[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Nonviolenza] Voci e volti della nonviolenza. 717



 

==============================

VOCI E VOLTI DELLA NONVIOLENZA

==============================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino" (anno XVI)

Numero 717 del 22 giugno 2015

 

In questo numero:

1. Lettera enciclica "Laudato si'" di papa Francesco sulla cura della casa comune. Introduzione

2. Simone Scala: "Renato Solmi a confronto con Theodor W. Adorno e Max Horkheimer. Storia intellettuale ed editoriale di una mediazione culturale". Indice e introduzione

3. Una postilla

 

1. TESTI. LETTERA ENCICLICA "LAUDATO SI'" DI PAPA FRANCESCO SULLA CURA DELLA CASA COMUNE. INTRODUZIONE

[Dal sito http://w2.vatican.va riprendiamo l'introduzione (nn. 1-16) della versione italiana della lettera enciclica del 24 maggio 2015 "Laudato si'" di papa Bergoglio]

 

Lettera enciclica "Laudato si'" del santo padre Francesco sulla cura della casa comune

*

1. "Laudato si', mi' Signore", cantava san Francesco d'Assisi. In questo bel cantico ci ricordava che la nostra casa comune e' anche come una sorella, con la quale condividiamo l'esistenza, e come una madre bella che ci accoglie tra le sue braccia: "Laudato si', mi' Signore, per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba" (1).

2. Questa sorella protesta per il male che le provochiamo, a causa dell'uso irresponsabile e dell'abuso dei beni che Dio ha posto in lei. Siamo cresciuti pensando che eravamo suoi proprietari e dominatori, autorizzati a saccheggiarla. La violenza che c'e' nel cuore umano ferito dal peccato si manifesta anche nei sintomi di malattia che avvertiamo nel suolo, nell'acqua, nell'aria e negli esseri viventi. Per questo, fra i poveri piu' abbandonati e maltrattati, c'e' la nostra oppressa e devastata terra, che "geme e soffre le doglie del parto" (Rm 8,22). Dimentichiamo che noi stessi siamo terra (cfr Gen 2,7). Il nostro stesso corpo e' costituito dagli elementi del pianeta, la sua aria e' quella che ci da' il respiro e la sua acqua ci vivifica e ristora.

*

Niente di questo mondo ci risulta indifferente

3. Piu' di cinquant'anni fa, mentre il mondo vacillava sull'orlo di una crisi nucleare, il santo Papa Giovanni XXIII scrisse un'Enciclica con la quale non si limito' solamente a respingere la guerra, bensi' volle trasmettere una proposta di pace. Diresse il suo messaggio Pacem in terris a tutto il "mondo cattolico", ma aggiungeva "e a tutti gli uomini di buona volonta'". Adesso, di fronte al deterioramento globale dell'ambiente, voglio rivolgermi a ogni persona che abita questo pianeta. Nella mia Esortazione Evangelii gaudium, ho scritto ai membri della Chiesa per mobilitare un processo di riforma missionaria ancora da compiere. In questa Enciclica, mi propongo specialmente di entrare in dialogo con tutti riguardo alla nostra casa comune.

4. Otto anni dopo la Pacem in terris, nel 1971, il beato Papa Paolo VI si riferi' alla problematica ecologica, presentandola come una crisi che e' "una conseguenza drammatica" dell'attivita' incontrollata dell'essere umano: "Attraverso uno sfruttamento sconsiderato della natura, egli rischia di distruggerla e di essere a sua volta vittima di siffatta degradazione" (2). Parlo' anche alla Fao della possibilita', "sotto l'effetto di contraccolpi della civilta' industriale, di [...] una vera catastrofe ecologica", sottolineando "l'urgenza e la necessita' di un mutamento radicale nella condotta dell'umanita'", perché "i progressi scientifici piu' straordinari, le prodezze tecniche piu' strabilianti, la crescita economica piu' prodigiosa, se non sono congiunte ad un autentico progresso sociale e morale, si rivolgono, in definitiva, contro l'uomo" (3).

5. San Giovanni Paolo II si e' occupato di questo tema con un interesse crescente. Nella sua prima Enciclica, osservo' che l'essere umano sembra "non percepire altri significati del suo ambiente naturale, ma solamente quelli che servono ai fini di un immediato uso e consumo" (4). Successivamente invito' ad una conversione ecologica globale (5). Ma nello stesso tempo fece notare che si mette poco impegno per "salvaguardare le condizioni morali di un'autentica ecologia umana" (6). La distruzione dell'ambiente umano e' qualcosa di molto serio, non solo perche' Dio ha affidato il mondo all'essere umano, bensi' perche' la vita umana stessa e' un dono che deve essere protetto da diverse forme di degrado. Ogni aspirazione a curare e migliorare il mondo richiede di cambiare profondamente gli "stili di vita, i modelli di produzione e di consumo, le strutture consolidate di potere che oggi reggono le societa'" (7). L'autentico sviluppo umano possiede un carattere morale e presuppone il pieno rispetto della persona umana, ma deve prestare attenzione anche al mondo naturale e "tener conto della natura di ciascun essere e della sua mutua connessione in un sistema ordinato" (8). Pertanto, la capacita' dell'essere umano di trasformare la realta' deve svilupparsi sulla base della prima originaria donazione delle cose da parte di Dio (9).

