[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Nonviolenza] Telegrammi. 2665



 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 2665 del primo aprile 2017

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza (anno XVIII)

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com

 

Sommario di questo numero:

1. "Se pieta' di me non senti". Due preghiere alle deputate e ai deputati della Repubblica

2. In corso il XXV congresso del Movimento Nonviolento

3. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"

4. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia

5. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile

6. Indice dei "Telegrammi" di marzo 2017

7. Segnalazioni librarie

8. La "Carta" del Movimento Nonviolento

9. Per saperne di piu'

 

1. APPELLI. "SE PIETA' DI ME NON SENTI". DUE PREGHIERE ALLE DEPUTATE E AI DEPUTATI DELLA REPUBBLICA

 

Oggetto: preghiera di non avallare un insieme di misure che negano l'eguaglianza dinanzi alla legge e perseguitano innumerevoli innocenti; e preghiera di riconoscere finalmente il diritto di voto a milioni di persone oneste e generose che vivono stabilmente in Italia e sono tuttora assurdamente private del primo diritto democratico.

*

Gentilissime deputate e gentilissimi deputati,

due giorni fa, proprio mentre voi votavate in difesa dei diritti dei migranti minorenni non accompagnati, e di cio' vi siamo grati, la maggior parte delle vostre colleghe e dei vostri colleghi del Senato votavano invece la fiducia al governo che attraverso essa imponeva l'approvazione di recenti misure che violano fondamentali diritti umani in danno dei migranti e che addirittura creano un incostituzionale "diritto separato" tale per cui in tribunale la legge non e' piu' uguale per tutti, ma ai migranti vengono negate talune delle basilari guarentigie giuridiche su cui si fonda l'amministrazione della giustizia in uno stato di diritto.

L'anomico provvedimento legislativo a sostegno del quale e' stato estorto alla maggioranza dei senatori un non persuaso consenso attraverso il ricatto del voto di fiducia, dovra' ora essere sottoposto al vostro voto in via definitiva, ed e' facile supporre che il governo possa ancora una volta voler usato il medesimo strumento.

Ebbene, gentilissime deputate e gentilissimi deputati, dal profondo del cuore vi preghiamo di non subire quel ricatto, e di dichiarare fin d'ora che se il governo ponesse la questione di fiducia per imporre misure razziste e disumane, voi votereste "no", perche' quelle misure sono palesemente immorali e illegali, crudeli e disumane, indegne di un paese civile, indegne di un ordinamento democratico, indegne di uno stato di diritto, indegne di persone senzienti e pensanti.

*

Gentilissime deputate e gentilissimi deputati,

la deriva verso la barbarie razzista e uno scellerato regime di apartheid puo' essere fermata, deve essere fermata.

Ebbene, insieme alle vostre colleghe ed ai vostri colleghi del Senato voi avete la possibilita' di dare uno straordinario contributo alla difesa della democrazia ed alla promozione dei diritti umani: legiferando nella prossima legge elettorale il riconoscimento del diritto di voto per tutte le persone residenti in Italia; e' una scelta di civilta' non piu' eludibile, non piu' rinviabile.

Da alcune settimane numerose illustri personalita' della cultura, della riflessione morale e dell'impegno civile, delle istituzioni democratiche, hanno promosso un "appello all'Italia civile" affinche' sia riconosciuto il diritto di voto a tutte le persone che vivono in Italia. In esso si evidenzia che il fondamento della democrazia e' il principio "una persona, un voto", e che l'Italia essendo una repubblica democratica non puo' continuare a negare il primo diritto democratico a milioni di persone che vivono stabilmente qui. In esso si rileva che "vivono stabilmente in Italia oltre cinque milioni di persone non native, che qui risiedono, qui lavorano, qui pagano le tasse, qui mandano a scuola i loro figli che crescono nella lingua e nella cultura del nostro paese; queste persone rispettano le nostre leggi, contribuiscono intensamente alla nostra economia, contribuiscono in misura determinante a sostenere il nostro sistema pensionistico, contribuiscono in modo decisivo ad impedire il declino demografico del nostro paese; sono insomma milioni di nostri effettivi conterranei che arrecano all'Italia ingenti benefici ma che tuttora sono privi del diritto di contribuire alle decisioni pubbliche che anche le loro vite riguardano". Se ne conclude che e' giunta l'ora che a tutte queste persone sia finalmente riconosciuto il diritto di votare.

*

Gentilissime deputate e gentilissimi deputati,

siamo certi che condividete gli impegni che di seguito sinteticamente enunciamo: mai piu' tribunali speciali; mai piu' leggi razziali; mai piu' campi di concentramento; mai piu' deportazioni; mai piu' schiavitu'; mai piu' persecuzioni; mai piu' apartheid.

Siamo certi che non solo voi ma anche tutte le senatrici e tutti i senatori e tutte le ministre e i ministri nel loro cuore condividono la convinzione che ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'.

Quelle obbrobriose misure razziste il Parlamento - fedele alla Costituzione repubblicana e all'umanita' - non le converta in legge; ed il Governo stesso le revochi e riconosca di aver commesso un errore sesquipedale in un momento di accecamento.

E finalmente pienamente s'inveri la democrazia nel nostro paese: una persona, un voto.

*

Gentilissime deputate e gentilissimi deputati,

ringraziandovi fin d'ora per l'attenzione e per quanto vorrete fare in difesa della legalita' che salva le vite, della dignita' e dei diritti di tutti gli esseri umani, della democrazia, della repubblica, del bene comune dell'umanita', vogliate gradire distinti saluti.

Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

Viterbo, 31 marzo 2017

 

2. INCONTRI. IN CORSO IL XXV CONGRESSO DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

[Dal Movimento Nonviolento riceviamo e diffondiamo]

 

Congresso nazionale del Movimento Nonviolento

"Coerenza, continuita', convinzione. La nonviolenza oggi"

Si svolge da venerdi' 31 marzo a domenica 2 aprile il XXV Congresso nazionale del Movimento Nonviolento. Fondato nel 1962 da Aldo Capitini, il Movimento celebra i suoi 55 anni con questo importante incontro di tre giorni a Roma, cui parteciperanno nonviolenti da tutta Italia.

Il primo appuntamento e' venerdi' 31 marzo alle ore 16,30 al cippo dedicato a Giacomo Matteotti (lungotevere Arnaldo da Brescia, angolo via degli Scialoja) per una commemorazione del deputato socialista e antimilitarista assassinato dai fascisti, con la testimonianza di Daniele Lugli.

Poi alle ore 18  nella sede del Partito Radicale in via di Torre Argentina 76, ci sara' il convegno "Migrazioni e conflitti. Politiche per la citta' aperta", un dialogo tra il senatore Luigi Manconi, il presidente emerito Daniele Lugli ed il vignettista Mauro Biani, moderato da Mao Valpiana direttore di Azione nonviolenta.

