[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Nonviolenza] Coi piedi per terra. 777



 

===================

COI PIEDI PER TERRA

===================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"

Numero 777 del 17 dicembre 2013

 

In questo numero:

1. Alcuni testi del mese di novembre 2013 (parte prima)

2. Le vittime

3. Breve un ragionamento

4. Ad un mese dalla strage del 3 ottobre

5. Il 4 novembre a novantacinque anni dalla fine dell'"inutile strage" della prima guerra mondiale

6. Nel ricordo di Mario Cuminetti e di Massimo Paolicelli

7. Tutti i morti parlano ai vivi

8. "All'ascolto della voce dei morti, deducendone il dovere dei vivi"

9. La strage, l'artiglio

10. Commemorato Giuseppe Di Vittorio a Viterbo

11. Lo scandalo, il compito

12. Il primo e l'ultimo comandamento

13. Diciamo il 4 novembre cio' che ogni persona ragionevole sa

14. Commemorate a Viterbo le vittime della guerra. Scandalo per le dichiarazioni del Presidente della Repubblica

15. Un sindaco fedele alla Costituzione, un sindaco fedele all'umanita'

16. Miracolo a Messina

17. Scriviamo a Renato Accorinti per ringraziarlo. Una proposta alle persone impegnate contro la guerra e contro le uccisioni

18. Quando noi morti ci destiamo

19. Ricordato a Viterbo Giorgio La Pira nell'anniversario della scomparsa. I partecipanti ringraziano il sindaco di Messina Renato Accorinti

20. Associazione "Respirare": Solidali con il sindaco Accorinti

 

1. MATERIALI. ALCUNI TESTI DEL MESE DI NOVEMBRE 2013 (PARTE PRIMA)

 

Riproponiamo qui alcuni testi apparsi sul nostro foglio nel mese di novembre 2013.

 

2. LE VITTIME

 

Le vittime delle stragi nel Mediterraneo.

Le vittime della schiavitu' e dell'apartheid.

Le vittime delle misure hitleriane imposte dai governi razzisti dell'Unione Europea e dell'Italia.

*

E le vittime delle guerre in corso.

Le vittime della produzione e del commercio di armi.

Le vittime degli eserciti e delle milizie.

Le vittime delle dittature e delle mafie tutte.

*

Le vittime che non riesco a togliermi dalla mente.

Le vittime che basterebbe un nonnulla a salvarle.

Basterebbe prender sul serio la Carta dell'Onu, la Costituzione italiana che ripudia la guerra.

Basterebbe proibire le armi: la loro produzione, il loro commercio, il loro possesso, il loro uso.

Basterebbe riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di spostarsi legalmente e liberamente su tutto il pianeta.

*

Questo vogliamo dire questo quattro novembre.

Ogni essere umano ha diritto alla vita, ha diritto alla dignita', ha diritto alla solidarieta' degli altri esseri umani.

Vi e' una sola umanita'.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

 

3. BREVE UN RAGIONAMENTO

 

Non si oppone alle uccisioni chi non si oppone alla guerra.

Non si oppone alla guerra chi non si oppone agli eserciti.

Non si oppone agli eserciti chi non si oppone alle armi.

Non si oppone alle armi chi non si oppone alla violenza.

Non si oppone alla violenza chi non sceglie la nonviolenza.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

 

4. AD UN MESE DALLA STRAGE DEL 3 OTTOBRE

 

Ad un mese dalla strage del 3 ottobre chiediamo ancora al parlamento italiano di abrogare le misure razziste responsabili delle stragi dei migranti nel Mediteraneo; chiediamo ancora che si riconosca il diritto di tutti gli esseri umani ad entrare in Italia in modo legale e sicuro.

Ad un mese dalla strage del 3 ottobre chiediamo un semplice e necessario provvedimento legislativo che salvi le vite.

Ad un mese dalla strage del 3 ottobre chiediamo che lo stato italiano rispetti e realizzi la sua Costituzione antifascista e democratica, rispetti e difenda la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani.

Il razzismo e' un crimine contro l'umanita'.

 

5. IL 4 NOVEMBRE A NOVANTACINQUE ANNI DALLA FINE DELL'"INUTILE STRAGE" DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

 

Il 4 novembre a novantacinque anni dalla fine dell'"inutile strage" della prima guerra mondiale a Viterbo come altrove ricorderemo le vittime di tutte le guerre con le commemorazioni nonviolente al motto di "Ogni vittima ha il volto di Abele".

Il 4 novembre a novantacinque anni dalla fine dell'"inutile strage" della prima guerra mondiale a Viterbo come altrove nel ricordo e nel nome delle vittime di tutte le guerre riaffermeremo il dovere di opporsi alla guerra e alle uccisioni, il dovere di salvare le vite.

Pace, disarmo, smilitarizzazione.

Vi e' una sola umanita'.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

 

6. NEL RICORDO DI MARIO CUMINETTI E DI MASSIMO PAOLICELLI

 

Si e' svolto nel pomeriggio di venerdi' primo novembre 2013 a Viterbo presso il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" un incontro in memoria di Mario Cuminetti, di cui ricorreva l'anniversario della scomparsa, avvenuta il primo novembre 1995.

Ma l'incontro si e' trasformato anche in una commemorazione di Massimo Paolicelli, una delle figure piu' vive dell'impegno nonviolento, deceduto oggi dopo una lunga malattia.