6. Il mio predecessore Benedetto XVI ha rinnovato l'invito a "eliminare le cause strutturali delle disfunzioni dell'economia mondiale e di correggere i modelli di crescita che sembrano incapaci di garantire il rispetto dell'ambiente" (10).

Ha ricordato che il mondo non puo' essere analizzato solo isolando uno dei suoi aspetti, perche' "il libro della natura e' uno e indivisibile" e include l'ambiente, la vita, la sessualita', la famiglia, le relazioni sociali, e altri aspetti. Di conseguenza, "il degrado della natura e' strettamente connesso alla cultura che modella la convivenza umana" (11). Papa Benedetto ci ha proposto di riconoscere che l'ambiente naturale e' pieno di ferite prodotte dal nostro comportamento irresponsabile. Anche l'ambiente sociale ha le sue ferite. Ma tutte sono causate in fondo dal medesimo male, cioe' dall'idea che non esistano verita' indiscutibili che guidino la nostra vita, per cui la liberta' umana non ha limiti. Si dimentica che "l'uomo non e' soltanto una liberta' che si crea da se'. L'uomo non crea se stesso. Egli e' spirito e volonta', ma e' anche natura" (12). Con paterna preoccupazione ci ha invitato a riconoscere che la creazione risulta compromessa "dove noi stessi siamo le ultime istanze, dove l'insieme e' semplicemente proprieta' nostra e lo consumiamo solo per noi stessi. E lo spreco della creazione inizia dove non riconosciamo piu' alcuna istanza sopra di noi, ma vediamo soltanto noi stessi" (13).

*

Uniti da una stessa preoccupazione

7. Questi contributi dei Papi raccolgono la riflessione di innumerevoli scienziati, filosofi, teologi e organizzazioni sociali che hanno arricchito il pensiero della Chiesa su tali questioni. Non possiamo pero' ignorare che anche al di fuori della Chiesa Cattolica, altre Chiese e Comunita' cristiane - come pure altre religioni - hanno sviluppato una profonda preoccupazione e una preziosa riflessione su questi temi che stanno a cuore a tutti noi. Per citare solo un esempio particolarmente significativo, voglio riprendere brevemente parte del contributo del caro Patriarca Ecumenico Bartolomeo, con il quale condividiamo la speranza della piena comunione ecclesiale.

8. Il Patriarca Bartolomeo si e' riferito particolarmente alla necessita' che ognuno si penta del proprio modo di maltrattare il pianeta, perche' "nella misura in cui tutti noi causiamo piccoli danni ecologici", siamo chiamati a riconoscere "il nostro apporto, piccolo o grande, allo stravolgimento e alla distruzione dell'ambiente" (14). Su questo punto, egli si e' espresso ripetutamente in maniera ferma e stimolante, invitandoci a riconoscere i peccati contro la creazione: "Che gli esseri umani distruggano la diversita' biologica nella creazione di Dio; che gli esseri umani compromettano l'integrita' della terra e contribuiscano al cambiamento climatico, spogliando la terra delle sue foreste naturali o distruggendo le sue zone umide; che gli esseri umani inquinino le acque, il suolo, l'aria: tutti questi sono peccati" (15). Perche' "un crimine contro la natura e' un crimine contro noi stessi e un peccato contro Dio" (16).

9. Allo stesso tempo Bartolomeo ha richiamato l'attenzione sulle radici etiche e spirituali dei problemi ambientali, che ci invitano a cercare soluzioni non solo nella tecnica, ma anche in un cambiamento dell'essere umano, perche' altrimenti affronteremmo soltanto i sintomi. Ci ha proposto di passare dal consumo al sacrificio, dall'avidita' alla generosita', dallo spreco alla capacita' di condividere, in un'ascesi che "significa imparare a dare, e non semplicemente a rinunciare. E' un modo di amare, di passare gradualmente da cio' che io voglio a cio' di cui ha bisogno il mondo di Dio. E' liberazione dalla paura, dall'aviditàa' e dalla dipendenza" (17). Noi cristiani, inoltre, siamo chiamati ad "accettare il mondo come sacramento di comunione, come modo di condividere con Dio e con il prossimo in una scala globale. E' nostra umile convinzione che il divino e l'umano si incontrino nel piu' piccolo dettaglio della veste senza cuciture della creazione di Dio, persino nell'ultimo granello di polvere del nostro pianeta" (18).

