[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Nonviolenza] Telegrammi. 2183



 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 2183 del primo dicembre 2015

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza (anno XVI)

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com

 

Sommario di questo numero:

1. Peppe Sini: Una proposta alle persone di volonta' buona: alle elezioni una lista della pace

2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre

3. Hic et nunc, quid agendum

4. In memoria di James Baldwin, di Carlo Bini, di Benjamin Cremieux, di Ernesto De Martino, di Giorgio Errera, di Felice Le Monnier, di Nikolaj Lobacevskij, di Giambattista Mancuso, di Stefano Miccolis, di Luciana Nissim Momigliano, di Vincenzo Pappalettera, di Giaime Pintor, di Vittorio Somenzi, di Ernst Toller, di Henri Wallon, di Christa Wolf

5. Indice dei Telegrammi di novembre 2015

6. Segnalazioni librarie

7. La "Carta" del Movimento Nonviolento

8. Per saperne di piu'

 

1. EDITORIALE. PEPPE SINI: UNA PROPOSTA ALLE PERSONE DI VOLONTA' BUONA: ALLE ELEZIONI UNA LISTA DELLA PACE

 

Alle prossime elezioni amministrative, ed alle successive elezioni politiche, occorrerebbe presentare una lista della pace.

Ed in questa lista aggregare tutte le forze organizzate e le disperse persone che ritengano che la pace, ovvero l'opposizione a tutte le uccisioni, sia il primo e decisivo bisogno dell'umanita' e quindi il primo e decisivo punto del programma politico da proporre in tutte le istituzioni pubbliche nella situazione presente.

Una lista della pace che si proponga di operare per la pace in tutte le sedi istituzionali elettive: dal Comune al Parlamento Europeo.

Ed operare per la pace qui ed ora significa proporre un programma politico ed amministrativo nonviolento: disarmista ed antimilitarista, femminista ed ecologista, egalitario e solidale, antirazzista ed antimafioso.

*

Negli enti locali promuovendo politiche di accoglienza e di tutela ambientale, di cooperazione internazionale dal basso, di condivisione e solidarieta', di partecipazione e responsabilizzazione della popolazione tutta in una prospettiva di mondialita', realizzando concrete pratiche nonviolente nell'amministrazione dei servizi e del territorio.

Nel parlamento nazionale innanzitutto legiferando smilitarizzazione e disarmo, difesa popolare nonviolenta e corpi civili di pace, abrogazione di tutte le scellerate misure razziste tuttora vigenti, buone pratiche di difesa dei diritti umani e della biosfera.

Nel parlamento europeo recando l'esigenza, l'urgenza e la concreta e coerente proposta di una politica nonviolenta in tutte le relazioni e le iniziative infraeuropee ed internazionali.

*

Le organizzazioni della sinistra italiana (per sinistra intendendo il movimento storico di liberazione delle oppresse e degli oppressi e la cultura politica che si fonda sul riconoscimento dell'eguale dignita' di ogni essere umano e si da' il fine della giustizia ovvero della responsabilita' e della solidarieta' in tutte le relazioni sociali tra gli esseri umani e tra l'umanita' e l'intero mondo vivente) dovrebbero mettere a disposizione di questa proposta di azione condivisa le loro risorse umane e materiali, facendo prevalere il bene comune dell'umanita' rispetto ad ogni particolarismo.

 

2. REPETITA IUVANT. CONTRO TUTTI I TERRORISMI, CONTRO TUTTE LE GUERRE

 

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Ogni uccisione e' un crimine.

Non si puo' contrastare una strage commettendo un'altra strage.

Non si puo' contrastare il terrorismo con atti di terrorismo.

A tutti i terrorismi occorre opporsi.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

La guerra e' il terrorismo portato all'estremo.

Ogni guerra consiste di innumerevoli uccisioni.

La guerra e' un crimine contro l'umanita'.

Con la guerra gli stati divengono organizzazioni terroriste.

Con la guerra gli stati fanno nascere e crescere le organizzazioni terroriste.

A tutte le guerre occorre opporsi.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'.

Un'organizzazione criminale va contrastata con un'azione di polizia da parte di ordinamenti giuridici legittimi.

La guerra impedisce l'azione di polizia necessaria.

Occorre dunque avviare un immediato processo di pace nel Vicino e nel Medio Oriente che consenta la realizzazione di ordinamenti giuridici legittimi, costituzionali, democratici, rispettosi dei diritti umani.

Occorre dunque che l'Europa dismetta ogni politica di guerra, di imperialismo, di colonialismo, di rapina, di razzismo, di negazione della dignita' umana di innumerevoli persone e di interi popoli.

Occorre dunque una politica europea di soccorso umanitario, di pace con mezzi di pace: la politica della nonviolenza che sola riconosce e promuove e difende i diritti umani di tutti gli esseri umani.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

La violenza assassina si contrasta salvando le vite.

La pace si costruisce abolendo la guerra.

La politica della nonviolenza richiede il disarmo e la smilitarizzazione.

La politica nonviolenta richiede la difesa civile non armata e nonviolenta, i corpi civili di pace, l'azione umanitaria, la cooperazione internazionale.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Si coalizzino tutti gli stati democratici contro il terrorismo proprio ed altrui, contro il terrorismo delle organizzazioni criminali e degli stati.