Nel ricordo di Mario Cuminetti e nel lutto per Massimo Paolicelli le persone partecipanti all'incontro hanno rinnovato l'impegno contro tutte le guerre e le uccisioni, contro tutte le persecuzioni e le oppressioni; per la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani e per la difesa della biosfera.

*

Una breve notizia su Mario Cuminetti

Mario Cuminetti e' nato ad Albino, vicino Bergamo, nel 1934, e' scomparso a Milano nel 1995. Teologo, operatore culturale, saggista. Ha scritto su "Testimonianze", "Rocca", "Linea d'ombra", su "Servitium" (di cui e' stato anche direttore). Profondamente coinvolto nell'esperienza della "Corsia dei Servi" nata nel dopoguerra intorno a David Maria Turoldo e Camillo De Piaz, e quindi della "Nuova Corsia", e' stato una persona di grande rigore morale e intellettuale, di intenso impegno sociale, civile, culturale, politico nel senso piu' alto. Tra le opere di Mario Cuminetti: La teologia della liberazione in America Latina, Borla, Bologna 1975; Il dissenso cattolico in Italia, Rizzoli, Milano 1983; Seminare nuovi occhi nella terra, Il Saggiatore, Milano 1996 (volume che contiene anche un'ampia rassegna degli scritti di Cuminetti, a cura di Luca Ghisleri).

*

Una breve notizia su Massimo Paolicelli

Massimo Paolicelli e' stato presidente dell'Associazione obiettori nonviolenti; da sempre impegnato nei movimenti pacifisti, nonviolenti, di solidarieta', e' stato generosamente partecipe di innumerevoli rilevanti iniziative nonviolente, di solidarieta' concreta, pacifiste, disarmiste, ecologiste, per i diritti umani di tutti gli esseri umani. Tra le opere di Massimo Paolicelli: (con Antonio Nanni), Comportamenti di pace, Cipax, Roma 1990; Agenda dei comportamenti di pace, Icone, Roma 1996; (con Claudio Di Blasi), Piccoli obiettori crescono, Icone, Roma 1998. Un profilo di Massimo Paolicelli e molti utili materiali sono nel suo sito: www.massimopaolicelli.it

 

7. TUTTI I MORTI PARLANO AI VIVI

 

"d'aprir lo core a l'acque de la pace"

(Purg., XV, 131)

 

Tutti i morti parlano ai vivi

ed e' questa la loro parola:

non uccidere, e' questa la sola

buona regola finche' tu vivi.

 

Questo dice la voce dei morti

ai viventi che porgono ascolto:

non uccidere, non fare torti

alla carne che soffre ed al volto.

 

Tutti ancora scorrono i rivi

tutti ancora s'ingemmano gli ulivi.

 

Piu' sottile del soffio del vento

va la voce dei morti ai viventi:

reca aita a chi soffre tormento,

alla vita degli altri consenti.

 

Quando i vivi ascoltano i morti

solo odono questa parola:

non uccidere, e' questa la sola

buona norma dei cuori dei forti.

 

8. "ALL'ASCOLTO DELLA VOCE DEI MORTI, DEDUCENDONE IL DOVERE DEI VIVI"

 

Nel giorno del ricordo di tutti i morti, sabato 2 novembre 2013 il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" ha realizzato a Viterbo un incontro di riflessione "All'ascolto della voce dei morti, deducendone i doveri dei vivi".

Nel corso dell'incontro sono stati letti e commentati alcuni testi di Lucrezio, di Giacomo Leopardi, di Rosa Luxemburg, di Virginia Woolf, di Simone Weil, di Ernesto De Martino, di Hannah Arendt, di Primo Levi, di Franco Fortini, di Luce Fabbri.

Dall'ascolto delle grandi autrici e dei grandi autori si e' dipanato il filo di un ragionamento che convoca alla scelta di opporsi ad ogni ingiustizia e ad ogni menzogna, alla scelta di contrastare ogni oppressione con la forza della verita', con la lotta nonviolenta in difesa della vita, della dignita' e dei diritti di ogni essere umano, in difesa dell'intero mondo vivente.

*

Concludendo l'incontro, il responsabile della struttura nonviolenta viterbese, Peppe Sini, ha riassunto la riflessione svolta.

La vita e' quel bene senza del quale nessun altro bene si da'. Togliere a un essere umano la vita significa quindi togliergli tutti i beni. La guerra di questo consiste: dell'uccisione di esseri umani, ed essa e' quindi il crimine piu' vasto e piu' radicale, l'agire piu' scellerato. Gli strumenti della guerra, gli apparati della guerra, sono ordinati pertanto alla commissione del crimine piu' grave. Abolire la guerra richiede altresi' di abolire gli eserciti e le armi, tutti gli strumenti e tutte le organizzazioni funzionali alla commissione di uccisioni. Ricordare le vittime delle guerre passate implica il dovere morale di opporsi alle guerre presenti e future, implica il compito di adoperarsi hic et nunc per il disarmo e la smilitarizzazione, implica agire oggi per salvare le vite.

In questi giorni non di festa, ma di lutto, rinnovando la fedelta' di ogni essere umano all'umanita' intera di cui ciascuna persona e' parte, risuoni ovunque l'appello alla pace, a salvare le vite: si affermi la consapevolezza che ogni vittima ha il volto di Abele, si affermi la consapevolezza della responsabilita' di tutti e di ciascuno, si affermi la consapevolezza che l'unico modo degno di onorare i defunti e' prendersi cura dei vivi.