Sabato primo aprile mattina il Congresso si svolgera' nella Sala dei Salesiani in via Marsala 42, e l'apertura sara' affidata al sociologo e docente emerito Franco Ferrarotti. Seguiranno i saluti istituzionali (gia' pervenuti quelli del Vaticano, del Senato, della Regione e del Comune Roma Capitale), dei politici (presenti deputati del Pd, di Sinistra italiana e del Movimento 5 stelle, esponenti dei Verdi) e dei molti ospiti che si sono gia' annunciati (tra cui il Sindaco di Messina Renato Accorinti, il critico Goffredo Fofi, le pacifiste e femministe storiche Lidia Menapace e Giancarla Codrignani, i giornalisti e ricercatori Enrico Piovesana e Lorenzo Guadagnucci, i rappresentanti dell'Anpi e dell'Aned, e i portavoce di Rete della Pace, del Tavolo interventi civili di pace, della Rete per il Disarmo, della Conferenza nazionale degli Enti di Servizio civile, ecc.).

Temi centrali del dibattito tra gli aderenti al Movimento saranno: le campagne contro le spese militari e per la difesa nonviolenta, la crisi della politica, le migrazioni e i conflitti, le iniziative per la legalita', l'ambiente, i diritti; la costruzione dell'Europa come potenza di pace, il rilancio del movimento pacifista e contro la guerra; gli strumenti dell'azione nonviolenta e la crescita della cultura della nonviolenza; le politiche territoriali per le citta' accoglienti e aperte.

Dopo l'introduzione "Noi siamo le nostre relazioni" del presidente Mao Valpiana e del segretario Pasquale Pugliese, i lavori proseguiranno con tre Commissioni di lavoro sui temi: Esperienze educative per la nonviolenza; Un'altra difesa e' possibile; La forza preziosa dei piccoli gruppi.

Pur essendo un'organizzazione minoritaria, il Movimento Nonviolento in questi anni di crisi del movimento pacifista e' diventato sempre di piu' punto di riferimento e di servizio di un'area piu' ampia, svolgendo un ruolo importante nella campagna nazionale Un'altra difesa e' possibile per l'istituzione della Difesa civile non armata e nonviolenta, con una proposta di legge giunta gia' all'attenzione della Commissione Difesa della Camera.

Nel drammatico scenario internazionale e nazionale, nel quale non si e' mai speso tanto per preparare e fare le guerre, il compito del Movimento Nonviolento oggi e' di far entrare il tema essenziale della costruzione della pace con mezzi pacifici nell'agenda della politica.

La domenica 2 aprile sara' dedicata ancora al dibattito cui seguiranno l'approvazione delle mozioni e l'elezione dei nuovi organi del Movimento.

Tutti i lavori saranno seguiti da Radio Radicale e trasmessi in diretta streaming sui social del Movimento Nonviolento.

Per informazioni: www.azionenonviolenta.it  tweet: @movnonviolento pagina FB: Movimento Nonviolento

Durante il Congresso, contatti stampa: 3482863190 e 3389463352

 

3. REPETITA IUVANT. PER SOSTENERE IL CENTRO ANTIVIOLENZA "ERINNA"

[L'associazione e centro antiviolenza "Erinna" e' un luogo di comunicazione, solidarieta' e iniziativa tra donne per far emergere, conoscere, combattere, prevenire e superare la violenza fisica e psichica e lo stupro, reati specifici contro la persona perche' ledono l'inviolabilita' del corpo femminile (art. 1 dello Statuto). Fa progettazione e realizzazione di percorsi formativi ed informativi delle operatrici e di quanti/e, per ruolo professionale e/o istituzionale, vengono a contatto con il fenomeno della violenza. E' un luogo di elaborazione culturale sul genere femminile, di organizzazione di seminari, gruppi di studio, eventi e di interventi nelle scuole. Offre una struttura di riferimento alle donne in stato di disagio per cause di violenze e/o maltrattamenti in famiglia. Erinna e' un'associazione di donne contro la violenza alle donne. Ha come scopo principale la lotta alla violenza di genere per costruire cultura e spazi di liberta' per le donne. Il centro mette a disposizione: segreteria attiva 24 ore su 24; colloqui; consulenza legale e possibilita' di assistenza legale in gratuito patrocinio; attivita' culturali, formazione e percorsi di autodeterminazione. La violenza contro le donne e' ancora oggi un problema sociale di proporzioni mondiali e le donne che si impegnano perche' in Italia e in ogni Paese la violenza venga sconfitta lo fanno nella convinzione che le donne rappresentano una grande risorsa sociale allorquando vengono rispettati i loro diritti e la loro dignita': solo i Paesi che combattono la violenza contro le donne figurano di diritto tra le societa' piu' avanzate. L'intento e' di fare di ogni donna una persona valorizzata, autorevole, economicamente indipendente, ricca di dignita' e saggezza. Una donna che conosca il valore della differenza di genere e operi in solidarieta' con altre donne. La solidarieta' fra donne e' fondamentale per contrastare la violenza]

 

Per sostenere il centro antiviolenza delle donne di Viterbo "Erinna" i contributi possono essere inviati attraverso bonifico bancario intestato ad Associazione Erinna, Banca Etica, codice IBAN: IT60D0501803200000000287042.

O anche attraverso vaglia postale a "Associazione Erinna - Centro antiviolenza", via del Bottalone 9, 01100 Viterbo.

Per contattare direttamente il Centro antiviolenza "Erinna": tel. 0761342056, e-mail: e.rinna at yahoo.it, onebillionrisingviterbo at gmail.com, facebook: associazioneerinna1998

Per destinare al Centro antiviolenza "Erinna" il 5 per mille inserire nell'apposito riquadro del modello per la dichiarazione dei redditi il seguente codice fiscale: 90058120560.

 

4. REPETITA IUVANT. DUE PROVVEDIMENTI INDISPENSABILI PER FAR CESSARE LE STRAGI NEL MEDITERRANEO E LA SCHIAVITU' IN ITALIA

 

Riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro.

Riconoscere il diritto di voto a tutte le persone che vivono nel nostro paese.

 

5. INIZIATIVE. "UNA PERSONA, UN VOTO". UN APPELLO ALL'ITALIA CIVILE

 

Un appello all'Italia civile: sia riconosciuto il diritto di voto a tutte le persone che vivono in Italia.

Il fondamento della democrazia e' il principio "una persona, un voto"; l'Italia essendo una repubblica democratica non puo' continuare a negare il primo diritto democratico a milioni di persone che vivono stabilmente qui.

Vivono stabilmente in Italia oltre cinque milioni di persone non native, che qui risiedono, qui lavorano, qui pagano le tasse, qui mandano a scuola i loro figli che crescono nella lingua e nella cultura del nostro paese; queste persone rispettano le nostre leggi, contribuiscono intensamente alla nostra economia, contribuiscono in misura determinante a sostenere il nostro sistema pensionistico, contribuiscono in modo decisivo ad impedire il declino demografico del nostro paese; sono insomma milioni di nostri effettivi conterranei che arrecano all'Italia ingenti benefici ma che tuttora sono privi del diritto di contribuire alle decisioni pubbliche che anche le loro vite riguardano.

