[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Coi piedi per terra. 302



===================
COI PIEDI PER TERRA
===================
Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"
Numero 302 del 24 luglio 2010
 
In questo numero:
1. Tre anni in difesa di ambiente e salute, storia e cultura, leggi e civilta', il bene comune, i diritti di tutti
2. Comitato contro l'ampliamento dell'aeroporto di Ampugnano: Una vittoria dei cittadini
3. Luce Irigaray: Un danno
4. Per contattare il comitato che si oppone al mega-aeroporto di Viterbo e s'impegna per la riduzione del trasporto aereo
 
1. ANNIVERSARI. TRE ANNI IN DIFESA DI AMBIENTE E SALUTE, STORIA E CULTURA, LEGGI E CIVILTA', IL BENE COMUNE, I DIRITTI DI TUTTI
 
Il 24 luglio 2007 con un'assemblea presso il centro sociale autogestito "Valle Faul" nasceva a Viterbo il comitato che si oppone al mega-aeroporto di Viterbo e s'impegna per la riduzione del trasporto aereo.
*
In questi tre anni il comitato e' riuscito a contrastare il criminale tentativo di devastare irreversibilmente la preziosa area del Bullicame da parte della lobby speculativa e corruttrice che li' voleva realizzare un nocivo, distruttivo ed illegale mega-aeroporto.
In questi tre anni il comitato ha saputo far sapere all'intera comunita' viterbese ed altolazioale ed a tutte le istituzioni che la realizzazione di un mega-aeroporto nella preziosa area naturalistica, archeologica e termale del Bullicame a Viterbo avrebbe come catastrofiche inevitabili conseguenze:
1) lo scempio dell'area del Bulicame e dei beni ambientali e culturali che vi si trovano;
2) la devastazione dell'agricoltura della zona circostante;
3) l'impedimento alla valorizzazione terapeutica e sociale delle risorse termali;
4) un pesantissimo inquinamento chimico, acustico ed elettromagnetico di grave nocumento per la salute e la qualita' della vita della popolazione locale (l'area e' peraltro nei pressi di popolosi quartieri della citta');
5) il collasso della rete infrastrutturale dell'Alto Lazio, territorio gia' gravato da pesanti servitu';
6) uno sperpero colossale di soldi pubblici;
7) una flagrante violazione di leggi italiane ed europee e dei vincoli di salvaguardia presenti nel territorio.
Solo degli emeriti storditi o dei furfanti matricolati (o i sempiterni ignari, o i corrotti per mestiere e per vocazione) possono ancora ostentare o fingere di non sapere ovvero di non voler sapere.
*
Il 5 agosto festeggeremo in piazza S. Pellegrino, nel cuore del quartiere medioevale di Viterbo, il terzo anniversario della nascita del comitato che si oppone al mega-aeroporto e s'impegna per la riduzione del trasporto aereo.
Utilizzando variegate forme espressive (e col prezioso contributo di artisti dell'immagine, del suono e della parola), in quella occasione riassumeremo la storia e il senso di questi tre anni di esperienze di impegno per la verita', per l'ambiente, per i diritti umani, per la legalita', per salvare l'area naturalistica, archeologica e termale del Bulicame dall'insensato ed illegale mega-aeroporto degli speculatori, degli avvelenatori, dei vandali.
Parteciperanno anche varie autorevoli personalita' che da varie parti d'Italia in questi anni hanno sostenuto l'iniziativa del comitato e condiviso il suo impegno locale e globale per la riduzione del trasporto aereo, in difesa della salute, dell'ambiente, della democrazia, dei diritti di tutti; tra gli ospiti che saranno presenti e interverranno, l'illustre magistrato Ferdinando Imposimato e la prestigiosa saggista ambientalista Marinella Correggia.
Nel corso dell'iniziativa verra' anche ricordato Alfio Pannega, figura storica della Viterbo popolare e antifascista, che e' deceduto il 30 aprile scorso e che al comitato prese parte fin dalla sua fondazione.
 

2. SIENA. COMITATO CONTRO L'AMPLIAMENTO DELL'AEROPORTO DI AMPUGNANO: UNA VITTORIA DEI CITTADINI

[Dal Comitato contro l'ampliamento dell'aeroporto di Ampugnano (per contatti: ampugnano at gmail.com) riceviamo e diffondiamo]

 

Il Comitato contro l'ampliamento dell'aeroporto di Ampugnano saluta con soddisfazione l'annuncio ufficiale dell'uscita di Galaxy Management Services, fondo di private equity con sede in Lussemburgo, dalla societa' Aeroporto di Siena SpA.

Il Comitato ricorda che Galaxy fu selezionata con una procedura irregolare, in cui una commissione di "saggi" (su cui pende un'indagine della magistratura) ritenne meritevole il faraonico progetto di ampliamento fino a settecentomila passeggeri annui nel 2020, ridimensionato nell'imbarazzo della stessa societa' aeroportuale e degli amministratori prima a cinquecentomila e poi a centomila passeggeri annui. Sebbene mancasse l’approvazione del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture sia alla procedura di privatizzazione che all'accordo tra soci pubblici e privati, nel 2008 Galaxy entro' abusivamente nel CdA della societa' aeroportuale, come socio privato di maggioranza, con quattro consiglieri su sette.