*

Le persone partecipanti all'incontro hanno ancora una volta espresso il loro sostegno alle iniziative in corso contro il femminicidio, contro il razzismo, contro la guerra, per il disarmo, in difesa della biosfera.

In particolare hanno ancora una volta espresso sostegno all'appello al parlamento italiano affinche' "faccia cessare le stragi nel Mediterraneo legiferando il diritto per tutti gli esseri umani ad entrare in Italia - ed attraverso l'Italia in Europa - in modo legale e sicuro", ed all'appello "Ogni vittima ha il volto di Abele" promosso dal Movimento Nonviolento, da Peacelink e dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, "affinche' il 4 novembre si realizzino in tutte le citta' d'Italia commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre, commemorazioni che siano anche solenne impegno contro tutte le guerre e le violenze; affinche' il 4 novembre, anniversario della fine dell'"inutile strage" della prima guerra mondiale, cessi di essere il giorno in cui i poteri assassini irridono gli assassinati, e diventi invece il giorno in cui nel ricordo degli esseri umani defunti vittime delle guerre gli esseri umani viventi esprimono, rinnovano, inverano l'impegno affinche' non ci siano mai piu' guerre, mai piu' uccisioni, mai piu' persecuzioni".

 

9. LA STRAGE, L'ARTIGLIO

 

Sembro' che la strage di migranti del 3 ottobre sommovesse le coscienze in questo paese.

Sembro' che finanche il presidente del Consiglio dei ministri si rendesse conto che quel crimine era l'ennesimo lugubre frutto di sangue delle scellerate antileggi razziste italiane ed europee.

Sembro' che finalmente nel paese e nel parlamento si fosse capito che occorre riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di salvare la propria vita lasciando i luoghi in cui essa e' in estremo pericolo e recandosi ove poter trovare rispetto e protezione.

Sembro' che vi fosse un'ampia volonta' di abrogare le infami misure razziste e assassine che precedenti governi golpisti hanno imposto in questo paese nella complice indifferenza di troppi.

Sembro' nei giorni successivi alla strage che vi fosse un sussulto di dignita', di umanita'.

Invece un mese e' passato, e nulla e' stato fatto di cio' che era e resta necessario fare.

Nulla.

Ed anzi si sono vieppiu' scatenati i razzisti, senza neppure la maschera dell'ipocrisia.

*

Quello che occorre fare e' chiaro ed evidente, e lo andiamo ripetendo da tempo anche in forma di semplice esplicito appello: il parlamento italiano faccia cessare le stragi nel Mediterraneo legiferando il diritto per tutti gli esseri umani ad entrare in Italia - ed attraverso l'Italia in Europa - in modo legale e sicuro. Ogni essere umano ha diritto alla vita. Ogni essere umano ha diritto alla libera circolazione sull'unico pianeta casa comune dell'umanita' intera. Vi e' una sola umanita' e tutti gli esseri umani ne fanno parte.

*

Il parlamento italiano cessi di essere insieme al governo primario corresponsabile delle stragi, e deliberi finalmente il semplice provvedimento legislativo che salverebbe innumerevoli vite e restituirebbe dignita' di ordinamento giuridico democratico al nostro paese.

 

10. COMMEMORATO GIUSEPPE DI VITTORIO A VITERBO

 

Ricorre il 3 novembre l'anniversario della scomparsa di Giuseppe Di Vittorio, deceduto a Lecco il 3 novembre 1957. Era nato a Cerignola l'11 agosto 1892, ed e' stato guida e simbolo delle lotte delle classi lavoratrici per l'emancipazione dell'umanita'.

*

Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo lo ha ricordato la mattina di domenica 3 novembre 2013 con una commemorazione nel corso della quale ne sono stati riletti alcuni scritti e discorsi e ne e' stata ripercorsa la biografia di combattente antifascista, di dirigente politico e sindacale della classe operaia, di oppositore del totalitarismo, di persona costantemente, tenacemente, eroicamente impegnata per la giustizia, la liberta', la solidarieta', la liberazione dell'umanita'.

Concludendo la commemorazione il responsabile della struttura nonviolenta viterbese ha evidenziato che Giuseppe Di Vittorio e' stato e resta uno dei testimoni e dei maestri piu' grandi della nonviolenza in cammino, della lotta concreta e coerente contro tutte le oppressioni, dell'impegno per la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani.

*

Le persone partecipanti alla commemorazione hanno ancora una volta espresso il loro sostegno alle iniziative in corso contro il femminicidio, contro il razzismo, contro la guerra, per il disarmo, in difesa della biosfera, per la giustizia sociale e i diritti fondamentali di tutti gli esseri umani...

 

11. LO SCANDALO, IL COMPITO

 

Lo scandalo delle uccisioni che continua. Lo scandalo delle guerre.

Uccidere ed essere uccisi: ci puo' essere qualcosa di piu' barbaro, di piu' folle, di piu' scellerato?

Eppure questa barbarie, questa follia, questa scelleraggine continua.

Quale persona non sente, non sa, che ogni essere umano ha diritto alla vita?

Quale persona non sente, non sa, che la guerra e' nemica dell'umanita'?

Abolire le guerre e' il primo dovere di ogni persona sensata, il primo dovere di ogni ordinamento giuridico democratico, il primo dovere dell'umanita'.