Una persona, un voto. Il momento e' ora.

*

All'appello "Una persona, un voto" hanno gia' espresso il loro sostegno innumerevoli persone, tra cui tra le prime:

padre Alex Zanotelli

Lidia Menapace, partigiana, femminista e senatrice emerita

Isa Alberti

Gianfranco Aldrovandi, del "Collettivo nonviolento uomo-ambiente"

Rocco Altieri, docente e saggista, direttore dei "Quaderni Satyagraha", Centro Gandhi di Pisa

Simonetta Astigiano, biologa e ricercatrice

Lino Balza, ecologista

don Franco Barbero

Daniele Barbieri, blogger

Davide Barillari, consigliere regionale del Lazio

Vittorio Bellavite, coordinatore nazionale di "Noi Siamo Chiesa"

Eleonora Bellini, bibliotecaria e scrittrice

Giuliana Beltrame, sociologa e attivista

Maurizio Benazzi, quacchero, curatore della newsletter "Ecumenici"

don Gianni Bergamaschi

Ascanio Bernardeschi, saggista e militante

Massimiliano Bernini, deputato

Norma Bertullacelli, dell'"ora in silenzio per la pace" di Genova

Michele Boato, ecologista

Franco Borghi, attivista per la pace e la legalita'

Dario Borso, filosofo

Paolo Bosi, docente universitario

Donatella Botta, impegnata nella solidarieta'

Silvio Bozzi, docente universitario

Anna Bravo, storica

Giuseppe Burgio, pedagogista, Universita' di Enna

Alberto Cacopardo, antropologo

Alessandro Capuzzo, ecopacifista

Gennaro Carotenuto, storico

Claudio Carrara, presidente del Movimento Internazionale della Riconciliazione - Italia

Maria Luigia Casieri, dirigente scolastica

Pilar Castel, autrice e attrice No War

Marco Catarci, pedagogista e docente universitario

Olindo Cicchetti, figura storica dei movimenti ecopacifisti e per i diritti, narratore di comunita'

Giancarla Codrignani, saggista e deputata emerita

Francesco Coletta, docente e coordinatore della Federazione Gilda-Unams di Viterbo

Antonio Corbeletti, presidente della sezione Anpi di Voghera

don Franco Corbo, parroco, presidente del gruppo di volontariato "Solidarieta'"

Lucia Cruschelli, associazione "Mestizaje" di Cecina

Pasquale D'Andretta, formatore

Massimo Dalla Giovanna, impiegato, delegato Rsu

Tiziana Dal Pra, presidente dell'associazione "Trama di terre" di Imola

Emanuela Dei, giornalista

Tonio Dell'Olio, presidente Pro Civitate Christiana di Assisi, gia' coordinatore nazionale di Pax Christi, gia' responsabile di Libera International

Giorgio Demurtas, docente universitario

Lucia De Sanctis, associazione "Mestizaje" di Cecina

Maria Rosa De Troia, attivista in difesa della Costituzione

Mario Di Marco, responsabile della formazione dei volontari in servizio civile della Caritas diocesana di Viterbo

Domenico Di Pietro, associazione "Mestizaje" di Cecina

Angela Dogliotti, peace-researcher

Luciano Dottarelli, docente e saggista, presidente Club Unesco Viterbo-Tuscia

Massimo Duranti, giudice di pace emerito

Osvaldo Ercoli, figura storica dell'impegno per la pace, i diritti umani, l'ambiente

Carla Ermoli, pensionata

suor Maria Stella Fabbri

Sergio Falcone, poeta

Valentina Franchi, associazione "Mestizaje" di Cecina

Sancia Gaetani, Wilfp Italia

Haidi Gaggio Giuliani, senatrice emerita

Elena Gajani Monguzzi, docente, poetessa, impegnata per i diritti umani di tutti gli esseri umani

Francuccio Gesualdi, animatore del "Centro nuovo modello di sviluppo"

Agnese Ginocchio, cantautrice per la pace e la nonviolenza

Miguel Gotor, senatore

Carmine Grassimo, docente, formatore, capo scout e barelliere a Lourdes

Carlo Gubitosa, saggista e mediattivista

Paolo Henrici De Angelis, architetto

Paolo Hutter, giornalista

Luca Kocci, docente, giornalista, saggista

Francesca Koch, presidente della "Casa Internazionale delle Donne" di Roma

Alberto L'Abate, presidente onorario dell'Ipri

Federico La Sala, docente di filosofia e saggista

Raniero La Valle, senatore emerito, direttore di "Vasti", presidente del Comitato per la democrazia internazionale

Paolo Limonta, maestro elementare e consigliere comunale

Antonella Litta, dell'Associazione italiana medici per l'ambiente

Anna Lodeserto, internazionalista ed esperta di politiche migratorie, cittadinanza e mobilita'

Eugenio Longoni, militante antifascista

Franco Lorenzoni, maestro elementare e coordinatore della Casa-laboratorio di Cenci

Paolo Lucchesi, dal lungo curriculum d'impegno sociale

Daniele Lugli, presidente onorario del Movimento Nonviolento

Monica Luisoni, attivista

Antonio Lupo, medico

Maria Immacolata Macioti, sociologa, docente universitaria

Agnese Manca, docente universitaria, impegnata in molte iniziative di solidarieta'

Giovanni Mandorino, del Centro Gandhi di Pisa

Cristina Maranesi, blogger

Luisa Marchini, operatrice culturale, saggista e narratrice

don Mario Marchiori

Alessandro Marescotti, fondatore e presidente di Peacelink

Gian Marco Martignoni, Cgil Varese

Rachele Matteucci, insegnante di lingua italiana per stranieri presso l'Associazione San Martino de Porres

Cristina Mattiello, insegnante, giornalista

Clementina Mazzucco, docente universitaria, saggista

Alessandra Mecozzi, presidente di "Cultura e' liberta'. Una campagna per la Palestina"

Enrico Mezzetti, presidente dell'Anpi provinciale di Viterbo

Pierangelo Monti, del Mir di Ivrea

Luisa Morgantini, gia' vicepresidente del Parlamento Europeo

Rosangela Mura, attivista

Alessandro Murgia, medico impegnato nella solidarieta'

Loretta Mussi, Rete romana di solidarieta' con la Palestina

Amalia Navoni, educatrice e attivista per i diritti umani e i beni comuni

Giorgio Nebbia, ecologista

Giovanna Niccoli, attivista

don Gianni Novelli, direttore emerito del Cipax

Emilia Pacelli, casalinga

Giovanna Pagani, Wilpf Italia

Vittorio Pallotti, fondatore del Centro di documentazione del manifesto pacifista internazionale

Maria Paola Patuelli, Comitato in difesa della Costituzione di Ravenna e Associazione femminile maschile plurale

Marisa Pedroncelli, volontaria nella solidarieta' internazionale

Giovanni Penzo, pensionato

Donato Perreca, pensionato

Enrico Peyretti, saggista e peace-researcher

Giorgio Piacentini, presidente emerito del Cipax

Leo Piacentini, pensionato

Rosanna Pirajno, architetta, presidente dell'associazione "Mezzocielo" di Palermo

