[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Coi piedi per terra. 483



 

===================

COI PIEDI PER TERRA

===================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"

Numero 483 del 23 febbraio 2012

 

In questo numero:

Il governo rispetti le leggi, l'ambiente, la storia e la cultura, la salute e i diritti della popolazione dell'Alto Lazio

 

APPELLI. IL GOVERNO RISPETTI LE LEGGI, L'AMBIENTE, LA STORIA E LA CULTURA, LA SALUTE E I DIRITTI DELLA POPOLAZIONE DELL'ALTO LAZIO

 

L'associazione "Respirare" si associa alla richiesta che il governo rispetti le leggi, l'ambiente, la storia e la cultura, la salute e i diritti della popolazione dell'Alto Lazio, e quindi respinga l'insensato e criminale tentativo da parte di una lobby speculativa di devastare irreversibilmente con la realizzazione di un mega-aeroporto nocivo, distruttivo e fuorilegge, la preziosa area naturalistica, archeologica e termale del Bulicame a Viterbo, gia' ricordata da Dante nella Divina Commedia.

L'associazione "Respirare" condivide l'appello inviato dal "comitato che si oppone al mega-aeroporto di Viterbo e s'impegna per la riduzione del trasporto aereo, in difesa della salute, dell'ambiente, della democrazia, dei diritti di tutti" al Presidente del Consiglio dei Ministri il 3 febbraio scorso, appello che ricorda come "l'aberrante e criminale proposito di devastare l'area del Bulicame realizzandovi un mega-aeroporto fu gia' formulato nel 2007, e fin qui una protratta e crescente opposizione da parte della popolazione viterbese ha saputo respingerlo dimostrandone l'illiceita' e l'insensatezza".

Appello in difesa del Bulicame che per l'ennesima volta ripete cio' che tutti coloro che si sono occupati della questione sanno perfettamente, ovvero che "la realizzazione del mega-aeroporto nel cuore dell'area del Bulicame avrebbe infatti come immediate e disastrose conseguenze: a) lo scempio dell'area del Bulicame e dei beni ambientali e culturali che vi si trovano; b) la devastazione dell'agricoltura della zona circostante; c) l'impedimento alla valorizzazione terapeutica e sociale delle risorse termali; d) un pesantissimo inquinamento chimico, acustico ed elettromagnetico di grave nocumento per la salute e la qualita' della vita della popolazione locale (l'area e' peraltro nei pressi di popolosi quartieri della citta'); e) il collasso della rete infrastrutturale dell'Alto Lazio, territorio gia' gravato da pesanti servitu'; f) uno sperpero colossale di soldi pubblici; g) una flagrante violazione di leggi italiane ed europee e dei vincoli di salvaguardia presenti nel territorio".

L'associazione "Respirare" condivide altresi' la proposta che quell'appello in difesa del Bullicame conclude, ovvero che "quell'area va tutelata nel modo piu' adeguato: istituendovi un parco naturalistico, archeologico e termale; e fin d'ora respingendo ogni operazione speculativa, inquinante, devastatrice, illecita. E nell'ambito della mobilita' la provincia di Viterbo ha bisogno piuttosto di migliorare la rete ferroviaria ed i collegamenti con Roma, Orte e Civitavecchia; una mobilita' adeguata e coerente con la difesa e la valorizzazione dei beni ambientali e culturali e delle vocazioni produttive dell'Alto Lazio".

L'associazione "Respirare" chiede inoltre a tutte le istituzioni ed a tutti i movimenti democratici dell'Alto Lazio un fermo impegno in difesa del Bulicame, dei beni comuni del territorio, della legalita' e dei diritti di tutti; un fermo impegno contro la criminale follia del mega-aeroporto nocivo, distruttivo e fuorilegge.

*

L'associazione "Respirare"

Viterbo, 23 febbraio 2012

L'associazione "Respirare" e' stata promossa a Viterbo da associazioni e movimenti ecopacifisti e nonviolenti, per il diritto alla salute e la difesa dell'ambiente.

 

===================

COI PIEDI PER TERRA

===================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Numero 483 del 23 febbraio 2012

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la redazione e': nbawac at tin.it