[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Telegrammi. 722



 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 722 del 28 ottobre 2011

Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

 

Sommario di questo numero:

1. L'Associazione per la pace condivide ed assume l'appello "Ogni vittima ha il volto di Abele"

2. Un appello del Movimento Nonviolento, di Peacelink e del Centro di ricerca per la pace di Viterbo per il 4 novembre: Ogni vittima ha il volto di Abele

3. Danilo Dolci: Cosa e' pace?

4. La "Carta" del Movimento Nonviolento

5. Per saperne di piu'

 

1. INIZIATIVE. L'ASSOCIAZIONE PER LA PACE CONDIVIDE ED ASSUME L'APPELLO "OGNI VITTIMA HA IL VOLTO DI ABELE"

[Riceviamo e con grande gioia diffondiamo]

 

Care tutti e tutte,

l'Associazione per la pace condivide ed assume l'appello del Movimento Nonviolento, di Peacelink e del Centro di ricerca per la pace di Viterbo per il 4 novembre: ogni vittima ha il volto di Abele.

Invita a partecipare e a promuovere iniziative e commemorazioni per il 4 novembre.

Fuori la guerra dalla storia, con il coraggio della nonviolenza.

Luisa Morgantini

Associazione per la Pace

tel. +39348392146

e-mail: luisamorgantini at gmail.com

 

2. INIZIATIVE. UN APPELLO DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO, DI PEACELINK E DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE DI VITERBO PER IL 4 NOVEMBRE: OGNI VITTIMA HA IL VOLTO DI ABELE

[Riproponiamo il seguente appello]

 

Intendiamo proporre per il 4 novembre l'iniziativa nonviolenta "Ogni vittima ha il volto di Abele".

Proponiamo che il 4 novembre si realizzino in tutte le citta' d'Italia commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre, commemorazioni che siano anche solenne impegno contro tutte le guerre e le violenze.

Affinche' il 4 novembre, anniversario della fine dell'"inutile strage" della prima guerra mondiale, cessi di essere il giorno in cui i poteri assassini irridono gli assassinati, e diventi invece il giorno in cui nel ricordo degli esseri umani defunti vittime delle guerre gli esseri umani viventi esprimono, rinnovano, inverano l'impegno affinche' non ci siano mai piu' guerre, mai piu' uccisioni, mai piu' persecuzioni.

*

Queste iniziative di commemorazione e di impegno morale e civile devono essere rigorosamente nonviolente. Non devono dar adito ad equivoci o confusioni di sorta; non devono essere in alcun modo ambigue o subalterne; non devono prestare il fianco a fraintendimenti o mistificazioni. Queste iniziative di addolorato omaggio alle vittime della guerra e di azione concreta per promuovere la pace e difendere le vite, devono essere rigorosamente nonviolente.

Occorre quindi che si svolgano in orari distanti e assolutamente distinti dalle ipocrite celebrazioni dei poteri armati, quei poteri che quelle vittime fecero morire.

Ed occorre che si svolgano nel modo piu' austero, severo, solenne: depositando omaggi floreali dinanzi alle lapidi ed ai sacelli delle vittime delle guerre, ed osservando in quel frangente un rigoroso silenzio.

Ovviamente prima e dopo e' possibile ed opportuno effettuare letture e proporre meditazioni adeguate, argomentando ampiamente e rigorosamente perche' le persone amiche della nonviolenza rendono omaggio alle vittime della guerra e perche' convocano ogni persona di retto sentire e di volonta' buona all'impegno contro tutte le guerre, e come questo impegno morale e civile possa concretamente limpidamente darsi. Dimostrando che solo opponendosi a tutte le guerre si onora la memoria delle persone che dalle guerre sono state uccise. Affermando il diritto e il dovere di ogni essere umano e la cogente obbligazione di ogni ordinamento giuridico democratico di adoperarsi per salvare le vite, rispettare la dignita' e difendere i diritti di tutti gli esseri umani.

*

A tutte le persone amiche della nonviolenza chiediamo di diffondere questa proposta e contribuire a questa iniziativa.

Contro tutte le guerre, contro tutte le uccisioni, contro tutte le persecuzioni.

Per la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

*

Movimento Nonviolento

per contatti: via Spagna 8, 37123 Verona, tel. 0458009803, fax: 0458009212, e-mail: an at nonviolenti.org, sito: www.nonviolenti.org

Peacelink

per contatti: e-mail: info at peacelink.it, sito: www.peacelink.it

Centro di ricerca per la pace di Viterbo

per contatti: e-mail: nbawac at tin.it, web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

3. TESTI. DANILO DOLCI: COSA E' PACE?

[Riproponiamo questo testo di Danilo Dolci, apparso dapprima in Inventare il futuro, Laterza, Bari 1968; poi - rivisto - in Esperienze e riflessioni, Laterza, Roma-Bari 1974, alle pp. 225-241 (da dove lo abbiamo ripreso).

