[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Telegrammi. 85



TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 85 del 29 gennaio 2010
 
Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail:
nbawac at tin.it
 
Sommario di questo numero:
1. Piccolo epitaffio per Primo Levi
2. Peppe Sini: Una testimonianza di gratitudine per Osvaldo Ercoli
3. Celebrata a Nepi la Giornata della memoria della Shoah
4. Oggi a Soriano nel Cimino
5. A Viterbo il 31 gennaio
6. Quelli che... mentono sapendo di mentire
7. "Azione nonviolenta"
8. Segnalazioni librarie
9. La "Carta" del Movimento Nonviolento
10. Per saperne di piu'
 
1. EDITORIALE. PICCOLO EPITAFFIO PER PRIMO LEVI
 
Quest'uomo difese l'umanita' intera.
Quest'uomo ha sconfitto il fascismo.
 
E per tutti i secoli dei secoli che verranno
finche' vi sara' un'umanita' nel mondo
ogni volta che tornera' il fascismo
a menar strage dell'umanita'
dai quattro angoli della terra
milioni, miliardi di donne e di uomini insorgeranno
e nuovamente lo sconfiggeranno
nel nome di Primo Levi.
 
2. AMICIZIE. PEPPE SINI: UNA TESTIMONIANZA DI GRATITUDINE PER OSVALDO ERCOLI
 
Che domenica 31 gennaio 2010 al Centro sociale autogestito "Valle Faul" di Viterbo a partire dalle ore 18 si realizzi un incontro per festeggiare il professor Osvaldo Ercoli in occasione del suo ottantesimo compleanno e' per me, come per le innumerevoli persone che hanno avuto la fortuna di conoscerlo, una grande gioia.
C'e' stato nel secolo scorso un periodo della mia vita in cui Osvaldo Ercoli e' stata la persona con cui ho condiviso molte ore di ogni singola giornata fianco a fianco nel consiglio provinciale di Viterbo, ed insieme a cui ho condotto in comunione di intenti tutte le riflessioni morali, le lotte politiche e sociali, le scelte amministrative: e' un'esperenza di cui sono orgoglioso.
In quegli anni di quotidiano impegno comune, e quindi da quella sorta di osservatorio privilegiato, ho potuto approfonditamente conoscere ed intensamente ammirare quelle straordinarie qualita' di coerenza, di generosita', di rigore logico e morale, di umana sensibilita', di appassionata dedizione e di impavida fedelta' al vero e al giusto che fanno di Osvaldo Ercoli un autentico maestro di vita e una delle figure piu' autorevoli dell'impegno civile a Viterbo.
Nella felice ricorrenza dell'ottantesimo anniversario della sua nascita, mentre Osvaldo Ercoli e' ancora assiduamente impegnato in difesa del bene comune, dei diritti di ogni essere umano, dell'ambiente che e' la casa comune dell'umanita' intera, della verita' e della giustizia, anch'io mi associo a quanti gli rendono omaggio con sincera e profonda gratitudine, con fervente ed inestinguibile amicizia.
 
3. INCONTRI. CELEBRATA A NEPI LA GIORNATA DELLA MEMORIA DELLA SHOAH
[Dalla sezione Anpi “Emilio Sugoni” di Nepi (per contatti: anpi.nepi at gmail.com) riceviamo e diffondiamo il seguente comunicato dal titolo "La celebrazione della Giornata della Memoria per un piu' forte impegno contro l’indifferenza, l’egoismo e il razzismo"]
 
