[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Nonviolenza] Telegrammi. 2477



 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 2477 del 20 settembre 2016

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza (anno XVII)

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com

 

Sommario di questo numero:

1. Ricordando Alfio Pannega con alcune fotografie di Mario Onofri

2. Alcuni testi del mese di gennaio 2016 (parte prima)

3. Alla Presidente della Camera dei Deputati, affinche' si opponga alla sciagurata decisione governativa di inviare soldati a Mosul

4. Scriviamo a tutti i ministri per chiedere che recedano da una decisione inammissibile (Un modello di lettera e alcuni indirizzi utilizzabili)

5. Venticinque anni dopo

6. Dieci semplici ragioni per impedire una criminale follia

7. Possiamo riuscirci

8. Ogni giorno

9. L'opposizione alla guerra e alle stragi non sia ne' generica e astratta, ne' ambigua e subalterna, ma sia concreta e coerente: sia quindi nonviolenta

10. Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre

11. Hic et nunc, quid agendum

12. Al Ministro dell'Interno. Possa la sua coscienza essere illuminata

13. Due petizioni su Change e su Avaaz

14. Costituito un "Comitato nonviolento per la revoca della decisione governativa di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul"

15. Se ne e' accorto

16. Un modello di mozione da proporre ai consigli comunali, provinciali e regionali

17. Un obiettivo concreto e realistico

18. Segnalazioni librarie

19. La "Carta" del Movimento Nonviolento

20. Per saperne di piu'

 

1. MEMORIA. RICORDANDO ALFIO PANNEGA CON ALCUNE FOTOGRAFIE DI MARIO ONOFRI

 

Ricorrendo tra pochi giorni, il 21 settembre, l'anniversario della nascita nel 1925 di Alfio Pannega, il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" come gia' in passato mette a disposizione delle persone interessate alcune altre fotografie inedite dell'indimenticabile amico e compagno di lotte realizzate nel corso del tempo da Mario Onofri, ugualmente indimenticabile amico e compagno di lotte.

Contro la guerra e tutte le uccisioni.

Contro il razzismo e tutte le persecuzioni.

Contro il maschilismo e tutte le oppressioni.

In difesa della vita, della dignita' e dei diritti di tutti gli esseri umani.

In difesa della biosfera, casa comune dell'umanita'.

Oppresse e oppressi di tutti i paesi, unitevi nella lotta per la comune liberazione.

La nonviolenza e' in cammino.

*

Una breve notizia su Alfio Pannega

Alfio Pannega nacque a Viterbo il 21 settembre 1925, figlio della Caterina (ma il vero nome era Giovanna), epica figura di popolana di cui ancor oggi in citta' si narrano i motti e le vicende trasfigurate ormai in leggende omeriche, deceduta a ottantaquattro anni nel 1974. E dopo gli anni di studi in collegio, con la madre visse fino alla sua scomparsa, per molti anni abitando in una grotta nella Valle di Faul, un tratto di campagna entro la cinta muraria cittadina. A scuola da bambino aveva incontrato Dante e l'Ariosto, ma fu lavorando "in mezzo ai butteri della Tolfa" che si appassiono' vieppiu' di poesia e fiori' come poeta a braccio, arguto e solenne declamatore di impeccabili e sorprendenti ottave di endecasillabi. Una vita travagliata fu la sua, di duro lavoro fin dalla primissima giovinezza. La raccontava lui stesso nell'intervista che costituisce la prima parte del libro che raccoglie le sue poesie che i suoi amici e compagni sono riusciti a pubblicare pochi mesi prima dell'improvvisa scomparsa (Alfio Pannega, Allora ero giovane pure io, Davide Ghaleb Editore, Vetralla 2010): tra innumerevoli altri umili e indispensabili lavori manuali in campagna e in citta', per decine di anni ha anche raccolto gli imballi e gli scarti delle attivita' artigiane e commerciali, recuperando il recuperabile e riciclandolo: consapevole maestro di ecologia pratica, quando la parola ecologia ancora non si usava. Nel 1993 la nascita del centro sociale occupato autogestito nell'ex gazometro abbandonato: ne diventa immediatamente protagonista, e lo sara' fino alla fine della vita. Sapeva di essere un monumento vivente della Viterbo popolare, della Viterbo migliore, e il popolo di Viterbo lo amava visceralmente. E' deceduto il 30 aprile 2010, non risvegliandosi dal sonno dei giusti. Alcuni testi commemorativi sono stati piu' volte pubblicati sul notiziario telematico quotidiano "La nonviolenza e' in cammino", ad esempio negli "Archivi della nonviolenza in cammino" nn. 56, 57, 58, 60; cfr. anche il fascicolo monografico dei "Telegrammi della nonviolenza in cammino" n. 265 ed ancora i "Telegrammi della nonviolenza in cammino" nn. 907-909, 1172, 1260, 1261, 1272, 1401, 1622-1624, 1763, 1971, 2108-2113, 2115, 2329, 2331, 2334-2335, 2476, i fascicoli di "Coi piedi per terra" n. 546 e 548-552, e "Voci e volti della nonviolenza" nn. 687-691, 754-755.