Il 4 novembre, nel ricordo delle vittime di tutte le guerre, questo diremo con le nostre commemorazioni nonviolente: che occorre abolire la guerra, gli eserciti, le armi.

Opporsi a tutte le guerre, opporsi a tutte le uccisioni, opporsi a tutte le persecuzioni, opporsi a tutte le sopraffazioni; riconoscere, rispettare e difendere la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani; proteggere la biosfera casa comune dell'intera umanita'; costruire la pace e la giustizia, la solidarieta' e la condivisione: e' il compito cui tutte le persone senzienti e pensanti, tutte le esperienze associative e comunitarie, tutte le istituzioni legittime sono chiamate.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

 

12. IL PRIMO E L'ULTIMO COMANDAMENTO

 

Non essere tu la lama di vento

non essere tu la frusta di sabbia.

 

Troppi sono gia' morti.

Tutti dovremo morire.

Troppo e' gia' breve la vita.

 

Non altro comando conosco che questo cogente:

tu non uccidere, tu non precipitare

nessuno nel pozzo del niente.

 

Non altro comando conosco che questo pietoso:

tu non uccidere, tu non annegare

nessuno nell'abisso doloroso.

 

Non altro comando conosco che questo benigno:

tu non uccidere, tu non schiacciare

nessuno sotto un macigno.

 

Troppo e' gia' breve la vita.

Tutti dovremo morire.

Troppi sono gia' morti.

 

Non essere tu l'artiglio nel buio

non essere tu il seme del pianto.

 

13. DICIAMO IL 4 NOVEMBRE CIO' CHE OGNI PERSONA RAGIONEVOLE SA

 

Ogni persona ragionevole sa che occorre lottare contro l'ingiustizia, contro la menzogna, contro l'oppressione, contro la violenza. Per difendere la propria vita e la propria dignita', la vita e la dignita' di ogni essere umano, la vita e la dignita' dell'umanita' intera.

E nessuna ingiustizia, nessuna menzogna, nessuna oppressione, nessuna violenza e' piu' scellerata che uccidere un essere umano.

La guerra dunque, che dell'uccisione di esseri umani consiste, e' il crimine piu' scellerato.

Le armi dunque, che per uccidere e solo per uccidere servono, e che della guerra sono l'ingrediente indispensabile, sono strumento del crimine piu' scellerato.

Gli eserciti e tutti i gruppi armati dunque, che per uccidere si organizzano, si addestrano, si schierano ed operano, e che della guerra sono la fondamentale macchina, sono strumento del crimine piu' scellerato.

*

Il 4 novembre si ricorda in Italia la fine dell'inutile strage della "grande guerra" 1914-1918; all'epoca ovviamente non la si chiamava "la prima guerra mondiale", poiche' non si immaginava che ve ne sarebbe stata una seconda ancora piu' terrificante. Ne' si poteva immaginare che il progresso tecnologico avrebbe presto creato armi di tale potenza che negli arsenali da vari decenni ve ne sono a sufficienza per distruggere piu' e piu' volte la civilta' umana e devastare e contaminare irreversibilmente la biosfera.

Le vittime di quella guerra che si concluse il 4 novembre 1918, e le vittime di tutte le guerre, ci convocano a un impegno: all'impegno a far cessare le guerre, all'impegno a far cessare le stragi, all'impegno a non fare altre vittime.

Ricordare ed onorare le vittime di quella guerra, e le vittime di tutte le guerre, e' possibile ad una sola condizione: adempiendo quell'impegno doveroso contro tutte le guerre e contro tutte le uccisioni, adempiendo quell'impegno a non fare altre vittime.

Il 4 novembre cessi quindi di essere l'oscena, insensata, scellerata festa dei poteri armati guerrieri e assassini, e diventi invece finalmente il giorno del lutto per tutte le vittime e quindi il giorno dell'impegno contro tutte le guerre e le violenze, contro tutti gli eserciti e gli armigeri, contro tutte le armi assassine.

*

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Vi e' una sola umanita'.

Ogni essere umano ha diritto alla vita.

Pace, disarmo, smilitarizzazione.

 

14. COMMEMORATE A VITERBO LE VITTIME DELLA GUERRA. SCANDALO PER LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 

Si e' svolta il 4 novembre 2013 a Viterbo la commemorazione nonviolenta delle vittime di tutte le guerre.

Una delegazione del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani", come ogni anno dal 2002, ha reso omaggio alle vittime di tutte le guerre anche questo 4 novembre, nell'anniversario della fine della "inutile strage" della prima guerra mondiale.

Anche quest'anno la commemorazione nonviolenta si e' svolta in orario distinto e distante dagli scandalosi festeggiamenti dei poteri assassini. Solo chi si oppone alla guerra fa sincera, meditata, empatica memoria delle vittime della guerra; chi stolidamente, ipnoticamente, barbaramente festeggia le armi assassine offende ancora una volta le vittime delle armi assassine.

Anche quest'anno la commemorazione nonviolenta si e' svolta nel modo consueto: nel silenzio reverente e commosso, nel dolore immedicabile del lutto di chi ricorda le innumerevoli vite umane troncate, ed in loro nome si impegna affinche' cessino le uccisioni, cessino le guerre.

Al termine della commemorazione e' stato letto un brano dai Vangeli in greco, un brano di Lucrezio in latino, un brano di Dante in italiano.