Danilo Dolci e' nato a Sesana (Trieste) nel 1924, arrestato a Genova nel '43 dai nazifascisti riesce a fuggire; nel '50 partecipa all'esperienza di Nomadelfia a Fossoli; dal '52 si trasferisce nella Sicilia occidentale (Trappeto, Partinico) in cui promuove indimenticabili lotte nonviolente contro la mafia e il sottosviluppo, per i diritti, il lavoro e la dignita'. Subisce persecuzioni e processi. Sociologo, educatore, e' tra le figure di massimo rilievo della nonviolenza nel mondo. E' scomparso sul finire del 1997. Di seguito riportiamo una sintetica ma accurata notizia biografica scritta da Giuseppe Barone (comparsa col titolo "Costruire il cambiamento" ad apertura del libriccino di scritti di Danilo, Girando per case e botteghe, Libreria Dante & Descartes, Napoli 2002): "Danilo Dolci nasce il 28 giugno 1924 a Sesana, in provincia di Trieste. Nel 1952, dopo aver lavorato per due anni nella Nomadelfia di don Zeno Saltini, si trasferisce a Trappeto, a meta' strada tra Palermo e Trapani, in una delle terre piu' povere e dimenticate del paese. Il 14 ottobre dello stesso anno da' inizio al primo dei suoi numerosi digiuni, sul letto di un bambino morto per la denutrizione. La protesta viene interrotta solo quando le autorita' si impegnano pubblicamente a eseguire alcuni interventi urgenti, come la costruzione di una fogna. Nel 1955 esce per i tipi di Laterza Banditi a Partinico, che fa conoscere all'opinione pubblica italiana e mondiale le disperate condizioni di vita nella Sicilia occidentale. Sono anni di lavoro intenso, talvolta frenetico: le iniziative si susseguono incalzanti. Il 2 febbraio 1956 ha luogo lo "sciopero alla rovescia", con centinaia di disoccupati - subito fermati dalla polizia - impegnati a riattivare una strada comunale abbandonata. Con i soldi del Premio Lenin per la Pace (1958) si costituisce il "Centro studi e iniziative per la piena occupazione". Centinaia e centinaia di volontari giungono in Sicilia per consolidare questo straordinario fronte civile, "continuazione della Resistenza, senza sparare". Si intensifica, intanto, l'attivita' di studio e di denuncia del fenomeno mafioso e dei suoi rapporti col sistema politico, fino alle accuse - gravi e circostanziate - rivolte a esponenti di primo piano della vita politica siciliana e nazionale, incluso l'allora ministro Bernardo Mattarella (si veda la documentazione raccolta in Spreco, Einaudi, Torino 1960 e Chi gioca solo, Einaudi, Torino 1966). Ma mentre si moltiplicano gli attestati di stima e solidarieta', in Italia e all'estero (da Norberto Bobbio a Aldo Capitini, da Italo Calvino a Carlo Levi, da Aldous Huxley a Jean Piaget, da Bertrand Russell a Erich Fromm), per tanti avversari Dolci e' solo un pericoloso sovversivo, da ostacolare, denigrare, sottoporre a processo, incarcerare. Ma quello che e' davvero rivoluzionario e' il suo metodo di lavoro: Dolci non si atteggia a guru, non propina verita' preconfezionate, non pretende di insegnare come e cosa pensare, fare. E' convinto che nessun vero cambiamento possa prescindere dal coinvolgimento, dalla partecipazione diretta degli interessati. La sua idea di progresso non nega, al contrario valorizza, la cultura e le competenze locali. Diversi libri documentano le riunioni di quegli anni, in cui ciascuno si interroga, impara a confrontarsi con gli altri, ad ascoltare e ascoltarsi, a scegliere e pianificare. La maieutica cessa di essere una parola dal sapore antico sepolta in polverosi tomi di filosofia e torna, rinnovata, a concretarsi nell'estremo angolo occidentale della Sicilia. E' proprio nel corso di alcune riunioni con contadini e pescatori che prende corpo l'idea di costruire la diga sul fiume Jato, indispensabile per dare un futuro economico alla zona e per sottrarre un'arma importante alla mafia, che faceva del controllo delle modeste risorse idriche disponibili uno strumento di dominio sui cittadini. Ancora una volta, pero', la richiesta di acqua per tutti, di "acqua democratica", incontrera' ostacoli d'ogni tipo: saranno necessarie lunghe battaglie, incisive mobilitazioni popolari, nuovi digiuni, per veder realizzato il progetto. Oggi la diga esiste (e altre ne sono sorte successivamente in tutta la Sicilia), e ha modificato la storia di decine di migliaia di persone: una terra prima aridissima e' ora coltivabile; l'irrigazione ha consentito la nascita e lo sviluppo di numerose aziende e cooperative, divenendo occasione di cambiamento economico, sociale, civile. Negli anni Settanta, naturale prosecuzione del lavoro precedente, cresce l'attenzione alla qualita' dello sviluppo: il Centro promuove iniziative per valorizzare l'artigianato e l'espressione artistica locali. L'impegno educativo assume un ruolo centrale: viene approfondito lo studio, sempre connesso all'effettiva sperimentazione, della struttura maieutica, tentando di comprenderne appieno le potenzialita'. Col contributo di esperti internazionali si avvia l'esperienza del Centro Educativo di Mirto, frequentato da centinaia di bambini. Il lavoro di ricerca, condotto con numerosi collaboratori, si fa sempre piu' intenso: muovendo dalla distinzione tra trasmettere e comunicare e tra potere e dominio, Dolci evidenzia i rischi di involuzione democratica delle nostre societa' connessi al procedere della massificazione, all'emarginazione di ogni area di effettivo dissenso, al controllo sociale esercitato attraverso la diffusione capillare dei mass-media; attento al punto di vista della "scienza della complessita'" e alle nuove scoperte in campo biologico, propone "all'educatore che e' in ognuno al mondo" una rifondazione dei rapporti, a tutti i livelli, basata sulla nonviolenza, sulla maieutica, sul "reciproco adattamento creativo" (tra i tanti titoli che raccolgono gli esiti piu' recenti del pensiero di Dolci, mi limito qui a segnalare Nessi fra esperienza etica e politica, Lacaita, Manduria 1993; La struttura maieutica e l'evolverci, La Nuova Italia, Scandicci (Fi) 1996; e Comunicare, legge della vita, La Nuova Italia, Scandicci (Fi) 1997). Quando la mattina del 30 dicembre 1997, al termine di una lunga e dolorosa malattia, un infarto lo spegne, Danilo Dolci e' ancora impegnato, con tutte le energie residue, nel portare avanti un lavoro al quale ha dedicato ogni giorno della sua vita". Tra le molte opere di Danilo Dolci, per un percorso minimo di accostamento segnaliamo almeno le seguenti: una antologia degli scritti di intervento e di analisi e' Esperienze e riflessioni, Laterza, Bari 1974; tra i libri di poesia: Creatura di creature, Feltrinelli, Milano 1979; tra i libri di riflessione piu' recenti: Dal trasmettere al comunicare, Sonda, Torino 1988; La struttura maieutica e l'evolverci, La Nuova Italia, Firenze 1996. Recentissimo e' il volume che pubblica il rilevante carteggio Aldo Capitini, Danilo Dolci, Lettere 1952-1968, Carocci, Roma 2008. Tra le opere su Danilo Dolci: Giuseppe Fontanelli, Dolci, La Nuova Italia, Firenze 1984; Adriana Chemello, La parola maieutica, Vallecchi, Firenze 1988 (sull'opera poetica di Dolci); Antonino Mangano, Danilo Dolci educatore, Edizioni cultura della pace, S. Domenico di Fiesole (Fi) 1992; Giuseppe Barone, La forza della nonviolenza. Bibliografia e profilo critico di Danilo Dolci, Libreria Dante & Descartes, Napoli 2000, 2004 (un lavoro fondamentale); Lucio C. Giummo, Carlo Marchese (a cura di), Danilo Dolci e la via della nonviolenza, Lacaita, Manduria-Bari-Roma 2005; Raffaello Saffioti, Democrazia e comunicazione. Per una filosofia politica della rivoluzione nonviolenta, Palmi (Rc) 2007. Tra i materiali audiovisivi su Danilo Dolci cfr. i dvd di Alberto Castiglione: Danilo Dolci. Memoria e utopia, 2004, e Verso un mondo nuovo, 2006. Tra i vari siti che contengono molti utili materiali di e su Danilo Dolci segnaliamo almeno www.danilodolci.org, www.danilodolci.it, danilo1970.interfree.it, www.danilodolci.toscana.it, www.inventareilfuturo.com, www.cesie.org, www.nonviolenti.org, www.fondodanilodolci.it]