*

Una breve notizia su Mario Onofri

Mario Onofri e' deceduto a Viterbo, la sua citta', il 13 giugno 2015, aveva 64 anni. Era un uomo dolce e mite, sapiente e generoso. Fotografo, artista, viandante e ricercatore, studioso e testimone, militante per i diritti umani, amico della nonviolenza, sollecito sempre nel recare aiuto alle persone sofferenti, alle persone oppresse. E' stato uno dei migliori compagni di lotte di quanti a Viterbo si sono battuti e ogni giorno si battono contro i poteri criminali e contro il regime della corruzione, contro la devastazione della natura e della cultura, contro la guerra e contro la violenza, contro il razzismo e contro il maschilismo, contro lo sfruttamento e l'oppressione; per la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani; per la liberazione dell'umanita' intera; in difesa di quest'unico mondo vivente. Anche grazie all'azione di Mario Onofri la nonviolenza e' in cammino. All'indomani della sua scomparsa scrissero di lui alcuni degli amici e compagni di lotte che piu' gli furono vicini: "Grande artista, fotografo e visionario, dagli anni '60-'70 Mario ci ha donato luminose visioni di persone e luoghi con i suoi scatti - di grande perizia tecnica - intrisi di bellezza e malinconia, dolcezza e saggezza, espressione di un cuore e di un occhio sapientemente sensibili e sempre alla ricerca di quei caratteri e paesaggi autentici ed evocativi che sapeva cogliere esprimendo la profonda essenza della vita, dell'umanita', della storia e della natura. Grande viaggiatore, profondo conoscitore dell'India, Mario Onofri lascia un grande patrimonio artistico e documentario, storico ed umano, che - dal bianco e nero al colore - ci permettera' di rivedere, senza mai banalita', la metamorfosi socio-culturale e paesaggistica di Viterbo impressa in cinquant'anni di fotografie. Oltre all'altra sua grande passione, quella dell'India, di questo meraviglioso paese di cui era innamorato e del quale ha magistralmente colto e restituito la poesia, i colori e la magia". Ricordandolo nel primo anniversario della scomparsa di lui e' stato scritto: "artista e ricercatore, militante nonviolento per la pace, i diritti umani, la difesa dell'ambiente e della civilta'. Era un uomo buono, mite, gentile, di garbo levissimo e finissima ironia, di profondi elevati pensieri, di immensa generosita'. Intellettuale dai molti interessi e di molte esperienze, infaticabile viaggiatore e natura contemplativa, acutamente consapevole della fragilita' di ogni persona e della volatilita' di ogni esistenza - e per questo vieppiu' soccorrevole e accudente -, attivista costantemente impegnato per la vita, la dignita' e i diritti di ogni essere umano, per la liberazione delle oppresse e degli oppressi, per l'amoroso rispetto del mondo vivente tutto. Ne ricordiamo le qualita' di artista visivo, di antropologo del presente, di testimone del tempo e dei luoghi, delle relazioni e dei mutamenti, dei movimenti collettivi e delle esperienze culturali che con intensa partecipazione visse e documento'; lo ricordiamo fedele alle amicizie fino all'abnegazione, tenero e luminoso confortatore nelle distrette, saggio gioioso e meditabondo nel convivio; lo ricordiamo compagno di lotte e di ragionamenti necessari, strenuo ricercatore della verita', la verita' che libera, la verita' che ama, la verita' che e' prendersi cura delle altre persone e del mondo vivente, compassione operosa e universale fraternita'. A chi ha avuto il privilegio grande di essergli stato amico lascia un tesoro di ricordi iridescenti, e un'esortazione a perseverare nell'impegno per la liberazione di ogni essere umano, affinche' tutti possano godere di una condivisa felicita', in una solidarieta' che ripudia e contrasta e sconfigge ogni violenza, e l'intero mondo vivente abbraccia in un rivolgimento amoroso che e' insieme comprensione di se' e del tutto. Lascia anche un'opera vasta e preziosa, in massima misura tuttora dispersa e inedita, un regesto di immagini salvate dalla fuga del tempo il cui pregio artistico e documentario - ed ermeneutico, e morale quindi - e' cospicuo, e che occorre dunque finalmente raccogliere, pubblicare e valorizzare a beneficio dei presenti e dei venturi, dono estremo di un uomo giusto all'umanita'".

 

2. MATERIALI. ALCUNI TESTI DEL MESE DI GENNAIO 2016 (PARTE PRIMA)

 

Riproponiamo qui alcuni testi apparsi sul nostro foglio nel mese di gennaio 2016.

 

3. ALLA PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI, AFFINCHE' SI OPPONGA ALLA SCIAGURATA DECISIONE GOVERNATIVA DI INVIARE SOLDATI A MOSUL

 

Egregia Presidente della Camera dei Deputati,

ritengo pericolosissima, assolutamente irrazionale e patentemente illegittima la decisione annunciata dal governo di inviare 450 soldati italiani alla diga di Mosul.

E vorrei pregare lei, terza carica istituzionale dello stato, presidente di uno dei rami del parlamento, autorevole figura dell'impegno umanitario, di invitare il governo a recedere da essa.

Quella inopinata ed irresponsabile decisione infatti e' gravida di conseguenze funeste: espone quei soldati al massacro; ed espone al massacro con essi anche i lavoratori della diga e le popolazioni che vivono nei pressi ed a valle di essa; ed espone al massacro altresi' chi vive in Italia e che a seguito di questa decisione diverra' parimenti bersaglio privilegiato di prevedibilissimi attentati.

Non dubito che lei abbia piena contezza del fatto che Mosul e' in mano all'Isis, che i soldati italiani in Iraq sono gia' stati vittima della strage di Nassiriya, che la loro presenza li' offrirebbe ai terroristi l'occasione di commettere agevolmente una strage e di trarre da questo efferato crimine (che presenterebbero al loro uditorio come un atto di guerra contro "truppe di occupazione crociate") anche un vantaggio propagandistico che incrementera' il loro consenso, il loro reclutamento, la loro espansione.

Sic stantibus rebus, quella stoltissima decisione del governo italiano si configura come un atto mortifero e costituira' paradossalmente un effettuale favoreggiamento dell'Isis; quella decisione e' quindi palesemente illegale, immorale, insensata.

*

Egregia Presidente della Camera dei Deputati,

so bene che il suo ruolo istituzionale richiede da lei prudenza e saggezza, ma proprio a un atto di prudenza e di saggezza la esorto: la esorto a richiamare il governo alla ragione, la esorto a impedire che un crimine sia commesso (poiche' quella decisione del governo crea appunto le condizioni che consentiranno una strage altrimenti evitabile).

Si adoperi per salvare delle vite.

Si adoperi affinche' il governo non esponga - gratuitamente, assurdamente, atrocemente - degli esseri umani alla morte.

Confidando in un suo esplicito, tempestivo, energico intervento, voglia gradire cordiali saluti.

 

4. INIZIATIVE. SCRIVIAMO A TUTTI I MINISTRI PER CHIEDERE CHE RECEDANO DA UNA DECISIONE INAMMISSIBILE (UN MODELLO DI LETTERA)

 

Facciamo sentire la nostra voce a tutti i ministri ed ai loro principali collaboratori; invitiamoli a recedere da una decisione inammissibile.

*

Un modello di lettera:

Egregi ministri,

receda il governo dalla decisione di inviare 450 soldati italiani alla diga di Mosul. Receda il governo da una decisione insensata e illegale che puo' avere conseguenze catastrofiche. Receda il governo dal commettere un tragico errore che puo' costare innumerevoli vite umane.

Ascoltate la voce della vostra stessa coscienza. Salvare le vite e' il primo dovere. Distinti saluti.

 

5. VENTICINQUE ANNI DOPO

 

Sono una delle persone che venticinque anni fa si opposero alla guerra del Golfo che avvio' la catastrofe che tuttora perdura e si estende (ne ricavai un processo da cui uscii assolto - credo anche grazie alle innumerevoli dichiarazioni di solidarieta' che ricevetti, tra le quali quelle di maestri ed amici ormai scomparsi ma indimenticabili come Ernesto Balducci, Norberto Bobbio, Franco Fortini, Bianca Guidetti Serra, Alexander Langer, Davide Melodia, Tullio Vinay...).

