[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Voci e volti della nonviolenza. 436



 

==============================

VOCI E VOLTI DELLA NONVIOLENZA

==============================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"

Numero 436 del 29 settembre 2011

 

In questo numero:

Peppe Sini: Le due cose piu' atroci, il primo dovere

 

EDITORIALE. PEPPE SINI: LE DUE COSE PIU' ATROCI, IL PRIMO DOVERE

 

Tento ancora una volta di dire nel modo piu' semplice le due cose piu' atroci che accadono oggi in Italia.

*

La prima: lo stato italiano sta partecipando alle guerre che massacrano innumerevoli esseri umani in Afghanistan e in Libia. Lo stato italiano sta uccidendo degli esseri umani innocenti.

Lo sta facendo violando le leggi, ma con la complicita' del popolo italiano che lo sa ma non reagisce, assiste inerte alle stragi compiute dal nostro paese.

*

La seconda: lo stato italiano sta perseguitando innumerevoli esseri umani con una politica razzista. Lo stato italiano sta perseguitando, riducendo in schiavitu', privando della liberta' e facendo morire degli esseri umani innocenti.

Lo sta facendo violando le leggi, ma con la complicita' del popolo italiano che lo sa ma non reagisce, assiste inerte alle persecuzioni razziste compiute dal nostro paese nei confronti di migranti e viaggianti.

*

Questi due fatti, consistendo di uccisioni e persecuzioni le piu' abominevoli, sono le cose assolutamente salienti, gli elementi decisivi, della situazione italiana oggi.

Tutto il resto e' nulla in confronto a questi mostruosi crimini.

Questi due fatti convocano ogni persona che vive in questo paese al giudizio e all'impegno.

*

E dunque il primo dovere morale e civile, il primo dovere esistenziale e politico di ogni persona decente in questo paese e' contrastare queste uccisioni, queste persecuzioni.

Il primo dovere di ogni persona decente e' far cessare le stragi, e' far cessare la violenza razzista e schiavista.

E' il primo dovere di ogni essere umano: salvare le vite umane, difendere l'umanita'. Tutto il resto viene dopo.

*

Il 2 ottobre, Giornata internazionale della nonviolenza, in tutte le citta' d'Italia si dispieghi l'azione politica nonviolenta affinche' cessi l'illegale partecipazione italiana alle guerre in Afghanistan e in Libia; affinche' cessi l'illegale persecuzione razzista dei migranti e dei viaggianti; affinche' cessi il criminale sperpero dei pubblici denari per l'apparato militare, le armi e le guerre assassine; affinche' si dimetta il governo guerrafondaio e razzista, criminale e corruttore; affinche' si affermi la legalita', la democrazia, la dignita' e la solidarieta' umana.

 

==============================

VOCI E VOLTI DELLA NONVIOLENZA

==============================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Numero 436 del 29 settembre 2011

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la redazione e': nbawac at tin.it