*

Come d'abitudine, conclusa l'austera celebrazione, una breve dichiarazione ha ribadito le forti ragioni delle commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre e l'impegno a fare del 4 novembre un giorno di lutto pietoso e di appello all'impegno morale e civile per la pace e il disarmo che salva le vite, facendo infine cessare l'assurda, macabra, lugubre, oscena festa dei poteri assassini.

Vi e' una sola umanita'. Ogni vittima ha il volto di Abele.

Le guerre, gli eserciti, le armi, sempre e solo uccidono gli esseri umani. La guerra e' nemica dell'umanita'.

L'umanita' abolisca la guerra, gli eserciti, le armi; e realizzi il rispetto della vita, della dignita' e dei diritti di tutti gli esseri umani, promuova l'universale solidarieta', difenda la biosfera.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

*

Successivamente il responsabile della struttura nonviolenta viterbese, Peppe Sini, ha commentato con vivo sdegno ed amarezza profonda il messaggio e il discorso odierni del Presidente della Repubblica (entrambi disponibili nel sito del Quirinale).

Quelle del capo dello Stato sono state ancora una volta dichiarazioni scandalosamente militariste che offendono la memoria delle vittime delle guerre passate ed in corso, un esercizio di ipocrisia privo di pieta', una vacua retorica che occulta l'orrore della guerra, che e' sempre omicida, stragista. Alla violenza incapsulata nella scandalosa propaganda riarmista, militarista e quindi guerrafondaia dell'attuale Presidente della Repubblica ogni persona dotata del ben dell'intelletto agevolmente sa replicare con le severe e nobili parole di un altro, indimenticabile Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, che seppe dire chiaro e forte il compito attuale dell'umanita': "Si svuotino gli arsenali di guerra, sorgente di morte, si colmino i granai, sorgente di vita per milioni di creature umane che lottano contro la fame".

Con l'iniziativa nonviolenta "Ogni vittima ha il volto di Abele" i movimenti nonviolenti e le persone di volonta' buona che ad essa aderiscono intendono evidenziare l'assurdita' e l'illiceita' dei festeggiamenti dei poteri armati e delle uccisioni alla cui commissione quei poteri sono disposti, e concretamente propongono invece che il 4 novembre sia giorno di lutto per le vittime di tutte le guerre e quindi giorno di monito ed impegno contro tutte le guerre, per la pace, il disarmo, la smilitarizzazione.

Ogni vittima ha il volto di Abele. Uccidere e' un crimine sempre.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

 

15. UN SINDACO FEDELE ALLA COSTITUZIONE, UN SINDACO FEDELE ALL'UMANITA'

 

Riferisce l'Ansa - che riporta anche la relativa documentazione fotografica - che il sindaco di Messina, Renato Accorinti, in occasione della celebrazione del 4 novembre ha esposto la bandiera arcobaleno della pace recante il testo dell'incipit dell'articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana: "L'Italia ripudia la guerra".

Il sindaco di Messina ha inoltre rivolto un appello a tutti i sindaci per la pace e il disarmo, citando le memorabili parole di Sandro Pertini e richiamando al rispetto dell'articolo 11 della Costituzione.

*

Al sindaco di Messina la nostra gratitudine.

Al sindaco di Messima la gratitudine dei cittadini italiani fedeli alla Costituzione.

Al sindaco di Messina la gratitudine dell'umanita'.

*

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Pace, disarmo, smilitarizzazione.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita' dalla catastrofe.

*

Il gruppo di lavoro su "La nonviolenza in Italia oggi"

Viterbo, 4 novembre 2013

 

16. MIRACOLO A MESSINA

 

Questo 4 novembre e' avvenuto un miracolo a Messina.

Che e' poi il secondo miracolo, il primo e' stato mesi addietro quando dalla cittadinanza e' stato eletto sindaco Renato Accorinti, amico della nonviolenza, animatore del comitato "No al ponte".

Ed e' stato proprio il sindaco Renato Accorinti ad aver realizzato questo secondo miracolo: nella celebrazione istituzionale del 4 novembre ha finalmente fatto risuonare la voce della Repubblica italiana che ripudia la guerra, la voce dell'umanita' straziata da tutte le stragi, la voce della ragione, la voce della civilta': la voce che dice no alla guerra, no alle uccisioni, si' all'umana solidarieta', si' al riconoscimento che tutti gli esseri umani sono fratelli.

Verra' un tempo, e noi lavoriamo affinche' giunga presto, in cui tutte le celebrazioni del 4 novembre saranno come quella del sindaco di Messina, in cui in tutta Italia il 4 novembre, anniversario della fine della "inutile strage" della prima guerra mondiale, nel ricordo delle vittime di tutte le guerre si affermera' il dovere di non uccidere, il dovere di salvare le vite.

Verra' un tempo in cui l'umanita' si sara' liberata dagli eserciti e dalle armi, e guardando al passato provera' stupore di tanta e tanto atroce follia.

Al sindaco di Messina il nostro ringraziamento per il suo profetico gesto.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

La nonviolenza e' in cammino.