*

San Francesco d'Assisi

10. Non voglio procedere in questa Enciclica senza ricorrere a un esempio bello e motivante. Ho preso il suo nome come guida e come ispirazione nel momento della mia elezione a Vescovo di Roma. Credo che Francesco sia l'esempio per eccellenza della cura per cio' che e' debole e di una ecologia integrale, vissuta con gioia e autenticita'. E' il santo patrono di tutti quelli che studiano e lavorano nel campo dell'ecologia, amato anche da molti che non sono cristiani. Egli manifesto' un'attenzione particolare verso la creazione di Dio e verso i piu' poveri e abbandonati. Amava ed era amato per la sua gioia, la sua dedizione generosa, il suo cuore universale. Era un mistico e un pellegrino che viveva con semplicita' e in una meravigliosa armonia con Dio, con gli altri, con la natura e con se stesso. In lui si riscontra fino a che punto sono inseparabili la preoccupazione per la natura, la giustizia verso i poveri, l'impegno nella societa' e la pace interiore.

11. La sua testimonianza ci mostra anche che l'ecologia integrale richiede apertura verso categorie che trascendono il linguaggio delle scienze esatte o della biologia e ci collegano con l'essenza dell'umano. Cosi' come succede quando ci innamoriamo di una persona, ogni volta che Francesco guardava il sole, la luna, gli animali piu' piccoli, la sua reazione era cantare, coinvolgendo nella sua lode tutte le altre creature. Egli entrava in comunicazione con tutto il creato, e predicava persino ai fiori e "li invitava a lodare e amare Iddio, come esseri dotati di ragione" (19). La sua reazione era molto piu' che un apprezzamento intellettuale o un calcolo economico, perche' per lui qualsiasi creatura era una sorella, unita a lui con vincoli di affetto. Per questo si sentiva chiamato a prendersi cura di tutto cio' che esiste. Il suo discepolo san Bonaventura narrava che lui, "considerando che tutte le cose hanno un'origine comune, si sentiva ricolmo di pieta' ancora maggiore e chiamava le creature, per quanto piccole, con il nome di fratello o sorella" (20). Questa convinzione non puo' essere disprezzata come un romanticismo irrazionale, perche' influisce sulle scelte che determinano il nostro comportamento. Se noi ci accostiamo alla natura e all'ambiente senza questa apertura allo stupore e alla meraviglia, se non parliamo piu' il linguaggio della fraternita' e della bellezza nella nostra relazione con il mondo, i nostri atteggiamenti saranno quelli del dominatore, del consumatore o del mero sfruttatore delle risorse naturali, incapace di porre un limite ai suoi interessi immediati. Viceversa, se noi ci sentiamo intimamente uniti a tutto cio' che esiste, la sobrieta' e la cura scaturiranno in maniera spontanea. La poverta' e l'austerita' di san Francesco non erano un ascetismo solamente esteriore, ma qualcosa di piu' radicale: una rinuncia a fare della realta' un mero oggetto di uso e di dominio.

12. D'altra parte, san Francesco, fedele alla Scrittura, ci propone di riconoscere la natura come uno splendido libro nel quale Dio ci parla e ci trasmette qualcosa della sua bellezza e della sua bonta': "Difatti dalla grandezza e bellezza delle creature per analogia si contempla il loro autore" (Sap 13,5) e "la sua eterna potenza e divinita' vengono contemplate e comprese dalla creazione del mondo attraverso le opere da lui compiute" (Rm 1,20). Per questo chiedeva che nel convento si lasciasse sempre una parte dell'orto non coltivata, perche' vi crescessero le erbe selvatiche, in modo che quanti le avrebbero ammirate potessero elevare il pensiero a Dio, autore di tanta bellezza (21). Il mondo e' qualcosa di piu' che un problema da risolvere, e' un mistero gaudioso che contempliamo nella letizia e nella lode.

*

Il mio appello

13. La sfida urgente di proteggere la nostra casa comune comprende la preoccupazione di unire tutta la famiglia umana nella ricerca di uno sviluppo sostenibile e integrale, poiche' sappiamo che le cose possono cambiare. Il Creatore non ci abbandona, non fa mai marcia indietro nel suo progetto di amore, non si pente di averci creato. L'umanita' ha ancora la capacita' di collaborare per costruire la nostra casa comune. Desidero esprimere riconoscenza, incoraggiare e ringraziare tutti coloro che, nei piu' svariati settori dell'attivita' umana, stanno lavorando per garantire la protezione della casa che condividiamo. Meritano una gratitudine speciale quanti lottano con vigore per risolvere le drammatiche conseguenze del degrado ambientale nella vita dei piu' poveri del mondo. I giovani esigono da noi un cambiamento. Essi si domandano com'e' possibile che si pretenda di costruire un futuro migliore senza pensare alla crisi ambientale e alle sofferenze degli esclusi.

