[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Telegrammi. 806



 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 806 del 20 gennaio 2012

Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

 

Sommario di questo numero:

1. Associazione familiari e sostenitori sofferenti psichici della Tuscia: Prosegue a Viterbo la lotta per il diritto alla salute e all'assistenza

2. Movimento Nonviolento: Lettera aperta al popolo della marcia Perugia-Assisi

3. Il programma del convegno e della festa per i cinquant'anni del Movimento Nonviolento il 20-22 gennaio 2012 a Verona

4. Abbonarsi ad "Azione nonviolenta"

5. Segnalazioni librarie

6. La "Carta" del Movimento Nonviolento

7. Per saperne di piu'

 

1. INIZIATIVE. ASSOCIAZIONE FAMILIARI E SOSTENITORI SOFFERENTI PSICHICI DELLA TUSCIA: PROSEGUE A VITERBO LA LOTTA PER IL DIRITTO ALLA SALUTE E ALL'ASSISTENZA

[Dall'Associazione familiari e sostenitori sofferenti psichici della Tuscia - Afesopsit (per contatti: tel. 3332056497, e-mail: afesopsit at libero.it) riceviamo e diffondiamo]

 

Si e' svolto il 19 gennaio a Viterbo l'incontro tra la Regione Lazio e l'Afesopsit sulla situazione dei servizi socio-sanitari.

L'Afesopsit giudica insufficienti gli impegni assunti dalla Regione rispetto alle proposte formulate, ma proseguira' nell'interlocuzione, fino ad ottenere i provvedimenti assolutamente necessari per garantire il diritto all'assistenza.

L'Associazione familiari e sostenitori sofferenti psichici della Tuscia ringrazia quanti hanno espresso solidarieta' e promuovera' ulteriori iniziative in difesa dei servizi pubblici territoriali socio-sanitari e dei diritti fondamentali di ogni essere umano.

*

Giovedi' 19 gennaio a Viterbo presso la Prefettura si e' svolto l'incontro tra una rappresentanza della Regione Lazio e l'associazione Afesopsit che dall'inizio dell'anno ha promosso un sit-in in piazza del Comune per segnalare la gravissima situazione in cui si trovano i servizi socio-sanitari dell'Alto Lazio e per ottenere dalle Istituzioni competenti i provvedimenti indispensabili per garantire il diritto alla salute e all'assistenza.

All'incontro hanno preso parte il Prefetto Scolamiero, il prof. Romano e la dott.ssa Fratini in rappresentanza della Regione Lazio, il Sindaco di Viterbo on. Marini, il Direttore Generale della Asl dr. Pipino, i dirigenti della Asl dott.ssa Cerimele, dott. Grassi e dr. Trisolini, i rappresentanti dell'Afesopsit presidente Vito Ferrante e dott. Walter Tosches.

Rispetto alle precise e dettagliate richieste formulate dall'associazione la risposta della Regione Lazio e' stata di carattere interlocutorio. L'associazione e' insoddisfatta di tale ulteriore procrastinazione dell'esame e dell'assunzione degli interventi proposti sia in considerazione della gravita' della situazione, sia in considerazione del fatto che tali proposte erano state da tempo inviate a tutti gli interlocutori Istituzionali presenti alla riunione.

Mentre si svolgeva l'incontro, a sostegno dell'Afesopsit erano presenti in piazza del Comune vari sindaci del viterbese, rappresentanti di molte realta' della societa' civile e tanti cittadini solidali con le ragioni del sit-in e dell'associazione.

In effetti il sit-in in corso dall'inizio dell'anno ha saputo porre all'attenzione dell'intera popolazione altolaziale la gravita' della situazione e ha saputo ottenere l'appoggio unanime sia della cittadinanza che delle associazioni ed organizzazioni del volontariato e dell'impegno civile, che delle istituzioni locali.

L'Afesopsit ringrazia le migliaia di cittadini, le esperienze organizzate e gli enti istituzionali che hanno espresso solidarieta' e chiede che il loro sostegno continui fino ad ottenere gli interventi necessari a garantire la presenza, l'attivita' e l'efficacia di tutti i servizi territoriali indispensabili per concretizzare il diritto di ogni persona alla salute e all'assistenza.