Alessandro Pizzi, gia' sindaco di Soriano nel Cimino, docente di matematica e fisica, volontario nel carcere di Viterbo

Pier Paolo Poggio, storico, direttore della Fondazione "Luigi Micheletti"

Rocco Pompeo, presidente della "Fondazione Nesi"

Pier Paolo Poncia, geologo

Giuliano Pontara, filosofo

Franco Porcu, operaio

Alessandro Presicce, giurista

Andrea Pubusa, giurista

Pasquale Pugliese, segreteria nazionale del Movimento Nonviolento

Mauro Pugni, Cdb di Modena

Laura Quagliuolo, redattrice e attivista del Coordinamento italiano di sostegno alle donne afghane

Fabio Ragaini, Gruppo Solidarieta'

Roberto Rampi, deputato

Massimo Ribelli, Universita' di Roma "La Sapienza"

Annamaria Rivera, antropologa

Giorgio Roversi, pensionato

Vincenzo Sanfilippo, sociologo, della Comunita' dell'Arca di Lanza del Vasto

Lavinia Sangiorgi, volontaria di Focus - Casa dei diritti sociali di Roma

Antonia Sani, Wilpf Italia

Adriano Sansa, magistrato e poeta

Delfino Santaniello, figura storica dell'impegno per la legalita' e la democrazia

Eugenio Santi, presidente del Gavci

don Alessandro Santoro, della comunita' delle Piagge

padre Pietro Sartorel, sacerdote, missionario in Brasile

Giovanni Sarubbi, direttore de "Il dialogo"

Renato Sasdelli, docente universitario e saggista

Eugenio Scardaccione, dirigente scolastico

Manlio Schiavo, docente, referente del Comitato cittadino di Bagheria per la Costituzione

Marco Scipioni, presidente del Centro studi e documentazione "Don Pietro Innocenti"

Rosa Scognamiglio, docente impegnata in difesa dei diritti umani e della Costituzione

Arturo Scotto, capogruppo di Sinistra Italiana alla Camera dei Deputati

Giovanni Battista Sgritta, sociologo e docente universitario

Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

Matteo Soccio, "Casa per la Pace" di Vicenza

Pietro Soldini, responsabile immigrazione della Cgil

Irene Starace, Wilpf Italia

Michelangelo Tumini, dei "Cantieri di pace" di Osimo, Offagna, Castelfidardo e Loreto

Olivier Turquet, educatore ed editore, coordinatore di "Pressenza"

Laura Tussi, giornalista e scrittrice

Mao Valpiana, presidente del Movimento Nonviolento

Leonardo Varvaro, docente universitario

Antonio Vermigli, direttore di "In dialogo"

Salvatore Vitale, divulgatore agricolo

Giulio Vittorangeli, presidente dell'Associazione Italia-Nicaragua di Viterbo

Luciano Zambelli, della Lega per il disarmo unilaterale

Lorenzo Zaniboni

Rina Zardetto, presidente dell'Associazione Reggiana per la Costituzione

Franco Zunino, ingegnere

*

Per adesioni: centropacevt at gmail.com, crpviterbo at yahoo.it

Per dare notizia delle adesioni ai presidenti del Parlamento:

- on. Laura Boldrini, Presidente della Camera: laura.boldrini at camera.it

- on. Pietro Grasso, Presidente del Senato: pietro.grasso at senato.it

 

6. MATERIALI. INDICE DEI "TELEGRAMMI" DI MARZO 2017

 

* "Telegrammi", numero 2634 del primo marzo 2017: 1. "Libri e liberta'". Un incontro di riflessione a Viterbo; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Verso l'otto marzo; 5. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 6. Indice dei "Telegrammi" di febbraio 2017; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 39 del primo marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. Verso l'otto marzo; 4. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 5. Omero Dellistorti: Diritto di voto.

* "Telegrammi", numero 2635 del 2 marzo 2017: 1. "Pensare la pace con Rosa Luxemburg e Virginia Woolf". Un incontro di riflessione a Viterbo; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Oggi a Vetralla; 5. Sabato 4 marzo a Vignanello; 6. Verso l'otto marzo; 7. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 40 del 2 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. Verso l'otto marzo; 4. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 5. Oggi a Vetralla; 6. Sabato 4 marzo a Vignanello; 7. Segnalazioni librarie.

* "Telegrammi", numero 2636 del 3 marzo 2017: 1. "Denuncia dell'oppressione e impegno di liberazione in Simone Weil e Michel Foucault". Un incontro di studio a Viterbo; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Verso l'otto marzo; 5. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 6. Oggi a Vetralla; 7. Sabato 4 marzo a Vignanello; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 41 del 3 marzo 2017: 1. Il rogo; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Verso l'otto marzo; 5. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 6. Oggi a Vetralla; 7. Sabato 4 marzo a Vignanello; 8. Omero Dellistorti: Parla Bertoldo al congresso parigino; 9. Segnalazioni librarie.

* "Telegrammi", numero 2637 del 4 marzo 2017: 1. Alla tragica, orrenda luce di quel rogo; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Verso l'otto marzo; 5. "Non una di meno": Insieme contro la violenza maschile; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Oggi a Vignanello; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 42 del 4 marzo 2017: 1. Una lettera ai sindaci di Canepina, Vallerano, Vignanello; 2. Oggi a Vignanello; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. Verso l'otto marzo; 6. "Non una di meno": Insieme contro la violenza maschile; 7. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 8. Segnalazioni librarie.

* "Telegrammi", numero 2638 del 5 marzo 2017: 1. Opporsi; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Verso l'otto marzo; 5. "Non una di meno": Insieme contro la violenza maschile; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Movimento Nonviolento: Invito al XXV congresso; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "La domenica della nonviolenza", numero 412 del 5 marzo 2017: 1. Aldo Benevelli; 2. Carla Poli; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 6. Verso l'otto marzo; 7. "Non una di meno": Insieme contro la violenza maschile; 8. Nove proposizioni; 9. XXV congresso del Movimento Nonviolento.

* "Telegrammi", numero 2639 del 6 marzo 2017: 1. A sostegno dello sciopero delle donne dell'otto marzo; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Verso l'otto marzo; 5. "Non una di meno": Insieme contro la violenza maschile; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 43 del 6 marzo 2017: 1. Omero Dellistorti: A cosa serve il diritto di voto; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Verso l'otto marzo; 5. "Non una di meno": Insieme contro la violenza maschile; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento.

* "Telegrammi", numero 2640 del 7 marzo 2017: 1. "Dignita' umana, diritto alla salute e all'assistenza, iniziative di solidarieta'". Un incontro di riflessione con Vito Ferrante; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. Verso l'otto marzo; 6. "Non una di meno": Insieme contro la violenza maschile; 7. A sostegno dello sciopero delle donne dell'otto marzo; 8. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 9. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 10. Segnalazioni librarie; 11. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 12. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 44 del 7 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. Verso l'otto marzo; 4. "Non una di meno": Insieme contro la violenza maschile; 5. Dieci proposizioni.