 

Prendo un vocabolario. Alla parola "pace" trovo: "stato d'animo di serenita', di perfetta tranquillita' non turbata da passioni o ansie; sinonimo di quiete; assenza di fastidio, di preoccupazioni materiali; di dolore fisico; tregua; condizione di uno Stato che non si trova in guerra con altri. Riposare in pace = essere morto".

Proprio questa e' la pace necessaria al mondo, a ciascuno? E se questa non e', cosa significa oggi, cosa deve significare per ognuno? Pur sapendo come la risposta a questo interrogativo rischia di risultare generica e velleitaria finche' non si concreta situazione per situazione, non e' indispensabile per ciascuno cercare di avviarla?

Non e' meglio tentare indicazioni positive, anche se barluminari, che rassegnarsi a pensare la pace in termini negativi, come mancanza di guerra?

*

Voler sapere, voler capire

Meno si comprende, meno si e' in grado di risolvere i problemi e le difficolta' che incontriamo. Per lo piu' la nostra inabilita' a comprendere ci porta a vedere solo quanto ci tocca piu' da vicino o, quando ricerchiamo, a distinguere  solo alcuni particolari. Non profondamente coscienti della necessita' di conoscere, non sperimentati, non allenati, ci si stanca presto, ci si disperde, non si sa scomporre analiticamente e poi riconnettere le complesse simultaneita' di ogni organismo vivo.

E' necessario per ciascuno acuire la propria attenzione alla scoperta, apprendere a rilevare sistematicamente, attraverso analisi e autoanalisi, i dati essenziali delle situazioni e dei problemi in cui si esiste; apprendere come si possa riuscire a vincere ignoranze, complessi, superstizioni di ogni tipo: sapendo come le superstizioni, surrogati della verita', man mano che si diffondono vengono come ufficializzate e nobilitate dalle stesse loro dimensioni.

