[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Nonviolenza] Voci e volti della nonviolenza. 647



 

==============================

VOCI E VOLTI DELLA NONVIOLENZA

==============================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino" (anno XV)

Numero 647 del 21 agosto 2014

 

In questo numero:

1. Un sommario resoconto della riunione del 20 agosto 2014 del "Tavolo per la Pace" di Viterbo

2. Alcune iniziative per la pace: dal 21 settembre al 2 ottobre, al 19 ottobre, al 4 novembre

3. L'appello "Ogni vittima ha il volto di Abele"

4. Rocco Scotellaro

5. Rocco Scotellaro: Campagna

6. Rocco Scotellaro: La benedizione del padre

7. Rocco Scotellaro: Sempre nuova e' l'alba

8. Rocco Scotellaro: In autunno

9. Rocco Scotellaro: Il morto

10. Rocco Scotellaro: La felicita'

11. Rocco Scotellaro: I viaggi

12. Rocco Scotellaro: Primavera

13. Rocco Scotellaro: Le strade vanno all'infinito

14. Rocco Scotellaro: Autoritratto

 

1. INCONTRI. UN SOMMARIO RESOCONTO DELLA RIUNIONE DL 20 AGOSTO 2014 DEL "TAVOLO PER LA PACE" DI VITERBO

 

Un sommario resoconto della riunione del 20 agosto 2014 del "Tavolo per la Pace" di Viterbo.

Il prossimo incontro si terrà venerdì 29 agosto con inizio alle ore 16,30.

*

1. Mercoledì 20 agosto 2014 si è tenuta una riunione del "Tavolo per la Pace" promosso dal Comune di Viterbo cui prendono parte le rappresentanti ed i rappresentanti di varie associazioni impegnate per la pace, la solidarietà, i diritti umani e la nonviolenza.

L'incontro aveva carattere organizzativo in relazione a decisioni già prese nelle precedenti riunioni.

*

2. Per la promozione dei prossimi incontri con gli amministratori comunali (assessori e consiglieri) per illustrare la proposta di delibera "per l'attribuzione della cittadinanza onoraria alle bambine ed ai bambini non cittadine e cittadini italiani con cui la comunità viterbese ha una relazione significativa e quindi impegnativa" si e' concordato che a nome del "Tavolo per la Pace" Paolo Moricoli (che è anche il consigliere comunale delegato alla pace) firmi ed invii la lettera unanimemente predisposta ed approvata dal "Tavolo per la Pace" (e condivisa anche dal sindaco nell'incontro del 23 luglio) a tutti gli assessori ed i consiglieri e definisca d'intesa con gli interlocutori le date per gli incontri da svolgere possibilmente entro il mese di settembre; il percorso dovrebbe essere: invio della lettera, interlocuzioni personali, incontri con i consiglieri e con gli assessori, incontro o incontri con la ed eventualmente le commissioni consiliari competenti (la Commissione Servizi sociali, ed eventualmente anche la Commissione Affari generali).

*

3. In relazione al percorso ed alla definizione degli aspetti tecnici per arrivare a realizzare in settembre l'iniziativa viterbese di presentazione della Perugia-Assisi, con la consegna del riconoscimento al vescovo Dante Bernini, al professor Osvaldo Ercoli ed alle eventuali altre personalità che si concorderanno nel primo incontro settembrino del "Tavolo per la Pace", si è condiviso il ragionamento e la conseguente proposta che:

a) si confermi ovviamente l'adesione alla marcia Perugia-Assisi;

b) si inviti all'unità del movimento per la pace, ovvero all'impegno comune di tutte le persone di buona volontà contro la guerra e le stragi, contro tutte le uccisioni, contro tutte le persecuzioni; ovvero all'impegno comune in difesa della vita, della dignità e dei diritti di tutti gli esseri umani;

c) si svolga l'iniziativa congiunta del "Tavolo per la Pace" e del Comune di Viterbo di attribuzione del riconoscimento a persone della comunità viterbese che hanno significativamente operato per la pace;

d) si prepari questa iniziativa in modo che abbia la più ampia condivisione.

Alla conclusione della riflessione, e quindi alla definizione operativa della proposta e dei compiti relativi alla sua realizzazione, si addiverrà nelle prossime riunioni:

e) nella riunione del 29 agosto si definiranno i dettagli tecnici;

f) nella riunione successiva - dopo il 4 settembre - si definiranno le altre eventuali persone cui proporre di attribuire il riconoscimento.

*

4. La riunione è stata anche occasione per una riflessione sulle vicende del movimento per la pace italiano e sulle iniziative in corso e in programma nei prossimi mesi (in particolare si è fatto cenno all'iniziativa del 21 settembre a Firenze; alla Giornata internazionale della nonviolenza del 2 ottobre; e naturalmente alla marcia Perugia-Assisi del 19 ottobre; così come alle campagne legate alle due proposte di legge per il disarmo e per il diritto alla pace); si è espressa la persuasione che occorra promuovere l'impegno comune di tutte le forze disponibili, tanto istituzionali quanto associative, nelle iniziative di pace, di solidarietà, di difesa dei diritti umani.