Sapendo che si preparano nei prossimi giorni in vari luoghi iniziative in memoria di quella funesta vicenda e delle innumerevoli sue vittime, e sperando che la memoria e la meditazione servano all'impegno attuale, mi permetto di chiedere a chi queste iniziative promuove ed a chi ad esse si appresta a partecipare di proseguire nell'impegno contro le guerre e tutte le uccisioni, contro il razzismo e tutte le persecuzioni, contro il maschilismo e tutte le oppressioni; in difesa della vita, della dignita' e dei diritti di tutti gli esseri umani; in difesa dell'unico mondo vivente casa comune dell'umanita' intera.

E mi permetto di aggiungere che questo necessario ed urgente impegno di pace deve essere promosso, espresso e realizzato unicamente in forme e con mezzi ad esso coerenti, concreti e adeguati: deve essere un impegno nonviolento, rigorosamente nonviolento, esclusivamente nonviolento.

Solo la nonviolenza si oppone in modo nitido e intransigente a tutte le violenze e le menzogne.

Solo la nonviolenza invera l'impegno fondamentale dell'umana civilta': salvare le vite.

*

Propongo infine che queste iniziative in Italia sostengano innanzitutto un primario concreto obiettivo: che il governo receda immediatamente dall'annunciata decisione di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul, una decisione insensata e illegale che puo' avere conseguenze catastrofiche.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Pace, disarmo, smilitarizzazione.

Contro tutte le uccisioni.

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'.

Salvare le vite e' il primo dovere di ogni persona decente, di ogni umana associazione, di ogni civile istituto.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

 

6. DIECI SEMPLICI RAGIONI PER IMPEDIRE UNA CRIMINALE FOLLIA

 

La decisione annunciata dal governo di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul e' una criminale follia.

Occorre persuadere il governo a revocarla immediatamente.

*

1. La diga di Mosul e' a pochi chilometri dalla citta' che e' sotto il controllo dell'Isis: sara' facilissimo per l'Isis organizzare un attentato stragista.

*

2. La presenza di soldati italiani alla diga di Mosul verra' percepita come occupazione militare straniera da parte di uno dei paesi che presero parte alla prima guerra del Golfo (nel corso della quale anche l'Italia partecipo' ai bombardamenti stragisti), e che gia' occuparono il paese dopo la seconda guerra del Golfo (occupazione nel corso della quale le truppe di altri paesi della coalizione di cui anche l'Italia faceva parte commisero mostruosi crimini contro l'umanita'); cosicche' presso un vastissimo uditorio trovera' ascolto la propaganda dell'Isis che definira' la presenza dei soldati italiani come "invasione crociata" e fara' di quei soldati e dell'Italia primari bersagli di attentati stragisti.

*

3. E' quindi evidente che lungi dal proteggere l'impianto e le maestranze, la presenza dei soldati italiani alla diga di Mosul esporra' l'uno e le altre agli attentati stragisti; ed esporra' ad attentati anche la popolazione italiana tutta indifferenziatamente; cosi' come esporra' a conseguenze letali le popolazioni abitanti nei dintorni della diga ed a valle di essa (un folle attentato che sciaguratamente provocasse la distruzione della diga avrebbe come esito un immane massacro, una catastrofe indicibile).

*

4. Dalla presenza dei soldati italiani e dalla concreta ed agevole possibilita' di colpirli con attentati stragisti l'Isis ricavera' anche un enorme vantaggio propagandistico, e da questo vantaggio deriveranno per l'organizzazione terrorista ulteriore consenso, ulteriore espansione, ulteriori reclutamenti; cosicche' e' del tutto evidente che quella improvvida e insensata presenza militare italiana raggiungera' il solo risultato di favoreggiare l'organizzazione terrorista, e tanto sangue di innocenti sara' sparso assurdamente per questo esito scellerato.

*

5. Tutti sanno che il terrorismo va contrastato con un'operazione di polizia internazionale, che ha come indispensabile prerequisito la cessazione delle guerre in corso e quindi degli interventi militari europei ed americani che l'Isis hanno fatto nascere e crescere fino alle attuali dimensioni.

L'invio di soldati italiani a Mosul e' del tutto controproducente: poiche' di fatto contribuira' a far morire altri innocenti e con cio' rafforzera' ed estendera' il potere dell'Isis e prolunghera' la schiavitu' delle persone che vivono nelle zone sottoposte alla sua infame e bestiale dittatura mafiosa e nazista.

*

6. Occorre inoltre dire che dispiegare soldati come "security" di imprese private e' un uso inammissibile, un uso inammissibile che ha gia' provocato delle vittime, come i pescatori indiani uccisi perche' ritenuti pirati (ed un conseguente gravissimo contenzioso internazionale che tuttora perdura, nel quale sono anche state intrappolate le esistenze di due persone che potrebbero essere del tutto innocenti - e tali vanno comunque considerate fino all'emissione di una sentenza definitiva - e che da anni stanno subendo una condizione di sofferenza assolutamente ingiusta in assenza di un regolare giudizio).

*

7. Ne' si puo' tacere che mentre vari paesi, dagli Stati Uniti d'America alla Russia, alla Francia, a molti altri, stanno eseguendo in Iraq e in Siria una campagna di bombardamenti aerei che hanno provocato molte vittime civili - vittime due volte: della sanguinaria dittatura dell'Isis e dei bombardamenti stragisti -, inviare sul terreno soldati italiani che di alcuni di quei paesi che bombardano si presentano come alleati li espone vieppiu' ad essere vittime non solo degli attentati dell'Isis ma anche della vendetta di disperati sopravvissuti ai bombardamenti dei nostri alleati.

*

8. Il disegno dei terroristi e' persuaderci ad assecondare i loro piani sanguinari: a rispondere ai loro attentati con atti di guerra contribuendo cosi' ad una spirale distruttiva e onnicida, ad una escalation apocalittica che e' il perno della loro retorica nichilista e della loro disumanata ideologia. Ogni intervento militare, ogni azione bellica, e' un atto di folle complicita' con la criminale follia dell'Isis.

In Italia abbiamo conosciuto tremende stagioni di violenza terroristica - fascista, nichilista, mafiosa - e sappiamo che il terrorismo si puo' e si deve contrastare con la legalita' che salva le vite, con la democrazia che rispetta e promuove i diritti umani, e non con la guerra e la dittatura: la guerra e la dittatura - di cui il militarismo e' elemento strutturale - sono gia' terrorismo, sono l'oscena vittoria del terrorismo.