* "Telegrammi", numero 2641 dell'8 marzo 2017: 1. L'associazione "Respirare" a sostegno dello sciopero delle donne dell'8 marzo; 2. "Non una di meno": Insieme contro la violenza maschile; 3. Dieci proposizioni; 4. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 5. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 6. "Fenomenologia della lettura al tempo della comunicazione digitale". Un incontro di studio a Viterbo; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Nonviolenza. Femminile plurale", numero 634 dell'8 marzo 2017: 1. Oggi; 2. "Non una di meno": Insieme contro la violenza maschile; 3. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna".

* "Telegrammi", numero 2642 del 9 marzo 2017: 1. Il nostro otto marzo di felicita' e di lotta. Un incontro di riflessione e undici proposizioni; 2. Undici proposizioni; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. Segnalazioni librarie; 6. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 7. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 45 del 9 marzo 2017: 1. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. Danilo Mainardi; 6. Viterbo ricorda Berta Caceres; 7. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 8. Raniero La Valle: Un nuovo sito di informazione e dibattito ecclesiale.

* "Telegrammi", numero 2643 del 10 marzo 2017: 1. Un punto di riferimento; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. Omero Dellistorti: Ieri e oggi; 6. Viterbo ricorda Berta Caceres; 7. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 8. "Il libro nella rete". Un incontro di studio a Viterbo; 9. Segnalazioni librarie; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 46 del 10 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. Il 12 marzo a Narni; 4. Viterbo ricorda Berta Caceres; 5. XXV congresso del Movimento Nonviolento.

* "Telegrammi", numero 2644 dell'11 marzo 2017: 1. Rileggendo "Le tre ghinee" di Virginia Woolf e "Il secondo sesso" di Simone de Beauvoir. Un incontro di studio a Viterbo; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Il 12 marzo a Narni; 5. Viterbo ricorda Berta Caceres; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 47 dell'11 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. Il 12 marzo a Narni; 4. Viterbo ricorda Berta Caceres; 5. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 6. Giobbe Santabarbara: Per contrastare.

* "Telegrammi", numero 2645 del 12 marzo 2017: 1. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Oggi a Narni; 5. Viterbo ricorda Berta Caceres; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Omero Dellistorti: Verra' quel giorno; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "La domenica della nonviolenza", numero 413 del 12 marzo 2017: 1. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 6. Benito D'Ippolito: Resti, rovine.

* "Telegrammi", numero 2646 del 13 marzo 2017: 1. Perche' cessi l'apartheid in Italia; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 5. Viterbo ricorda Berta Caceres; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 48 del 13 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. Viterbo ricorda Berta Caceres; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Luciano Bonfrate: Tu guardi l'orrore del mondo e ti dici.

* "Telegrammi", numero 2647 del 14 marzo 2017: 1. Giobbe Santabarbara: Il propagandista; 2. Omero Dellistorti: Il Ministro dell'inferno sostiene; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 6. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 7. Viterbo ricorda Berta Caceres; 8. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 9. Segnalazioni librarie; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 49 del 14 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. Viterbo ricorda Berta Caceres; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Omero Dellistorti: S'illude chi guarda la televisione.

* "Telegrammi", numero 2648 del 15 marzo 2017: 1. Il 28 maggio votiamo si' ai referendum promossi dalla Cgil; 2. "Libro ed e-book". Un incontro di studio a Viterbo; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 6. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 7. Viterbo ricorda Berta Caceres; 8. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 9. Segnalazioni librarie; 10. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 11. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 50 del 15 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. Viterbo ricorda Berta Caceres; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Il 28 maggio votiamo si' ai referendum promossi dalla Cgil; 8. Giobbe Santabarbara: Un governo che fa i campi di concentramento.

* "Archivi", numero 239 del 15 marzo 2017: 1. Alcuni testi del mese di dicembre 2016 (parte prima); 2. Un appello nonviolento per il 4 dicembre: Un parlamento eletto dal popolo, uno stato di diritto, una democrazia costituzionale. Al referendum votiamo No al golpe; 3. "Il razzismo e' un crimine contro l'umanita'". Un incontro di riflessione con Olindo Cicchetti a Viterbo; 4. Claudio Pavone; 5. Vittorio Sermonti; 6. No; 7. Un apologo onirico, con un "argumentum popperianum" in coda; 8. E' scomparsa Maria Edoarda Trillo'; 9. Da un incontro di studio della riforma costituzionale emerge la necessita' di votare No al referendum; 10. Le tre decisive ragioni per cui votare No alla proposta di massacrare la Costituzione della Repubblica italiana; 11. "Con la forza della verita'". Conclusa venerdi' sera la campagna referendaria per il No della struttura nonviolenta viterbese; 12. Il giorno del No; 13. Una storiella orientale; 14. Il sollievo, la gioia; 15. Il popolo italiano ha difeso la sua Costituzione antifascista; 16. Noi barbieri occamisti. Meno di un discorsetto del giorno dopo; 17. "Dopo il referendum che ha difeso la Costituzione repubblicana, democratica, antifascista". Un incontro di riflessione a Viterbo; 18. Un incontro di studio a Viterbo in memoria di Nelson Mandela; 19. Continua la strage nel Mediterraneo, continua la violenza razzista in Italia; 20. "Una persona, un voto". Subito una legge per il diritto di voto nelle elezioni amministrative a tutte le persone residenti in Italia; 21. Nella Giornata dei diritti umani un appello al Parlamento per il riconoscimento del diritto di voto a milioni di persone oggi vittime di razzismo; 22. Senza diritto di voto non c'e' democrazia; 23. Alla societa' civile un appello: "Una persona, un voto"; 24. L'associazione "Respirare" per il riconoscimento del diritto di voto a tutte le persone residenti in Italia.

* "Telegrammi", numero 2649 del 16 marzo 2017: 1. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 2. "Il lascito teorico di Henri Lefebvre". Un incontro di studio a Viterbo; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. Viterbo ricorda Berta Caceres; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Il 28 maggio votiamo si' ai referendum promossi dalla Cgil; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 51 del 16 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. Viterbo ricorda Berta Caceres; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Il 28 maggio votiamo si' ai referendum promossi dalla Cgil; 8. Omero Dellistorti: Contro tutte le violenze; 9. Segnalazioni librarie.