Il  27 gennaio 2010 nella sala consiliare del Comune di Nepi  si e' svolta la celebrazione della Giornata della Memoria.
L'incontro con gli studenti delle scuole di Nepi e con i cittadini e' stato promosso dalla locale  sezione Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) "Emilio Sugoni" e dalle organizzazioni democratiche nepesine.
L’iniziativa e' stata  patrocinata dal Comune di Nepi.
Dopo il saluto del sindaco, e' intervenuto l’architetto Giuseppe Tacconi, presidente della sezione Anpi, che ha ricordato le motivazioni della Giornata della Memoria, istituita con legge 29/2000 per celebrare il 27 gennaio, la data della liberazione dei superstiti del campo di sterminio di  Auschwitz.
“La celebrazione di questa giornata”, ha aggiunto, “deve andare oltre i rituali della commemorazione ufficiale per riannodare i fili della Storia e della Memoria e trasmettere cosi' ai giovani un patrimonio di conoscenze e di consapevolezza critica che e' base indispensabile per la loro formazione di cittadini democratici “.
E’ seguita poi la proiezione del commovente film del regista Mimmo Calopresti ”Volevo solo vivere” che, attraverso la testimonianza degli ebrei sopravvissuti alla deportazione nazifascista, ha raccontato l’orrore dei campi di sterminio e l’immane dolore di milioni di persone ridotte in schiavitu' e private di ogni diritto.
Le immagini dei documentari d’epoca, inframmezzate alle testimonianze dei sopravvissuti, hanno riportato alla memoria uno dei periodi piu' tragici e bui dell’intera umanita': la seconda guerra mondiale; la deportazione e lo sterminio di 6 milioni di ebrei e quello di zingari, omosessuali, handicappati e bambini, oppositori politici; la deportazione e l’uccisione di oltre 32.000 italiani, tra cui gli oppositori antifascisti; l’atrocita' delle leggi razziali fasciste del 1938 che in Italia perseguitarono gli ebrei e le successive deportazioni nei campi di sterminio nazisti.
In tutti gli interventi che si sono susseguiti e' stata richiamata la necessita' di un impegno condiviso, che proprio a partire dalla memoria dell’Olocausto, sappia opporsi, con rinnovata forza, ad ogni guerra, ad ogni razzismo, ad ogni discriminazione e persecuzione.
L’incontro  si e' concluso con la lettura di poesie e brani tratti dalle opere letterarie di Primo Levi.
La  sezione Anpi di Nepi, in questa occasione, e' tornata a chiedere l’abolizione delle norme razziste, schiaviste e squadriste contenute nella legge 94/2009, meglio nota come,” pacchetto sicurezza”; una legge odiosa, che lede i diritti umani dei migranti, e che sta rinnovando il dolore e la vergogna delle leggi razziali di mussoliniana memoria.
Il direttivo della sezione Anpi “Emilio Sugoni” di Nepi
Nepi, 28 gennaio 2010
 
4. INCONTRI. OGGI A SORIANO NEL CIMINO
 
Il circolo dei lettori della biblioteca comunale di Soriano nel Cimino come contributo alla Giornata della memoria promuove per oggi, venerdi' 29 gennaio, alle ore 17, un incontro di riflessioni e letture sul tema "Le voci e i volti della Shoah".
L'incontro si svolge presso la biblioteca comunale, in via Roma 12, a Soriano nel Cimino (Vt).
Per ulteriori informazioni: www.bibliotecasorianonelcimino.it
 
5. INCONTRI. A VITERBO IL 31 GENNAIO
 
Domenica 31 gennaio a Viterbo presso il centro sociale autogestito "Valle Faul" (in strada Castel d'Asso snc) alle ore 15,30 si svolgera' il decimo incontro di formazione e informazione nonviolenta. Alle ore 18 si svolgera' la festa in onore del professor Osvaldo Ercoli in occasione del suo ottantesimo compleanno. Tutte le persone interessate sono invitate a partecipare.
 