*

9. L'Isis e' stato creato dalle nostre guerre; proseguire sulla strada dell'intervento militare euroamericano avra' come risultato di rafforzarlo, e di far morire o ridurre in schiavitu' tanti altri innocenti.

Tutti gli studiosi, gli osservatori, gli operatori istituzionali onesti lo sanno e lo dicono da tempo, e chiunque puo' averne piena contezza se solo leggesse gli studi e i documenti degli esperti che sono ampiamente disponibili.

*

10. Gia' anni fa un altro governo mando' al massacro altri soldati italiani in Iraq, le vittime della strage di Nassiriya. Il governo attuale non ripeta quel tragico errore.

*

La decisione annunciata dal governo di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul e' una criminale follia.

Occorre persuadere il governo a revocarla immediatamente.

 

7. POSSIAMO RIUSCIRCI

 

Possiamo riuscirci a far recedere il governo dalla folle e illegale decisione di inviare centinaia di soldati a morire assurdamente a Mosul.

Possiamo riuscirci a far recedere il governo da una folle e illegale decisione il cui prevedibilissimo risultato sara' di esporre alla morte tanti esseri umani innocenti e di rafforzare vieppiu' l'organizzazione mafiosa e nazista, schiavista e terrorista, totalitaria e onnicida dell'Isis.

Possiamo riuscirci a far recedere il governo dal commettere un atto irresponsabile, un atto illecito, un atto insensato, un atto funesto.

Possiamo riuscirci: con la forza della verita', con la forza della legalita', con la forza della ragione, con la forza della bonta'.

Possiamo riuscirci.

Dobbiamo solo deciderci tutti insieme a farlo.

Facciamo sentire al governo la nostra voce.

Salvare le vite e' il primo dovere.

 

8. OGNI GIORNO

 

Ogni giorno un nuovo orrore s'aggiunge.

A maggior ragione dobbiamo fare quanto in nostro potere per contrastare la barbarie, per fermare la guerra, per salvare le vite.

Cominciamo da questo: facciamo immediatamente recedere il governo italiano dall'invio di centinaia di soldati alla diga di Mosul.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Pace, disarmo, smilitarizzazione.

Soccorrere, accogliere, assistere tutti gli esseri umani bisognosi di aiuto.

Opporsi alla guerra e a tutte le uccisioni, opporsi al razzismo e a tutte le persecuzioni, opporsi al maschilismo e a tutte le oppressioni.

Difendere la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani; difendere l'unico mondo vivente casa comune dell'umanita' intera.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

 

9. L'OPPOSIZIONE ALLA GUERRA E ALLE STRAGI NON SIA NE' GENERICA E ASTRATTA, NE' AMBIGUA E SUBALTERNA, MA SIA CONCRETA E COERENTE: SIA QUINDI NONVIOLENTA

 

L'opposizione alla guerra e alle stragi non sia ne' generica e astratta, ne' ambigua e subalterna, ma sia concreta e coerente: sia quindi nonviolenta.

Si ponga l'obiettivo concreto di fermare subito l'escalation della "guerra mondiale a pezzi".

Si ponga il fondamento concreto dell'opposizione alla guerra e a tutte le uccisioni, al razzismo e a tutte le persecuzioni, al maschilismo e a tutte le oppressioni; di soccorrere, accogliere, assistere tutti gli esseri umani bisognosi di aiuto; di difendere la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani; di difendere l'unico mondo vivente casa comune dell'umanita' intera; di realizzare subito e ovunque passi di disarmo e smilitarizzazione dei conflitti, scelte di responsabilita' e di condivisione, azioni di solidarieta' e di liberazione di tutte le oppresse e tutti gli oppressi.

*

Proponiamo un banco di prova preciso, un impegno immediato, uno scopo verificabile: far recedere il governo del nostro paese dalla decisione insensata e illegale di inviare centinaia di soldati italiani a Mosul. Un'assurda, scellerata decisione che di fatto espone gratuitamente alla morte innumerevoli innocenti; un'assurda, scellerata decisione che di fatto favoreggia la violenza stragista dell'Isis.

Il governo deve recedere immediatamente dal commettere un crimine e una follia.

Chiediamo a tutte le persone, le associazioni, le organizzazioni e le istituzioni impegnate per la pace e i diritti umani di convergere su questa iniziativa, per questo fine: che il governo revochi quella folle, illecita, mortifera decisione; che il parlamento respinga quella folle, illecita, mortifera decisione; che il presidente della repubblica opponga il suo veto a quella folle, illecita, mortifera decisione.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Il terrorismo si contrasta con la pace, la democrazia, l'aiuto umanitario, la cooperazione e la solidarieta' internazionale, la legalita' che salva le vite, la difesa e la promozione dei diritti di tutte e di tutti.

La guerra e' gia' terrorismo. La guerra e' nemica dell'umanita'.

Pace, disarmo, smilitarizzazione.

Corpi civili di pace, difesa popolare nonviolenta, inveramento dell'uguaglianza di diritti.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Il terrorismo non si contrasta con la guerra, la guerra e' il trionfo del terrorismo.

Le stragi non si contrastano con la guerra, la guerra consiste di stragi.

Le armi non difendono gli esseri umani, le armi uccidono gli esseri umani.

Gli eserciti non salvano le vite, gli eserciti sopprimono le vite.

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita' dalla catastrofe.

Salvare le vite e' il primo dovere.

 

10. CONTRO TUTTI I TERRORISMI, CONTRO TUTTE LE GUERRE

[Riproponiamo il seguente appello che diffondemmo mesi fa]

 

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Ogni uccisione e' un crimine.

Non si puo' contrastare una strage commettendo un'altra strage.

Non si puo' contrastare il terrorismo con atti di terrorismo.

A tutti i terrorismi occorre opporsi.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

La guerra e' il terrorismo portato all'estremo.

Ogni guerra consiste di innumerevoli uccisioni.

La guerra e' un crimine contro l'umanita'.

Con la guerra gli stati divengono organizzazioni terroriste.

Con la guerra gli stati fanno nascere e crescere le organizzazioni terroriste.

A tutte le guerre occorre opporsi.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'.

Un'organizzazione criminale va contrastata con un'azione di polizia da parte di ordinamenti giuridici legittimi.

La guerra impedisce l'azione di polizia necessaria.

Occorre dunque avviare un immediato processo di pace nel Vicino e nel Medio Oriente che consenta la realizzazione di ordinamenti giuridici legittimi, costituzionali, democratici, rispettosi dei diritti umani.

Occorre dunque che l'Europa dismetta ogni politica di guerra, di imperialismo, di colonialismo, di rapina, di razzismo, di negazione della dignita' umana di innumerevoli persone e di interi popoli.