* "Archivi", numero 240 del 16 marzo 2017: 1. Alcuni testi del mese di dicembre 2016 (parte seconda e conclusiva); 2. "Con gli occhi aperti, con vigile cuore". Una lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri; 3. Paolo De Benedetti; 4. Esma Redzepova; 5. Tullio Savi; 6. "Una persona, un voto". Il momento e' ora; 7. Il fondamento di un ordinamento giuridico democratico; 8. La Presidente della Camera on. Boldrini ha trasmesso alla Commissione parlamentare competente la proposta "Una persona, un voto"; 9. Il gruppo di lavoro su "La nonviolenza in Italia oggi" aderisce all'appello "Una persona, un voto"; 10. Per la Giornata internazionale dei migranti. Due proposte; 11. "Viterbo oltre il muro": Diritto di voto per tutte le persone che vivono in Italia; 12. "Fino a quando". Una lettera al Presidente della Repubblica; 13. Un appello a chi legge; 14. Il terrorismo si contrasta con la democrazia; 15. "Con la forza della verita', con la forza della democrazia". Al Presidente del Senato della Repubblica un appello; 16. Spezzare la catena delle uccisioni; 17. Ancora un ringraziamento alla Presidente della Camera dei Deputati e ancora un invito a tutte e tutti i parlamentari; 18. Se un ragazzo tunisino che giunge in Italia; 19. Con i diritti, con l'umanita'; 20. "Facciamo del bene a questo paese: una persona, un voto". Una richiesta di aiuto a tutte le persone di volonta' buona; 21. Se alla fine della guerra; 22. Una persona, un voto; 23. Ai capigruppo parlamentari di Sinistra Italiana - Sel; 24. Contrastare razzismo e schiavismo, contrastare tutte le uccisioni e tutte le persecuzioni; 25. Una proposta ai capigruppo parlamentari del Partito Democratico.

* "Telegrammi", numero 2650 del 17 marzo 2017: 1. Andre' Tosel; 2. "Genealogia del libro elettronico". Un incontro di studio a Viterbo; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. Oggi Viterbo ricorda Berta Caceres; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Il 28 maggio votiamo si' ai referendum promossi dalla Cgil; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 52 del 17 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. Oggi Viterbo ricorda Berta Caceres; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. James Cotton; 8. Arsenio Marcolfi: In quel paese, quasi una filastrocca.

* "Archivi", numero 241 del 17 marzo 2017: 1. Alcuni testi del mese di gennaio 2017 (parte prima); 2. Al Presidente della Commissione Affari Costituzionali della Camera dei Deputati; 3. Attivare la legge Bacchelli per Riccardo Orioles; 4. Istanbul; 5. Il ministro dell'Interno, il ministro dell'inferno; 6. Bozza di lettera alle ed ai parlamentari per il diritto di voto a milioni di persone fin qui escluse; 7. La spirale; 8. Il modo migliore e l'unico efficace per opporsi a tutte le uccisioni; 9. Padre Zanotelli a sostegno dell'appello "Una persona, un voto" per il riconoscimento del diritto di voto a tutti i residenti in Italia; 10. Se le agenzie di stampa riferiscono correttamente i fatti; 11. Leggo che in un centro di prima accoglienza; 12. L'illustre storica Anna Bravo a sostegno dell'appello "Una persona, un voto"; 13. I campi di concentramento, le deportazioni; 14. Il grande filosofo della nonviolenza Giuliano Pontara a sostegno dell'appello "Una persona, un voto"; 15. Tullio De Mauro; 16. Leggendo il messaggio del papa su "La nonviolenza: stile di una politica per la pace"; 17. No ai campi di concentramento, no alle deportazioni, no alla banalita' del male; 18. Il presidente onorario del Movimento Nonviolento Daniele Lugli esprime sostegno all'appello "Una persona, un voto"; 19. Olivier Turquet a sostegno dell'appello "Una persona, un voto"; 20. Al freddo e al gelo; 21. L'associazione "Respirare" per l'attivazione della legge Bacchelli per l'illustre giornalista antimafia Riccardo Orioles; 22. Il presidente onorario dell'Ipri Alberto L'Abate a sostegno dell'appello "Una persona, un voto"; 23. Mario Soares; 24. Questi fantasmi; 25. Anche Francuccio Gesualdi a sostegno dell'appello "Una persona, un voto"; 26. Zygmunt Bauman; 27. Uomini che bruciano le donne.

* "Telegrammi", numero 2651 del 18 marzo 2017: 1. Piero Calamandrei: Epigrafi per donne, uomini e citta' della Resistenza; 2. Derek Walcott; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 53 del 18 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 6. Omero Dellistorti: Senza il diritto di voto.

* "Archivi, numero 242 del 18 marzo 2017: 1. Alcuni testi del mese di gennaio 2017 (parte seconda); 2. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 3. Guerra e campi di concentramento; 4. Una sola politica lecita; 5. Ai Presidenti del Comitato e della Commissione per i diritti umani della Camera e del Senato, approssimandosi la Giornata mondiale dei migranti; 6. Lidia Menapace a sostegno dell'iniziativa "Una persona, un voto"; 7. Nel capannone; 8. Per la Giornata mondiale dei migranti e dei rifugiati; 9. C'era una volta la Libia; 10. Basterebbe questo; 11. Chi ponesse mente; 12. "Viterbo oltre il muro": la nostra gratitudine per Riccardo Orioles; 13. In questa giornata un appello all'Italia civile; 14. Signorno', signor ministro; 15. Una lettera alle ed ai componenti della Commissione Affari Costituzionali del Senato della Repubblica; 16. Ancora della memoria; 17. La terra trema; 18. La terra, che nulla sa; 19. In preparazione del Giorno della memoria un incontro a Viterbo; 20. La neve e il terremoto. E della solidarieta'; 21. No.

* "Telegrammi", numero 2652 del 19 marzo 2017: 1. Fermare il femminicidio, sostenere i centri antiviolenza dei movimenti delle donne; 2. "Accostamento alla nonviolenza e scelta vegetariana". Un incontro di riflessione a Terni; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "La domenica della nonviolenza", numero 414 del 19 marzo 2017: 1. Poiche'; 2. Undici proposizioni; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile.

* "Archivi", numero 243 del 19 marzo 2017: 1. Alcuni testi del mese di gennaio 2017 (parte terza e conclusiva); 2. L'opera in versi di Franco Fortini. Un incontro di studio a Viterbo; 3. Ancora per la critica della societa' dello spettacolo; 4. Le ultime ultimora; 5. Legge elettorale. Presentato l'"Appello all'Italia civile"; 6. La marcia delle donne; 7. Clara Gallini; 8. Il gruppo di lavoro su "La nonviolenza in Italia oggi" aderisce alla proposta dell'attivazione della legge Bacchelli per Riccardo Orioles; 9. L'adesione di Raniero La Valle all'appello "Una persona, un voto"; 10. Lunedi' a Roma una delegazione della campagna "Una persona, un voto" incontra il capogruppo parlamentare di Sinistra Italiana on. Arturo Scotto; 11. Lunedi' mattina a Roma una delegazione della campagna "Una persona, un voto" ha incontrato il capogruppo parlamentare di Sinistra Italiana on. Arturo Scotto, che ha espresso apprezzamento e sostegno all'iniziativa; 12. Il momento e' ora; 13. "L'Italia e' una democrazia: una persona, un voto". Un incontro di studio a Viterbo; 14. Bruno Amoroso; 15. "All'ascolto di Primo Levi". Un incontro a Viterbo; 16. Nella Giornata della memoria un incontro con il professor Osvaldo Ercoli a Viterbo; 17. Il momento e' ora. Una lettera aperta e tutte e tutti i parlamentari impegnati per i diritti umani; 18. Il mondo di Trump; 19. I nostri auguri di buon compleanno al professor Osvaldo Ercoli; 20. Nel giorno del suo compleanno l'associazione "Respirare" ringrazia il professor Osvaldo Ercoli per il suo magistero morale e civile; 21. Commemorato Gandhi a Viterbo nell'anniversario della scomparsa; 22. Qui ed ora; 23. Gerardo Marotta; 24. Pasquale Picone; 25. Simonetta Salacone; 26. Un anno senza Nanni.