L'uscita di Galaxy e il nuovo assetto societario non rappresentano una sconfitta, come lasciato intendere da certa appassionata stampa locale, ma una rivincita della democrazia e della legalita'. Una rivincita che e' costata un caro prezzo a tutti i cittadini senesi: la condotta dissennata di certi amministratori ha sprecato in questi ultimi anni decine di milioni di euro, che potevano servire per servizi di pubblica utilita' ben piu' significativi, come l'ammodernamento della ferrovia o del raccordo Siena-Firenze, infrastrutture fatiscenti usate quotidianamente da migliaia di turisti e cittadini della provincia di Siena.

Riconoscere di aver sbagliato non e' segno di debolezza, ma di forza: se l'avessero fatto prima, le amministrazioni locali avrebbero perso meno soldi e tempo, dimostrando di voler perseguire il bene dei cittadini e non quello di pochi faccendieri senza scrupoli.

La battaglia contro un progetto insensato, illegale e insostenibile (sia dal punto di vista ambientale che economico) e' stata vinta da un comitato numeroso, combattivo, vario e variopinto, che raccoglie migliaia di adesioni nella sola provincia di Siena, con il sostegno di importanti associazioni come il Wwf, Italia Nostra e Legambiente e con l'aiuto di numerose altre realta' politiche e sociali operanti in ambito locale, nazionale ed europeo.

*

Il Comitato contro l'ampliamento dell'aeroporto di Ampugnano

23 luglio 2010

Per informazioni e contatti: www.comitatoampugnano.it

 
3. TESTI. LUCE IRIGARAY: UN DANNO
[Da Luce Irigaray, Condividere il mondo, Bollati Boringhieri, Torino , p. 74.
Luce Irigaray, nata in Belgio, direttrice di ricerca al Cnrs a Parigi, e' tra le piu' influenti pensatrici degli ultimi decenni. Tra le opere di Luce Irigaray: Speculum. L'altra donna, Feltrinelli, Milano 1975; Questo sesso che non e' un sesso, Feltrinelli, Milano 1978;  Amante marina. Friedrich Nietzsche, Feltrinelli, Milano 1981, Luca Sossella Editore, 2003; Passioni elementari, Feltrinelli, Milano 1983; Etica della differenza sessuale, Feltrinelli, Milano 1985; Sessi e genealogie, La Tartaruga, Milano 1987, Baldini Castoldi Dalai, Milano 2007; Il tempo della differenza, Editori Riuniti, Roma 1989; Parlare non e' mai neutro, Editori Riuniti, Roma 1991; Io, tu, noi, Bollati Boringhieri, Torino 1992; Amo a te, Bollati Boringhieri, Torino 1993; Essere due, Bollati Boringhieri, Torino 1994; La democrazia comincia a due, Bollati Boringhieri, Torino 1994; L'oblio dell'aria, Bollati Boringhieri, Torino 1996; Tra Oriente e Occidente, Manifestolibri, Roma 1997; Il respiro delle donne, Il Saggiatore, Milano 1997, 2000; In tutto il mondo siamo sempre in due, Baldini Castoldi Dalai, Milano 2006; Preghiere quotidiane, Heimat, 2007; Oltre i propri confini, Baldini Castoldi Dalai, Milano 2007; La via dell'amore, Bollati Boringhieri, Torino 2008; Condividere il mondo, Bollati Boringhieri, Torino 2009]
 
Comportandosi da padrone nei confronti della natura che lo circonda, l'uomo si e' appropriato cio' che poteva servire da luogo di incontro fra tutti gli esseri viventi, fra tutto cio' che esiste. Il dominio esercitato dall'uomo sul mondo circostante e' diventato un danno alla vita stessa, anche la propria e quella altrui. In effetti, la natura come luogo di vita deve servire al divenire di ciascuno e alla coesistenza nella differenza. La natura rappresenta un universale condivisibile da tutti e tutte, e che puo' dunque fare da mediazione fra tutti e tutte.
 
4. RIFERIMENTI. PER CONTATTARE IL COMITATO CHE SI OPPONE AL MEGA-AEROPORTO DI VITERBO E S'IMPEGNA PER LA RIDUZIONE DEL TRASPORTO AEREO
 
Per informazioni e contatti: Comitato che si oppone al mega-aeroporto di Viterbo e s'impegna per la riduzione del trasporto aereo, in difesa della salute, dell'ambiente, della democrazia, dei diritti di tutti: e-mail: info at coipiediperterra.org , sito: www.coipiediperterra.org
Per contattare direttamente la portavoce del comitato, la dottoressa Antonella Litta: tel. 3383810091, e-mail: antonella.litta at gmail.com
Per ricevere questo notiziario: nbawac at tin.it
 
===================
COI PIEDI PER TERRA
===================
Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it
Numero 302 del 24 luglio 2010
 
Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:
 
Per non riceverlo piu':
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe
In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).
 
L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:
 
Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/
L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la redazione e': nbawac at tin.it