[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Nonviolenza] Telegrammi. 2210



 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 2210 del 28 dicembre 2015

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza (anno XVI)

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com

 

Sommario di questo numero:

1. Al Ministro degli Affari Esteri affinche' si adoperi per impedire una nuova strage di Nassiriya ed altri orrori ancora

2. Una iniziativa di sostegno a distanza per gli orfani di Kobane

3. In memoria di Pio Baroja, di Pierre Bayle, dei fratelli Cervi, di Guy Debord, di Carlo Giacon, di Roberto Longhi, di Raimondo Luraghi, di Domenico Marzi, di Friedrich Wilhelm Murnau, di Giovanni Noe', di Nicola Petrina, di Michel Petrucciani, di Manuel Puig, di Susan Sontag

4. Segnalazioni librarie

5. La "Carta" del Movimento Nonviolento

6. Per saperne di piu'

 

1. LETTERE. AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI AFFINCHE' SI ADOPERI PER IMPEDIRE UNA NUOVA STRAGE DI NASSIRIYA ED ALTRI ORRORI ANCORA

 

Egregio Ministro degli Affari Esteri,

credo che non le possa sfuggire l'estrema pericolosita' dell'assurda decisione del governo italiano annunciata pochi giorni fa di inviare in Iraq centinaia di soldati.

Lei sa quanto me che il dispiegamento di centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul verra' percepito come un atto di occupazione militare da parte di uno degli stati occidentali che gia' prese parte alla prima guerra del Golfo ed all'occupazione militare seguita alla seconda: ovvero uno degli stati della coalizione euroamericana che ha commesso in Iraq mostruosi crimini di guerra e contro l'umanita', crimini che hanno favorito la nascita dell'organizzazione terrorista e schiavista dell'Isis.

Lei sa quanto me che questa decisione fornira' all'Isis un eccellente bersaglio per la sua azione stragista, per la sua propaganda assassina; sa che l'invio cola' dei soldati italiani espone agli attentati dell'Isis quei soldati, i lavoratori della diga, le popolazioni nei dintorni ed a valle della diga, e l'intero popolo italiano.

Lei sa quanto me che ben altro occorre per contrastare efficacemente l'Isis, mettere fine ai suoi abominevoli crimini ed assicurare alla giustizia i suoi membri, come e' doveroso, necessario ed urgente: la via e' quella indicata dall'Onu; occorre un'operazione di polizia internazionale, la cessazione degli atti di guerra, il disarmo e la smilitarizzazione; ed insieme un'azione costruttiva di ricostituzione degli ordinamenti giuridici legittimi, delle infrastrutture, dei servizi e della pubblica amministrazione; un'iniziativa umanitaria di soccorso immediato alle popolazioni vittime della guerra, del terrorismo, della persecuzione, della riduzione in schiavitu', della violenza dittatoriale; la fine del conflitto in Siria come in Libia attraverso un'azione diplomatica adeguata. Lei sa quanto me che il terrorismo non si contrasta con la guerra, ma con la democrazia, la legalita', la giustizia sociale, la pace che salva le vite.

*

Egregio Ministro,

si adoperi affinche' il governo receda da quell'insensata e pericolosissima decisione.

Sotto ogni profilo e' una follia ed un crimine esporre gratuitamente alla morte tanti esseri umani.

Sotto ogni profilo e' assurdo e scellerato compiere un atto che con tutta evidenza e con estrema probabilita' puo' favorire di fatto l'esecuzione di nuove stragi.

Si adoperi per impedire una nuova strage di Nassiriya ed altri orrori ancora.

Receda il governo da una scelta sconsiderata e funesta.

Esortandola ad agire per il bene dell'umanita', un saluto di pace.

Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani"

Viterbo, 27 dicembre 2015

 

2. APPELLI. UNA INIZIATIVA DI SOSTEGNO A DISTANZA PER GLI ORFANI DI KOBANE

[Riceviamo e diffondiamo]

 

Tre associazioni curde lanciano un progetto di sostegno a distanza dei 174 bambini rimasti orfani durante l'assedio di Kobane. 30 euro al mese per garantire loro una vita dignitosa e una possibilita' di futuro. Tutte le informazioni su: www.bimbidikobane.com

Kobane non e' solo una citta'. Kobane e' un simbolo di liberta' e determinazione. Kobane e' la speranza concreta che in un Medio Oriente stretto tra Isis e guerra sia possibile costruire un futuro di pace, convivenza e uguaglianza.

Nel luglio 2014 i miliziani del cosiddetto Stato Islamico hanno attaccato Kobane con l'obiettivo di conquistare e sottomettere la citta'. Morte e distruzione hanno invaso le case, i campi e le costruzioni del Rojava, la regione autonoma del Nord della Siria dove da tre anni si sperimenta un progetto di democrazia radicale. Dopo lunghi mesi di assedio, pero', le Unita' di Autodifesa del Popolo femminili (Ypj) e maschili (Ypg) hanno respinto l'attacco jiahdista, mettendo in fuga le truppe dell'Isis. Il 26 gennaio 2015 Kobane e' stata finalmente liberata.