Si coalizzino tutti gli stati democratici per la pace, il disarmo, la smilitarizzazione dei conflitti.

Si coalizzino tutti gli stati democratici per l'indispensabile aiuto umanitario a tutte le persone ed i popoli che ne hanno urgente bisogno.

Si coalizzino tutti gli stati democratici per contrastare le organizzazioni criminali con azioni di polizia adeguate, mirate a salvare le vite e alla sicurezza comune.

Si coalizzino tutti gli stati democratici per la civile convivenza di tutti i popoli e di tutti gli esseri umani.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Cominci l'Italia.

Cominci l'Italia soccorrendo, accogliendo e assistendo tutte le persone in fuga dalla fame e dall'orrore, dalle dittature e dalla guerra.

Cominci l'Italia cessando di partecipare alle guerre.

Cominci l'Italia uscendo da alleanze militari terroriste e stragiste come la Nato.

Cominci l'Italia cessando di produrre  armi e di rifornirne regimi e poteri dittatoriali e belligeranti.

Cominci l'Italia abrogando tutte le infami misure razziste ancora vigenti nel nostro paese.

Cominci l'Italia con un'azione diplomatica, politica ed economica, e con aiuti umanitari adeguati a promuovere la costruzione di ordinamenti giuridici legittimi, costituzionali e democratici dalla Libia alla Siria.

Cominci l'Italia destinando a interventi di pace con mezzi di pace, ad azioni umanitarie nonviolente, i 72 milioni di euro del bilancio dello stato che attualmente ogni giorno sciaguratamente, scelleratamente destina all'apparato militare, alle armi, alla guerra.

Cominci l'Italia a promuovere una politica della sicurezza comune e del bene comune centrata sulla difesa popolare nonviolenta, sui corpi civili di pace, sulla legalita' che salva le vite.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Ogni vittima ha il voto di Abele.

Alla barbarie occorre opporre la civilta'.

Alla violenza occorre opporre il diritto.

Alla distruzione occorre opporre la convivenza.

Al male occorre opporre il bene.

Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre.

Salvare le vite e' il primo dovere.

 

3. REPETITA IUVANT. HIC ET NUNC, QUID AGENDUM

 

Occorre soccorrere, accogliere, assistere tutti gli esseri umani in fuga dalla fame e dalle guerre.

Occorre riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di giungere in modo legale e sicuro nel nostro paese.

Occorre andare a soccorrere e prelevare con mezzi di trasporto pubblici e gratuiti tutti i migranti lungo gli itinerari della fuga, sottraendoli agli artigli dei trafficanti.

Occorre un immediato ponte aereo di soccorso internazionale che prelevi i profughi direttamente nei loro paesi d'origine e nei campi collocati nei paesi limitrofi e li porti in salvo qui in Europa.

Occorre cessare di fare, fomentare, favoreggiare, finanziare le guerre che sempre e solo consistono nell'uccisione di esseri umani.

Occorre proibire la produzione e il commercio delle armi.

Occorre promuovere la pace con mezzi di pace.

Occorre cessare di rapinare interi popoli, interi continenti.

In Italia occorre abolire i campi di concentramento, le deportazioni, e le altre misure e pratiche razziste e schiaviste, criminali e criminogene, che flagrantemente confliggono con la Costituzione, con lo stato di diritto, con la democrazia, con la civilta'.

In Italia occorre riconoscere immediatamente il diritto di voto nelle elezioni amministrative a tutte le persone residenti.

In Italia occorre contrastare i poteri criminali, razzisti, schiavisti e assassini.

L'Italia realizzi una politica della pace e dei diritti umani, del disarmo e della smilitarizzazione, della legalita' che salva le vite, della democrazia che salva le vite, della civilta' che salva le vite.

L'Italia avvii una politica nonviolenta: contro la guerra e tutte le uccisioni, contro il razzismo e tutte le persecuzioni, contro il maschilismo e tutte le oppressioni. Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita' e la biosfera.

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'.

Vi e' una sola umanita' in un unico mondo vivente casa comune dell'umanita' intera.

Salvare le vite e' il primo dovere.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

 

4. ANNIVERSARI. IN MEMORIA DI JAMES BALDWIN, DI CARLO BINI, DI BENJAMIN CREMIEUX, DI ERNESTO DE MARTINO, DI GIORGIO ERRERA, DI FELICE LE MONNIER, DI NIKOLAJ LOBACEVSKIJ, DI GIAMBATTISTA MANCUSO, DI STEFANO MICCOLIS, DI LUCIANA NISSIM MOMIGLIANO, DI VINCENZO PAPPALETTERA, DI GIAIME PINTOR, DI VITTORIO SOMENZI, DI ERNST TOLLER, DI HENRI WALLON, DI CHRISTA WOLF

 

Ricorre oggi, primo dicembre, l'anniversario della scomparsa di James Baldwin, della nascita di Carlo Bini, della nascita di Benjamin Cremieux, della nascita di Ernesto De Martino, della scomparsa di Giorgio Errera, della nascita di Felice Le Monnier, della nascita di Nikolaj Lobacevskij, della scomparsa di Giambattista Mancuso, della scomparsa di Stefano Miccolis, della scomparsa di Luciana Nissim Momigliano, della scomparsa di Vincenzo Pappalettera, della scomparsa di Giaime Pintor, della scomparsa di Vittorio Somenzi, della nascita di Ernst Toller, della scomparsa di Henri Wallon, della scomparsa di Christa Wolf.