* "Telegrammi", numero 2653 del 20 marzo 2017: 1. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 2. "Acqua bene comune e diritto alla salute". Un incontro di riflessione con la dottoressa Antonella Litta a Viterbo; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 54 del 20 marzo 2017: 1. La domanda; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 5. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Ricciardo Aloisi: Deserta la stazione ed e' gia' notte; 8. Luciano Bonfrate: Per le rime all'amico suo Ricciardo.

* "Archivi", numero 244 del 20 marzo 2017: 1. Alcuni testi del mese di febbraio 2017 (parte prima); 2. Una lettera aperta al segretario del Pd; 3. In ricordo di Gianni Fiorentini; 4. In ricordo di Nanni Salio; 5. La gatta presciolosa; 6. Alle ed ai parlamentari che a suo tempo hanno espresso sostegno alla campagna "L'Italia sono anch'io"; 7. Gianni; 8. Cecita'; 9. Proclami; 10. L'accordo; 11. Per Nanni Salio; 12. In vista del 9 febbraio una lettera alle ed ai componenti della I Commissione della Camera dei Deputati; 13. Predrag Matvejevic; 14. Il piano; 15. Catastematica; 16. L'uomo del muro; 17. Il giovane Adolfo; 18. Le due Europe; 19. Due antiche citta'; 20. Il seme e la pianta; 21. L'orizzonte; 22. Se non tu, se non adesso; 23. Ci cucimmo le palpebre col fil di ferro; 24. Cosa mancava? 25. Sic et simpliciter; 26. Solo; 27. Che sia democratica; 28 Il peggio; 29. Tzvetan Todorov; 30. L'unico modo; 31. L'alternativa necessaria e urgente; 32. Storia di Gelsomina; 33. Cosa e' diventato questo paese; 34. Diritto di voto per fermare la deriva fascista; 35. Chi si abitua; 36. Un ringraziamento ad "Erinna"; 37. Al Jarreau; 38. Giusto Pio; 39. One Billion Rising; 40. Il giro di vite; 41. Ieri; 42. Alle persone promotrici del convegno in ricordo di Fulvio Cesare Manara; 43. Un crimine; 44. Come sia possibile; 45. "Zygmunt Bauman e Tzvetan Todorov". Un incontro di riflessione a Viterbo; 46. Una proposta alle ed ai partecipanti al congresso di Sinistra Italiana: sostenere l'appello "Una persona, un voto"; 47 Ciechi dinanzi alla guerra e alla fame; 48. Le recenti decisioni del governo.

* "Telegrammi", numero 2654 del 21 marzo 2017: 1. Il mondo alla rovescia; 2. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 55 del 21 marzo 2017: 1. L'emergenza; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 5. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento.

* "Archivi", numero 245 del 21 marzo 2017: 1. Alcuni testi del mese di febbraio 2017 (parte seconda e conclusiva); 2. "Contrastare la barbarie nazista con la forza della democrazia. Una persona, un voto". Un incontro di riflessione a Viterbo; 3. Provo a dir chiaro cio' che vedo chiaro; 4. Del lado de alla', del lado de aca', de otros lados; 5. Un invito alle forze politiche antifasciste. Riconoscere subito il diritto di voto a cinque milioni di nostri conterranei cui oggi e' assurdamente negato; 6. Aprire gli occhi; 7. In memoria di Predrag Matvejevic. Un incontro di studio a Viterbo; 8. C'era una volta la democrazia; 9. "Nel ricordo della Rosa Bianca: opporsi al razzismo, opporsi al fascismo". Un incontro di riflessione a Viterbo; 10. Nell'indifferenza generale; 11. "Il primo diritto democratico, il diritto di voto". Un incontro di riflessione e di testimonianza; 12. Guerra, razzismo, maschilismo, schiavitu', ecocidio; 13. Ivan Cicconi; 14. Gigi Ontanetti; 15. Luigi Pestalozza; 16. Di nuovo verso Auschwitz, di nuovo verso Hiroshima; 17. La nuova legge elettorale; 18. Nella sala d'attesa; 19. La guerra, il razzismo, la schiavitu'; 20. "La fenomenologia del potere in Tacito e Hannah Arendt". Un incontro di studio a Viterbo; 21. Sinistra.

* "Telegrammi", numero 2655 del 22 marzo 2017: 1. "Una persona, un voto. S'inveri il primo principio della democrazia". Una lettera ai Presidenti della Camera e del Senato nella Giornata internazionale contro il razzismo; 2. "Il foglio e lo schermo". Un incontro di studio a Viterbo; 3. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 4. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 5. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 56 del 22 marzo 2017: 1. Omero Dellistorti: Cosi' accecato allora era il governo; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 5. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Chuck Berry; 8. Alfredo Reichlin.

* "Archivi", numero 246 del 22 marzo 2017: XXXV tammuriate e VI sonetti di Omero Dellistorti.

* "Telegrammi", numero 2656 del 23 marzo 2017: 1. Stragi; 2. Verso il congresso del Movimento Nonviolento. Un incontro di riflessione a Viterbo; 3. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 4. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 5. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 57 del 23 marzo 2017: 1. Chi lotta per la liberazione dell'umanita'; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 5. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Il 24, 26 e 26 marzo le donne per la pace si incontrano a Roma per cambiare rotta all'Europa; 8. Fidelio Calcaterra: Sono armi gli aerei e le automobili.

* "Telegrammi", numero 2657 del 24 marzo 2017: 1. Sconfiggere la barbarie razzista inverando la democrazia; 2. "Letteratura e cinema". Un incontro di studio a Viterbo; 3. Il 24, 26 e 26 marzo le donne per la pace si incontrano a Roma per cambiare rotta all'Europa; 4. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 5. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 6. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 7. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 58 del 24 marzo 2017: 1. Mino Straccali: Strage dopo strage; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 5. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 6. Il XXV congresso del Movimento Nonviolento il primo e il 2 aprile 2017 a Roma; 7. Il 24, 26 e 26 marzo le donne per la pace si incontrano a Roma per cambiare rotta all'Europa.

* "Telegrammi", numero 2658 del 25 marzo 2017: 1. Nell'anniversario della strage delle Fosse Ardeatine un incontro a Viterbo; 2. A Viterbo un incontro in memoria di monsignor Romero; 3. Il 24, 25 e 26 marzo le donne per la pace si incontrano a Roma per cambiare rotta all'Europa; 4. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 5. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 6. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 7. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 8. Segnalazioni librarie; 9. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 10. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 59 del 25 marzo 2017: 1. Un passo avanti nel lungo cammino verso la democrazia . Grazie alla Presidente della Camera dei Deputati, on. Laura Boldrini; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 5. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 6. Il XXV congresso del Movimento Nonviolento il primo e il 2 aprile 2017 a Roma; 7. Il 24, 25 e 26 marzo le donne per la pace si incontrano a Roma per cambiare rotta all'Europa.