Occorre dunque una politica europea di soccorso umanitario, di pace con mezzi di pace: la politica della nonviolenza che sola riconosce e promuove e difende i diritti umani di tutti gli esseri umani.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

La violenza assassina si contrasta salvando le vite.

La pace si costruisce abolendo la guerra.

La politica della nonviolenza richiede il disarmo e la smilitarizzazione.

La politica nonviolenta richiede la difesa civile non armata e nonviolenta, i corpi civili di pace, l'azione umanitaria, la cooperazione internazionale.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Si coalizzino tutti gli stati democratici contro il terrorismo proprio ed altrui, contro il terrorismo delle organizzazioni criminali e degli stati.

Si coalizzino tutti gli stati democratici per la pace, il disarmo, la smilitarizzazione dei conflitti.

Si coalizzino tutti gli stati democratici per l'indispensabile aiuto umanitario a tutte le persone ed i popoli che ne hanno urgente bisogno.

Si coalizzino tutti gli stati democratici per contrastare le organizzazioni criminali con azioni di polizia adeguate, mirate a salvare le vite e alla sicurezza comune.

Si coalizzino tutti gli stati democratici per la civile convivenza di tutti i popoli e di tutti gli esseri umani.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Cominci l'Italia.

Cominci l'Italia soccorrendo, accogliendo e assistendo tutte le persone in fuga dalla fame e dall'orrore, dalle dittature e dalla guerra.

Cominci l'Italia cessando di partecipare alle guerre.

Cominci l'Italia uscendo da alleanze militari terroriste e stragiste come la Nato.

Cominci l'Italia cessando di produrre  armi e di rifornirne regimi e poteri dittatoriali e belligeranti.

Cominci l'Italia abrogando tutte le infami misure razziste ancora vigenti nel nostro paese.

Cominci l'Italia con un'azione diplomatica, politica ed economica, e con aiuti umanitari adeguati a promuovere la costruzione di ordinamenti giuridici legittimi, costituzionali e democratici dalla Libia alla Siria.

Cominci l'Italia destinando a interventi di pace con mezzi di pace, ad azioni umanitarie nonviolente, i 72 milioni di euro del bilancio dello stato che attualmente ogni giorno sciaguratamente, scelleratamente destina all'apparato militare, alle armi, alla guerra.

Cominci l'Italia a promuovere una politica della sicurezza comune e del bene comune centrata sulla difesa popolare nonviolenta, sui corpi civili di pace, sulla legalita' che salva le vite.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Ogni vittima ha il voto di Abele.

Alla barbarie occorre opporre la civilta'.

Alla violenza occorre opporre il diritto.

Alla distruzione occorre opporre la convivenza.

Al male occorre opporre il bene.

Contro tutti i terrorismi, contro tutte le guerre.

Salvare le vite e' il primo dovere.

 

11. HIC ET NUNC, QUID AGENDUM

[Riproponiamo il seguente appello che diffondemmo mesi fa]

 

Occorre soccorrere, accogliere, assistere tutti gli esseri umani in fuga dalla fame e dalle guerre.

Occorre riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di giungere in modo legale e sicuro nel nostro paese.

Occorre andare a soccorrere e prelevare con mezzi di trasporto pubblici e gratuiti tutti i migranti lungo gli itinerari della fuga, sottraendoli agli artigli dei trafficanti.

Occorre un immediato ponte aereo di soccorso internazionale che prelevi i profughi direttamente nei loro paesi d'origine e nei campi collocati nei paesi limitrofi e li porti in salvo qui in Europa.

Occorre cessare di fare, fomentare, favoreggiare, finanziare le guerre che sempre e solo consistono nell'uccisione di esseri umani.

Occorre proibire la produzione e il commercio delle armi.

Occorre promuovere la pace con mezzi di pace.

Occorre cessare di rapinare interi popoli, interi continenti.

In Italia occorre abolire i campi di concentramento, le deportazioni, e le altre misure e pratiche razziste e schiaviste, criminali e criminogene, che flagrantemente confliggono con la Costituzione, con lo stato di diritto, con la democrazia, con la civilta'.

In Italia occorre riconoscere immediatamente il diritto di voto nelle elezioni amministrative a tutte le persone residenti.

In Italia occorre contrastare i poteri criminali, razzisti, schiavisti e assassini.

L'Italia realizzi una politica della pace e dei diritti umani, del disarmo e della smilitarizzazione, della legalita' che salva le vite, della democrazia che salva le vite, della civilta' che salva le vite.

L'Italia avvii una politica nonviolenta: contro la guerra e tutte le uccisioni, contro il razzismo e tutte le persecuzioni, contro il maschilismo e tutte le oppressioni. Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita' e la biosfera.

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'.

Vi e' una sola umanita' in un unico mondo vivente casa comune dell'umanita' intera.

Salvare le vite e' il primo dovere.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

 

12. AL MINISTRO DELL'INTERNO. POSSA LA SUA COSCIENZA ESSERE ILLUMINATA

 

Oggetto: richiesta di un urgente impegno per la revoca dell'annunciata decisione governativa di inviare centinaia di soldati italiani a Mosul.

Egregio Ministro dell'Interno,

credo che lei si renda ben conto del fatto che la politica estera di un paese in un mondo globalizzato ha immediate ricadute sulla politica interna.

Basti pensare a come le guerre e le occupazioni militari scatenate ed imposte da statisti folli e criminali ed alle quali purtroppo anche l'Italia ha assurdamente e tragicamente preso parte (dall'Iraq all'Afghanistan alla Libia) hanno destabilizzato intere regioni, disfatto ordinamenti giuridici statuali, suscitato ed alimentato guerre civili e terrorismo, e provocato innumerevoli vittime e costretto milioni di esseri umani a migrazioni bibliche per salvare le propria vite.

*

E credo che lei si renda conto altresi' che il pericolo del terrorismo non si contrasta con altro terrore, ma con la democrazia e la difesa nitida e intransigente dei diritti umani di tutti gli esseri umani.

Lei e' molto piu' giovane di me, ma comunque sapra' che negli anni terribili in cui in Italia il terrorismo politico e quello mafioso infuriavano, il popolo italiano e le sue istituzioni democratiche hanno saputo resistere a quell'ondata di orrore proprio con la forza della legalita' che salva le vite, della democrazia che rispetta i diritti; ci sono certo stati episodi tremendi, aberranti e fin abominevoli, ma nell'insieme e finalmente la repubblica democratica ed antifascista, la repubblica dei cittadini, ha prevalso con la forza del diritto.

*

E credo anche che lei si renda conto che in uno stato di diritto, costituzionale, democratico, e' cura primaria del potere esecutivo fare quanto e' in proprio potere per difendere la vita, la dignita' e i diritti di tutte le persone che si trovano nella giurisdizione in cui esercita le funzioni di governo secondo il mandato e nel rispetto delle guarentigie costituzionali.