14. Rivolgo un invito urgente a rinnovare il dialogo sul modo in cui stiamo costruendo il futuro del pianeta. Abbiamo bisogno di un confronto che ci unisca tutti, perche' la sfida ambientale che viviamo, e le sue radici umane, ci riguardano e ci toccano tutti. Il movimento ecologico mondiale ha gia' percorso un lungo e ricco cammino, e ha dato vita a numerose aggregazioni di cittadini che hanno favorito una presa di coscienza. Purtroppo, molti sforzi per cercare soluzioni concrete alla crisi ambientale sono spesso frustrati non solo dal rifiuto dei potenti, ma anche dal disinteresse degli altri. Gli atteggiamenti che ostacolano le vie di soluzione, anche fra i credenti, vanno dalla negazione del problema all'indifferenza, alla rassegnazione comoda, o alla fiducia cieca nelle soluzioni tecniche. Abbiamo bisogno di nuova solidarieta' universale. Come hanno detto i Vescovi del Sudafrica, "i talenti e il coinvolgimento di tutti sono necessari per riparare il danno causato dagli umani sulla creazione di Dio" (22). Tutti possiamo collaborare come strumenti di Dio per la cura della creazione, ognuno con la propria cultura ed esperienza, le proprie iniziative e capacita'.

15. Spero che questa Lettera enciclica, che si aggiunge al Magistero sociale della Chiesa, ci aiuti a riconoscere la grandezza, l'urgenza e la bellezza della sfida che ci si presenta. In primo luogo, faro' un breve percorso attraverso vari aspetti dell'attuale crisi ecologica allo scopo di assumere i migliori frutti della ricerca scientifica oggi disponibile, lasciarcene toccare in profondita' e dare una base di concretezza al percorso etico e spirituale che segue. A partire da questa panoramica, riprendero' alcune argomentazioni che scaturiscono dalla tradizione giudeo-cristiana, al fine di dare maggiore coerenza al nostro impegno per l'ambiente. Poi provero' ad arrivare alle radici della situazione attuale, in modo da coglierne non solo i sintomi ma anche le cause piu' profonde. Cosi' potremo proporre un'ecologia che, nelle sue diverse dimensioni, integri il posto specifico che l'essere umano occupa in questo mondo e le sue relazioni con la realta' che lo circonda. Alla luce di tale riflessione vorrei fare un passo avanti in alcune ampie linee di dialogo e di azione che coinvolgano sia ognuno di noi, sia la politica internazionale. Infine, poiche' sono convinto che ogni cambiamento ha bisogno di motivazioni e di un cammino educativo, proporro' alcune linee di maturazione umana ispirate al tesoro dell'esperienza spirituale cristiana.

16. Ogni capitolo, sebbene abbia una sua tematica propria e una metodologia specifica, riprende a sua volta, da una nuova prospettiva, questioni importanti affrontate nei capitoli precedenti. Questo riguarda specialmente alcuni assi portanti che attraversano tutta l'Enciclica. Per esempio: l'intima relazione tra i poveri e la fragilita' del pianeta; la convinzione che tutto nel mondo e' intimamente connesso; la critica al nuovo paradigma e alle forme di potere che derivano dalla tecnologia; l'invito a cercare altri modi di intendere l'economia e il progresso; il valore proprio di ogni creatura; il senso umano dell'ecologia; la necessita' di dibattiti sinceri e onesti; la grave responsabilita' della politica internazionale e locale; la cultura dello scarto e la proposta di un nuovo stile di vita. Questi temi non vengono mai chiusi o abbandonati, ma anzi costantemente ripresi e arricchiti.