* "Telegrammi", numero 2659 del 26 marzo 2017: 1. Ruggero Micragni: Noi classi pericolose; 2. Anche il 26 marzo le donne per la pace si incontrano a Roma per cambiare rotta all'Europa; 3. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 4. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 5. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 6. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "La domenica della nonviolenza", numero 415 del 26 marzo 2017: 1. Il XXV congresso del Movimento Nonviolento il primo e il 2 aprile 2017 a Roma; 2. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 3. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 4. Luciano Bonfrate: Dieci parole da Assisi a Gubbio; 5. Osvaldo Caffianchi: Ancora sulle dieci parole della nonviolenza in cammino da Assisi a Gubbio; 6. Benito D'Ippolito: Dieci parole della nonviolenza in dieci profili di costruttrici di pace; 7. Crispino Scotolatori: Ancora dieci parole sul sentiero da Assisi a Gubbio; 8. Nello Scardani: Ancora dieci parole della nonviolenza riflesse in dieci volti di donne; 9. Ricciardo Aloisi: Ancora dieci parole sul sentiero da Assisi a Gubbio; 10. Omero Caiami Persichi: Dieci quartine tra Assisi e Gubbio; 11. Giobatta Corinzi: Ancora dieci parole riflesse in dieci volti sul sentiero da Assisi a Gubbio; 12. Geremia Cattristi: Dieci parole e dieci volti da Assisi a Gubbio.

* "Telegrammi", numero 2660 del 27 marzo 2017: 1. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 2. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. Aldo Capitini: La mia opposizione al fascismo; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 60 del 27 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. Il XXV congresso del Movimento Nonviolento il primo e il 2 aprile 2017 a Roma; 6. Vittorino Roscellini: Tutte le armi.

* "Telegrammi", numero 2661 del 28 marzo 2017: 1. Annibale Barcaccia: Chi abbraccia la nonviolenza; 2. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 3. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 4. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 5. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 61 del 28 marzo 2017: 1. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 2. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 3. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 4. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 5. Il XXV congresso del Movimento Nonviolento il primo e il 2 aprile 2017 a Roma; 6. Ancora una volta cinque testimonianze sulla marcia Perugia-Assisi (e un'appendice); 7. Benito D'Ippolito: Il lamento del vecchio; 8. Corinzio Piegapini: La marcia pure 'st'anno e' 'nnata bbene; 9. Giacomo Dervicanto: Me piace fa' la marcia de la pace; 10. Orangio Macacchi: Deretro a 'sto lenzolo arcobbaleno; 11. Bricchio Birocchi: La marcia da Peruggia fin'a Assisi; 12. Breve litania della nonviolenza (2010).

* "Telegrammi", numero 2662 del 29 marzo 2017: 1. Ahmed Kathrada; 2. XXV congresso del Movimento Nonviolento; 3. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 4. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 5. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 6. "La politica della Russia nello scacchiere internazionale". Un incontro di studio a Viterbo; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 62 del 29 marzo 2017: 1. Un saluto alle ed ai partecipanti al XXV congresso del Movimento Nonviolento; 2. Il XXV congresso del Movimento Nonviolento; 3. Movimento Nonviolento: Invito al XXV congresso; 4. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 5. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 6. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 7. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni.

* "Telegrammi", numero 2663 del 30 marzo 2017: 1. Fermare l'orrenda deriva razzista. Riconoscendo il diritto di voto a tutte le persone che vivono in Italia; 2. Programma del XXV congresso del Movimento Nonviolento; 3. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 4. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 5. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 6. Segnalazioni librarie; 7. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 8. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 63 del 30 marzo 2017: 1. Inizia domani il XXV congresso del Movimento Nonviolento; 2. Mao Valpiana: Coerenza, continuita', convinzione. La nonviolenza oggi; 3. Pasquale Pugliese: 55 anni dopo, c'e' sempre piu' bisogno di nonviolenza; 4. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 5. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 6. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 7. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni; 8. Cino Catapecchi: Il naufragio; 9. Cino Catapecchi: Gli antichi non avrebbero ammesso; 10. Cino Catapecchi: Tutti saremo messi alla prova.

* "Telegrammi", numero 2664 del 31 marzo 2017: 1. Commemorato Renato Solmi a Viterbo, a due anni dalla scomparsa; 2. Inizia oggi il XXV congresso del Movimento Nonviolento; 3. Mao Valpiana: La nonviolenza oggi, tra crisi del pacifismo e legittima difesa; 4. Per sostenere il centro antiviolenza "Erinna"; 5. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 6. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 7. Segnalazioni librarie; 8. La "Carta" del Movimento Nonviolento; 9. Per saperne di piu'.

* "Una persona, un voto", numero 64 del 31 marzo 2017: 1. Annibale Scarpanti: Della nonviolenza dispiegata al sole ad asciugare; 2. Inizia oggi il XXV congresso del Movimento Nonviolento; 3. Due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu' in Italia; 4. "Una persona, un voto". Un appello all'Italia civile; 5. "Il cuore della democrazia". Una richiesta ai gruppi dirigenti dei movimenti politici democratici; 6. Quattro bozze di lettere: ai parlamentari, agli enti locali, ai mass-media, a movimenti e associazioni.

 

7. SEGNALAZIONI LIBRARIE

 

Riletture

- Raymond Carver, Principianti, Einaudi, Torino 2009, 2014, pp. XVIII + 294.

*

Riedizioni

- Jonathan Franzen, Le correzioni, Einaudi, Torino 2002, 2014, Gruppo Editoriale L'Espresso, Roma 2017, pp. 720, euro 9,90 (In supplemento al quotidiano "La Repubblica" ed al settimanale "L'Espresso").

*

Strumenti di lavoro

- Susanna Granello (a cura di), Agenda della scuola. Terzo trimestre a. s. 2016/2017, Tecnodid, Napoli 2017, pp. 142, euro 40.

 

8. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO

 

Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti.

Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono:

1. l'opposizione integrale alla guerra;

2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione;

3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario;

4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo.

Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica.

Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli.

 

9. PER SAPERNE DI PIU'

 

Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta at sis.it

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO

Numero 2665 del primo aprile 2017

Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza (anno XVIII)

Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com , sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Per ricevere questo foglio e' sufficiente cliccare su:

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

 

Per non riceverlo piu':

nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

 

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web

http://web.peacelink.it/mailing_admin.html

quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su "subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

 

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing list che diffonde questo notiziario e' disponibile nella rete telematica alla pagina web:

http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

 

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

 

Gli unici indirizzi di posta elettronica utilizzabili per contattare la redazione sono: nbawac at tin.it , centropacevt at gmail.com