Ed alla difesa delle liberta' condivise e delle istituzioni democratiche, ed innanzitutto della vita e della sicurezza degli esseri umani, e' preposto il suo ministero.

*

Orbene, il Presidente del Consiglio dei Ministri ha annunciato alcune settimane fa la decisione di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul, che si trova a breve distanza da una delle principali citta' irachene controllate dall'organizzazione terrorista e schiavista dell'Isis.

Questa decisione, mi permetta di dichiararlo in tutta franchezza, e' irrazionale, illegittima, controproducente, e puo' avere conseguenze funeste sia per i giovani militari che verranno dispiegati cola', sia per le maestranze civili della diga, sia per le popolazioni che vivono nei dintorni e a valle della diga, sia per l'intera popolazione italiana.

Non solo: questa decisione avra' come effetto certo di essere enormemente vantaggiosa per gli scellerati assassini dell'Isis.

E valga il vero.

*

In primo luogo sara' assai agevole per i terroristi dell'Isis aggredire i nostri soldati li', a brevissima distanza da uno dei loro capisaldi.

*

In secondo luogo sara' assai efficace la loro callida propaganda nel presentare i nostri soldati come "occupanti crociati" e il nostro paese come avanguardia "sul terreno" della coalizione internazionale che tante stragi ha commesso in Iraq durante la prima e la seconda guerra del Golfo e tanti crimini contro l'umanita' durante l'occupazione militare seguita alla sconfitta della scellerata dittatura di Saddam Hussein.

Tragicamente noi italiani abbiamo effettivamente preso parte ai bombardamenti durante la prima guerra del Golfo; tragicamente noi italiani abbiamo gia' subito un attentato stragista a Nassiriya durante l'occupazione militare dell'Iraq. E paesi nostri alleati come gli Usa e la Francia continuano a bombardare le aree controllate dall'Isis tra Siria ed Iraq, ed i loro bombardamenti continuano a provocare vittime tra la popolazione civile, che e' vittima sia dell'efferata dittatura terrorista e schiavista dell'Isis, sia dei bombardamenti dei nostri alleati.

Inviando i nostri soldati a Mosul il governo li e ci espone agli attentati dei terroristi, ma anche all'odio - e forse alle vendette - di tutti coloro che ci percepiranno come parte della coalizione responsabile della distruzione del paese e della nascita dell'Isis, come "truppe di terra" dell'alleanza euroamericana che li bombarda.

*

In terzo luogo questa situazione, questa propaganda, questa percezione, renderanno anche il nostro stesso paese bersaglio privilegiato di attentati stragisti.

Un'analisi rigorosa di quanto e' accaduto in questi ultimi anni e della situazione attuale porta a questa ineludibile conclusione: che l'invio di soldati italiani a Mosul espone l'Italia ad un elevatissimo rischio di attentati terroristici.

*

In quarto luogo la decisione presa dal nostro governo di inviare centinaia di soldati alla diga di Mosul esponendoli a un enorme pericolo non solo non sara' efficiente ai fini della lotta contro il terrorismo dell'Isis, ma crea le condizioni per un ulteriore rafforzamento dell'Isis, che si avvantaggera' di questa situazione per pianificare e mettere facilmente a segno altri sanguinari attentati stragisti.

Quella decisione quindi non e' utile alla necessaria lotta contro il terrorismo, ma favoreggera' de facto il terrorismo. E' doloroso dirlo, ma questa e' l'inconfutabile verita'. Ne consegue che sotto ogni profilo, non solo morale e civile, ma anche strategico e tattico, quella decisione e' errata e foriera di male.

*

Lei sa bene che per contrastare il terrorismo occorre non la guerra, ma un'azione di polizia e un'azione politica.

Un'azione di polizia che contrasti il crimine e reprima i criminali. Un'azione politica che sostenga le popolazioni e le istituzioni intese a garantire il civile convivere, il benessere comune, i servizi sociali, la pubblica amministrazione. E nell'immediato un'azione umanitaria che fornisca alle popolazioni il necessario per poter vivere.

Ordunque, lei sa bene quanto me che tra guerra ed azione di polizia internazionale vi e' un abisso, e una flagrante opposizione.

La guerra e' essa stessa terrore e uccisioni; la guerra suscita e alimenta il terrorismo essendo terrorismo essa stessa; ed infatti lo scopo che i terroristi si prefiggono con i loro attentati e' di spingerci nella spirale di una escalation bellica e stragista.

L'operazione di polizia mira invece a contrastare i crimini e ad assicurare alla giustizia i criminali.

Nelle regioni africane ed asiatiche in cui operano le organizzazioni terroristiche occorre intervenire secondo le indicazioni di recente espresse dall'Onu. Occorre far cessare le guerre in corso e ricostituire gli ordinamenti giuridici per poter contrastare il terrorismo in modo adeguato. Le azioni belliche, le occupazioni militari, il riarmo e la militarizzazione, effettualmente impediscono la realizzazione delle operazioni di polizia necessarie che sole possono sconfiggere il terrorismo. La cessazione delle guerre e' il prerequisito indispensabile per avviare l'iniziativa adeguata che tutti invocano.

*

Ho riassunto - in forma certo troppo cursoria, ma un appello in forma di lettera deve essere per quanto possibile conciso - alcuni pensieri che credo anche lei condivida, come ogni persona di buon senso, come ogni persona sollecita del pubblico bene, come ogni persona preoccupata per i prevedibilissimi esiti nefasti di una decisione che il governo ha preso senza averla sufficientemente ponderata.

Forse alcuni suoi colleghi nei mesi scorsi si sono lasciati trasportare da una retorica tanto roboante quanto vacua, o peggio hanno dato ascolto e credito a non innocenti consigli, a interessi non limpidi, e quindi sventuratamente non hanno saputo vedere la drammatica realta', e a quali inquietanti, sciagurati, tragici sviluppi una decisione improvvida puo' dar luogo.

Forse alcuni suoi colleghi non si sono resi conto che qui sono in gioco delle vite umane, e che una decisione che gratuitamente ed insensatamente espone alla morte tanti esseri umani non solo e' irragionevole, non solo e' immorale, ma e' anche illegale, e malefica.

*

Egregio Ministro dell'Interno,

per la sua funzione e per le sue competenze istituzionali lei forse meglio di altri membri del Consiglio dei Ministri puo' rendersi conto degli inammissibili rischi cui quella scelta ci espone, del fatto che essa puo' far morire innumerevoli esseri umani innocenti, del fatto che essa - per una sorta di paradossale, crudele eterogenesi dei fini - finisce per aiutare l'organizzazione criminale dell'Isis, finisce per assecondare i suoi piani di sterminio.