*

Note

1. Cantico delle creature: Fonti Francescane (FF) 263.

2. Lett. ap. Octogesima adveniens (14 maggio 1971), 21: AAS 63 (1971), 416-417.

3. Discorso alla Fao nel XXV anniversario (16 novembre 1970), 4: AAS 62 (1970), 833.

4. Lett. enc. Redemptor hominis (4 marzo 1979), 15: AAS 71 (1979), 287.

5. Cfr Catechesi (17 gennaio 2001), 4: Insegnamenti 24/1 (2001), 179.

6. Lett. enc. Centesimus annus (primo maggio 1991), 38: AAS 83 (1991), 841.

7. Ibid., 58: p. 863.

8. Giovanni Paolo II, Lett. enc. Sollicitudo rei socialis (30 dicembre 1987), 34: AAS 80 (1988), 559.

9. Cfr Id., Lett. enc. Centesimus annus (primo maggio 1991), 37: AAS 83 (1991), 840.

10. Discorso al Corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede (8 gennaio 2007): AAS 99 (2007), 73.

11. Lett. enc. Caritas in veritate (29 giugno 2009), 51: AAS 101 (2009), 687.

12. Discorso al Deutscher Bundestag, Berlino (22 settembre 2011): AAS 103 (2011), 664.

13. Discorso al clero della Diocesi di Bolzano-Bressanone (6 agosto 2008): AAS 100 (2008), 634.

14. Messaggio per la Giornata di preghiera per la salvaguardia del creato (primo settembre 2012).

15. Discorso a Santa Barbara, California (8 novembre 1997); cfr John Chryssavgis, On Earth as in Heaven: Ecological Vision and Initiatives of Ecumenical Patriarch Bartholomew, Bronx, New York, 2012.

16. Ibid.

17. Conferenza al Monastero di Utstein, Norvegia (23 giugno 2003).

18. Discorso "Global Responsibility and Ecological Sustainability: Closing Remarks", I Vertice di Halki, Istanbul (20 giugno 2012).

19. Tommaso da Celano, Vita prima di San Francesco, XXIX, 81: FF 460.

20. Legenda Maior, VIII, 6: FF 1145.

21. Cfr Tommaso da Celano, Vita seconda di San Francesco, CXXIV, 165: FF 750.

22. Conferenza dei Vescovi Cattolici dell'Africa del Sud, Pastoral Statement on the Environmental Crisis (5 settembre 1999).

 

2. RICERCHE. SIMONE SCALA: "RENATO SOLMI A CONFRONTO CON THEODOR W. ADORNO E MAX HORKHEIMER. STORIA INTELLETTUALE ED EDITORIALE DI UNA MEDIAZIONE CULTURALE". INDICE E INTRODUZIONE

[Il testo che segue riproduce l'indice generale e il primo paragrafo del primo capitolo del lavoro di Simone Scala, "Renato Solmi a confronto con Th. W. Adorno e M. Horkheimer. Storia intellettuale ed editoriale di una mediazione culturale", Tesi di dottorato in Teoria e storia delle culture e letterature comparate, Universita' degli studi di Sassari, Scuola di dottorato in Scienze dei sistemi culturali, indirizzo di Teoria e storia delle culture e letterature comparate (XXVII ciclo), tutor: professor Pierfrancesco Fiorato, secondo tutor: professor Klaus Vogel, direttore della Scuola: professor Massimo Onofri, a.a. 2011-2012 (il testo integrale e' disponibile on line nel sito http://eprint.uniss.it).

Renato Solmi e' stato tra i pilastri della casa editrice Einaudi, ha introdotto in Italia opere fondamentali della scuola di Francoforte e del pensiero critico contemporaneo, e' uno dei maestri autentici e profondi di generazioni di persone impegnate per la democrazia e la dignita' umana, che attraverso i suoi scritti e le sue traduzioni hanno costruito tanta parte della propria strumentazione intellettuale; e' stato impegnato nel Movimento Nonviolento del Piemonte e della Valle d'Aosta. E' deceduto il 25 marzo 2015. Dal risvolto di copertina del recente volume in cui sono raccolti taluni dei frutti maggiori del suo magistero riprendiamo la seguente scheda: "Renato Solmi (Aosta 1927) ha studiato a Milano, dove si e' laureato in storia greca con una tesi su Platone in Sicilia. Dopo aver trascorso un anno a Napoli presso l'Istituto italiano per gli studi storici di Benedetto Croce, ha lavorato dal 1951 al 1963 nella redazione della casa editrice Einaudi. A meta' degli anni '50 ha passato un periodo di studio a Francoforte per seguire i corsi e l'insegnamento di Theodor W. Adorno, da lui per primo introdotto e tradotto in Italia. Dopo l'allontanamento dall'Einaudi, ha insegnato per circa trent'anni storia e filosofia nei licei di Torino e di Aosta. E' impegnato da tempo, sul piano teorico, e da un decennio anche su quello della militanza attiva, nei movimenti nonviolenti e pacifisti torinesi e nazionali. Ha collaborato a numerosi periodici culturali e politici ("Il pensiero critico", "Paideia", "Lo Spettatore italiano", "Il Mulino", "Notiziario Einaudi", "Nuovi Argomenti", "Passato e presente", "Quaderni rossi", "Quaderni piacentini", "Il manifesto", "L'Indice dei libri del mese" e altri). Fra le sue traduzioni - oltre a quelle di Adorno, Benjamin, Brecht (L'abici' della guerra, Einaudi, Torino 1975) e Marcuse (Il "romanzo dell'artista" nella letteratura tedesca, ivi, 1985), che sono in realta' edizioni di riferimento - si segnalano: Gyorgy Lukacs, Il significato attuale del realismo critico (ivi, 1957) e Il giovane Hegel e i problemi della societa' capitalistica (ivi, 1960); Guenther Anders, Essere o non essere (ivi, 1961) e La coscienza al bando (ivi, 1962); Max Horkheimer e Theodor W. Adorno, Dialettica dell'illuminismo (ivi, 1966 e 1980); Seymour Melman, Capitalismo militare (ivi, 1972); Paul A. Baran, Saggi marxisti (ivi, 1976); Leo Spitzer, Lettere di prigionieri di guerra italiani 1915-1918 (Boringhieri, Torino 1976)". Opere di Renato Solmi: segnaliamo particolarmente la sua recente straordinaria Autobiografia documentaria. Scritti 1950-2004, Quodlibet, Macerata 2007.