*

5. Nel corso dell'incontro è stata anche ulteriormente sviluppata la riflessione sul "Tavolo per la Pace" stesso, riflessione che verrà ripresa ed approfondita negli incontri che avranno luogo da settembre. Come è ovvio, è prevedibile e ragionevole che si arriverà nei prossimi mesi ad una più precisa formalizzazione dell'esperienza del Tavolo, ma è bene che questo processo di consolidamento e di strutturazione non sia frettoloso, e che naturalmente si mantenga la preziosa caratteristica dell'apertura alla più ampia partecipazione delle diverse concrete esperienze di pace e di solidarietà presenti nel territorio.

*

6. Ancora una volta il "Tavolo per la pace" esprime solidarietà a tutte le vittime della violenza; esprime opposizione a tutte le uccisioni, le persecuzioni e le devastazioni; esprime impegno per la cooperazione tra i popoli, per il disarmo, per la risoluzione nonviolenta dei conflitti, per la promozione della democrazia e della legalità che salva le vite; per il rispetto, la difesa e la promozione della vita, della dignità e dei diritti di tutti gli esseri umani; per la tutela della biosfera casa comune dell'umanità.

*

7. L'incontro è stato infine aggiornato (con il medesimo carattere organizzativo in relazione a decisioni già prese nelle precedenti riunioni) a venerdì 29 agosto, con inizio alle ore 16,30, sempre presso il Palazzetto della Creatività in via Carlo Cattaneo 9 (sito nell'area del complesso scolastico degli istituti comprensivi Canevari e Vanni):

I. per approfondire e sviluppare quanto condiviso nell'incontro del 20 agosto;

II. per arrivare a una più adeguata proposta organizzativa in relazione all'iniziativa viterbese connessa alla marcia Perugia-Assisi;

e per esaminare gli altri più urgenti argomenti già previsti, e precisamente:

III. il sostegno al percorso amministrativo per la tempestiva istituzione della Consulta per l'immigrazione;

IV. il sostegno al percorso amministrativo per la realizzazione dello sportello comunale di informazione ed assistenza per le persone immigrate;

V. il sostegno alla proposta di promuovere incontri di conoscenza e condivisione, di riconoscimento della comune appartenenza alla città e quindi alla comunità viterbese di tutte le persone e le comunità culturali variamente aggregate che nel territorio vivono;

VI. il sostegno al percorso tecnico ed amministrativo per la revoca degli atti amministrativi pregressi che configurino palesi violazioni dei diritti umani ovvero siano in contrasto con le guarentigie stabilite erga omnes nella Costituzione della Repubblica Italiana.

VII. Naturalmente l'incontro del 29 agosto sarà anche occasione, come di consueto, per scambiarsi informazioni sulle iniziative realizzate, in corso e in programma da parte dei vari soggetti che partecipano al Tavolo.

*

8. Per ogni comunicazione il punto di riferimento è come sempre Pigi Moncelsi: tel. 0761348590, cell. 3384613540, e-mail: pmoncelsi at comune.viterbo.it

*

Come di consueto questo sintetico resoconto della riunione è stato redatto a memoria da una delle persone partecipanti, e non impegna le altre persone presenti; si confida tuttavia che esso riporti correttamente - per quanto sinteticamente - l'essenziale di ciò che è stato esposto e concordato nel corso della riunione; ovviamente si esprime fin d'ora sincera gratitudine a tutte le persone che volessero correggere o aggiungere qualcosa.

 

2. REPETITA IUVANT. ALCUNE INIZIATIVE PER LA PACE: DAL 21 SETTEMBRE AL 2 OTTOBRE, AL 19 OTTOBRE, AL 4 NOVEMBRE

 

Una manifestazione nazionale a Firenze il 21 settembre; la Giornata internazionale della nonviolenza il 2 ottobre; la marcia Perugia-Assisi il 19 ottobre; l'iniziativa "Ogni vittima ha il volto di Abele" di commemorazione nonviolenta di tutte le vittime di tuttte le guerre il 4 novembre.

Sono alcune delle iniziative di pace dei prossimi mesi.

Pace, disarmo, smilitarizzazione.

Rispetto della vita, della dignita' e dei diritti di tutti gli esseri umani.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

 

3. REPETITA IUVANT. L'APPELLO "OGNI VITTIMA HA IL VOLTO DI ABELE"

[Riproponiamo l'appello promosso gia' negli scorsi anni da Movimento Nonviolento, Peacelink e Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo per il 4 novembre: "Ogni vittima ha il volto di Abele"]

 

Intendiamo proporre per il 4 novembre l'iniziativa nonviolenta "Ogni vittima ha il volto di Abele".