*

Anche nel ricordo di James Baldwin, di Carlo Bini, di Benjamin Cremieux, di Ernesto De Martino, di Giorgio Errera, di Felice Le Monnier, di Nikolaj Lobacevskij, di Giambattista Mancuso, di Stefano Miccolis, di Luciana Nissim Momigliano, di Vincenzo Pappalettera, di Giaime Pintor, di Vittorio Somenzi, di Ernst Toller, di Henri Wallon, di Christa Wolf, proseguiamo nell'azione nonviolenta per la pace e i diritti umani; contro la guerra e tutte le uccisioni, contro il razzismo e tutte le persecuzioni, contro il maschilismo e tutte le oppressioni.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'.

Vi e' una sola umanita' in un unico mondo vivente casa comune dell'umanita' intera.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita' e la biosfera.

 

5. MATERIALI. INDICE DEI "TELEGRAMMI" DI NOVEMBRE 2015

 

* "Telegrammi", numero 2154 del primo novembre 2015: 1. Presentazione dell'iniziativa nonviolenta "Ogni vittima ha il volto di Abele". Un incontro di riflessione a Viterbo; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Movimento Nonviolento, Peacelink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Associazione Antimafie Rita Atria: Un appello per il 4 novembre: "Ogni vittima ha il volto di Abele"; 4. In memoria di Etienne de la Boetie, di Mario Cuminetti, di Elisabeth Dmitrieff, di Edward Said; 5. Indice dei Telegrammi di ottobre 2015; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "La domenica della nonviolenza", numero 343 del primo novembre 2015: 1. Movimento Nonviolento, Peacelink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Associazione Antimafie Rita Atria: Un appello per il 4 novembre: "Ogni vittima ha il volto di Abele"; 2. Un carteggio inutile; 3. Peppe Sini: Una lettera al Presidente del Consiglio (2014); 4. Matteo Renzi: Una risposta (2014); 5. Peppe Sini: Una risposta alla risposta (2015); 6. Hic et nunc, quid agendum; 7. Alcune parole sulla nonviolenza.

* "Telegrammi", numero 2155 del 2 novembre 2015: 1. "Pensare la nonviolenza con Rosa Luxemburg, Virginia Woolf, Simone Weil, Hannah Arendt, Franca Ongaro Basaglia, Vandana Shiva". Un incontro di studio a Viterbo; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Movimento Nonviolento, Peacelink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Associazione Antimafie Rita Atria: Un appello per il 4 novembre: "Ogni vittima ha il volto di Abele"; 4. In memoria di Mario Carrara e di Pier Paolo Pasolini; 5. Segnalazioni librarie; 6. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 7. Per saperne di piu'.

* "Ogni vittima ha il volto di Abele", numero 150 del 2 novembre 2015: 1. La scelta; 2. Movimento Nonviolento, Peacelink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Associazione Antimafie Rita Atria: Un appello per il 4 novembre: "Ogni vittima ha il volto di Abele"; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre.

* "Telegrammi", numero 2156 del 3 novembre 2015: 1. Ricordate a Viterbo le vittime di tutte le guerre; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Movimento Nonviolento, Peacelink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Associazione Antimafie Rita Atria: Un appello per il 4 novembre: "Ogni vittima ha il volto di Abele"; 4. In memoria di Alberto Carocci, di Edward Carr, di Giuseppe Di Vittorio, di Olympe de Gouges, di Harriet Hardy Taylor, di Leo Loewenthal, di Alberto Manzi, di Marisa Musu, di Raimon Panikkar, di Alice S. Rossi, di Samuel Ruiz, di Luigi Salvatorelli; 5. Segnalazioni librarie; 6. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 7. Per saperne di piu'.

* "Ogni vittima ha il volto di Abele", numero 151 del 3 novembre 2015: 1. Movimento Nonviolento, Peacelink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Associazione Antimafie Rita Atria: Un appello per il 4 novembre: "Ogni vittima ha il volto di Abele"; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 4. Aldo Capitini: Teoria della nonviolenza (parte prima).

* "Telegrammi", numero 2157 del 4 novembre 2015: 1. Movimento Nonviolento, Peacelink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Associazione Antimafie Rita Atria: Un appello per il 4 novembre: "Ogni vittima ha il volto di Abele"; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. In quattro luoghi-simbolo della citta' commemorate a Viterbo le vittime della violenza bellica e stragista; 4. "Ricerca scientifica e promozione dei diritti umani". Un incontro di riflessione a Viterbo; 5. "Alcuni temi dell'opera di Pasolini". Un incontro di studio a Viterbo; 6. In memoria di Daniel Amit, di Michail Bachtin, di Pier Cesare Bori, di Gilles Deleuze, di Joyce Lussu; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Ogni vittima ha il volto di Abele", numero 152 del 4 novembre 2015: 1. Movimento Nonviolento, Peacelink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Associazione Antimafie Rita Atria: Un appello per il 4 novembre: "Ogni vittima ha il volto di Abele"; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 4. Aldo Capitini: Teoria della nonviolenza (parte seconda e conclusiva).