Quanto piu' si hanno esatti i dati del problema da risolvere e completo il quadro delle difficolta', tanto meglio e' possibile avvicinarsi alla soluzione; quanto meno sono sufficienti e precisi i dati di cui si dispone, tanto piu' si tentano avventate soluzioni producendo disfunzioni, fallimenti.

*

Avere il coraggio di chiarire il fronte delle difficolta' da vincere In Italia, dove tanto sono stati decantati il diritto, il cristianesimo e la democrazia, era riuscito ad essere lungamente Ministro uno sfruttatore della mafia sistematicamente sfruttato dalla stessa; ed e' riuscito ad essere nominato Sottosegretario nel governo nazionale, cioe' Viceministro, un individuo notoriamente capomafia della sua zona.

I governi dei ventidue paesi del continente sudamericano sono tanto democratici che in ciascuno la polizia pratica sistematicamente la tortura; due sono eletti per gran parte secondo il sistema clientelare-mafioso; gli altri venti praticamente non si curano nemmeno di salvare le apparenze. Pensiamo proprio, se vogliamo essere franchi, che tutto questo, oltre alla guerra nel Vietnam, sia oggi sostenuto dal Governo degli Stati Uniti per amore degli ideali democratici?

Possiamo continuare oggi a pensare democratico, campione della democrazia, un mondo di ghetti e discriminazioni? un mondo - certo, non tutti, non gli attivi dissenzienti a cui va tutta la nostra ammirazione - che cerca di soffocare la volonta' di vita in nazioni intere, interi continenti? un mondo - certo, per tanto altro l'amiamo - che non garantisce di fatto a ciascuno la possibilita' di lavorare, di sapere, di esprimersi?

Non e' vero che tutti vogliamo la pace. Bisogna avere il chiaro coraggio di individuare chi organizza e chi alimenta la preparazione delle guerre per sopraffare coloro che vuole sfruttare; di scoprire dove passa il fronte fra il parassitismo di ogni genere e chi  e' impedito nel suo sviluppo da emorragie di ogni genere, tra la violenza di chi difende il proprio parassitismo e la coraggiosa energia di chi difende la vita; veder chiaro quando e dove questo fronte passa attraverso noi stessi.

E non possiamo confondere l'impegno per realizzare la pace con la preoccupazione di mantenersi equidistanti da tutti.

*

Essere rivoluzionari

Ogni comportamento - individuale, di gruppo, di massa - che tende sostanzialmente a mantener la situazione come e', o ad ammettere il cambiamento se lentissimo, di fatto non e' impegno di pace.

I prepotenti, quando non possono sopraffare gli altri prepotenti per sostituirsi a questi, cercano di accordarsi tra loro: naturalmente in danno ai deboli. Non e' questa la pace, anche quando non spara la lupara o il cannone.

Anche le vaste zone dell'opinione pubblica conservatrice, che ricordiamo aver visto coi nostri occhi benedire le bandiere naziste e fasciste di fronte alle parate irte di pugnali, si muovono piu' avvedute, prendendo atto dell'imprescindibile rapporto tra pace e sviluppo: ma ancora sostanzialmente blandendo i forti, i ricchi, "i nobili" e commiserando i deboli, i poveri, i paria. Non e' questa la pace che ci e' necessaria: e' un ulteriore compromesso equivoco.

Occorre l'impegno continuativo, strategico, per la costituzione del nuovo mondo e la demolizione del superato, attenti a muovere le proprie forze in modo da suscitarne ovunque nuove: occorre una rivoluzione nonviolenta impegnata a eliminare lo sfruttamento, l'assassinio, l'investimento di energie in strumenti di assassinio e promuovere reazioni a catena di nuova costruzione.

E' piu' facile dubitare dell'efficacia della rivoluzione nonviolenta finche' questa non avra' storicamente dimostrato di saper cambiare anche le strutture.

L'azione nonviolenta e' rivoluzionaria anche in quanto, con la sua profonda capacita' di animare le coscienze, mette in moto altre forze pure diverse nei metodi. Ciascuno che aspira al nuovo fa la rivoluzione che sa.

Molte volte la situazione a Partinico era cosi' grave, il terrore della mafia cosi' diffuso, che sembrava di lavorare sopra una frana. Se in queste condizioni qualcuno di noi doveva reagire - come in galera quando altro non e' possibile - decidendo per esempio di digiunare, per fare in modo che i contadini uscissero dal loro isolamento, puntando a illuminare una realta' inaccettabile e a indicare precise alternative, diversi si dicevano non d'accordo col digiuno; ma via via che passavano i giorni si caricava la coscienza di molti, si accendevano le discussioni, si moltiplicavano le iniziative (degli embrionali sindacati, dei comuni, dei partiti o di individui e gruppi - anche polemiche o addirittura concorrenziali): e molti ora, quando guardano il nuovo lago di Partitico con le sue anatre, non possono non pensare a come si e' riusciti a muovere dalle prime pietre tutta la massa della diga.

Spesso ammiriamo forze rivoluzionarie violente non perche' siano le uniche possibili o le piu' adatte nelle circostanze in cui operano, ma perche' dove agiscono sono le uniche esistenti, le uniche hanno il coraggio di esistere.

