[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Telegrammi. 744



 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 744 del 19 novembre 2011

Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

 

Sommario di questo numero:

1. Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite: Verso il 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Una mostra a Roma

2. La "Carta" del Movimento Nonviolento

3. Per saperne di piu'

 

1. INIZIATIVE. CENTRO REGIONALE DI INFORMAZIONE DELLE NAZIONI UNITE: VERSO IL 25 NOVEMBRE, GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. UNA MOSTRA A ROMA

[Dall'Unric - Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite (tel. +3227888478, fax: +3227888485, e-mail: bucci at unric.org, sito: www.unric.org) e dall'Associazione culturale Forma Liquida (per contatti: c/o Casa Internazionale delle Donne, via della Lungara 19, 00165 Roma, tel. 0668136445, e-mail: staff at formaliquida.it, sito: www.formaliquida.it) riceviamo e diffondiamo]

 

25 novembre 2011, Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Unric - Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite - presenta "No alla violenza contro le donne". Mostra dei 30 manifesti finalisti del concorso per una campagna di comunicazione contro la violenza sulle donne: Casa Internazionale delle Donne di Roma, via della Lungara 19, via della Penitenza 37.

*

Il 25 novembre, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, l'Associazione culturale Forma Liquida inaugura, alla Casa Internazionale delle Donne di Roma, la mostra dei 30 lavori finalisti della competizione Europea indetta da Unric (Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite) per una campagna di comunicazione contro la violenza sulle donne.

La campagna "No alla violenza contro le donne" - come sottolinea la Direttrice Unric Afsane' Bassin-Pour - ha mobilitato nel 2011 risorse di creativi in 40 paesi europei; sono stati presentati oltre 2.700 lavori e tra i 30 finalisti sono rappresentati 5 lavori italiani, la premiazione dei lavori avra' luogo il 25 novembre a Madrid in contemporanea con l'inaugurazione della mostra a Roma.

Unric - Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite - nasce per coprire tutta l'Europa occidentale e fornire informazioni e documentazione ai paesi della regione. Il suo raggio d'azione copre tutti i segmenti della societa', i progetti e gli eventi organizzati con i rispettivi partners, tra cui governi, media, Ong, istituzioni ed autorita' locali. Unric ha inoltre il compito di distribuire materiale informativo, rapporti e documenti delle Nazioni Unite, comunicati stampa, manifesti, schede di informazione delle varie attivita' delle Nazioni Unite.

L'esposizione si svolge nei locali dell'ex Reclusorio femminile del Convento del Buon Pastore, nell'ambito della Casa Internazionale delle Donne di Roma. Il luogo, scelto per il suo alto valore simbolico, e' stato ristrutturato per essere restituito alla collettivita' e in questa occasione per la prima volta, eccezionalmente, sara' aperto al pubblico. Si puo' visitare la struttura di quello che per oltre due secoli e' stato il luogo dove venivano rinchiuse le "donne scomode", non quelle che commettevano reati - per quelle c'erano Le Mantellate - ma quelle il cui comportamento usciva dagli schemi sociali, spesso non per loro colpa. Agghiacciante pensare che il reclusorio abbia cessato la sua attività nel 1976. Cfr.: www.formaliquida.it/i-luoghi-della-mostra

L'evento e' realizzato con il contributo di Solidea, istituzione di genere femminile e solidarieta' della Provincia di Roma la cui mission e' focalizzata sulla protezione delle donne vittime di violenza. L'Associazione e' da sempre impegnata a contrastare il fenomeno grazie anche alla gestione dei due Centri di Roma e di Valmontone, nel quale sono ospitate donne vittime di violenza e i loro figli. Nei Centri antiviolenza e per donne in difficolta' che Solidea gestisce, si interviene con strategie che abbandonano gli scenari assistenziali e dell'emergenza per mettere al centro il concetto di laboratorio proteso verso l'Empowerment per accrescere l'autostima, l'autonomia, e il potere delle donne sottoposte a violenza.

La mostra e' ideata e organizzata da Forma Liquida, associazione di comunicazione di genere, che opera nell'ambito della Casa Internazionale delle Donne di Roma.

Altro partner dell'evento: Zyp, sartoria rapida in franchising solidale. Il progetto Zyp nasce nel 2007 e oggi conta 60 negozi attivi, di cui uno in Rwanda. Zyp ha trasformato la formula commerciale del franchising in uno strumento per generare solidarieta' e sostegno continuativo dando una vera opportunita' alle donne desiderose di misurarsi in una gestione imprenditoriale e lavorativa autonoma. Grazie alla sua vocazione solidale Zyp ha consentito a tredici donne rwandesi di acquistare macchine da cucire e organizzare un atelier situato all'interno del distretto di Kicukiro dando vita a un'attivita' generatrice di reddito che e' riuscita a migliorare le loro vite.

*

Calendario

22 novembre, ore 11: conferenza stampa con un videomessaggio del direttore Unric (Nazioni Unite); intervento di "Solidea", presidente Maria Grazia Passuello; intervento della Casa internazionale delle donne, presidente Francesca Koch; intervento del Centro La Ginestra, psicanalista Laura Storti. Anteprima della Mostra.

25 novembre, ore 18: Inaugurazione della Mostra alla presenza di personalita' istituzionali e della cultura.

25 novembre - 3 dicembre: apertura al pubblico.

I materiali della mostra saranno messi a disposizione in file originali sulla rete, per permettere alle istituzioni, alle scuole e alle universita' di poter prelevare i materiali e utilizzarli nei loro spazi, operando cosi' una ulteriore disseminazione dei concetti portanti della campagna.

*

Associazione culturale Forma Liquida, c/o Casa Internazionale delle Donne, via della Lungara 19, 00165 Roma, tel. 0668136445, e-mail: staff at formaliquida.it, sito: www.formaliquida.it

 

2. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

 

Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.

Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:

1. l'opposizione integrale alla guerra;

2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;

3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;

4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.

Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.

Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.

 

3. PER SAPERNE DI PIU'

 

Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 744 del 19 novembre 2011

 

Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it, sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la redazione e': nbawac at tin.it