* "Telegrammi", numero 2158 del 5 novembre 2015: 1. A Viterbo la mattina del 4 novembre 2015; 2. Un incontro con i volontari in servizio civile a Viterbo nella giornata del ricordo delle vittime della guerra; 3. In memoria di Isaiah Berlin, di Pierangelo Bertoli, di Susana Chavez, di Giorgio La Pira, di Umberto Morra, di Boris Souvarine, di Lev Vygotskij; 4. Segnalazioni librarie; 5. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 6. Per saperne di piu'.

* "Ogni vittima ha il volto di Abele", numero 153 del 5 novembre 2015: 1. Giobbe Santabarbara: Una breve riflessione su questo 4 novembre; 2. Severino Vardacampi: E adesso, pover'uomo?; 3. Movimento Nonviolento, Peacelink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Associazione Antimafie Rita Atria: Un appello per il 4 novembre: "Ogni vittima ha il volto di Abele"; 4. Hic et nunc, quid agendum; 5. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre.

* "Telegrammi", numero 2159 del 6 novembre 2015: 1. Adele Cambria; 2. Daci Stefancich; 3. "Ambiente, salute, dignita' umana". Un incontro di riflessione con la dottoressa Antonella Litta a Viterbo; 4. In memoria di Franco Antonicelli, di Francoise Dolto, di Bartolo Nigrisoli, di Christoph Probst, di Giovanni Spampinato; 5. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 6. Hic et nunc, quid agendum; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 579 del 6 novembre 2015: 1. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 2. Il testo della Convenzione di Istanbul (parte prima).

* "Telegrammi", numero 2160 del 7 novembre 2015: 1. Hic et nunc, quid agendum; 2. Eve Ensler: La mia rivoluzione inizia nel corpo; 3. Eve Ensler: Preghiera degli uomini; 4. Eve Ensler: Fino a quando...; 5. Eve Ensler: L'Ufficio della schiavitu' sessuale; 6. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 7. In memoria di Albert Camus, di Marie Curie, di Isobel Gunn, di Jan Skacel, di Lev Tolstoj; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 580 del 7 novembre 2015: 1. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 2. Il testo della Convenzione di Istanbul (parte seconda e conclusiva); 3. Hic et nunc, quid agendum.

* "Telegrammi", numero 2161 dell'8 novembre 2015: 1. "Necessita' del disarmo". Un incontro di riflessione a Viterbo; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 4. In memoria di Dorothy Day, di Aldo Natoli, di Peter Weiss; 5. Segnalazioni librarie; 6. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 7. Per saperne di piu'.

* "La domenica della nonviolenza", numero 344 dell'8 novembre 2015: 1. Ernesto Balducci: Introduzione a "La pace. Realismo di un'utopia"; 2. Lorenzo Milani: Lettera ai cappellani militari toscani che hanno sottoscritto il comunicato dell'11 febbraio 1965; 3. Hic et nunc, quid agendum.

* "Telegrammi", numero 2162 del 9 novembre 2015: 1. Luciano Gallino; 2. In ricordo di Dorothy Day un incontro a Viterbo; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 5. In memoria di Erich Auerbach, di Romano Bilenchi, di Etienne Cabet, di Basil Davidson, di Stieg Larsson, di Miriam Makeba, di Cecilia Meireles, di Paule Mink, di Anne Sexton, di Peter Szondi, di Ellen Willis; 6. Solo opponendosi alla velocita' (2012); 7. La scelta nonviolenta della virtu' della lentezza (2013); 8. Mozione per la riduzione del trasporto aereo approvata all'unanimita' dal congresso nazionale del Movimento Nonviolento tenutosi a Verona dal primo al 3 novembre 2007; 9. Segnalazioni librarie; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 581 del 9 novembre 2015: 1. Viterbo condivide la gioia per la vittoria di Aung San Suu Kyi; 2. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre.

* "Telegrammi", numero 2163 del 10 novembre 2015: 1. Tonio Dell'Olio: La missione di Renzi in Arabia Saudita; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 4. Movimento per la pace, un esame di coscienza (2006); 5. Puntuale come la morte (2006); 6. In memoria di Leon Brunschvicg, di Luigi Capriolo, di Bernhard Haering, di Richie Jean Jackson, di Virgilio Gozzoli, di Norman Mailer, di Russell Means, di Miklos Radnoti, di Natalino Sapegno, di Ken Saro-Wiwa, di Giacomo Ulivi; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 582 del 10 novembre 2015: 1. La sinistra necessaria; 2. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. Ancora una volta dieci parole della nonviolenza in cammino; 5. Luciano Bonfrate: Dieci parole da Assisi a Gubbio; 6. Osvaldo Caffianchi: Ancora sulle dieci parole della nonviolenza in cammino da Assisi a Gubbio; 7. Benito D'Ippolito: Dieci parole della nonviolenza in dieci profili di costruttrici di pace; 8. Crispino Scotolatori: Ancora dieci parole sul sentiero da Assisi a Gubbio; 9. Nello Scardani: Ancora dieci parole della nonviolenza riflesse in dieci volti di donne; 10. Ricciardo Aloisi: Ancora dieci parole sul sentiero da Assisi a Gubbio; 11. Omero Caiami Persichi: Dieci quartine tra Assisi e Gubbio; 12. Giobatta Corinzi: Ancora dieci parole riflesse in dieci volti sul sentiero da Assisi a Gubbio; 13. Geremia Cattristi: Dieci parole e dieci volti da Assisi a Gubbio.