*

Egregio Ministro dell'Interno,

in poche, nette parole: le chiedo di farsi promotore in seno al Consiglio dei Ministri della revoca di quella decisione.

Le chiedo di impegnarvisi subito, le chiedo di impegnarvisi con piena contezza e persuasa coscienza.

Si adoperi affinche' il governo receda immediatamente da quella decisione stolta, illecita, sciagurata.

Salvare le vite e' il primo dovere.

*

Possa la sua coscienza essere illuminata.

Augurandole ogni bene

 

13. DUE PETIZIONI SU CHANGE E SU AVAAZ

 

Carissime e carissimi,

e' anche possibile sottoscrivere sui siti di Change.org e di Avaaz.org delle petizioni affinche' il governo receda dall'invio di centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul; ed ovviamente e' possibile altresi' condividerle e ridiffonderle ulteriormente.

*

I relativi link sono:

https://www.change.org/p/alla-ministra-della-difesa-roberta-pinotti-gentile-ministra-della-difesa-ripensateci?recruiter=40719206&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=share_for_starters_page&utm_term=des-lg-no_src-no_msg&fb_ref=Default

https://secure.avaaz.org/it/petition/Al_Presidente_del_Consiglio_dei_Ministri_della_Repubblica_Italiana_Il_governo_receda_dalla_decisione_di_inviare_soldati_/?launch

*

Grazie per quanto vorrete e potrete fare per persuadere il governo a recedere da una decisione insensata, illegale e funesta.

 

14. COSTITUITO UN "COMITATO NONVIOLENTO PER LA REVOCA DELLA DECISIONE GOVERNATIVA DI INVIARE CENTINAIA DI SOLDATI ITALIANI ALLA DIGA DI MOSUL"

 

Si e' costituito a Viterbo un "Comitato nonviolento per la revoca della decisione governativa di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul".

*

Il comitato si prefigge di:

1. opporsi all'invio di centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul, e quindi interloquire con il Governo, il Parlamento e il Presidente della Repubblica affinche' la decisione annunciata dal Presidente del Consiglio dei Ministri sia revocata dallo stesso governo, ovvero respinta dal parlamento, ovvero non ratificata e quindi vietata dal capo dello stato;

2. esprimere questa opposizione con l'unico scopo di salvare vite umane;

3. agire unicamente in forme e con metodi rigorosamente nonviolenti, assolutamente rispettosi della dignita' e dell'incolumita' di tutte le persone;

4. riaffermare l'opposizione a tutte le guerre e a tutte le uccisioni;

5. riaffermare l'impegno a difendere la vita, la dignita' e i diritti di tutti gli esseri umani.

*

Alle persone ed alle associazioni che vogliono impegnarsi in questa iniziativa per la revoca della decisione governativa di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul, il comitato propone:

a) di scrivere al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai Ministri, ai Parlamentari, al Presidente della Repubblica per chiedere che il governo receda da quella decisione;

b) di invitare altre istituzioni, associazioni, persone, mezzi d'informazione ad impegnarsi al medesimo fine;

c) di promuovere incontri ed iniziative di informazione e coscientizzazione al medesimo fine;

d) di esprimersi e di agire in modi esclusivamente nonviolenti, nel rispetto della verita' e della dignita' umana di tutti gli interlocutori;

d) di essere sempre assolutamente chiari nell'opposizione a tutte le guerre, a tutte le uccisioni, a tutte le violazioni dei diritti umani.

*

Il comitato non prevede formali adesioni e si configura come mero movimento d'opinione inteso allo scopo di far revocare l'irragionevole, illegittima e pericolosissima decisione governativa di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul.

Il comitato auspica che in ogni provincia d'Italia si costituiscano altri comitati nonviolenti per lo stesso fine e con le stesse modalita' di azione.

 

15. SE NE E' ACCORTO

 

Se ne e' accorto anche il presidente dell'America che le armi uccidono gli esseri umani.

Occorre abolire le guerre.

Occorre abolire le armi.

Occorre abolire gli eserciti, le milizie, tutte le organizzazioni armate.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

*

Salvare le vite e' il primo dovere.

Cominciamo noi, cominciamo adesso.

Cominciamo con la revoca dell'insensata ed illegale decisione del governo italiano di inviare centinaia di soldati italiani incontro alla morte alla diga di Mosul.

Cominciamo noi, cominciamo adesso.

Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.

 

16. UN MODELLO DI MOZIONE DA PROPORRE AI CONSIGLI COMUNALI, PROVINCIALI E REGIONALI

 

Oggetto: richiesta che il Governo receda dall'annunciata intenzione di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul in Iraq

Il Consiglio Comunale/Provinciale/Regionale di...

premesso che

la decisione annunciata dal Governo italiano di inviare centinaia di soldati alla diga di Mosul, in Iraq, si configura come un atto non adeguatamente meditato che puo' avere conseguenze tragiche;

*

rilevato particolarmente che

I. la diga di Mosul e' a pochi chilometri dalla citta' che e' sotto il controllo dell'Isis: sara' facilissimo per l'Isis organizzare un attentato stragista;

II. la presenza di soldati italiani alla diga di Mosul verra' percepita come occupazione militare straniera da parte di uno dei paesi che presero parte alla prima guerra del Golfo (nel corso della quale anche l'Italia partecipo' ai bombardamenti), e che gia' occuparono il paese dopo la seconda guerra del Golfo (occupazione nel corso della quale le truppe di altri paesi della coalizione di cui anche l'Italia faceva parte commisero crimini contro l'umanita'); cosicche' presso un vastissimo uditorio trovera' ascolto la propaganda dell'Isis che definira' la presenza dei soldati italiani come "invasione crociata" e fara' di quei soldati e dell'Italia primari bersagli di attentati stragisti;

III. e' quindi evidente che lungi dal proteggere l'impianto e le maestranze, la presenza dei soldati italiani alla diga di Mosul esporra' l'uno e le altre agli attentati stragisti; ed esporra' ad attentati anche la popolazione italiana tutta indifferenziatamente; cosi' come esporra' a conseguenze letali le popolazioni abitanti nei dintorni della diga ed a valle di essa (un folle attentato che sciaguratamente provocasse la distruzione della diga avrebbe come esito un immane massacro, una catastrofe indicibile);

