[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Telegrammi. 1345



 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 1345 del 24 luglio 2013

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com

 

Sommario di questo numero:

1. Peppe Sini: La sabbia nella testa

2. Rappresentazioni del mondo e dell'esistenza umana. Il gioco degli scacchi e il "De rerum natura" di Lucrezio

3. La "Carta" del Movimento Nonviolento

4. Per saperne di piu'

 

1. EDITORIALE. PEPPE SINI: LA SABBIA NELLA TESTA

 

E' sorprendente come il ceto politico cerchi di far finta di niente in relazione al fatto che il 30 luglio il signor B. sara' verosimilmente condannato in via definitiva a una dura pena per un grave reato, e all'interdizione dai pubblici uffici.

Il signor B. e' non solo il capo, ma il demiurgo della destra golpista e criminale italiana che negli ultimi venti anni ha portato il paese alla catastrofe.

E senza il signor B. quella destra golpista e criminale che in questi venti anni ha compiuto misfatti indicibili al governo del paese semplicemente non sarebbe esistita se non come fenomeno di malaffare all'ingrosso e al minuto, di criminale follia estremamente marginale, di manovalanza di piccolo cabotaggio nella corruzione della pubblica amministrazione e nel procacciamento di affari illeciti per i poteri criminali, di banda razzista ad alto tasso alcolemico, di sodalizio di prosseneti, di clientelismo e ciarlataneria, di barbarie da caserma, di delirio da osteria.

Invece lungo un ventennio il signor B. ha portato al governo del paese questa destra golpista e criminale, ha fatto dei caporioni e dei caudatari di questa destra golpista e criminale parlamentari e ministri; ha imposto sull'Italia il dominio della destra golpista, razzista, mafiosa, fascista, rapinatrice e corruttrice.

Ora tutto cio' sta per finire.

Ma un ceto politico di manutengoli e di ipnotizzati sembra non avvedersene, o di non avvedersene finge.

*

Ce ne avvediamo invece noi.

E ne deduciamo alcune conseguenze ineludibili.

1. Che occorre che cada subito il governo complice di Berlusconi.

2. Che occorre che subito dopo la caduta del governo sia sciolto il parlamento complice di Berlusconi.

3. Che occorre si vada subito a nuove elezioni.

4. E che in queste nuove elezioni si presenti finalmente la sinistra della nonviolenza, con la sua autonoma proposta di governo ovvero di trasformazione nonviolenta della societa'.

5. E che la sinistra della nonviolenza si presenti come promotrice e parte della coalizione dell'intero fronte antifascista democratico.

6. La coalizione dell'intero fronte antifascista democratico che puo' e deve una volta per tutte sconfiggere nel confronto elettorale la destra golpista, razzista, mafiosa, fascista, rapinatrice e corruttrice berlusconiana.

7. Il fronte antifascista democratico unito dal programma comune della legalita' costituzionale, della democrazia come metodo e come sistema, del rispetto dei diritti umani di tutti gli esseri umani, della difesa della biosfera.

*

Contro la destra golpista e corruttrice: per la legalita' costituzionale.

Contro la destra golpista e corruttrice: per il bene comune.

Contro la destra golpista e corruttrice: per i diritti umani di tutti gli esseri umani.

*

Per la sinistra della nonviolenza: femminista ed ecologista, socialista e libertaria.

Per la sinistra della nonviolenza: da ciascuno secondo le sue capacita', a ciascuno secondo i suoi bisogni.

Per la sinistra della nonviolenza: vi e' una sola umanita', in un unico mondo vivente casa comune dell'umanita' intera e di cui l'intera umanita' deve prendersi cura.

*

Con un programma essenziale che dica: no alla guerra e alle uccisioni.

Con un programma essenziale che dica: no al razzismo e alle persecuzioni.

Con un programma essenziale che dica: no alla violenza maschilista e patriarcale.

Con un programma essenziale che dica: no alla schiavitu' e alla distruzione dell'ambiente.

Con un programma essenziale che dica: tutti gli esseri umani hanno diritto alla casa, al lavoro, al sapere, alla salute, all'assistenza, a un ambiente vivibile, alla pace, alla liberta' e alla giustizia, alla convivenza e alla solidarieta'.

 

2. INCONTRI. RAPPRESENTAZIONI DEL MONDO E DELL'ESISTENZA UMANA. IL GIOCO DEGLI SCACCHI E IL "DE RERUM NATURA" DI LUCREZIO

 

Si e' svolto nella serata di martedi' 23 luglio 2013 a Viterbo presso il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" un incontro di studio su "Rappresentazioni del mondo e dell'esistenza umana. Il gioco degli scacchi e il De rerum natura di Lucrezio".

L'incontro e' stato diviso in due parti.

Nella prima si e' riflettuto sul gioco degli scacchi, le varie articolazioni della sua pratica (gioco dal vivo, gioco per corrispondenza, studi, problemi, scacchi eterodossi, teoria, storia), i rapporti tra gli scacchi e le rappresentazioni artistiche e letterarie, le speculazioni filosofiche e le ricerche scientifiche.

Nella seconda parte dell'incontro e' proseguita l'approfondita ricognizione del capolavoro di Lucrezio.

 

3. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

 

Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.

Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:

1. l'opposizione integrale alla guerra;

2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;

3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;

4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.

Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.

Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.

 

4. PER SAPERNE DI PIU'

 

Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 1345 del 24 luglio 2013

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com , sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com