* "Telegrammi", numero 2164 dell'11 novembre 2015: 1. Rileggendo Natalino Sapegno nell'anniversario della nascita; 2. "Luciano Gallino e la cultura italiana del secondo Novecento". Un incontro di studio a Viterbo; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 5. In memoria di Gordon Allport, di Andre' Bazin, di Carlos Fuentes, di Fioretta Mazzei, di Lucretia Mott, di Jannis Ritsos, di Lalla Romano, di Luigi Santucci, di Alberto Tarchiani, di Silvio Trentin, di Kurt Vonnegut; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 583 dell'11 novembre 2015: 1. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 2. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. Maria Muti presenta "Leggere Lolita a Teheran" di Azar Nafisi.

* "Telegrammi", numero 2165 del 12 novembre 2015: 1. Un incontro a Viterbo a sostegno dell'iniziativa per il disarmo nucleare promossa da movimenti pacifisti e nonviolenti; 2. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 3. Giulio A. Maccacaro: Medicina Democratica, movimento di lotta per la salute (1976); 4. Segnalazioni librarie; 5. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 6. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 584 del 12 novembre 2015: 1. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 2. "Erinna" si racconta; 3. "Erinna": Curriculum Vitae; 4. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 5. Hic et nunc, quid agendum; 6. In memoria di Gaetano Arfe', di Giulio Carlo Argan, di Roland Barthes, di Norman Bethune, di Carlo Bini, di Giuseppe Antonio Borgese, di Elizabeth Cady Stanton, di Elizabeth Gaskell, di Dolores Ibarruri, di Juana Ines de la Cruz, di Edward Schillebeeckx, di Steve Tshwete.

* "Telegrammi", numero 2166 del 13 novembre 2015: 1. Hic et nunc, quid agendum; 2. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 3. In memoria di Anne Dallas Dudley, di Aldo De Jaco, di Adele Faccio, di Henri Langlois, di Bruno Maderna, di Camille Pissarro; 4. Giuseppe Fava: I quattro cavalieri dell'apocalisse mafiosa; 5. Segnalazioni librarie; 6. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 7. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 585 del 13 novembre 2015: 1. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 4. Vandana Shiva: Principi costitutivi di una democrazia della comunita' terrena.

* "Telegrammi", numero 2167 del 14 novembre 2015: 1. Hic et nunc, quid agendum; 2. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 3. In memoria di Franco Alasia, di Luciano Bianciardi, di Elizabeth Cady Stanton, di Alba de Cespedes, di Jean Paul Richter, di Giovanni Macchia, di Quirino Perfetto, di Angelo Romano', di Flora Tristan, di Booker T. Washington; 4. Ruggero Ruggineri: Mentre sfila il baccanale; 5. Geronte Geronti: Reperti da nuovi bestiari; 6. Quelli che (2009); 7. Cosa non e' la nonviolenza (2009); 8. Cosa e' la nonviolenza (2009); 9. Dove dico alcune cose (2007); 10. Segnalazioni librarie; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 586 del 14 novembre 2015: 1. Il dolore, l'orrore; 2. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna".

* "Telegrammi", numero 2168 del 15 novembre 2015: 1. A Viterbo un incontro di commemorazione delle vittime delle stragi di Parigi; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 4. In memoria di Franco Antonicelli, di James Graham Ballard, di Vinoba Bhave, di Stokely Carmichael, di Comenio, di Fernaldo Di Giammatteo, di Emile Durkheim, di Georges Friedmann, di Andre' Lalande, di Margaret Mead, di Marianne Moore, di Anne de Noailles, di Georgia O'Keeffe, di Francesco Rosi; 5. Segnalazioni librarie; 6. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 7. Per saperne di piu'.

* "La domenica della nonviolenza", numero 345 del 15 novembre 2015: 1. "Scenari e dinamiche della terza guerra mondiale a pezzi". Un incontro di studio a Viterbo; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre.

* "Telegrammi", numero 2169 del 16 novembre 2015: 1. Peppe Sini: Tre cose che non possiamo tacere; 2. Movimento Nonviolento: Nonviolenza o barbarie; 3. Mario Giro: Parigi: il branco di lupi, lo Stato Islamico e quello che possiamo fare; 4. Hic et nunc, quid agendum; 5. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 6. In memoria di Chinua Achebe, di Giovanna Bemporad, di Jean Baptiste Le Rond d'Alembert, di Ignacio Ellacuria e delle altre vittime della strage di San Salvador del 16 novembre 1989, di Antonio Giannangeli, di Margherita Isnardi Parente, di Sergio Liberovici, di Serge Moscovici, di Raymond Peynet, di Carlo Rosselli, di Jose' Saramago, di Cesare Scurati, di Maurizio Valenzi; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 587 del 16 novembre 2015: 1. Peppe Sini: Fermare subito l'escalation dell'orrore. Cessare di uccidere; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 4. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna".

