[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Telegrammi. 1347



 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 1347 del 26 luglio 2013

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com

 

Sommario di questo numero:

1. Peppe Sini: Al crepuscolo del ventennio berlusconiano e' l'ora dell'alternativa nonviolenta

2. "Viterbo oltre il muro" chiede agli enti locali un impegno contro la guerra

3. La "Carta" del Movimento Nonviolento

4. Per saperne di piu'

 

1. EDITORIALE. PEPPE SINI: AL CREPUSCOLO DEL VENTENNIO BERLUSCONIANO E' L'ORA DELL'ALTERNATIVA NONVIOLENTA

 

Dal 30 luglio la destra golpista, razzista, fascista, maschilista, mafiosa, corruttrice non potra' piu' essere guidata nelle istituzioni dal grande stregone che l'ha creata e condotta alla vittoria e al saccheggio per ben due tragiche decadi: con la prevedibile condanna in via definitiva di Berlusconi per i reati a lui ascritti, e con l'interdizione dai pubblici uffici, finisce il secondo funesto ventennio dell'Italia unificata, e fortunatamente stavolta almeno senza le stragi e le macerie della guerra nel nostro paese (nel nostro paese, poiche' in Afghanistan invece l'Italia e' criminalmente, abominevolmente compartecipe e corresponsabile delle macerie e delle stragi dalla guerra provocate cola').

Il giorno dopo la sentenza della Corte di Cassazione si porra' inevitabilmente l'esigenza dell'allontanamento dal governo dei manutengoli berlusconiani; si porra' inevitabilmente l'esigenza delle dimissioni ovvero della caduta del governo; si porra' inevitabilmente l'esigenza dello scioglimento delle Camere e di nuove elezioni (l'ipotesi di un nuovo governo espresso da questo parlamento, che releghi all'opposizione i complici e i famuli e i casigliani di Berlusconi e' inverosimile essendo i numeri quelli che sono ed il ceto politico quello che e' - si poteva e si doveva fare una coalizione democratica di governo quando subito dopo le elezioni di febbraio la proponeva ragionevolmente Bersani, ma troppi gentiluomini di ventura per loro calcoli infami preferirono che il berlusconismo sconfitto nelle urne tornasse a governare ancora una volta).

E dunque: cada il governo, si sciolga il parlamento e si torni a votare. E' cio' che la situazione richiede.

*

Ma la situazione richiede anche qualcosa di piu': richiede che le prossime elezioni vedano presente e protagonista la sinistra della nonviolenza, che si faccia persuasa promotrice della coalizione piu' ampia possibile dell'area antifascista democratica, cosi' che finalmente si vada a un confronto netto tra campo democratico e campo fascista, e si possa finalmente sconfiggere definitivamente la destra eversiva berlusconiana e le nuove destre che da Berlusconi mutuano pressoche' tutto anche se pretendono di essere ad essolui avversarie (si e' visto flagrante in questi anni il loro effettuale totalitarismo e la loro fin esibita subalternita' alla destra eversiva; e si e' visto in questi mesi quale e' stato il loro ruolo effettuale nella vicenda parlamentare che ha riportato Berlusconi al governo).

*

La situazione richiede la sinistra della nonviolenza per la coalizione dell'intero fronte antifascista e nella coalizione dell'intero fronte antifascista.

La situazione richiede questa coalizione, poiche' senza di essa si rischia di non uscire dallo stallo (ovvero si rischia di continuare a sprofondare nel precipizio) o addirittura di consegnare ancora una volta la vittoria elettorale e quindi il governo del paese alla destra antidemocratica vecchia e nuova.

La situazione richiede che questa coalizione abbia un programma minimo che sia un esplicito accordo limitato, un accordo semplice e limpido su alcuni contenuti definiti con chiarezza tra soggetti diversi che su altre questioni restano su posizioni distinte e prevedibilmente anche distanti.

La situazione richiede soprattutto che la sinistra della nonviolenza si presenti con sue liste e formuli un suo programma sul quale chiedere un consenso popolare forte per divenire egemone nel campo democratico: un programma femminista ed ecologista, socialista e libertario, un programma contro la guerra e contro il razzismo, un programma di lotta nonviolenta delle persone e delle classi oppresse e sfruttate per realizzare gli scopi enunciati nei principi fondamentali della Costituzione repubblicana. Un programma che assuma come criteri le direttrici d'azione della Carta del Movimento Nonviolento fondato da Aldo Capitini: "1. l'opposizione integrale alla guerra; 2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione; 3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario; 4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo".

