture: Rosaria Micela (a cura di), Oppressione della donna e ricerca antropologica; 17. Riletture: Valentino Salvoldi intervista Bernhard Haering; 18. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 19. Per saperne di piu'.
Numero 396 del 26 ottobre 2002: 1. Peppe Sini, da una lettera a un amico (sull'articolo 11 della Costituzione e sul "chiamare il 113" per arrestare i golpisti); 2. Bertolt Brecht, al momento di marciare; 3. K. S. Karol, una guerra che nessuno puo' vincere; 4. Elena Buccoliero intervista Muhammad Yunus; 5. Chaiwat Satha-Anand, contro il terrorismo fare la scelta giusta; 6. Il 16-17 novembre un training delle PBI; 7. Una bibliografia degli scritti di Annarita Buttafuoco; 8. Riletture: Hannah Arendt, Vita activa; 9. Riletture: Laura Boella, Annarosa Buttarelli, Per amore di altro; 10. Riletture: Diotima, Mettere al mondo il mondo; 11. Riletture: Johan Galtung, Israele-Palestina: una soluzione nonviolenta? 12. Riletture: Sylvie Germain, Etty Hillesum; 13. Riletture: Edward W. Said, La convivenza necessaria; 14. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 15. Per saperne di piu'.
* Numero 397 del 27 ottobre 2002: 1. Benito D'Ippolito: a Erasmo da Rotterdam, nell'anniversario della nascita; 2. Enrico Peyretti, una sintesi schematica del Dulce bellum inexpertis (1515) di Erasmo da Rotterdam; 3. Peppe Sini, una postilla biobibliografica su Erasmo da Rotterdam; 4. Luisa Morgantini, una lettera al Ministro degli Esteri; 5. Patricia Lombroso intervista Carmen Trotta; 6. Giovanna Providenti, l'America di oggi nelle parole di Jane Addams, Nobel per la Pace 1931; 7. Riccardo Orioles ricorda Giuseppe Gnasso; 8. Riletture: Maria Antonietta Calabro', Le mani della mafia; 9. Riletture: Oscar Cullmann, Vero e falso ecumenismo; 10. Riletture: Ezio Marcolungo, Mirella Karpati, Chi sono gli zingari? 11. Riletture: Teresa Noce, Vivere in piedi; 12. Riletture: Clotilde Pontecorvo, Anna Maria Ajello, Cristina Zucchermaglio, Discutendo si impara; 13. Riletture: Jon Sobrino e i compagni dell'Uca, Il martirio dei gesuiti salvadoregni; 14. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 15. Per saperne di piu'.
* Numero 398 del 28 ottobre 2002: 1. Mao Valpiana: passare dal pacifismo generico alla nonviolenza; 2. Peppe Sini, la nonviolenza e' piu' forte; 3. Un appello per un nove novembre senza violenza; 4. Arundhati Roy, settembre; 5. Luisa Morgantini, per il rispetto dei diritti umani; 6. Riletture: Guenther Anders, Essere o non essere; 7. Riletture: Hannah Arendt, Le origini del totalitarismo; 8. Riletture: Dietrich Bonhoeffer, Resistenza e resa; 9. Riletture: Mohandas Gandhi, Teoria e pratica della nonviolenza; 10. Riletture: Primo Levi, I sommersi e i salvati; 11. Riletture: Nelson Mandela, Lungo cammino verso la liberta'; 12. Rletture: Simone Weil, La Grecia e le intuizioni precristiane; 13. Riletture: Virginia Woolf, Le tre ghinee; 14. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 15. Per saperne di piu'.
* Numero 399 del 29 ottobre 2002: 1. Vandana Shiva e molti altri, un appello perche' a Firenze non vi siano violenze; 2. Peppe Sini, un discorso a Terni per la liberta' e i diritti del popolo palestinese; 3. Salvatore Scaglione, premessa all'Annuario della pace 2002; 4. Giuliana Sgrena, inchiesta sui crimini di guerra in Afghanistan; 5. Cinzia Gubbini, presentato il Dossier annuale della Caritas sull'immigrazione; 6. Giobbe Santabarbara, una legge razzista ed incostituzionale; 7. Mohandas Gandhi, un ritratto di Giuseppe Mazzini; 8. Ada Negri, fine; 9. Presentato alla stampa estera il libro di Fabio Galluccio, I lager in Italia; 10. Riletture: Eileen Barker, I nuovi movimenti religiosi; 11. Riletture: Marcella Delle Donne, Convivenza civile e xenofobia; 12. Riletture: Margherita Isnardi Parente, Citta' e regimi politici nel pensiero greco; 13. Riletture: Ileana Montini, Parlare con Dacia Maraini; 14. Riletture: Gabriele Raether, Aleksandra Kollontaj; 15. Riletture: Adriana Zarri, Erba della mia erba; 16. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 17. Per saperne di piu'.
* Numero 400 del 30 ottobre 2002: 1. Benito D'Ippolito, viaggiando in treno; 2. Un appello per un 4 novembre di memoria e di pace; 3. Umberto Allegretti, il diritto appartiene al popolo; 4. Elena Buccoliero colloquia con Daniele Lugli sull'esperienza del primo gruppo di azione nonviolenta; 5. Assia Djebar, testimoni; 6. Riletture: AA.. VV., Maria Zambrano. Pensatrice in esilio; 7. Riletture: Anna Achmatova, Io sono la vostra voce...; 8. Riletture: Raya Dunayevskaya, Filosofia e rivoluzione; 9. Riletture: Nadine Gordimer, Un mondo di stranieri; 10. Riletture: Raissa Maritain, Diario di Raissa; 11. Riletture: Sofia Vanni Rovighi, Introduzione a Tommaso d'Aquino; 12. Da tradurre: Vladimir Jankelevitch, La mort; 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.
* Numero 401 del 31 ottobre 2002: 1. Lidia Menapace, guerra e terrorismo; 2. Raniero La Valle, la guerra globale e infinita; 3. Anna Polo, il movimento antiliberista e la scelta nonviolenta; 4. Luigi Pintor, due articoli dopo la strage di Mosca; 5. Cristina Papa, Bowling for colombine; 6. Davide Melodia, un'idea bizzarra; 7. Un incontro di educazione alla pace a Tuscania; 8. Riletture: Franca Ongaro Basaglia, Manicomio perche'? 9. Riletture: Franca Ongaro Basaglia, Salute/malattia; 10. Riletture: Franca Ongaro Basaglia, Una voce; 11. Riletture: Franco Basaglia, Franca Ongaro Basaglia (a cura di), Crimini di pace; 12. Riletture: Franco Basaglia, Franca Ongaro Basaglia (a cura di), La maggioranza deviante; 13. Riletture: Franco Basaglia, Franca Ongaro Basaglia (a cura di), Morire di classe; 14. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 15. Per saperne di piu'.
 
8.DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO
 
Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.
Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:
1. l'opposizione integrale alla guerra;
2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;
3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;
4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.
Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.
Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.
 
9. PER SAPERNE DI PIU'
 
Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it
 
TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 81 del 25 gennaio 2010
 
Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail:
nbawac at tin.it, sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/
 
Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe
 
 
In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).
 
L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html
 
Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/
 
L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la redazione e': nbawac at tin.it