 

17. SCRIVIAMO A RENATO ACCORINTI PER RINGRAZIARLO. UNA PROPOSTA ALLE PERSONE IMPEGNATE CONTRO LA GUERRA E CONTRO LE UCCISIONI

 

Crediamo che sia una buona cosa scrivere lettere di ringraziamento e sostegno al sindaco di Messina Renato Accorinti per il luminoso intervento svolto il 4 novembre 2013 nel corso della celebrazione istituzionale tenutasi in quella citta', intervento in cui ricordando l'indimenticabile motto di Sandro Pertini ("Si svuotino gli arsenali di guerra, sorgente di morte, si colmino i granai, sorgente di vita per milioni di creature umane che lottano contro la fame") e l'articolo 11 della Costituzione ("L'Italia ripudia la guerra") ha invitato con parole di verita' all'impegno contro tutte le guerre e le uccisioni, per il disarmo, per la pace e la fratellanza fra tutti gli esseri umani. Al discorso il sindaco ha poi accompagnato lo spiegamento della bandiera della pace su cui erano scritte le parole di Pertini e della Costituzione.

Crediamo inoltre che sia una buona cosa inviare copia di queste lettere, o altre del medesimo contenuto, anche ai mass-media locali e nazionali affinche' valorizzino il profetico gesto del primo cittadino di Messina.

E lettere analoghe suggeriamo di inviare a ministri, parlamentari ed amministratori locali di tutta Italia (gli altri sindaci in primo luogo) affinche' dal sindaco messinese prendano esempio e si adoperino anch'essi contro la guerra, per il disarmo, per salvare le vite.

Ringraziare Renato Accorinti ci sembra dovere di ogni persona di retto sentire e di volonta' buona, di ogni associazione e movimento democratici, di ogni istituzione fedele alla Costituzione della Repubblica Italiana...

 

18. QUANDO NOI MORTI CI DESTIAMO

 

1. L'intervento del sindaco di Messina alla celebrazione del 4 novembre e' stato un kairos: un tempo di verita'. Nelle sue parole sincere e nei suoi semplici gesti si e' fatta chiara l'essenza di cio' che il 4 novembre autenticamente significa: anniversario della fine dell'"inutile strage" della prima guerra mondiale; memoria di tutte le vittime della guerra; impegno a salvare le vite attraverso il ripudio della guerra, il disarmo, la fraternita' che ogni essere umano riconosce e raggiunge e soccorre.

In quelle poche parole, in quei nudi gesti, il primo cittadino rappresentante di tutti i cittadini di Messina ha smascherato ogni violenza, ha denunciato la guerra come crimine contro l'umanita', ha messo in luce la cosa decisiva, il vero dovere, l'assoluta ed irrefutabile necessita': che devono cessare tutte le guerre, che devono cessare tutte le uccisioni, e quindi che devono essere aboliti tutti gli eserciti, che devono scomparire tutte le armi; ovvero ha espresso la consapevolezza dirimente, il riconoscimento ineludibile, il fondamento della civile convivenza, dell'unica civilta': che vi e' una sola umanita', che ogni essere umano ha diritto a vivere, che ogni persona ha ed e' un valore infinito, che il primo dovere e' la solidarieta'.

*

2. Cio' che ha dato straordinario rilievo all'intervento del sindaco di Messina era il fatto che egli rappresentasse la sua citta' e fosse cola' il piu' autorevole rappresentante dell'ordinamento giuridico democratico, dello stato italiano retto dalla Costituzione repubblicana e nato dalla Resistenza antifascista; il fatto quindi che in quella circostanza fosse la piu' autorevole personalita' istituzionale presente: e che abbia saputo rappresentare nel modo piu' degno ed autentico il popolo di Messina, il popolo italiano, l'umanita'.

*

3. Finalmente almeno a Messina la cerimonia istituzionale del 4 novembre e' divenuta quello che dovrebbe sempre essere: memoria delle vittime e giuramento nel loro nome ad adoperarsi sempre, concretamente, coerentemente, per salvare le vite: opponendosi a tutte le guerre, a tutte le uccisioni, a tutte le omissioni di soccorso, a tutte le violenze: affermando la nonviolenza come fondamento - sia di diritto che di fatto - della civilta' umana, della legalita', della convivenza.

*

4. Dobbiamo ora premere su tutti gli altri sindaci italiani, ed in primis su quelli che aderiscono al Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e i diritti umani, quelli che aderiscono alla Rete dei Comuni virtuosi, quelli che aderiscono all'associazione degli enti locali collegati alla rete antimafia di Libera, quelli che aderiscono alle tante altre forme associative degli enti locali persuasamente impegnati per la Costituzione che ripudia la guerra, ed insomma dobbiamo premere su tutti i sindaci e su tutti gli enti locali affinche' il prossimo anno tutti i sindaci, tutti i rappresentanti istituzionali, il 4 novembre cessino di essere subalterni alla retorica infame dei poteri assassini, cessino di essere complici dell'oscena, macabra, ignobile festa delle armi e degli armigeri uccisori, e facciano finalmente delle celebrazioni istituzionali del 4 novembre commemorazioni adeguate al giorno del lutto per tutte le vittime di tutte le guerre, facciano finalmente del 4 novembre il giorno dell'affermazione nitida ed intransigente dell'impegno ad adempiere il compito indicato dalla Costituzione della Repubblica Italiana che, come recita lapidario e luminoso l'incipit dell'articolo 11, "ripudia la guerra".