Chi pensa che la guerra sia la forma suprema di lotta, il modo di risolvere i contrasti, ha una visione ancora molto limitata dell'uomo e dell'umanita'. Chi ha effettiva esperienza rivoluzionaria sa come per riuscire a cambiare una situazione deve fare appello, esplicitamente o meno, ad un livello morale, oltre che materiale, superiore a quello imperante; sa come l'appellarsi a principi piu' esatti, ad una morale superiore, divenga elemento di forza effettiva: e in questo modo la sua azione e' rivoluzionaria anche in quanto contribuisce a creare nuova capacita', nuova cultura, nuovi istinti: nuova natura dell'uomo.

Personalmente, sono persuaso che la pace si identifica con l'azione rivoluzionaria nonviolenta. Devo riconoscere che la lotta contro una situazione insana puo' condurre piu' vicino alla sanita' - dunque alla pace - pur con altri mezzi: ma non posso non tener presente come la violenza, anche se diretta a fini generosi, ha ancora in se' il seme della morte.

*

Saper sperimentare

Con un gruppo molto vario di giovani organizziamo una marcia da Milano a Roma per premere affinche' il Governo italiano smetta la sua politica di clientela, e per manifestare la nostra opposizione alla guerra nel Vietnam, in particolare al comportamento del Governo americano. La base d'intesa e'

molto larga, i diecimila giovani che partono da Milano si succedono ad altri per settecento chilometri, la marcia diviene un intenso seminario in cui si medita tra i partecipanti e con le popolazioni che si attraversano. Poiche' alcuni gruppetti di ragazzi a tratti scandiscono "Johnson torna alle tue vacche", molti contadini dei borghi che attraversiamo, soprattutto in Emilia, non sembrano affatto persuasi; sono come offesi: "le vacche non sono forse importanti?", mormorano. I ragazzi cominciano a comprendere chilometro dopo chilometro la distinzione tra sfogo rabbioso e capacita' di penetrare nelle popolazioni affinche' ciascuno si muova ad assumere una posizione cosciente ed esplicita di fronte alla guerra. Quando arriveremo a Roma e si fara' sentire il responsabile peso di quarantamila giovani dalla piazza del Parlamento fino all'Ambasciata americana, gli slogan che si sono sperimentati piu' penetranti ed efficaci sono "Pace si', guerra no" e "Vietnam libero".

Per la stessa marcia e' partita una colonna da Napoli verso Roma in cui moltissimi erano gli scugnizzi. Alcuni ragazzini ci si avvicinano, parliamo, via via passano i chilometri diventiamo amici, viene la sera, arriviamo nella piazza di un paese gremita di persone. Invitiamo alcuni giovani che ci sono apparsi piu' pensosi, seri, a parlare alla popolazione raccolta dal palco illuminato. A un ragazzino sveglio che mi aveva dato la mano negli ultimi cinque chilometri, domando: "Vuoi parlare anche tu?". I suoi occhi si illuminano. Quando dovrebbe parlare, il funzionario d'un partito gli si avvicina preoccupato e gli domanda: "Ma... cosa dovresti dire?". Gli occhi del piccolo sono in pena. Prego il funzionario di lasciargli dire quel che vuole. Il piccolo e' di fronte al microfono, per la prima volta di fronte a migliaia di persone che non volevano la guerra, volevano la  pace, si era sentito "molto felicissimo" ed era venuto anche lui coi suoi compagni. L'applauso nella piazza era quasi un boato, ciascuno si sentiva espresso nel modo piu' semplice, e quel ragazzino non credo dimentichera' facilmente nella sua vita quanto ha detto quella sera di fronte a tutti.

Ciascuno che non si senta compreso e sostanzialmente accettato, si chiude e rifiuta gli altri: e' vero per individui come per popoli interi.

Il comportamento delle persone in gran parte dipende dal comportamento di chi hanno vicino. Quanto varia? Quando? Quale e' la gamma dei casi? Per comprendere occorre osservare, sperimentare, per arrivare a cogliere fenomeni generali, per sapere prevedere le possibili reazioni ai diversi tipi di azione.

Gli ultimi secoli ci hanno provato per alcuni ambiti il valore del metodo, della sperimentazione. Occorre sperimentare in altre direzioni: solo dopo anni di ricerca, di tentativi, di errori, di parziali successi, si sviluppano in noi quelle facolta' interpretative e creative in cui sta il meglio di noi. Occorre avere occasione di conoscenza e verifica al di fuori degli ambienti e dei canali di informazione piu' consueti, osservando dai diversi punti di vista, raffrontando diverse qualita' di vita.

Come si puo' effettivamente vincere le resistenze, e' da scoprire sperimentalmente situazione per situazione. Finche' uno non si forma e accresce una sua diretta esperienza, rimane intimamente disperato, brancolante - anche se librescamente saccente - tra l'esperienza degli altri.

E come l'individuo puo' apprendere, cosi' dieci persone, cento, mille, decine di migliaia, milioni e milioni, miliardi di persone che non sanno ancora cercare, operare, vivere insieme, combattere in modo nuovo, possono apprenderlo.

*

Non vendersi

I prepotenti, gli sfruttatori, i veri fuorilegge, difficilmente possono resistere nelle loro posizioni se non sono sostenuti e difesi da chi si vende loro.