Theodor W. Adorno, nato l'11 settembre 1903 a Francoforte sul Meno, costretto all'esilio dall'avvento del nazismo, acutissimo osservatore della societa' contemporanea, filosofo e musicologo, e' deceduto il 6 agosto 1969. E' una delle figure di massimo spicco della "scuola di Francoforte". Opere di Theodor W. Adorno: nella sua vastissima produzione segnaliamo almeno, per un primo approccio, Dialettica dell'illuminismo (con Max Horkheimer), Minima moralia, Dialettica negativa, tutti presso Einaudi, Torino. Opere su Theodor W. Adorno: si veda almeno, per un primo orientamento, Tito Perlini, Che cosa ha veramente detto Adorno, Ubaldini, Roma 1971; Marzio Vacatello, Th. W. Adorno. Il rinvio della prassi, La Nuova Italia, Firenze 1972; Sergio Moravia, Adorno e la teoria critica della societa', Sansoni, Firenze 1974; Enzo Rutigliano, Teoria o critica. Saggio sul marxismo di Adorno, Dedalo, Bari 1977; Carlo Pettazzi, Th. W. Adorno: linee di origine e di sviluppo del pensiero (1903-1949), La Nuova Italia, Firenze 1979; Martin Jay, Theodor W. Adorno, Il Mulino, Bologna 1987; Massimo Nardi, Pensare nella verita'. L'itinerario della ragione dialettica in Th. W. Adorno, Studium, Roma 1993; Fredric Jameson, Tardo marxismo, Manifestolibri, Roma 1994; Elena Tavani, L'apparenza da salvare. Saggio su Th. W. Adorno, Guerini e associati, Milano 1994; Angelo Cicatello, Dialettica negativa e logica della parvenza. Saggio su Th. W. Adorno, Il melangolo, Genova 2001; Stefan Mueller-Doohm, Theodor W. Adorno. Biografia di un intellettuale, Carocci, Roma 2003; Lucio Cortella, Una dialettica nella finitezza. Adorno e il programma di una dialettica negativa, Meltemi, Roma 2006; Stefano Petrucciani, Introduzione a Adorno, Laterza, Roma-Bari 2007; Pastore Luigi, Gebur Thomas (a cura di), Theodor W. Adorno. Il maestro ritrovato, Manifestolibri, Roma 2008; di particolare importanza sono gli scritti dedicati ad Adorno in Renato Solmi, Autobiografia documentaria. Scritti 1950-2004, Quodlibet, Macerata 2007. Cfr. anche, tra gli studi complessivi e le monografie introduttive sulla scuola di Francoforte: Paul-Laurent Assoun, La scuola di Francoforte, Lucarini, Roma 1988; Giuseppe Bedeschi, Introduzione alla scuola di Francoforte, Laterza, Roma-Bari 1985, 1987; Martin Jay, L'immaginazione dialettica, Einaudi, Torino 1979; Gian Enrico Rusconi, La teoria critica della societa', Il Mulino, Bologna 1968; Goeran Therborn, Critica e rivoluzione, Laterza, Bari 1972; Rolf Wiggershaus, La scuola di Francoforte, Bollati Boringhieri, Torino 1992; Pierre V. Zima, Guida alla scuola di Francoforte, Rizzoli, Milano 1976. Si veda anche la celebre discussione in AA. VV., Dialettica e positivismo in sociologia, Einaudi, Torino 1972, 1977.