L'impegno dell'Afesopsit continuera' nelle forme adeguate che verranno individuate nei prossimi giorni sia attraverso successivi incontri con la Regione Lazio, con la Asl e con altre istituzioni, sia attraverso iniziative pubbliche utili a promuovere la coscientizzazione e l'impegno, sia attraverso specifiche forme di iniziativa alle quali si chiama sin d'ora a collaborare l'intera comunita' locale tanto come singoli cittadini quanto come forme organizzate di impegno sociale.

Come valutazione complessiva dell'iniziativa giunta a questo stadio l'associazione esprime un giudizio molto positivo sull'esperienza del sit-in che ha saputo suscitare un'autentica presa di coscienza ed una profonda riflessione e solidarieta' nella popolazione di Viterbo e provincia, cosi' come nelle istituzioni.

Riguardo all'incontro odierno il giudizio e' critico riguardo ai risultati concretamente ottenuti e disposto al confronto per la fase interlocutoria di cui si e' fatto garante il prof. Romano; sicuramente positivo e' il fatto che l'associazione e' stata finalmente riconosciuta dalla Regione come soggetto rappresentativo e propositivo le cui richieste costituiscono una ineludibile base di confronto; sicuramente insoddisfacente e' stato l'esito dell'incontro sul piano immediatamente operativo.

Nei prossimi giorni l'iniziativa dell'associazione a difesa dei diritti degli utenti e dell'intera comunita' locale proseguira' nelle forme che verranno ritenute piu' adeguate.

 

2. APPELLI. MOVIMENTO NONVIOLENTO: LETTERA APERTA AL POPOLO DELLA MARCIA PERUGIA-ASSISI

[Riproponiamo il seguente appello del Movimento Nonviolento (per contatti: via Spagna 8, 37123 Verona, tel. 0458009803, fax: 0458009212, e-mail: an at nonviolenti.org, sito: www.nonviolenti.org)]

 

Abbiamo camminato insieme da Perugia ad Assisi, per la pace e la fratellanza dei popoli, lungo la strada - ideale e concreta - tracciata da Aldo Capitini.

Eravamo in tanti, con le bandiere arcobaleno, con i nostri cartelli.

Alla termine di quella bella giornata ci siamo lasciati alla Rocca di Assisi con la consapevolezza comune che la vera marcia sarebbe cominciata dal giorno dopo: ognuno, tornato alla propria casa, ha dovuto misurarsi con l'impegno di realizzare il programma politico nonviolento, ripudiare la guerra. Ognuno chiamato a fare il proprio disarmo, a spezzare il proprio fucile.

Il cammino, dunque, non si e' fermato ad Assisi.

La strada per la pace e' ancora lunga. Passa necessariamente dal disarmo. Dobbiamo unire le forze, come singoli e come associazioni, per una comune campagna contro le spese militari, che sono lo strumento decisivo per le future guerre.

Possiamo fare un nuovo passo insieme in occasione della Festa per i 50 anni del Movimento Nonviolento, fondato da Aldo Capitini a Perugia nel 1962, dopo la prima Marcia.

Camminare con gli altri e' meglio che camminare da soli: si va piu' lontano e con meno fatica. Per questo e' importante la presenza di ciascuno. Il plurale di tu, diceva Capitini, non e' noi (che esclude voi ed essi), ma tutti. L'invito, dunque, e' rivolto a "tu-tutti".

A Verona, nei giorni 20-21-22 gennaio, celebreremo un tributo alla storia della nonviolenza in Italia, e inizieremo a tracciare il nuovo percorso per i prossimi anni. Possiamo dare un contributo importante alla campagna in atto contro l'acquisto dei 131 cacciabombardieri F35. Non ci accontentiamo di ridurli di qualche decina, di fare un "taglio" simbolico. Vogliamo che l'intera spesa di 15 miliardi del programma "Joint Strike Fighter" sia annullata. Opzione zero.

Sara' il miglior regalo per il cinquantesimo compleanno del Movimento Nonviolento.

Chiediamo quindi di partecipare a questo appuntamento veronese, con lo stesso spirito con il quale "tu-tutti" siamo andati, con i pullman, con i treni, in auto, alla Marcia della pace.

Saremo in tanti, con le nostre bandiere arcobaleno, con i nostri cartelli.

Sara' un festa e un impegno.

La Marcia Perugia-Assisi del 25 settembre 2011 prosegue a Verona il 20-22 gennaio 2012.