* "Telegrammi", numero 2170 del 17 novembre 2015: 1. Peppe Sini: Sull'orlo dell'abisso. Una lettera aperta al presidente del Consiglio dei ministri; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Francesco Gesualdi: L'ora della ragione e della mitezza; 4. Enrico Peyretti: Parigi e noi; 5. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 6. In memoria di Michail Bachtin, di Lorenzo Bedeschi, di Doris Lessing, di Audre Lorde, di Valdo Magnani, di Eugene Minkowski, di Robert Owen, di Pico della Mirandola, di Carlo Salinari, di Giuliana Segre, di Victor Serge; 7. Alessandro Zanotelli presenta "L'arte della guerra" di Manlio Dinucci; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Ogni vittima ha il volto di Abele", numero 154 del 17 novembre 2015: 1. Peppe Sini: Un grido necrofilo e insensato; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 4. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna".

* "Telegrammi", numero 2171 del 18 novembre 2015: 1. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. "La cultura come riconoscimento e difesa dei diritti umani". Un incontro di studio a Viterbo; 4. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 5. In memoria di Adriano Apra', di Piero Bartezzaghi, di Pierre Bayle, di Romano Bilenchi, di Umberto Cosmo, di Francesco De Martino, di Joris Ivens, di Klaus Mann, di Jacques Maritain, di Carlo Alfredo Moro, di Marcel Proust, di Enzo Sereni, di Delio Tessa, di Vasilis Vasilikos, di Adriana Zarri; 6. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Ogni vittima ha il volto di Abele", numero 155 del 18 novembre 2015: 1. Il medesimo crimine; 2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. Tonio Dell'Olio: Scommettiamo sulla forza della pace; 5. Enrico Peyretti: Non siamo in guerra; 6. Pasquale Pugliese: La strategia della violenza ha fallito; 7. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 8. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna".

* "Telegrammi", numero 2172 del 20 novembre 2015: 0. Comunicazione di servizio; 1. Fermare la guerra, fermare il terrorismo. Un discorso in piazza a Viterbo; 2. "Dalla parte delle vittime, contro tutte le uccisioni". Un incontro di testimonianza a Viterbo; 3. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 4. Hic et nunc, quid agendum; 5. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 6. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 7. In memoria di Nello Ajello, di Robert Altman, di Francesco Babini, di Charles Bettelheim, di Copi, di Benedetto Croce, di Elena Croce, di Buenaventura Durruti, di Ennio Flaiano, di Bruno Gentili, di Gioacchino Gesmundo, di Nadine Gordimer, di Nazim Hikmet, di William Heard Kilpatrick, di Benoit Mandelbrot, di Rita Rosani, di Leonardo Sciascia, di Silvio Serra, di Lev Tolstoj, di Zumbi; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Ogni vittima ha il volto di Abele", numero 156 del 20 novembre 2015: 1. Peppe Sini: Adesione alla manifestazione nazionale promossa dai musulmani d'Italia contro il terrorismo; 2. Umberto Santino: La pace naviga controcorrente; 3. Papa Francesco: La strada della pace; 4. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 5. Hic et nunc, quid agendum; 6. Il 21 novembre a Viterbo presso l'Ordine dei Medici un incontro sull'inquinamento da arsenico nelle acque; 7. Con "Erinna" il 23 novembre a Viterbo contro la violenza alle donne; 8. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 9. One Billion Rising: Dal 25 novembre al 14 febbraio; 10. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna".

* "Telegrammi", numero 2173 del 21 novembre 2015: 1. Fermare le stragi, salvare le vite; 2. Oggi a Roma; 3. Appello dei musulmani d'Italia per una manifestazione nazionale sabato 21 novembre; 4. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 5. Hic et nunc, quid agendum; 6. Oggi a Viterbo presso l'Ordine dei Medici un incontro sull'inquinamento da arsenico nelle acque; 7. Con "Erinna" il 23 novembre a Viterbo contro la violenza alle donne; 8. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 9. One Billion Rising: Dal 25 novembre al 14 febbraio; 10. In memoria di Giorgio Amendola, di Luciano Barca, di Benedetto Calati, di Veza Canetti, di Claudio Cesa, di Detto Dalmastro, di Ricardo Flores Magon, di Pierre Grimal, di Coleman Hawkins, di Henri Laborit, di Lucio Lombardo Radice, di Rene' Magritte, di Lewis Henry Morgan, di Giorgio Paglia, di Henriette Roland Holst, di Nicola Serra, di Voltaire; 11. Segnalazioni librarie; 12. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 13. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 588 del 21 novembre 2015: 1. Un messaggio oggi da Roma; 2. Peppe Sini: Sull'orlo dell'abisso. Una lettera aperta al presidente del Consiglio dei ministri; 3. Nanni Salio: I due terrorismi e le alternative della nonviolenza; 4. Con "Erinna" il 23 novembre a Viterbo contro la violenza alle donne; 5. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 6. One Billion Rising: Dal 25 novembre al 14 febbraio; 7. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 8. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 9. Hic et nunc, quid agendum; 10. Oggi a Viterbo presso l'Ordine dei Medici un incontro sull'inquinamento da arsenico nelle acque.

* "Telegrammi", numero 2174 del 22 novembre 2015: 1. Dalla parte delle vittime, dalla parte dell'umanita'; 2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. Con "Erinna" il 23 novembre a Viterbo contro la violenza alle donne; 5. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 6. In memoria di Endre Ady, di Maurice Bejart, di Anthony Burgess, di Sandro Curzi, di George Eliot, di Erich Fried, di Kurt Koffka, di Jack London, di David Maria Turoldo; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "La domenica della nonviolenza", numero 346 del 22 novembre 2015: Peppe Sini: Da Roma un messaggio di pace, di solidarieta', di nonviolenza.