Proponiamo che il 4 novembre si realizzino in tutte le citta' d'Italia commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre, commemorazioni che siano anche solenne impegno contro tutte le guerre e le violenze.

Affinche' il 4 novembre, anniversario della fine dell'"inutile strage" della prima guerra mondiale, cessi di essere il giorno in cui i poteri assassini irridono gli assassinati, e diventi invece il giorno in cui nel ricordo degli esseri umani defunti vittime delle guerre gli esseri umani viventi esprimono, rinnovano, inverano l'impegno affinche' non ci siano mai piu' guerre, mai piu' uccisioni, mai piu' persecuzioni.

Queste iniziative di commemorazione e di impegno morale e civile devono essere rigorosamente nonviolente. Non devono dar adito ad equivoci o confusioni di sorta; non devono essere in alcun modo ambigue o subalterne; non devono prestare il fianco a fraintendimenti o mistificazioni. Queste iniziative di addolorato omaggio alle vittime della guerra e di azione concreta per promuovere la pace e difendere le vite, devono essere rigorosamente nonviolente.

Occorre quindi che si svolgano in orari distanti e assolutamente distinti dalle ipocrite celebrazioni dei poteri armati, quei poteri che quelle vittime fecero morire.

Ed occorre che si svolgano nel modo piu' austero, severo, solenne: depositando omaggi floreali dinanzi alle lapidi ed ai sacelli delle vittime delle guerre, ed osservando in quel frangente un rigoroso silenzio.

Ovviamente prima e dopo e' possibile ed opportuno effettuare letture e proporre meditazioni adeguate, argomentando ampiamente e rigorosamente perche' le persone amiche della nonviolenza rendono omaggio alle vittime della guerra e perche' convocano ogni persona di retto sentire e di volonta' buona all'impegno contro tutte le guerre, e come questo impegno morale e civile possa concretamente limpidamente darsi. Dimostrando che solo opponendosi a tutte le guerre si onora la memoria delle persone che dalle guerre sono state uccise. Affermando il diritto e il dovere di ogni essere umano e la cogente obbligazione di ogni ordinamento giuridico democratico di adoperarsi per salvare le vite, rispettare la dignita' e difendere i diritti di tutti gli esseri umani.

A tutte le persone amiche della nonviolenza chiediamo di diffondere questa proposta e contribuire a questa iniziativa.

Contro tutte le guerre, contro tutte le uccisioni, contro tutte le persecuzioni.

Per la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

Movimento Nonviolento, per contatti: via Spagna 8, 37123 Verona, tel. 0458009803, fax: 0458009212, e-mail: an at nonviolenti.org, sito: www.nonviolenti.org

Peacelink, per contatti: e-mail: info at peacelink.it, sito: www.peacelink.it

Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, per contatti: e-mail: nbawac at tin.it e centropacevt at gmail.com, web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

4. POESIA E VERITA'. ROCCO SCOTELLARO

[Riproponiamo i seguenti testi]

 

"E' fatto giorno, siamo entrati in giuoco anche noi / con i panni e le scarpe e le facce che avevamo".

Quante volte abbiamo ripetuto questi versi nei comizi della nostra gioventu', quando giravamo le piazze e le campagne e alla fine del comizio sempre c'era chi ci invitava a prendere un caffe' o un bicchiere di vino al bar o all'osteria, in cucina o  in cantina, e si continuava a ragionare del costo della vita, degli anziani che non c'erano piu', dell'America Latina e del piano regolatore, delle fogne e del disarmo, di quanto ladro il governo, e dell'internazionale futura umanita'.

La voce e il volto di Rocco Scotellaro sono per noi ben piu' che memoria e cultura, testimonianza acuminata e commovente, esempio di studio e di lavoro, di militanza e di contemplazione, un'eredita' feconda e tormentosa, e un appello alla lotta che continua per un'umanita' di liberi ed eguali.

E' fatto giorno, siamo entrati in gioco anche noi, con i panni e le scarpe e le facce che avevamo.

*

Rocco Scotellaro, nato a Tricarico (Matera) nel 1923, mori' a Portici (Napoli) stroncato da un infarto nel 1953. Appassionato militante della sinistra, sindaco di Tricarico, amico di Carlo Levi e Manlio Rossi-Doria, impegnato nell'azione e nella riflessione meridionalista, scrittore e poeta.