Non occorre fatica a spiegare per quanti versi sia male vendersi, prostituirsi; come il lavoro mercenario, il vivere in modo che non ci persuade ci limita, ci disfa. Piu' fatica occorre a ciascuno per conoscere esattamente l'oggetto della eventuale scelta e la natura delle proprie motivazioni. Penso soprattutto agli intellettuali che possiedono doti, prospettive, senso critico: soprattutto a quelli che in privato dicono corna del loro "principale". Persone di capacita' e rettitudine professionale collaborano a giornali che, dietro la facciata, e' facile scoprire falsi, assassini. Il processo spesso e' quanto mai primordiale: si giudica il valore di un lavoro, di una collaborazione, dal prezzo che se ne ricava: sale l'opinione morale di se' nella misura della propria quotazione. O talvolta facile alibi e' il proporsi di condizionare dall'interno sistemi negativi, di farsi cavalli di Troia. Molto spesso l'equivoco e' facilitato dai paraocchi della specializzazione tecnica, dal mito della scienza pura. Anche con passi di questo tipo si e' arrivati a costruire e a far funzionare Buchenwald, Auschwitz, Mauthausen.

Scegliere secondo necessita' e coscienza - certo, non e' facile -, rifiutarsi ad ogni professione o occasione che ci impegni in sfruttamenti e assassini di ogni genere, e' un contributo fondamentale per rompere il sistema delle clientele, dal livello di strada a quello internazionale.

*

Saper mettere fuori legge i veri fuorilegge

Per far leva occorre trovare un punto d'appoggio. Questo elementare principio di ogni strategia pone al rivoluzionario nonviolento una particolare attenzione per la scelta dei suoi fulcri: non fara' leva sul marcio; non fara' leva con astuzie selvagge o menzogne, ma con quanto meglio possa esprimere l'interesse di tutti.

Poter far leva sulle leggi morali e giuridiche piu' elevate, poter far leva anche su una legge minimamente democratica, ha un vantaggio: essendo le leggi, anche se non rappresentano in genere i punti piu' avanzati della cultura e della moralita', i punti convenzionalmente dichiarati comuni, chi risulta traditore del contratto sociale, risulta di fatto il vero fuorilegge. Le popolazioni, per saper piu' nitidamente come agire, devono sapere quali sono i veri fuorilegge.

Perche' torture, sfruttamenti, avvelenamenti, brogli elettorali, gravi sprechi, in genere o avvengono in segreto o, chi li pratica, anche se ha il potere in mano, preferisce non risultino per quello che sono? Perche' chi li pratica teme il peso, la forza del giudizio negativo degli altri.

L'opinione pubblica puo' distinguere, soprattutto se puntualmente stimolata, tra il padre di famiglia che avendo i piccoli alla fame va a cogliere un paniere di pomodori in un campo di cui non e' proprietario, tra il negro che umiliato si ubriaca o si arruola volontario per sparare addosso a poveracci come lui -, e chi ha le maggiori responsabilita' di situazioni inaccettabili; ha sufficiente intuito per orientarsi anche quando le sentenze giuridiche cercano di sovvertire il vero giudizio: ma ha difficolta' a raccogliere i fatti in fenomeni, a inquadrarli nell'insieme.

Una polizia tortura? Occorre documentare, denunciare caso per caso, in modo sempre piu' vasto e sistematico: in questo modo, pur tra facilmente immaginabili difficolta', la polizia ed il suo comportamento vengono individuati come fuorilegge.

Si pratica lo sfruttamento, si lascia insicuro il lavoro in scala tale che le masse meno riflessive accettano tutto questo quasi come naturale? Occorre far crescere precise documentazioni e sistematiche denunce fin che divengano schiaccianti.

Brogli elettorali di ogni tipo impediscono che si esprimano veracemente le necessita' di una popolazione? Occorre documentare caso per caso, paese per paese, zona per zona, in modo sistematicamente crescente, non dando per scontato che gia' si sa, aprendo e facendo aprire gli occhi, macchine fotografiche e quanto altro possa servire.

Avvengono sprechi di ogni genere? Occorre apprendere a far leva in modo circostanziato, dal livello dell'interesse locale a quello generale, documentando come sia balordo sprecare enormi energie, ricchezze di ogni genere, e non valorizzarne altrettante potenziali.

E cosi' dove o quando manca liberta' di espressione, di informazione, di riunione e altre essenziali. In ogni zona occorre ricercare quali sono i possibili fulcri e quali possono meglio valere. Il portare avanti campagne di questo tipo rinforza in ogni senso chi le muove.

Ovviamente, passo essenziale e' mettersi in condizione di far le nuove leggi e le strutture nuove necessarie.

*

Saper muovere nuovi fronti

Se le armi sono nate nelle mani dei nostri antenati che stentavano a procurarsi il cibo tra le belve soverchianti, come strumenti utili alla propria sopravvivenza, ora non ha alcun senso che le armi ci crescano nelle mani: sono anacronismi assurdi.