* "Telegrammi", numero 2175 del 23 novembre 2015: 1. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 2. Hic et nunc, quid agendum; 3. Appello dei musulmani d'Italia per una manifestazione nazionale sabato 21 novembre; 4. Sergio Mattarella: Messaggio alle persone partecipanti all'iniziativa "Not in my name" del 21 novembre a Roma; 5. Pietro Grasso: Messaggio alle persone partecipanti all'iniziativa "Not in my name" del 21 novembre a Roma; 6. Laura Boldrini: Messaggio alle persone partecipanti all'iniziativa "Not in my name" del 21 novembre a Roma; 7. Con "Erinna" il 23 novembre a Viterbo contro la violenza alle donne; 8. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 9. One Billion Rising: Dal 25 novembre al 14 febbraio; 10. Si e' svolto a Viterbo presso l'Ordine dei Medici un incontro sull'inquinamento da arsenico nelle acque; 11. In memoria di Paul Celan, di Claudio Cesa, di Manuel de Falla, di Montserrat Figueras, di Marcello Gigante, di El Lissitzky, di Louis Malle, di Ruggiero Romano, di Carlo Vincenti; 12. Segnalazioni librarie; 13. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 14. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 589 del 23 novembre 2015: 1. Con "Erinna" oggi a Viterbo contro la violenza alle donne; 2. Verso la "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" del 25 novembre; 3. One Billion Rising: Dal 25 novembre al 14 febbraio; 4. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 5. Gabriella Maria Calderaro: Un convegno nazionale sulla follia della guerra; 6. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 7. Hic et nunc, quid agendum; 8. Raniero La Valle: Guerra e terrorismo. Non e' troppo tardi.

* "Telegrammi", numero 2176 del 24 novembre 2015: 1. La prima radice di ogni violenza; 2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. One Billion Rising: Dal 25 novembre al 14 febbraio; 5. Umberto Santino: Giovanni Orcel. Recuperare una storia collettiva; 6. Umberto Santino: A cento anni dall'assassinio di Bernardino Verro; 7. In memoria di Manfredo Bertini, di Anna Capponi, di Carlo Collodi, di Annie Lee Cooper, di Henryk  Grossman, di Prosper-Olivier Lissagaray, di Mazzino Montinari, di Sabatino Moscati, di John Rawls, di Giuseppe Sapienza, di Baruch Spinoza, di Laurence Sterne; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Ogni vittima ha il volto di Abele", numero 157 del 24 novembre 2015: 1. Peppe Sini: Fermare la guerra, fermare le stragi, realizzare un'operazione di polizia internazionale contro il terrorismo; 2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 3. Hic et nunc, quid agendum.

* "Telegrammi", numero 2177 del 25 novembre 2015: 1. Oggi; 2. Cinque meditazioni piu' una; 3. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 4. Hic et nunc, quid agendum; 5. "Contrastare l'oppressione di genere". Un incontro di studio a Viterbo; 6. In memoria di Ba Jin, di Angelica Balabanoff, di Valentin Bulgakov, di Paul Desmond, di Lotte Eisner, di Giovanni XXIII, di Nelson Goodman, di Giorgio Levi Della Vida, di Mario Melloni, di Elsa Morante, di Geno Pampaloni, di Leon Poliakov, di Giacinto Menotti Serrati, di Upton Sinclair, di Valdo Vinay, di Leonard Woolf; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 590 del 25 novembre 2015: 1. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 2. One Billion Rising: Dal 25 novembre al 14 febbraio; 3. Umberto Santino: Il mercato del sesso a Palermo. Mafia e nuovi gruppi criminali (parte prima).

* "Telegrammi", numero 2178 del 26 novembre 2015: 1. Contro la guerra, contro il razzismo, contro il maschilismo. Una conversazione a Viterbo; 2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. In memoria di Chokri Belaid, di Julien Benda, di Dang Thuy Tram, di Ermanno Gorrieri, di Herman Gorter, di Siegfried Kracauer, di Paul Lafargue, di Irma Marchiani, di Ashley Montagu, di Sarah Moore Grimke', di Simon Nkoli, di Italo Piccagli, di Frederik Pohl, di Ferdinand de Saussure, di Charles M. Schulz, di Sebastiano Timpanaro, di Sojourner Truth, di Filippo Turati; 5. Segnalazioni librarie; 6. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 7. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 591 del 26 novembre 2015: 1. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 2. Umberto Santino: Il mercato del sesso a Palermo. Mafia e nuovi gruppi criminali (parte seconda e conclusiva).

* "Telegrammi", numero 2179 del 27 novembre 2015: 1. Peppe Sini: Fermare la guerra e le stragi; 2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. Raniero La Valle: Il papa, Bangui, la misericordia; 5. Giorgio Nebbia: Bangui prima di Roma; 6. Enrico Peyretti: Sulla via di Dio, ne' odio, ne' violenza, ne' vendetta; 7. Annamaria Rivera: Il Mostro e il suo creatore; 8. In memoria di Walter Binni, di Angelo Cocconcelli, di Lewis A. Coser, di Alexander Dubcek, di Vittorio Emanuele Giuntella, di Mickey Leland, di Alexius Meinong, di Alberto Melucci, di Pedro Salinas, di Aldo Salvetti, di Manuel Scorza, di Piero Treves, di Diego Valeri, di Sophie Volland; 9. Segnalazioni librarie; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.