Opere di Rocco Scotellaro: E' fatto giorno, Mondadori, Milano 1954, 1982; Contadini del Sud, Laterza, Bari 1954; L'uva puttanella, Laterza, Bari 1955; poi le due opere in unico volume L'uva puttanella. Contadini del Sud, Laterza, Bari 1964, 2000; Uno si distrae al bivio, Basilicata, Roma-Matera 1974; Margherite e rosolacci, Mondadori, Milano 1978; Giovani soli, Basilicata, Matera 1984; Tutte le poesie 1940-1953, Mondadori, Milano 2004.

Opere su Rocco Scotellaro: Franco Fortini, La poesia di Scotellaro, Basilicata, Roma-Matera 1974; AA. VV., Il sindaco poeta di Tricarico, Basilicata, Roma-Matera 1974; Franco Vitelli, Bibliografia critica su Scotellaro, Basilicata, Matera 1977; Laura Parola Sarti, Invito alla lettura di Rocco Scotellaro, Mursia, Milano 1992.

 

5. TESTI. ROCCO SCOTELLARO: CAMPAGNA

[Da Rocco Scotellaro, Tutte le poesie 1940-1953, Mondadori, Milano 2004, p. 10]

 

Passeggiano i cieli sulla terra

e le nostre curve ombre

una nube lontano ci trascina.

Allora la morte e' vicina

il vento tuona giu' per le vallate

il pastore sente le annate

precipitare nel tramonto

e il belato rotondo nelle frasche.

 

(1948)

 

6. TESTI. ROCCO SCOTELLARO: LA BENEDIZIONE DEL PADRE

[Op. cit., p. 34]

 

Oggi fanno sei anni

che tu m'hai lasciato, padre mio.

Attento, dicesti, figlio mio

in questo mondo maledetto.

Mi hanno messo le manette gia' una volta,

sto bussando alle locande per un letto

ed arrivo cosi' lontano

che tu pare non sia mai esistito.

 

(1948)

 

7. TESTI. ROCCO SCOTELLARO: SEMPRE NUOVA E' L'ALBA

[Op. cit., p. 67]

 

Non gridatemi piu' dentro,

non soffiatemi in cuore

i vostri fiati caldi, contadini.

 

Beviamoci insieme una tazza colma di vino!

che all'ilare tempo della sera

s'acquieti il nostro vento disperato.

 

Spuntano ai pali ancora

le teste dei briganti, e la caverna -

l'oasi verde della triste speranza -

lindo conserva un guanciale di pietra...

 

Ma nei sentieri non si torna indietro.

Altre ali fuggiranno

dalle paglie della cova,

perche' lungo il perire dei tempi

l'alba e' nuova, e' nuova.

 

(1948)

 

8. TESTI. ROCCO SCOTELLARO: IN AUTUNNO

[Op. cit., p. 79]

 

Trasvolano le rondini

i mari e i deserti,

a una dimora certa

lontana tendono,

all'orizzonte forse,

dove sempre il sole

cade di sera.

 

(1940)

 

9. TESTI. ROCCO SCOTELLARO: IL MORTO

[Op. cit., p. 114]

 

Non voglia mai far notte, mai far giorno,

e' venuto di piombo il pane al forno.

Cicala canta la canzone spasa,

il tizzone si e' spento nella casa.

S'alzano i gridi ringhiera ringhiera:

Giustizia nera, Giustizia nera.

 

(1951)

 

10. TESTI. ROCCO SCOTELLARO: LA FELICITA'

[Op. cit., p. 119]

 

Fammi felice ormai degli occhi tuoi.

Nel cielo fondo il mio occhio si perde:

non sono piu' poveri i morti di noi

che ci siamo sdraiati nel verde.

 

(1950)

 

11. TESTI. ROCCO SCOTELLARO: I VIAGGI

[Op. cit., p. 142]

 

Vedendo una volta campagna e citta'

diciamo che torneremo a passare

per meglio vederle poi.

 

Ma sappiamo che non ritorneremo

perche' quelle vengono a noi

come la prima volta nell'oscurita'.

 

(Portici, 18 dicembre 1952)

 

12. TESTI. ROCCO SCOTELLARO: PRIMAVERA

[Op. cit., p. 157]

 

Stanotte il cielo e' un mandorlo fiorito

e nella valle il cuculo gia' freme.

 

(1941)

 

13. TESTI. ROCCO SCOTELLARO: LE STRADE VANNO ALL'INFINITO

[Op. cit., p. 214]

 

Non finisce questo giuoco

di treni che incrociano

gli arrivi e le partenze nella sera.

Le strade vanno all'infinito.

Ma fanno lo stesso stridore

cantano un'identica canzone

ci tengono svegli.

 

(1947)

 

14. TESTI. ROCCO SCOTELLARO: AUTORITRATTO

[Op. cit., p. 303]

 

Io sono uno degli altri.

 

(1949)

 

==============================

VOCI E VOLTI DELLA NONVIOLENZA

==============================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino" (anno XV)

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Numero 647 del 21 agosto 2014

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it e centropacevt at gmail.com