[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Coi piedi per terra. 693



 

===================

COI PIEDI PER TERRA

===================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"

Numero 693 del 20 settembre 2012

 

In questo numero:

Peppe Sini: Mi sembra dolorosamente evidente

 

EDITORIALE. PEPPE SINI: MI SEMBRA DOLOROSAMENTE EVIDENTE

 

Tutte le iniziative per la pace e per il disarmo - anche le piu' generiche ed astratte - sono benedette; ma l'indifferenza complice di fronte alla guerra assassina condotta dal proprio paese non e' mai ammissibile.

Mi sembra evidente, dolorosamente evidente, che se in Italia non nasce un movimento democratico di massa che si opponga alla criminale partecipazione italiana alla guerra afgana, qualunque iniziativa popolare italiana contro le guerre degli altri e' a dir poco priva di reale credibilita', e viene recepita da interlocutori e controparti come esercizio retorico, ipocrisia o peggio.

"Cominciate voi a smetterla di essere complici dei massacri", e' la facile obiezione a chi si impanca a far la morale agli altri mentre l'esercito del suo paese ne occupa un altro e di quel paese la popolazione contribuisce a massacrare in una guerra terrorista e stragista, coloniale e imperialista, razzista e mafiosa, totalitaria ed onnidistruttiva come quella afgana.

E dunque il primo impegno di ogni persona o associazione o istituzione italiana che voglia agire per la pace sia un impegno, un impegno nonviolento, per la cessazione immediata della partecipazione italiana alla guerra afgana; per la pace, il disarmo e la smilitarizzazione; per il rispetto della vita, della dignita' e dei diritti umani di tutti gli esseri umani.

Tutte le iniziative per la pace e per il disarmo - anche le piu' generiche ed astratte - sono benedette; ma l'indifferenza complice di fronte alla guerra assassina condotta dal proprio paese non e' mai ammissibile.

 

===================

COI PIEDI PER TERRA

===================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com

Numero 693 del 20 settembre 2012

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com