*

5. Ma contemporaneamente, congiuntamente, contestualmente, e soprattutto, dobbiamo rilanciare l'iniziativa nonviolenta "Ogni vittima ha il volto di Abele": poiche' laddove non si ha ancora una rappresentanza istituzionale persuasa del bene, fedele alla Costituzione ed all'umanita', bisogna costruire dal basso il vero 4 novembre dalla parte delle vittime contro tutte le uccisioni e quindi contro tutti gli strumenti e gli apparati assassini: sostituendo le commemorazioni nonviolente alla scellerata festa dei poteri assassini, dei mandanti, degli esecutori e dei complici delle stragi.

Costruire dal basso l'alternativa nonviolenta ed intanto premere per spostare i rappresentanti istituzionali: praticare la democrazia e promuovere la legalita', agire la nonviolenza e risvegliare con adeguata maieutica le coscienze e le intelligenze di tutte le persone, convocare le istituzioni democratiche alle loro responsabilita' ed essere frattanto noi voce veritiera del popolo italiano.

Come abbiamo scritto nell'appello che da anni promuove l'iniziativa nonviolenta "Ogni vittima ha il volto di Abele": "... il 4 novembre si realizzino in tutte le citta' d'Italia commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre, commemorazioni che siano anche solenne impegno contro tutte le guerre e le violenze. Affinche' il 4 novembre, anniversario della fine dell'"inutile strage" della prima guerra mondiale, cessi di essere il giorno in cui i poteri assassini irridono gli assassinati, e diventi invece il giorno in cui nel ricordo degli esseri umani defunti vittime delle guerre gli esseri umani viventi esprimono, rinnovano, inverano l'impegno affinche' non ci siano mai piu' guerre, mai piu' uccisioni, mai piu' persecuzioni. (...) solo opponendosi a tutte le guerre si onora la memoria delle persone che dalle guerre sono state uccise. Affermando il diritto e il dovere di ogni essere umano e la cogente obbligazione di ogni ordinamento giuridico democratico di adoperarsi per salvare le vite, rispettare la dignita' e difendere i diritti di tutti gli esseri umani".

*

6. Ed al termine di un lungo percorso di presa di coscienza e di richiamo delle istituzioni al rispetto della Costituzione, dello Statuto delle Nazioni Unite, della Dichiarazione universale dei diritti umani, si dovra' giungere ad una legge che lavi il 4 novembre dalla scandalosa macchia della "festa" della macchina bellica e dello stolto sciovinismo, e ne riconosca e sancisca anche in termini legislativi l'obiettiva realta' di ricordo della fine della "inutile strage" della prima guerra mondiale, di memoria addolorata di tutte le vittime, di impegno concreto e coerente per la pace che salva le vite.

*

7. Vi e' una poesia di Primo Levi che abbiamo frequentemente letto, anche dinanzi ai sacelli delle vittime della guerra il 4 novembre; essa s'intitola "La bambina di Pompei", e recita cosi':

 

Poiche' l'angoscia di ciascuno e' la nostra

Ancora riviviamo la tua, fanciulla scarna

Che ti sei stretta convulsamente a tua madre

Quasi volessi ripenetrare in lei

Quando al meriggio il cielo si e' fatto nero.

Invano, perche' l'aria volta in veleno

E' filtrata a cercarti per le finestre serrate

Della tua casa tranquilla dalle robuste pareti

Lieta gia' del tuo canto e del tuo timido riso.

Sono passati i secoli, la cenere si e' pietrificata

A incarcerare per sempre codeste membra gentili.

Cosi' tu rimani tra noi, contorto calco di gesso,

Agonia senza fine, terribile testimonianza

Di quanto importi agli dei l'orgoglioso nostro seme.

Ma nulla rimane fra noi della tua lontana sorella,

Della fanciulla d'Olanda murata fra quattro mura

Che pure scrisse la sua giovinezza senza domani:

La sua cenere muta e' stata dispersa dal vento,

La sua breve vita rinchiusa in un quaderno sgualcito.

Nulla rimane della scolara di Hiroshima,

Ombra confitta nel muro dalla luce di mille soli,

Vittima sacrificata sull'altare della paura.

Potenti della terra padroni di nuovi veleni,

Tristi custodi segreti del tuono definitivo,

Ci bastano d'assai le afflizioni donate dal cielo.

Prima di premere il dito, fermatevi e considerate.

 

Ed un'altra poesia di Primo Levi abbiamo letto sovente dinanzi ai sacelli delle vittime della guerra il 4 novembre, intitolata "Canto dei morti invano":

 

Sedete e contrattate

A vostra voglia, vecchie volpi argentate.

Vi mureremo in un palazzo splendido

Con cibo, vino, buoni letti e buon fuoco

Purche' trattiate e contrattiate

Le vite dei vostri figli e le vostre.

Che tutta la sapienza del creato

Converga a benedire le vostre menti

E vi guidi nel labirinto.

Ma fuori al freddo vi aspetteremo noi,

L'esercito dei morti invano,

Noi della Marna e di Montecassino

Di Treblinka, di Dresda e di Hiroshima:

E saranno con noi

I lebbrosi e i tracomatosi,

Gli scomparsi di Buenos Aires,

I morti di Cambogia e i morituri d'Etiopia,

I patteggiati di Praga,

Gli esangui di Calcutta,

Gl'innocenti straziati a Bologna.

Guai a voi se uscirete discordi:

Sarete stretti dal nostro abbraccio.

Siamo invincibili perche' siamo i vinti.

