[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Nonviolenza] Al Ministro degli Affari Esteri affinche' si adoperi per impedire una nuova strage di Nassiriya ed altri orrori ancora



 

AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI AFFINCHE' SI ADOPERI PER IMPEDIRE UNA NUOVA STRAGE DI NASSIRIYA ED ALTRI ORRORI ANCORA

 

Egregio Ministro degli Affari Esteri,

credo che non le possa sfuggire l'estrema pericolosita' dell'assurda decisione del governo italiano annunciata pochi giorni fa di inviare in Iraq centinaia di soldati.

Lei sa quanto me che il dispiegamento di centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul verra' percepito come un atto di occupazione militare da parte di uno degli stati occidentali che gia' prese parte alla prima guerra del Golfo ed all'occupazione militare seguita alla seconda: ovvero uno degli stati della coalizione euroamericana che ha commesso in Iraq mostruosi crimini di guerra e contro l'umanita', crimini che hanno favorito la nascita dell'organizzazione terrorista e schiavista dell'Isis.

Lei sa quanto me che questa decisione fornira' all'Isis un eccellente bersaglio per la sua azione stragista, per la sua propaganda assassina; sa che l'invio cola' dei soldati italiani espone agli attentati dell'Isis quei soldati, i lavoratori della diga, le popolazioni nei dintorni ed a valle della diga, e l'intero popolo italiano.

Lei sa quanto me che ben altro occorre per contrastare efficacemente l'Isis, mettere fine ai suoi abominevoli crimini ed assicurare alla giustizia i suoi membri, come e' doveroso, necessario ed urgente: la via e' quella indicata dall'Onu; occorre un'operazione di polizia internazionale, la cessazione degli atti di guerra, il disarmo e la smilitarizzazione; ed insieme un'azione costruttiva di ricostituzione degli ordinamenti giuridici legittimi, delle infrastrutture, dei servizi e della pubblica amministrazione; un'iniziativa umanitaria di soccorso immediato alle popolazioni vittime della guerra, del terrorismo, della persecuzione, della riduzione in schiavitu', della violenza dittatoriale; la fine del conflitto in Siria come in Libia attraverso un'azione diplomatica adeguata. Lei sa quanto me che il terrorismo non si contrasta con la guerra, ma con la democrazia, la legalita', la giustizia sociale, la pace che salva le vite.

*

Egregio Ministro,

si adoperi affinche' il governo receda da quell'insensata e pericolosissima decisione.

Sotto ogni profilo e' una follia ed un crimine esporre gratuitamente alla morte tanti esseri umani.

Sotto ogni profilo e' assurdo e scellerato compiere un atto che con tutta evidenza e con estrema probabilita' puo' favorire di fatto l'esecuzione di nuove stragi.

Si adoperi per impedire una nuova strage di Nassiriya ed altri orrori ancora.

Receda il governo da una scelta sconsiderata e funesta.

Esortandola ad agire per il bene dell'umanita', un saluto di pace.

 

Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani"

 

Viterbo, 27 dicembre 2015

 

Mittente: "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani", strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it, centropacevt at gmail.com, centropaceviterbo at outlook.it, crpviterbo at yahoo.it, web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/