[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Telegrammi. 1224



 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 1224 del 25 marzo 2013

Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com

 

Sommario di questo numero:

1. Ricordato a Viterbo Oscar Romero

2. Nel ricordo di Martin Luther King e dei martiri delle Fosse Ardeatine conclusa a Viterbo la "Settimana di azione contro il razzismo". L'impegno antirazzista continua

3. Omero Dellistorti: Per i martiri delle Fosse Ardeatine

4. Segnalazioni librarie

5. La "Carta" del Movimento Nonviolento

6. Per saperne di piu'

 

1. INCONTRI. RICORDATO A VITERBO OSCAR ROMERO

 

Nell'anniversario dell'uccisione di monsignor Oscar Romero, avvenuta a San Salvador il 24 marzo 1980, il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo lo ha ricordato la mattina di domenica 24 marzo 2013 con un incontro di testimonianza e di riflessione.

Nel corso dell'incontro sono stati letti e commentati alcune testi di monsignor Romero ed alcune parti del libro che Ettore Masina ha dedicato al vescovo martire salvadoregno.

L'incontro si e' concluso con l'esortazione a proseguire - con la forza della verita', con la scelta della nonviolenza - la lotta contro tutte le violenze, per difendere e promuovere la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani.

 

2. INIZIATIVE. NEL RICORDO DI MARTIN LUTHER KING E DEI MARTIRI DELLE FOSSE ARDEATINE CONCLUSA A VITERBO LA "SETTIMANA DI AZIONE CONTRO IL RAZZISMO". L'IMPEGNO ANTIRAZZISTA CONTINUA

 

Domenica 24 marzo 2013 si e' svolta a Viterbo la settima e conclusiva giornata di iniziative della "Settimana di azione contro il razzismo" con un incontro di commemorazione di Martin Luther King e dei martiri delle Fosse Ardeatine promosso dal "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani".

*

Nel corso dell'incontro sono stati letti e commentati alcuni fondamentali scritti e discorsi della persona simbolo della lotta nonviolenta contro il razzismo, scritti e discorsi piu' volte ripubblicati negli scorsi anni sul notiziario telematico quotidiano "La nonviolenza e' in cammino".

Martin Luther King, nato ad Atlanta in Georgia nel 1929, laureatosi all'Universita' di Boston nel 1954 con una tesi sul teologo Paul Tillich, lo stesso anno si stabilisce, come pastore battista, a Montgomery nell'Alabama. Dal 1955 (e' il primo dicembre quando Rosa Parks da' inizio alla lotta contro la segregazione sui mezzi di trasporto) guida la lotta nonviolenta contro la discriminazione razziale, intervenendo in varie parti degli Usa. Premio Nobel per la pace nel 1964, piu' volte oggetto di attentati e repressione, muore assassinato nel 1968.

*

Nel suo intervento finale il responsabile della struttura nonviolenta viterbese, Peppe Sini, dopo aver ricordato i martiri delle Fosse Ardeatine trucidati dai nazisti il 24 marzo 1944, ha ribadito ancora una volta "l'urgente necessita' che siano abrogate le infami misure razziste che perseguitano, schiavizzano, mandano a morte i migranti; l'urgente necessita' che cessi la criminale partecipazione italiana alla guerra afgana che ogni giorno miete vittime innocenti; l'urgente necessita' che lo stato italiano torni a rispettare la Costituzione della Repubblica Italiana e la Dichiarazione universale dei diritti umani".

Dopo aver ripercorso le iniziative svolte nel corso della settimana, e rievocato alcune delle piu' rilevanti iniziative antirazziste a Viterbo dagli anni Settanta ad oggi, il responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" ha poi ricordato altresi' tanti generosi e indimenticabili maestri di umanita' e di impegno contro il razzismo, "donne ed uomini che hanno incarnato la dignita' e la solidarieta' umana e che nella nostra memoria restano luminosi punti di riferimento, persone al cui impegno, al cui insegnamento vogliamo restare fedeli"; ed ha indicato infine una serie di opere il cui studio puo' essere di grande utilita' per condurre in modo sempre piu' coerente e adeguato la lotta nonviolenta per i diritti umani di tutti gli esseri umani.

"Nel nome e nel ricordo di Martin Luther King e dei martiri delle Fosse Ardeatine si conclude oggi la serie di iniziative della Settimana di azione contro il razzismo dal 18 al 24 marzo 2013; ma l'impegno antirazzista prosegue anche domani e tutti i giorni finche' il razzismo non sara' definitivamente sconfitto ed eliminato in Italia e nel mondo".

*

Il razzismo e' un crimine contro l'umanita'.

Vi e' una sola umanita' e tutti gli esseri umani ne fanno parte.

Cessi immediatamente la persecuzione razzista.

Siano rispettati tutti i diritti umani di tutti gli esseri umani.

La nonviolenza e' in cammino.

*

Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo e' una struttura attiva dagli anni Settanta ed opera per la pace e i diritti in iniziative sia di solidarieta' concreta che di ricerca, studio e formazione, con la scelta nitida e intransigente della nonviolenza. Il suo responsabile ha coordinato nel 1987 la campagna italiana di solidarieta' con Nelson Mandela allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano, ed ha promosso il primo convegno nazionale di studi sulla figura e l'opera di Primo Levi.

 

3. MEMORIA. OMERO DELLISTORTI: PER I MARTIRI DELLE FOSSE ARDEATINE

 

Il 24 marzo del '44

trecentotrentacinque esseri umani

i nazisti li trucidarono

e poi con l'esplosivo di nascondere

tentarono il crimine commesso

in remote di pozzolana cave

non lungi da Roma kaputt mundi.

 

Tra le vittime anche un mio compaesano

che era di Giustizia e Liberta'.

 

Noi paesani, si sa,

siamo gente che non sa dimenticare.

Sappiamo che l'offesa e' imperdonabile

quando la vittima e' stata messa a morte.

Solo la vittima potrebbe perdonare

ma la vittima e' stata messa a morte.

Siamo gente che non sa dimenticare,

noi paesani, si sa.

 

E cosi' come non ci e' possibile

dimenticare, neanche ci e' possibile

fingere che vicende come quella

appartengano ormai solo al passato.

 

E' il nostro presente, invece.

 

La lotta al fascismo

 

ricomincia ogni giorno.

 

4. SEGNALAZIONI LIBRARIE

 

Letture

- David Blanco Laserna, Schroedinger. I paradossi quantistici, Rba Italia, Milano 2013, pp. 168, euro 9,99.

- Vittorio Messori, La Chiesa di Francesco, Rcs, Milano 2013, pp. 144, euro 5,90 (in supplemento al "Corriere della sera").

*

Riletture

- Leopold Sedar Senghor, Oeuvre poetique, Editions du Seuil, Paris 1964, 1990, pp. 446.

- Wole Soyinka, L'uomo e' morto, Jaca Book, Milano 1986, pp. IV + 320.

 

5. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

 

Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.

Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:

1. l'opposizione integrale alla guerra;

2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;

3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;

4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.

Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.

Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.

 

6. PER SAPERNE DI PIU'

 

Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 1224 del 25 marzo 2013

Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com , sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com