*

E quando diciamo la sinistra della nonviolenza pensiamo alle persone, ai movimenti, alle organizzazioni, alle esperienze che conducono le lotte sociali contro la violenza del maschilismo; che conducono le lotte sociali contro la violenza del capitale; che conducono le lotte sociali contro la violenza del razzismo; che conducono le lotte sociali contro la violenza del militarismo, del riarmo, della guerra; che conducono le lotte sociali contro la violenza del consumismo; che conducono le lotte sociali contro la violenza dell'oscurantismo e del totalitarismo; che conducono le lotte sociali contro la violenza mafiosa, contro la violenza imperiale, contro la violenza fin microfisica degli apparati del potere.

Quando diciamo la sinistra della nonviolenza pensiamo alle persone, ai movimenti, alle organizzazioni, alle esperienze che nella lotta politica e sociale e culturale ed insieme nella vita quotidiana lottano contro le gerarchie che negano la dignita' umana alla maggioranza dell'umanita'; pensiamo alle persone, ai movimenti, alle organizzazioni, alle esperienze che nella lotta politica e sociale e culturale ed insieme nella vita quotidiana lottano contro la devastazione della biosfera.

La sinistra della nonviolenza e' ora messa alla prova. E il tempo concesso per decidersi, organizzarsi, mobilitarsi ed agire e' poco.

 

2. APPELLI. "VITERBO OLTRE IL MURO" CHIEDE AGLI ENTI LOCALI UN IMPEGNO CONTRO LA GUERRA

 

"Viterbo oltre il muro" condivide e ripropone l'appello agli enti locali affinche' si impegnino per la cessazione della illegale ed insensata partecipazione italiana alla guerra in corso in Afghanistan.

*

Ai sindaci dei Comuni

ai Presidenti delle Province

ai Presidenti delle Regioni

Egregi signori,

come si puo' restare indifferenti dinanzi all'orrore dei quotidiani massacri in Afghanistan?

Come si puo' restare indifferenti dinanzi all'illegale ed insensata partecipazione italiana a quella guerra scellerata?

Troppe persone sono gia' state assurdamente uccise.

La guerra consiste di stragi.

Solo la pace salva le vite.

Si adoperi l'Italia per la pace e i diritti umani.

Il primo diritto di ogni essere umano e' il diritto a non essere ucciso.

Cessi subito la partecipazione italiana alla guerra.

Vi chiediamo di chiedere al governo di far cessare immediatamente l'illegale ed insensata partecipazione italiana alla guerra in corso in Afghanistan.

Vi chiediamo di chiedere al governo di cessare immediatamente di sperperare delittuosamente ingentissime risorse pubbliche per far morire degli esseri umani.

Vi chiediamo di chiedere al governo di utilizzare piuttosto quelle ingentissime risorse pubbliche per salvare la vita delle persone: per educazione, sanita', assistenza, infrastrutture civili, tutela e risanamento ambientale, diritto alla casa e al lavoro.

Vi chiediamo di chiedere al governo di rispettare finalmente la Costituzione della Repubblica Italiana a cui tutti i ministri hanno giurato di essere fedeli; la Costituzione troppo a lungo scandalosamente violata; la Costituzione che dichiara che "L'Italia ripudia la guerra".

"Viterbo oltre il muro", gruppo di formazione e informazione nonviolenta

Viterbo, 25 luglio 2013

*

Il gruppo di formazione e informazione nonviolenta "Viterbo oltre il muro" ha realizzato tra il 2009 e il 2011 una intensa attivita' formativa, con una prolungata serie di incontri a cadenza settimanale. Alcuni dei suoi animatori hanno realizzato nel 2010 una rilevante ricerca sulla situazione attuale della nonviolenza in Italia, con centinaia di interviste ai principali studiosi ed attivisti della nonviolenza nel nostro paese. Il gruppo ha sostenuto altre associazioni impegnate in iniziative di difesa dei diritti umani, per la pace, per la difesa della biosfera, sia partecipando ad incontri formativi, di studio e di riflessione, sia contribuendo a mobilitazioni civiche caratterizzate dalla scelta nitida e intransigente della democrazia, della solidarieta', della responsabilita' e della nonviolenza, sia collaborando attivamente col "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo che dagli anni Settanta del secolo scorso e' la memoria storica e il principale punto di riferimento dell'impegno pacifista, antimilitarista, ecologista e nonviolento nell'Alto Lazio e che da quattordici anni pubblica il notiziario telematico quotidiano "La nonviolenza e' in cammino".

 

3. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

 

Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.

Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:

1. l'opposizione integrale alla guerra;

2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;

3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;

4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.

Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.

Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.

 

4. PER SAPERNE DI PIU'

 

Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 1347 del 26 luglio 2013

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com , sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com