L'assedio di Kobane si e' lasciato dietro una scia di oltre 2.000 morti e di piu' di 400.000 sfollati. Di questi, oltre 250.000 sono gia' rientrati. Il territorio di Kobane, pero', e' ancora devastato.

Oggi, la nuova grande sfida e' la ricostruzione della citta'. Dei suoi edifici, ma anche dei rapporti sociali che la animavano, di condizioni di vita dignitose e delle possibilita' di avere un futuro.

A Kobane, 174 bambini hanno perso i genitori, morti in prima linea combattendo l'Isis. La comunita' locale sta gia' progettando la costruzione di un centro polifunzionale dove accogliere e accudire in forma collettiva questi orfani, garantendo loro un tetto, la possibilita' di studiare e le cure mediche necessarie. Questo progetto, pero', ha costi alti e tempi molto lunghi.

Nel frattempo, questi bambini hanno bisogno dell'aiuto di tutti noi. Il sostegno a distanza e' uno strumento per aiutare concretamente chi ha sofferto la guerra e la perdita dei genitori. Ed e' anche un modo per esprimere una solidarieta' attiva alla resistenza di Kobane e al progetto di autonomia democratica che i suoi cittadini stanno mettendo in pratica.

Il sostegno a distanza ha l'obiettivo di garantire una vita degna ai bimbi di Kobane e di dare loro la speranza di un futuro sereno, entrando nelle case come amici e costruttori di pace, per superare le barriere dell'indifferenza e gettare le basi di una nuova societa' solidale.

L'impegno richiesto e' il versamento di 30 euro mensili per ciascun bambino.

Le associazioni promotrici - dall'Italia: Uiki Onlus (Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia); dal Rojava: Sara: Associazione Contro la Violenza sulle Donne; da Kobane: Associazione dei Familiari dei Martiri - si rendono garanti del progetto, favorendo i contatti diretti tra chi aiuta e chi e' aiutato.

"Bimbi di Kobane" si inserisce nell'ambito dei progetti per la ricostruzione della citta' definiti dal Kobane Reconstruct Board (more info: www.helpkobane.com).

Per maggiori informazioni: www.bimbidikobane.com

 

3. ANNIVERSARI. IN MEMORIA DI PIO BAROJA, DI PIERRE BAYLE, DEI FRATELLI CERVI, DI GUY DEBORD, DI CARLO GIACON, DI ROBERTO LONGHI, DI RAIMONDO LURAGHI, DI DOMENICO MARZI, DI FRIEDRICH WILHELM MURNAU, DI GIOVANNI NOE', DI NICOLA PETRINA, DI MICHEL PETRUCCIANI, DI MANUEL PUIG, DI SUSAN SONTAG

 

Ricorre oggi, 28 dicembre, l'anniversario della nascita di Pio Baroja, della scomparsa di Pierre Bayle, della scomparsa dei fratelli Cervi, della nascita di Guy Debord, della nascita di Carlo Giacon, della nascita di Roberto Longhi, della scomparsa di Raimondo Luraghi, della nascita di Domenico Marzi, della nascita di Friedrich Wilhelm Murnau, della scomparsa di Giovanni Noe', della scomparsa di Nicola Petrina, della nascita di Michel Petrucciani, della nascita di Manuel Puig, della scomparsa di Susan Sontag.

*

Anche nel ricordo di Pio Baroja, di Pierre Bayle, dei fratelli Cervi, di Guy Debord, di Carlo Giacon, di Roberto Longhi, di Raimondo Luraghi, di Domenico Marzi, di Friedrich Wilhelm Murnau, di Giovanni Noe', di Nicola Petrina, di Michel Petrucciani, di Manuel Puig, di Susan Sontag, proseguiamo nell'azione nonviolenta per la pace e i diritti umani; contro la guerra e tutte le uccisioni, contro il razzismo e tutte le persecuzioni, contro il maschilismo e tutte le oppressioni.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'.

Vi e' una sola umanita' in un unico mondo vivente casa comune dell'umanita' intera.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita' e la biosfera.

 

4. SEGNALAZIONI LIBRARIE

 

Riletture

- Marc Bloch, Apologia della storia o Mestiere di storico, Einaudi, Torino 1998, 2010, pp. LXVIII + 260.

 

5. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

 

Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.

Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:

1. l'opposizione integrale alla guerra;

2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;

3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;

4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.

Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.

Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.

 

6. PER SAPERNE DI PIU'

 

Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 2210 del 28 dicembre 2015

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza (anno XVI)

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com , sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com