Max Horkheimer, filosofo nato a Stoccarda nel 1895, direttore dell'"Istituto per la ricerca sociale" di Francoforte, esule antinazista, muore nel 1973. E' una delle figure di spicco della "scuola di Francoforte". Opere di Max Horkheimer: tra esse segnaliamo particolarmente Crepuscolo, Dialettica dell'illuminismo (con Adorno), Lezioni di sociologia (con Adorno), Eclisse della ragione, e gli studi raccolti in Teoria critica, tutti presso Einaudi, Torino; ma cfr. anche almeno Gli inizi della filosofia borghese della storia (Einaudi), ed i due volumi che raccolgono alcune interviste degli ultimi anni che diedero luogo a vivaci dibattiti, Rivoluzione o liberta'?, Rusconi, Milano 1972, e La nostalgia del totalmente altro, Queriniana, Brescia 1972, 1977. Opere su Max Horkheimer: Antonio Ponsetto, Max Horkheimer, Il Mulino, Bologna 1981; Alfred Schmidt, Oltre il materialismo storico, Laterza, Roma-Bari 1981]

 

La presente tesi e' stata prodotta nell'ambito della scuola di dottorato in Scienze dei sistemi culturali dell'Universita' degli Studi di Sassari, a.a. 2011/2012 - XXVII ciclo, con il supporto di una borsa di studio finanziata con le risorse del P.O.R. Sardegna F.S.E. 2007-2013 - Obiettivo competitivita' regionale e occupazione, Asse IV Capitale umano, Linea di Attivita' l.3.1.

*

Indice

Capitolo 1. Biografia di Renato Solmi. p. 1

1.1. Introduzione. p. 1

1.2. Gli anni di "Discussioni". p. 2

1.3. La casa editrice Einaudi. p. 15

1.4. Il lavoro editoriale di Solmi. p. 26

1.5. 1956. Considerazioni generali. p. 38

1.6. 1956. Influenza sul lavoro di Solmi e il suo soggiorno a Francoforte. p. 48

1.7. Il rientro in Italia. p. 60

1.8. Il "caso Fofi" e il licenziamento di Solmi. p. 72

Capitolo 2. Renato Solmi e i Minima moralia. p. 86

2.1. Scoperta, pubblicazione e prime reazioni. p. 86

2.2. Cases e Solmi sul "Notiziario Einaudi". p. 92

2.3. L'introduzione ai Minima moralia di Renato Solmi. p. 98

2.4. Le prime reazioni in Italia. p. 113

2.5. Le prime reazioni nella Repubblica federale tedesca. p. 126

2.6. Confronto tra interpretazione italiana e tedesca. p. 133

2.7. Le traduzioni dei Minima moralia. p. 138

2.8. I tagli e i Minima ImMoralia. p. 156

2.9. Reazioni alla pubblicazione dei Minima ImMoralia. p. 164

2.10. L'edizione integrale dei Minima moralia. p. 174

Capitolo 3. Renato Solmi e la Dialettica dell'illuminismo. p. 182

3.1. La Dialektik der Aufklaerung in Germania. p. 182

3.2. La Dialettica dell'illuminismo in Italia. p. 205

3.3. Primi commenti alla pubblicazione italiana. p. 226

Bibliografia. p. 237

Appendici:

- Lettera di Cases a Pasero.

- Collazione di Renato Solmi.

- Lettera di Pollock a Cases.

- N. Pasero, R. Bauer, Aufklaerung auf italienisch.

*

Capitolo 1. Biografia intellettuale di Renato Solmi

1.1. Introduzione

La presente ricerca ha come oggetto principale la figura intellettuale di Renato Solmi. In modo particolare ci siamo voluti concentrare sulla sua attivita' di traduttore di Theodor W. Adorno e di Max Horkheimer per la casa editrice Einaudi. Egli, infatti, fu colui che per primo si impegno' per far conoscere e per diffondere nel nostro paese le opere dei due membri piu' rappresentativi della Scuola di Francoforte.

In questo primo capitolo (che ha la funzione di tracciare un quadro introduttivo alle attivita' di Solmi) abbiamo voluto ricostruire un pezzo di storia della cultura italiana tra gli anni Cinquanta e Sessanta in modo da delineare il contesto generale delle condizioni storiche, politiche e culturali in cui Solmi si trovo' ad operare. Ci siamo dedicati, quindi, a presentare innanzitutto le prime esperienze intellettuali di Solmi, la sua attivita' lavorativa come redattore della casa editrice torinese, i suoi principali interessi culturali e la prospettiva teorico-ideologica che ne condiziono' il lavoro. Inoltre ci siamo soffermati sulle discussioni che ebbero luogo all'interno della casa editrice Einaudi in merito alle sue proposte editoriali, cosi' come abbiamo posto particolare attenzione nell'esaminare il suo soggiorno di studio e di lavoro a Francoforte sul Meno, durante il quale ebbe occasione di conoscere e frequentare Adorno e Horkheimer. Infine ci siamo occupati di esporre ed analizzare le vicende che portarono al suo licenziamento dalla casa editrice torinese nel 1963 in seguito al "caso Fofi".