Esistono i mostri: hanno ben piu' che cinquanta passi di lunghezza, sputano fuoco a ben piu' di trenta passi, hanno ben piu' che due fauci; inceneriscono ben piu' che una casa col loro sputo, paralizzano di terrore ben piu' che una piazza di folla. Ben nutriti anche dalla carne e dal sangue delle loro vittime, hanno nervi magnetici e tendini d'acciaio, un fiato irrespirabile che annebbia la vista del sole, escrementi che corrompono fiumi e laghi e mari, sanno articolarsi terrorizzando per migliaia di chilometri, sanno vomitare fuoco contemporaneamente su centinaia e centinaia di chilometri, vetrificando in un attimo milioni di persone, citta' costruite dall'opera di milioni di persone in migliaia di anni: l'una fauce del mostro sa anche avventarsi contro l'altra sua, l'artiglio contro il suo artiglio. Le piu' orride fantasie del passato, dall'Apocalisse a tutti i mostri inventati dagli artisti o dal commercio dell'orrore per vincere la noia dei troppo sazi, ci fanno sorridere per la loro ingenuita' al confronto.

Non solo dobbiamo sgonfiare questi mostri non alimentandoli e non lasciandoli nutrirsi di noi: dobbiamo sapere chiaramente in ogni nostra fibra che questi mostri noi li abbiamo costruiti, e noi li possiamo distruggere creando altro.

E' piu' la gente che ha interesse a operare cambiamenti verso un mondo di tutti, o piu' la gente che pensa suo interesse mantenere le situazioni come sono?

Nella misura in cui si riesce a interpretare e ad esprimere le profonde esigenze di migliaia, di milioni, di centinaia di milioni, di miliardi di uomini, e li si aiuta a prendere coscienza di se' e dei propri problemi, ad avviare iniziative alternative di ogni tipo, dal minimo al piu' alto livello, a premere con efficacia, in quella misura si riesce a mettere in moto una forza concretamente rivoluzionaria.

Persone o gruppi nuovi che rifiutano il pensiero di seconda mano, la vita di seconda mano, impegnati nella valorizzazione della vita, gia' esistono: e' urgente riconoscerli, verificare reciprocamente le esperienze, tendere a creare nuovi fronti organici.

*

Saper pianificare organicamente

L'opposto dello scontrarsi-incontrarsi del caos, del lasciare tutto accadere a caso, della furbizia delle lotterie, e' pianificare; l'opposto di essere mostri, e' svilupparsi organicamente. All'umanita' necessita raggiungere la sua unita' organica: la pace non viene a caso, e' inventare il futuro.

Se e' piu' facile che una pianificazione risulti efficace disponendo del potere, non si devono sottovalutare le possibilita' della pianificazione d'opposizione. Una delle insufficienze di certi movimenti rivoluzionari e' la debolezza del loro fronte costruttivo rispetto alla loro capacita' di coscientizzare, o al peso che riescono a raggiungere nella protesta, nella pressione. La costruzione di nuovi gruppi organici e la demolizione dei vecchi sistemi devono procedere coordinate, potenziandosi a vicenda: il crescere di una alternativa persuasiva incoraggia la denuncia e l'attacco ai vecchi gruppi; d'altra parte la perdita di autorita' delle vecchie strutture facilita lo sviluppo delle nuove.

Riprendo in sintesi il caso della diga costruita sul fiume Jato. Sulla popolazione, come disperata, dominava la mafia, forte dei suoi rapporti politici: non c'erano prospettive di cambiamento. Si cerca coi piu' attenti quali possono essere le soluzioni. Si verifica, dopo lunga incertezza, la necessita'-possibilita' di costruire una grande diga per irrigare la zona. Azione educatrice in profondita' affinche' la popolazione comprenda esattamente cosa e' una diga. Pressione prima di pochi, poi sempre piu' vasta e ripetuta finche' si inizia la diga. Sviluppo tra gli operai del grande cantiere, di un sindacato: le assunzioni non avvengono piu' attraverso la mafia, che perde prestigio. I mafiosi locali sono pubblicamente denunciati, viene denunciato il loro rapporto coi due potenti politici della zona: i due politici vengono estromessi dal Governo nazionale. I lavori di costruzione vengono accelerati. Nascono i primi, anche se rudimentali, centri per la promozione di un consorzio democratico d'irrigazione tra cinquemila famiglie, in modo che si abbia acqua democratica e non di mafia. Nascono cooperative. Nella vicina valle del Belice intanto sono iniziate pressioni per la costruzione di una nuova, piu' grande diga. Nella Sicilia occidentali le popolazioni ora si muovono per ottenere non una o due dighe ma dodici grandi dighe. Cresce intanto un centro per la formazione di quadri esperti in sviluppo pianificato con la partecipazione della popolazione.

Cosa ha significato esattamente per noi tendere con la massima partecipazione popolare ad inventare il piano di sviluppo per la zona?