 

3. INIZIATIVE. IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO E DELLA FESTA PER I CINQUANT'ANNI DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO IL 20-22 GENNAIO 2012 A VERONA

[Riproponiamo il seguente invito dal Movimento Nonviolento (per contatti: via Spagna 8, 37123 Verona, tel. 0458009803, fax: 0458009212, e-mail: an at nonviolenti.org, sito: www.nonviolenti.org)]

 

Il Movimento Nonviolento, fondato da Aldo Capitini, compie 50 anni.

La festa di compleanno si terra' nei giorni 20-21-22 gennaio 2012 a Verona, al Teatro Camploy (zona Porta Vescovo).

Sono invitati tutti gli amici, le persone, le associazioni, i gruppi, i movimenti dei piu' diversi ambienti culturali, politici, artistici, religiosi, intellettuali, e comunque tesi verso l'orizzonte nonviolento, che in questi cinque decenni hanno conosciuto, collaborato, condiviso, sostenuto il Movimento Nonviolento.

*

Venerdi' 20 gennaio 2012

Ore 21: Spettacolo-concerto con archi, fiati e attore. Magical Mystery Orchestra. Qualita', classicita', poetica. Le canzoni che i Beatles non hanno mai eseguito dal vivo: un'orchestra di dodici elementi con una musicalita' propria, realizza una personale interpretazione che unisce all'estremo rigore filologico una vena compositiva essenziale, attenta alla logica e allo spirito dei brani e dell'epoca in cui furono concepiti. Cinquant'anni di musica vitale. (Entrata libera, contributo gradito).

*

Sabato 21 gennaio 

Introduce e coordina Mao Valpiana (Presidente del Movimento Nonviolento).

Ore 10: Convegno "50 anni di nonviolenza". Goffredo Fofi: "Il contesto culturale e politico nel quale e' nato il Movimento Nonviolento"; Gianni Sofri: "L'influenza del pensiero di Gandhi nel Movimento Nonviolento di Aldo Capitini"; Daniele Lugli: "Il Movimento Nonviolento alla prova della visione di Capitini e delle sfide di oggi".

Ore 13: pausa pranzo.

Ore 15: Film "In marcia. Elementi di un'esperienza nonviolenta" di Roberta Mani e Roberto Rossi.

Presentazione dell'Archivio (1962-2011) del Movimento Nonviolento, Andrea Maori

Presentazione del fondo Manifesti storici del Movimento Nonviolento, Caterina Del Torto.

Vignette, disegni, illustrazioni, fumetti, immagini, satira... in diretta con Mauro Biani.

Letture da Gandhi, Capitini, Langer, con le voci di Margherita Sciarretta e Sandra Ceriani.

Ore 17: Prima sessione "L'obiezione alla guerra": Giancarla Codrignani (gia' presidente Lega Obiettori di Coscienza), Sam Bieseman (Ufficio Europeo Obiezione di Coscienza) , Gerry Condon (US Veterans for Peace).

Ore 18: E se la patria chiama... Dalla Marcia del '61 ad oggi, conversazione in musica con Fausto Amodei, padre  della canzone civile, satirica, antimilitarista italiana. Conduce Enrico de Angelis.

Cantiamo insieme, con la chitarra di Paolo Predieri.

Degustazione, con Christoph Baker, dei tre vini (Nebbiolo, Botticino, Cesanese), alla presenza dei produttori nonviolenti Beppe Marasso, Adriano Moratto, Mariano Mampieri.

Ore 19: Buffet aperi/cena.

Ore 21: Mille papaveri rossi. La pace nella canzone italiana. Reading-concerto curato e condotto da Enrico de Angelis. Cantano Raffaella Benetti, Giuliana Bergamaschi, Claudia Bidoli, Grazia De Marchi, Laura Facci, Deborah Kooperman, Veronica Marchi, Ilaria Peretti, Alice Ronzani, Terry Veronesi. Suonano Enrico Breanza, Marco Pasetto, Gianni Sabbioni. Arrangiamenti di Enrico Breanza, Marco Pasetto, Enrico Terragnoli. Letture di Sandra Ceriani. (Entrata libera, contributo gradito).

*

Domenica 22 gennaio

Introducono e coordinano Raffaella Mendolia e Pasquale Pugliese (Segretari del Movimento Nonviolento).

Ore 9: Seconda sessione "L'apertura": Angela Dogliotti (educazione/conflitti), Fulvio Cesare Manara (comunicazione/filosofia).

Saluto a cura del gruppo giovani del Movimento Nonviolento, con Daniele Taurino.