Il secondo e il terzo capitolo, invece, rappresentano il cuore della ricerca. Qui, infatti, abbiamo focalizzato la nostra attenzione sulle discussioni che fecero da sfondo e seguirono alla pubblicazione della traduzione di Minima moralia di Adorno (1954) e di Dialettica dell'illuminismo di Horkheimer e Adorno (1966). Oltre a ricostruire in modo puntuale, sulla base della pubblicistica dell'epoca e dei successivi studi, le note polemiche relative ai tagli e alle modifiche che caratterizzarono, per ragioni diverse, le versioni italiane di entrambe le opere, abbiamo voluto, grazie al consistente impiego di materiale d'archivio inedito, gettare nuova luce su alcuni aspetti non secondari delle vicende in questione. Lo studio degli incartamenti relativi a Solmi, Adorno, Horkheimer, Cases, Fortini e Cantimori presso l'Archivio Einaudi, la consultazione dei documenti custoditi presso il Centro Studi Franco Fortini di Siena e di quelli conservati presso il Theodor W. Adorno Archiv di Berlino nonche' l'accesso al Max Horkheimer Nachlass presso l'universita' di Francoforte hanno consentito non solo di mettere meglio a fuoco momenti significativi della parabola umana e intellettuale di Renato Solmi, ma di entrare anche nel merito di singoli aspetti del suo lavoro di traduttore. A questo proposito un aspetto particolare su cui ci siamo soffermati con attenzione nel corso del secondo capitolo e' la parte dedicata alla ricostruzione della minuziosa indagine critica, volta a verificare l'attendibilita' di introduzione e traduzione dei Minima moralia, che Stefan Burger svolse su incarico dello stesso Adorno poco tempo dopo la pubblicazione dell'edizione italiana di tale opera. Altrettanto attentamente ci siamo occupati di ricostruire la questione relativa alle modifiche apportate al testo della Dialettica dell'illuminismo in occasione della traduzione italiana, modifiche che, come e' noto, si sono rivelate importanti sia per il dibattito sull'opera in Italia, sia in vista della successiva edizione tedesca.

Infine, preziosi per la ricerca si sono rivelati le ripetute conversazioni che abbiamo avuto, in occasione di diverse trasferte torinesi, con lo stesso Renato Solmi, i contatti con Goffredo Fofi, nonche' i colloqui senesi con Luca Lenzini e, soprattutto, con Luca Baranelli, amico e collega di Solmi alla casa editrice Einaudi durante i primi anni Sessanta. Nicolo' Pasero, contattato in merito alla vicenda relativa alla traduzione della Dialettica dell'illuminismo, vicenda che lo aveva visto intervenire nel 1967, insieme a Rudolph Bauer, sulla rivista del movimento studentesco francofortese, ci ha generosamente messo a disposizione un suo scambio epistolare con Cases e altro materiale inedito relativo a tale questione. A tutti costoro - ed in modo particolare a Renato Solmi - va il nostro piu' sentito ringraziamento.

 

3. RIFLESSIONE. UNA POSTILLA

 

I lettori affezionati avranno notato che nelle scorse settimane abbiamo pubblicato su questo foglio alcune parti di un notevole lavoro di Simone Scala, realizzato come tesi di dottorato alcuni anni fa.

Non conosco l'autore, ma spero che abbia perseverato in questo campo di studi.

Il testo della tesi e' integralmente disponibile nel sito http://eprint.uniss.it, e vivamente suggerisco di leggerlo tutto: le parti qui non riprodotte sono non meno interessanti.

Ignoro se vi siano altri lavori universitari del medesimo impegno dedicati alla figura e all'opera di Renato Solmi, credo che la sua riflessione e la sua azione costituiscano un percorso di ricerca da esplorare e studiare approfonditamente; in particolare riterrei di estrema utilita', ad esempio, un analogo lavoro di scavo sul rapporto tra Solmi e Guenther Anders. Ma soprattutto riterrei indispensabile un lavoro sul contributo (a mio avviso rilevantissimo) dato da Solmi alla teoria e alla pratica della nonviolenza (ed a questo riguardo penso che gli amici torinesi del Centro studi "Sereno Regis" con cui Solmi ha lungamente collaborato potrebbero promuovere o direttamente realizzare ricerche e studi di consistenza e valore adeguati).

Renato Solmi e' deceduto tre mesi fa. Lascia un grande vuoto, e una grande eredita' di pensiero e di azione. Vale per lui cio' che Michelet scrisse di Diderot.

 

==============================

VOCI E VOLTI DELLA NONVIOLENZA

==============================

Supplemento de "La nonviolenza e' in cammino" (anno XVI)

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Numero 717 del 22 giugno 2015

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it e centropacevt at gmail.com