IV. dalla presenza dei soldati italiani e dalla concreta ed agevole possibilita' di colpirli con attentati stragisti l'Isis ricavera' anche un enorme vantaggio propagandistico, e da questo vantaggio deriveranno per l'organizzazione terrorista ulteriore consenso, ulteriore espansione, ulteriori reclutamenti; cosicche' e' del tutto evidente che quella improvvida e insensata presenza militare italiana raggiungera' il solo risultato di favoreggiare l'organizzazione terrorista, e tanto sangue di innocenti sara' sparso assurdamente per questo esito scellerato;

V. tutti sanno che il terrorismo va contrastato con un'operazione di polizia internazionale, che ha come indispensabile prerequisito la cessazione delle guerre in corso e quindi degli interventi militari europei ed americani che l'Isis hanno fatto nascere e crescere fino alle attuali dimensioni. L'invio di soldati italiani a Mosul e' del tutto controproducente: poiche' di fatto contribuira' a far morire altri innocenti e con cio' rafforzera' ed estendera' il potere dell'Isis e prolunghera' la schiavitu' delle persone che vivono nelle zone sottoposte alla sua infame e bestiale dittatura mafiosa e nazista;

VI. occorre inoltre dire che dispiegare soldati come "security" di imprese private e' un uso inammissibile, un uso inammissibile che ha gia' provocato delle vittime, come i pescatori indiani uccisi perche' ritenuti pirati (ed un conseguente gravissimo contenzioso internazionale che tuttora perdura, nel quale sono anche state intrappolate le esistenze di due persone che potrebbero essere del tutto innocenti - e tali vanno comunque considerate fino all'emissione di una sentenza definitiva - e che da anni stanno subendo una condizione di sofferenza assolutamente ingiusta in assenza di un regolare giudizio);

VII. ne' si puo' tacere che mentre vari paesi, dagli Stati Uniti d'America alla Russia, alla Francia, a molti altri, stanno eseguendo in Iraq e in Siria una campagna di bombardamenti aerei che hanno provocato molte vittime civili - vittime due volte: della sanguinaria dittatura dell'Isis e dei bombardamenti -, inviare sul terreno soldati italiani che di alcuni di quei paesi che bombardano si presentano come alleati li espone vieppiu' ad essere vittime non solo degli attentati dell'Isis ma anche della vendetta di disperati sopravvissuti ai bombardamenti dei nostri alleati;

VIII. il disegno dei terroristi e' persuaderci ad assecondare i loro piani sanguinari: a rispondere ai loro attentati con atti di guerra contribuendo cosi' ad una spirale distruttiva e onnicida, ad una escalation apocalittica che e' il perno della loro retorica nichilista e della loro disumanata ideologia. Ogni intervento militare, ogni azione bellica, e' un atto di folle complicita' con la criminale follia dell'Isis. In Italia abbiamo conosciuto tremende stagioni di violenza terroristica - fascista, nichilista, mafiosa - e sappiamo che il terrorismo si puo' e si deve contrastare con la legalita' che salva le vite, con la democrazia che rispetta e promuove i diritti umani, e non con la guerra e la dittatura: la guerra e la dittatura sono gia' terrorismo, sono l'oscena vittoria del terrorismo;

IX. l'Isis e' stato creato dalle nostre guerre; proseguire sulla strada dell'intervento militare euroamericano avra' come risultato di rafforzarlo, e di far morire o ridurre in schiavitu' tanti altri innocenti. Tutti gli studiosi, gli osservatori, gli operatori istituzionali onesti lo sanno e lo dicono da tempo, e chiunque puo' averne piena contezza se solo leggesse gli studi e i documenti degli esperti che sono ampiamente disponibili;

X. gia' anni fa un altro governo mando' al massacro altri soldati italiani in Iraq, le vittime della strage di Nassiriya. Il governo attuale non ripeta quel tragico errore;

*

con la presente mozione

1. chiede che il Governo receda dall'annunciata intenzione di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul;

2. da' mandato al Presidente del Consiglio ed al Presidente della Giunta Comunale/Provinciale/Regionale di...

- di trasmettere la presente mozione al Governo nella persona del Presidente del Consiglio dei Ministri, e per opportuna conoscenza al Presidente della Repubblica, al Presidente del Senato, alla Presidente della Camera dei Deputati;

- di renderla pubblica attraverso le consuete forme di comunicazione istituzionale dell'ente (affissione all'albo, pubblicazione nel sito istituzionale, invio ai mezzi d'informazione locali e nazionali, invio ai dirigenti e agli uffici dell'ente per affissione al pubblico, invio agli altri enti pubblici del territorio, etc.);

- di promuovere l'informazione, la sensibilizzazione e l'impegno della popolazione del territorio amministrato per la pace e la difesa dei diritti umani.

*

Modello di mozione da proporre ai Consigli Comunali, Provinciali e Regionali predisposto dal "Comitato nonviolento per la revoca della decisione governativa di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul".

Viterbo, 6 gennaio 2016

Per ulteriori informazioni: "Comitato nonviolento per la revoca della decisione governativa di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul", presso il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: comitatononviolento at gmail.com; comitatononviolento at outlook.it; comitato_nonviolento at libero.it

 

17. UN OBIETTIVO CONCRETO E REALISTICO

 

Far recedere il governo italiano dalla folle e illegale decisione di inviare centinaia di soldati incontro alla morte alla diga di Mosul.

Far recedere il governo italiano da quella folle, illegale, funesta decisione significa salvare innumerevoli vite.

Far recedere il governo italiano dal suo piu' grave errore ed orrore e' cosa buona e giusta, necessaria e urgente.

E' un obiettivo concreto e realistico su cui costruire una mobilitazione che puo' far rinascere in Italia un movimento per la pace, di cui vi e' estremo bisogno.

E' un obiettivo concreto e realistico che puo' fermare nel nostro paese la deriva bellicista ed avviare una politica di pace, di cui vi e' estremo bisogno.

E' un obiettivo concreto e realistico che puo' salvare innumerevoli vite.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Salvare le vite e' il primo dovere.

A ciascuno di fare qualcosa.

Facciamo recedere il governo italiano dalla folle e illegale decisione di inviare centinaia di soldati incontro alla morte alla diga di Mosul.

 

18. SEGNALAZIONI LIBRARIE

 

Riletture

- Alessandro Portelli (a cura di), Interpretazioni di Twain, Savelli, Roma 1978, pp. 382.

*

Riedizioni

- Mark Twain, Tre racconti umoristici, Il sole 24 ore, Milano 2016, pp. 80, euro 0,50 (in supplemento al quotidiano "Il sole 24 ore").

 

19. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

 

Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.

Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:

1. l'opposizione integrale alla guerra;

2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;

3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;

4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.

Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.

Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.

 

20. PER SAPERNE DI PIU'

 

Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 2477 del 20 settembre 2016

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza (anno XVII)

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com , sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com