Saluto con messaggio video di Alberto Perino (resistenza No Tav).

Terza sessione: "l'Omnicrazia - il potere di tutti":

Gianni Tamino (ecologia e politica), Luisa Morgantini (donne in nero).

Ore 11,30: Le "reti" alle quali il Movimento Nonviolento partecipano: Rete Ipri-Corpi Civili di Pace, Carla Biavati; Comitato italiano per una cultura di pace e nonviolenza, Sergio Bergami; Servizio Civile, Francesco Spagnolo; Rete Italiana Disarmo, Massimo Paolicelli.

ore 15: proposta di una campagna comune per il disarmo e contro le spese militari

ore 16: la festa e' finita...

*

Informazioni logistiche: il Teatro Camploy si trova in via Cantarane 32, nella zona di Porta Vescovo. Alla stazione ferroviaria di Porta Vescovo fermano solo i treni regionali della linea Milano-Venezia. Dalla Stazione di Verona Porta Nuova autobus n. 11, 12, 13, 51, 510 (serale e festivo n. 90, 91, 92, 98).

Vi chiediamo di contribuire alle molte spese sostenute per quest'iniziativa, con un contributo di sostegno (graditissimo) fiscalmente detraibile, sul conto corrente postale n.18745455 intestato a Movimento Nonviolento o bonifico bancario con codice Iban: IT 35 U 07601 11700 000018745455.

Per informazioni: tel. 0458009803, e-mail: azionenonviolenta at sis.it, sito: www.nonviolenti.org

 

4. APPELLI. ABBONARSI AD "AZIONE NONVIOLENTA"

 

"Azione nonviolenta" e' la rivista del Movimento Nonviolento, fondata da Aldo Capitini nel 1964, mensile di formazione, informazione e dibattito sulle tematiche della nonviolenza in Italia e nel mondo.

Abbonarsi ad "Azione nonviolenta" e' una buona idea.

*

Per contatti: redazione, direzione, amministrazione: via Spagna 8, 37123 Verona, tel. 0458009803 (da lunedi' a venerdi': ore 9-13 e 15-19), fax: 0458009212, e-mail: an at nonviolenti.org, sito: www.nonviolenti.org

*

Per abbonarsi ad "Azione nonviolenta" inviare 32 euro sul ccp n. 10250363 intestato ad Azione nonviolenta, via Spagna 8, 37123 Verona.

E' possibile chiedere una copia omaggio, inviando una e-mail all'indirizzo an at nonviolenti.org scrivendo nell'oggetto "copia di 'Azione nonviolenta'".

 

5. SEGNALAZIONI LIBRARIE

 

Letture

- Giorgio Bocca, Grazie no. Sette idee che non dobbiamo piu' accettare, Feltrinelli, Milano 2012, pp. 112, euro 10.

- Javier Cercas, Tornare a casa, Guanda - Il sole 24 ore, Parma-Milano 2012, pp. 78, euro 2 (in supplemento al quotidiano "Il sole 24 ore").

*

Riedizioni

- AA. VV., Storia di Roma. Eta' tardoantica. I. Crisi e trasformazioni, Einaudi, Torino 1993, Mondadori, Milano 2012, pp. XL + 940, euro 12,90 (in supplemento a vari periodici Mondadori).

- Lucia Aquino (a cura di), Hopper, Skira'-Rcs, Milano 2004, 2012, pp. 192, euro 6,90 (in supplemento al "Corriere della sera").

- Sigmund Freud, Ossessioni, fobie e paranoia, Newton Compton, Roma 1992, Il sole 24 ore, Milano 2011, pp. 238, euro 9,90 (in supplemento al quotidiano "Il sole 24 ore").

- Fernando Pessoa, Nei giorni di luce perfetta, Passigli, Bagno a Ripoli (Firenze) 2002, Rcs, Milano 2011, pp. 240, euro 7,90 (in supplemento al "Corriere della sera").

- Giorgio Scerbanenco, Rose ruggine e altri racconti, Sellerio, Palermo 2002, Il sole 24 ore, Milano 2011, pp. 80, euro 2 (in supplemento al quotidiano "Il sole 24 ore").

 

6. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

 

Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.

Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:

1. l'opposizione integrale alla guerra;

2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;

3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;

4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.

Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.

Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.

 

7. PER SAPERNE DI PIU'

 

Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 806 del 20 gennaio 2012

 

Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it, sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la redazione e': nbawac at tin.it