* "Voci e volti della nonviolenza", numero 729 del 27 novembre 2015: 1. Giovanni Ghirga, Antonella Litta, Mauro Mocci: Segnalazione del persistere e dell'aggravarsi del processo di eutrofizzazione e netta riduzione della qualita' delle acque del lago di Vico; 2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. Vandana Shiva: Principi costitutivi di una democrazia della comunita' terrena; 5. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna".

* "Telegrammi", numero 2180 del 28 novembre 2015: 1. "Contro la guerra e tutte le uccisioni. Soccorrere, accogliere, assistere tutte le persone bisognose di aiuto". Un incontro con il professor Osvaldo Ercoli; 2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. In memoria di Cesare Beccaria, di Aleksandr Blok, di Fernand Braudel, di Bernard Charbonneau, di Vittorio De Seta, di Friedrich Engels, di Franco Fortini, di Maria Goia, di Claude Levi-Strauss, di Miro Luperi, di Lucio Magri, di Alberto Moravia, di Vincenzo Pappalettera, di Benedetto Petrone, di Franca Trentin, di Saverio Tutino, di Richard Wright, di Stefan Zweig; 5. Segnalazioni librarie; 6. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 7. Per saperne di piu'.

* "Voci e volti della nonviolenza", numero 730 del 28 novembre 2015: 1. Nell'indifferenza generale; 2. Ballata delle bare ed altri volantini contro la guerra a cura di Benito D'Ippolito; 3. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 4. Hic et nunc, quid agendum.

* "Telegrammi", numero 2181 del 29 novembre 2015: 1. Dalle parole ai fatti. Una lettera al Presidente della Repubblica; 2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. In memoria di Bella Achmadulina, di Ferrante Aporti, di Louisa May Alcott, di Vincenzo Baccala', di Angelo Bevilacqua, di Carlo Casalegno, di Angelo Cocconcelli, di Gerardo D'Ambrosio, di Dorothy Day, di Giuseppe Dozza, di Angelo Fortunato Formiggini, di Ludovico Geymonat, di Carlo Lajolo, di Carlo Levi, di Mario Monicelli, di Nello Rosselli, di Luigi Russo, di Jean Senac, di Luigi Veronelli, di Frances Yates; 5. Sul torpedone ed altri volantini contro la guerra a cura di Benito D'Ippolito; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "La domenica della nonviolenza", numero 347 del 29 novembre 2015: 1. Contro la guerra e le stragi, la scelta della nonviolenza; 2. Alcuni volantini contro la guerra a cura di Benito D'Ippolito; 3. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 4. Hic et nunc, quid agendum.

* "Telegrammi", numero 2182 del 30 novembre 2015: 1. "Due o tre cose che so sul clima". Un incontro di riflessione a Viterbo; 2. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 3. Hic et nunc, quid agendum; 4. In memoria di Louise-Victorine Ackermann, di Giordano Cavestro, di Shirley Chisholm, di Laura Clifford Barney, di Andrea Costa, di Gaston Cremieux, di Guy Debord, di Vladimir Dedijer, di Jean Eustache, di Etty Hillesum, di Mother Jones, di Ernst Lubitsch, di Michele Pantaleone, di Fernando Pessoa, di Israel Joshua Singer, di Paolo Spriano, di Jonathan Swift, di Alberto Tarchiani, di Mark Twain; 5. Altri volantini contro la guerra a cura di Benito D'Ippolito; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "Voci e volti della nonviolenza", numero 731 del 30 novembre 2015: 1. Il primo passo; 2. Blues del treno della morte ed ancora altri volantini contro la guerra a cura di Benito D'Ippolito; 3. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre; 4. Hic et nunc, quid agendum; 5. "Agricoltura, ambiente e salute": anche dall'incontro di Fabrica di Roma un appello per la tutela della salute delle popolazioni esposte agli inquinanti ambientali e in particolare all'arsenico e ai pesticidi.

 

6. SEGNALAZIONI LIBRARIE

 

Riletture

- Franco Cardini, Europa e Islam. Storia di un malinteso, Laterza, Roma-Bari 1999, 2003, pp. VIII + 352.

- Franco Cardini, Il Saladino, Piemme, Casale Monferrato 1999, San Paolo - "Famiglia cristiana", 2003, pp. 154.

- Franco Cardini, Noi e l'Islam. Un incontro possibile?, Laterza, Roma-Bari 1994, pp. IV + 124.

- Franco Cardini, Quella antica festa crudele. Guerra e cultura della guerra dal Medioevo alla Rivoluzione francese, Mondadori, Milano 1995, 1997, pp. XII + 490.

- Franco Cardini (a cura di), La paura e l'arroganza, Laterza, Roma-Bari 2002, 2003, pp. XL + 216.

 

7. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

 

Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.

Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:

1. l'opposizione integrale alla guerra;

2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;

3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;

4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.

Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.

Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.

 

8. PER SAPERNE DI PIU'

 

Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 2183 del primo dicembre 2015

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza (anno XVI)

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com , sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com