6. RIFLESSIONE. QUELLI CHE... MENTONO SAPENDO DI MENTIRE
[Riceviamo e diffondiamo]
 
Gli amministratori, i partiti e gli altri manutengoli al servizio della lobby affaristica del mega-aeroporto fuorilegge continuano ad esternare proclami dereistici e mistificazioni sesquipedali.
E continuano a cercar di nascondere ai cittadini di Viterbo la realta' effettuale, la nuda verita'.
La quale realta' effettuale, la quale nuda verita', e' semplicemente la seguente.
1. Che il mega-aeroporto e' fuorilegge: come e' stato definitivamente dimostrato; e confidiamo che le indagini gia' avviate dalla magistratura avranno presto il giusto e necessario esito;
2. che il mega-aeroporto e' irrealizzabile: per le molte ragioni illustrate anche in parlamento con varie interrogazioni presentate da deputati di piu' forze politiche;
3. che la realizzazione del mega-aeroporto devasterebbe irreversibilmente l'area termale del Bulicame ed i preziosi beni naturalistici, culturali, terapeutici ed economici che si trovano in essa e nelle immediate vicinanze;
4. che la realizzazione del mega-aeroporto costituirebbe uno scellerato attentato alla salute della popolazione viterbese;
5. che la realizzazione del mega-aeroporto massacrerebbe le aziende agricole nei pressi del sedime;
6. che la realizzazione del mega-aeroporto farebbe collassare le infrastrutture del trasporto locale, gia' gravemente carenti;
7. che la realizzazione del mega-aeroporto danneggerebbe l'economia locale, l'ecosistema e la qualita' della vita del territorio altolaziale, gia' pesantissimamente colpito dalle gravose servitu' esistenti;
8. che la realizzazione del mega-aeroporto costituirebbe un infame sperpero ed una ignobile ruberia di soldi pubblici;
9. che la realizzazione del mega-aeroporto lede i diritti soggettivi e i legittimi interessi della popolazione locale;
10. che la realizzazione del mega-aeroporto e' in totale contrasto con gli interventi necessari e urgenti per un trasporto sostenibile ed adeguato sia alle esigenze della popolazione sia alla salvaguardia dell'ambiente.
Cosi' stanno le cose.
Ed i messeri che persistono nell'ingannare i cittadini e nel favoreggiare una lobby speculativa e un'operazione nociva e distruttiva, illegale ed insensata, mentono sapendo di mentire; e della loro scandalosa condotta saranno chiamati a rispondere dinanzi alle competenti istituzioni di controllo.
*
Il Comitato che si oppone al mega-aeroporto di Viterbo e s'impegna per la riduzione del trasporto aereo, in difesa della salute, dell'ambiente, della democrazia, dei diritti di tutti
Viterbo, 28 gennaio 2010
Per informazioni e contatti: e-mail: info at coipiediperterra.org, sito: www.coipiediperterra.org
Per contattare direttamente la portavoce del comitato, la dottoressa Antonella Litta: tel. 3383810091, e-mail: antonella.litta at libero.it
 
7. STRUMENTI. "AZIONE NONVIOLENTA"
 
"Azione nonviolenta" e' la rivista del Movimento Nonviolento, fondata da Aldo Capitini nel 1964, mensile di formazione, informazione e dibattito sulle tematiche della nonviolenza in Italia e nel mondo.
Redazione, direzione, amministrazione: via Spagna 8, 37123 Verona, tel. 0458009803 (da lunedi' a venerdi': ore 9-13 e 15-19), fax: 0458009212, e-mail: an at nonviolenti.org, sito: www.nonviolenti.org
Per abbonarsi ad "Azione nonviolenta" inviare 29 euro sul ccp n. 10250363 intestato ad Azione nonviolenta, via Spagna 8, 37123 Verona.
E' possibile chiedere una copia omaggio, inviando una e-mail all'indirizzo an at nonviolenti.org scrivendo nell'oggetto "copia di 'Azione nonviolenta'".
 
8. SEGNALAZIONI LIBRARIE
 
Riletture
- Vercors, Le parole, Il Melangolo, Genova 1995, pp. 80.
*
Riedizioni
- Gideon Hausner, Sei milioni di accusatori. La relazione introduttiva del procuratore generale al processo Eichmann, Einaudi, Torino 1961, 2010, pp. XXIV + 192, euro 11,50.
 
9. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO
 
Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.
Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:
1. l'opposizione integrale alla guerra;
2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;
3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;
4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.
Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.
Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.
 
10. PER SAPERNE DI PIU'
 
Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it
 
TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 85 del 29 gennaio 2010
 
Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail:
nbawac at tin.it, sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/
 
Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe
 
 
In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).
 
L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html
 
Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/
 
L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la redazione e': nbawac at tin.it