- Incontri individuali, scambi di notizie e opinioni con piccoli gruppi informali;

- Lavoro-discussione di gruppo;

- Rapporti organici con gruppi locali che vanno crescendo;

- Promozione di autoanalisi popolare su problemi di fondo da confrontarsi con monografie tecniche sugli stessi problemi;

- Sviluppo elicoidale di conversazioni su temi d'interesse comune: in modo che si scopra, si inventi sulla base dell'esperienza di ciascuno;

- Introduzione analitica di un esperto e successivo dibattito;

- Promozione di documentazione (fotografia, diaristica, statistica, verbali ecc.);

- Promozione di sperimentazione e invenzione (campi di prova, cooperazione nuova, iniziative varie di educazione aperta);

- Promozione di scoperta (viaggi, lettura, incontri nuovi);

- Promozione-pubblicazione di autoanalisi e confronto con analoghe iniziative avviate altrove;

- Rapporti intercomunali e interzonali con esponenti di gruppi locali;

- Proposte di ipotesi (anche con letture, disegni, plastici, film) e successiva discussione;

- Promozione di analisi e sperimentazione nei gruppi omogenei qualificati (educatori, medici, urbanisti, tecnici vari) con la partecipazione di specialisti-consulenti;

- Convegni in cui propongono alla discussione piu' aperta i risultati maturati dai gruppi gia' approfonditi;

- Pressioni-discussione a livello locale, regionale, nazionale;

- Contrapposizione dialettica tra fatti nuovi (morali, organizzativi, economici, formali) in cui ciascuno possa contribuire allo sviluppo, e vecchia esperienza, modelli fissi.

L'assunzione di responsabilita' di un popolo si matura attraverso assunzioni di responsabilita' individuali e di gruppo. La noncollaborazione di un popolo a quanto viene considerati insano, superato, si concreta attraverso la volonta' di noncollaborazione di individui e di gruppi. Nuovi rapporti nell'umanita' possono si' realizzarsi in quanto si costruiscono nuove visioni d'insieme, nuove qualita' di rapporto, nuovi centri mondiali, nuove strutture nazionali ed internazionali, nuovi metodi di rapporto, ma nella misura in cui a livello individuale, di gruppi, di popoli, tutto questo viene maturato: il processo e' interdipendente.

E' necessario passare da un mondo autoritario e frammentato ad un mondo pluricentrico e coordinato. Le difficolta' dei giovani stanno soprattutto tra l'inadattabilita', l'inaccettabilita' del vecchio mondo e, appunto, la difficolta' ad inventare il nuovo.

Gli uomini oggi stanno diventando esperti di macchine, ma hanno elementari difficolta' a concepire gli organismi.

*

Pace e' un modo diverso di esistere

Mi prende un dubbio. Controllo il senso della parola "pace" su altri vocabolari, non italiani. Nel Dizionario dell'Accademia francese, paix : "stato di calma, di riposo, di silenzio, assenza di chiasso o di faccende". Nel Dizionario della Reale Accademia Spagnola, paz : "virtu' che pone nell'animo tranquillita' e sussiego, e' uno dei frutti dello Spirito santo". Nell'Oxford English Dictionary, peace : "liberta' da - o cessazione di - guerra o ostilita'; la condizione di una nazione o comunita' in cui non c'e' guerra con altri". Nel monumentale vocabolario tedesco dei Grimm, Friede: "ozio, tranquillita', tutela". Non ho altri vocabolari per verificare oltre, ma ove si osservi attentamente, d'altronde, si ha conferma della diffusa confusione e insufficienza al proposito, si ha conferma di come occorre chiarire l'intimo rapporto tra pace, consapevolezza, coraggio, rivoluzione nonviolenta, non vendersi, sperimentare, nuova strategia, pianificazione organica.

E' necessario riuscire a rendere ogni giorno meglio evidente come un nuovo lavoro capillare di costruzione e pressione, prima di gruppi-pilota e poi di moltitudini di nuovi gruppi volontari, puo' riuscire a trasformare effettivamente le vecchie strutture sociali e politiche. L'evidenza di nuovi fatti puo' aiutare a chiarire. Certo, e' un enorme lavoro, un'enorme fatica si deve fare, ma e' forse possibile pensare che il mondo nuovo che ci necessita si possa creare da se'? Forse non costa ancor piu' fatica - in quanto per troppi aspetti antieconomico - il mondo cosi' come e'?

Si', pace vuol dire anche decantare rabbie e rancori, sapere disintorbidarsi per trovare il modo - ogni volta difficile - di eliminare il male senza eliminare il malato o nuocergli, capacita' di sacrificio personale, sapere maturare le qualita' essenziali e, quando e' buio, anche se il buio dura terribilmente, saper vedere oltre. Ma tutto questo, se non e' concepito nel quadro piu' vasto, e' ancora un ingenuo tentativo di evasione: uno dei tanti modo di suicidarsi.

La pace che amiamo e dobbiamo realizzare non e' dunque tranquillita', quiete, assenza di sensibilita', evitare i conflitti necessari, assenza di impegno, paura del nuovo, ma capacita' di rinnovarsi, costruire, lottare e vincere in modo nuovo: e' salute, pienezza di vita (anche se nell'impegno ci si lascia la pelle), modo diverso di esistere. Dice il mio piccolo Amico: "E' il contrario della guerra".

 

4. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

 

Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.

Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:

1. l'opposizione integrale alla guerra;

2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;

3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;

4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.

Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.

Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.

 

5. PER SAPERNE DI PIU'

 

Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 722 del 28 ottobre 2011

 

Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it, sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la redazione e': nbawac at tin.it