Invulnerabili perche' gia' spenti:

Noi ridiamo dei vostri missili.

Sedete e contrattate

Finche' la lingua vi si secchi:

Se dureranno il danno e la vergogna

Vi annegheremo nella nostra putredine.

*

8. Il 4 novembre cessi di essere abominevole ed usurpatrice orgia dei poteri assassini, eruzione di barbarie sciovinista e militarista; il 4 novembre deve essere quello che effettualmente e': un giorno di lutto per le vittime della guerra, e quindi un giorno di impegno affinche' non vi siano altre vittime, non vi siano piu' guerre, non vi siano piu' uccisioni.

Il lutto resta lutto e non puo' mai essere festa; il 4 novembre resta il giorno del ricordo delle vittime dell'"inutile strage". Ogni guerra e' un'inutile strage, ogni vittima ha il volto di Abele.

L'umanita' chiede pace, disarmo smilitarizzazione; l'umanita' chiede difesa della vita, della dignita' e dei diritti di tutti gli esseri umani; l'umanita' chiede rispetto e protezione dell'intero mondo vivente patria comune dell'umanita' intera.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

*

9. Dal profondo del cuore un ringraziamento a Renato Accorinti, sindaco di Messina, amico della nonviolenza, che il 4 novembre ha saputo porsi all'ascolto delle vittime, ed ha saputo essere voce dell'Italia democratica ed antifascista, voce dell'umanita'.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

La nonviolenza e' in cammino.

 

19. RICORDATO A VITERBO GIORGIO LA PIRA NELL'ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA. I PARTECIPANTI RINGRAZIANO IL SINDACO DI MESSINA RENATO ACCORINTI

 

Nell'anniversario della scomparsa avvenuta nel 1977, si e' svolta martedi' 5 novembre 2013 a Viterbo presso il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" una commemorazione di Giorgio La Pira, il sindaco di Firenze strenuo promotore della pace e dei diritti umani di tutti gli esseri umani.

*

Giorgio la Pira nacque a Pozzallo il 9 gennaio 1904, ed e' deceduto a Firenze il 5 novembre 1977. Antifascista, costituente, parlamentare, sindaco di Firenze; profonda coscienza religiosa, impegnato in rilevanti iniziative di pace e di solidarieta', fu luminoso esempio di impegno morale e civile.

*

Le persone amiche della nonviolenza partecipanti all'incontro, ricordando La Pira come uno dei maestri piu' grandi della nonviolenza in cammino, hanno espresso altresi' gratitudine e solidarieta' al sindaco di Messina, Renato Accorinti, che postosi alla sequela dell'impegno e del messaggio di pace e di nonviolenza che fu anche di La Pira, ha ieri celebrato degnamente la ricorrenza della fine della "inutile strage" della prima guerra mondiale invocando pace, disarmo, fraternita', rispetto per la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani.

*

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Pace, disarmo, smilitarizzazione.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

 

20. ASSOCIAZIONE "RESPIRARE": SOLIDALI CON IL SINDACO ACCORINTI

 

L'associazione "Respirare" esprime apprezzamento, gratitudine e solidarieta' al sindaco di Messina Renato Accorinti per le parole dette ed i gesti compiuti il 4 novembre commemorando le vittime della guerra ed affermando che la pace e' il primo dovere e la prima necessita' dell'umanita'.

*

Nel richiamo all'indimenticabile monito di Sandro Pertini "Si svuotino gli arsenali di guerra, sorgente di morte, si colmino i granai, sorgente di vita per milioni di creature umane che lottano contro la fame", nella fedelta' alla Costituzione della Repubblica Italiana che all'articolo 11 attesta inequivocabilmente che "L'Italia ripudia la guerra", nel ricordare che tutti gli esseri umani fanno parte dell'unica famiglia umana e sono quindi legati da un vincolo di fratellanza, il sindaco di Messina ha espresso il sentire e il volere di tutti i cittadini italiani, di tutti gli esseri umani: filiale pietas per tutti i defunti, soccorso ed amore per tutti i viventi; opposizione a tutte le uccisioni, le devastazioni, le violenze; responsabilita' operante in difesa della vita, della dignita' e dei diritti di tutti; attivo impegno per la pace, la giustizia e la solidarieta'.

*

Il 4 novembre tutti i cittadini italiani, tutte le persone di volonta' buona, si sono, ci siamo sentiti cittadini di Messina.

Il prossimo anno in ogni Comune d'Italia risuonino le parole del sindaco Accorinti, solo cosi' si esprime un addolorato ricordo, un sincero lutto, un autentico omaggio alle vittime della guerra; solo cosi' si esprime la scelta dell'impegno necessario per salvare tante vite umane minacciate da mostruose guerre ed orribili ingiustizie; solo cosi' si e' fedeli alla Costituzione della Repubblica Italiana.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Occorre subito l'impegno di tutti per la pace, il disarmo, la smilitarizzazione.

Ogni essere umano ha diritto alla vita. Ogni essere umano ha diritto alla solidarieta'.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

*

L'associazione "Respirare"

Viterbo, 6 novembre 2013

L'associazione "Respirare" e' stata promossa a Viterbo da associazioni e movimenti ecopacifisti e nonviolenti, per il diritto alla salute e la difesa dell'ambiente.

 

===================

COI PIEDI PER TERRA

===================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino"

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com

Numero 777 del 17 dicembre 2013

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com